E-R | BUR

n.114 del 17.04.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

Manifestazione di interesse per azioni di diffusione della responsabilità sociale delle imprese in attuazione del Programma regionale Attività produttive 2012-2015 di cui alla delibera dell'assemblea legislativa n. 83/2012

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che:

La Regione Emilia-Romagna ha in questi anni proceduto alla valorizzazione e alla diffusione di buone pratiche di responsabilità sociale d’impresa (di seguito RSI) nei territori regionali, promuovendo, tra le altre leve strategiche per la competizione dell’economia regionale, una pratica determinante per lo sviluppo sostenibile, duraturo e intelligente;

Considerato che: Al fine di sviluppare ulteriori azioni sulla responsabilità sociale d’impresa e agendo in modo integrato con gli Enti Locali, la Regione Emilia-Romagna in questi anni ha intrapreso percorsi di informazione e formazione per la conoscenza e l’incremento delle modalità di confronto sui temi della responsabilità sociale d’impresa, anche a partire dalla conoscenza e diffusione delle Linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali ed elaborate quali insieme organico di raccomandazioni e principi di comportamento responsabile che i Governi di oltre 40 Paesi si sono impegnati a promuovere e a diffondere presso le imprese e ad incoraggiarne la più ampia osservanza;

Tenuto conto della:

- propria Delibera n. 407 del 10/4/2012 con la quale sono stati approvati il Programma Regionale per la Ricerca Industriale, innovazione e trasferimento tecnologico 2012 - 2015, ai sensi del comma 1 dell'art. 3 della l.r. n. 7/2002 e il Programma Regionale Attività Produttive 2012 - 2015 ai sensi del comma 2, dell'art. 54 della l.r. n. 3/99, e con la quale, contestualmente, si è disposto di sottoporre all’approvazione dell’Assemblea legislativa regionale, ai sensi della lett. d), comma 4, art. 28 dello Statuto regionale, i citati Programmi, nei quali viene valorizzata la responsabilità sociale delle imprese, in particolare nell’ambito del Programma Operativo “Innovazione, qualificazione e responsabilità sociale delle imprese” - l’Attività 2.5 - Promozione di azioni a favore della responsabilità sociale d’impresa, della promozione imprenditoriale, della imprenditorialità femminile;

- la Delibera dell’Assemblea Legislativa n. 83 del 25 luglio 2012 con la quale l’Assemblea Legislativa ha approvato il “Programma regionale per la ricerca industriale, innovazione e trasferimento tecnologico 2012 - 2015, ai sensi del comma 1 dell’art. 3 della L.R. n. 7/2002 e del programma regionale attività produttive 2012-2015 ai sensi del comma 2, dell’art. 54 della L.R. n. 3/1999. (Proposta della Giunta regionale in data 10 aprile 2012, n. 407).(Prot. n. 28441 del 25/7/2012) nei quali viene valorizzata la responsabilità sociale delle imprese, in particolare nell’ambito del Programma Operativo “Innovazione, qualificazione e responsabilità sociale delle imprese” - l’Attività 2.5 - Promozione di azioni a favore della responsabilità sociale d’impresa, della promozione imprenditoriale, della imprenditorialità femminile.

Viste:

- la L.R. 1 agosto 2005 n. 17, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del lavoro”, in cui la Regione si impegna a promuovere la RSI come “strumento per l’innalzamento della qualità del lavoro, il consolidamento ed il potenziamento delle competenze professionali, la diffusione delle conoscenze, il miglioramento della competitività del sistema produttivo”;

- la propria Delibera n. 979 del 30/6/2008 (“Approvazione dello schema di Protocollo d’Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ministero dello Sviluppo economico in materia di formazione sulle tematiche delle Linee guida OCSE”) con la quale è stato approvato il Protocollo d’Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ministero dello Sviluppo Economico avente ad oggetto la promozione di un progetto formativo sulle Linee guida OCSE, nell’ambito della tematica della Responsabilità Sociale d’impresa, destinato agli Sportelli Unici per le Attività Produttive e ai funzionari comunali con i quali si relazionano abitualmente le imprese;

- la propria Delibera n. 1487 del 24/10/2011 e 1848 del 12/12/2011 con le quali si è proceduto all’approvazione dello schema di “Protocollo d'Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Ministero dello Sviluppo Economico per promuovere la crescita e la competitività sostenibile delle piccole e medie imprese e dei territori emiliano - romagnoli” avente ad oggetto lo sviluppo di progetti di sensibilizzazione, diffusione, valorizzazione e progetti formativi inerenti la responsabilità sociale delle imprese e l’impegno delle parti a sviluppare sistematicamente il confronto tra le rispettive esperienze;

- la Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle Regioni COM(2011)681 - Strategia rinnovata dell'UE per il periodo 2011-14 in materia di responsabilità sociale delle imprese che invita a sviluppare un business europeo socialmente responsabile e rivede la definizione di RSI in “relazione agli impatti sulla società”;

- il Piano di azione nazionale sulla Responsabilità Sociale d’impresa 2012 - 2014 che definisce le linee prioritarie e i progetti su cui si intende puntare per realizzare la strategia delineata dall’Unione Europea;

- la propria Deliberazione n. 742 del 6 giugno 2012 “Adesione della Regione Emilia-Romagna al progetto interregionale - transnazionale ‘Creazione di una rete per la diffusione della responsabilità sociale d’impresa” e autorizzazione alla sottoscrizione del protocollo di intesa per l’attuazione del progetto;

- la propria Deliberazione n. 482 del 22 aprile 2013 “Approvazione schema di protocollo di collaborazione in materia di cooperazione per lo sviluppo e la promozione della responsabilità sociale delle imprese nella Regione Emilia-Romagna, tra Regione Emilia-Romagna Unioncamere regionale, Amministrazioni Provinciali” con la quale la Regione ha avviato un percorso di diffusione della responsabilità sociale delle imprese in maniera capillare sensibilizzando istituzioni, associazioni ed imprese;

Rilevato, secondo quanto disposto dalla citata propria Deliberazione n. 482 del 22 aprile 2013:

- che si prevede l’impegno delle parti a stimolare e favorire le forme di coinvolgimento di tutti gli attori interessati allo sviluppo di un territorio socialmente responsabile;

- che nel corso dell’anno 2013 si sono svolti diversi incontri con i territori per condividere gli obiettivi del Protocollo e si è lavorato, secondo quanto previsto dall’art.3, alle “Metodologie e agli strumenti della Responsabilità Sociale delle imprese”; in particolare si sono avviati percorsi laboratoriali a geometria variabile finalizzati alla progettazione di attività di responsabilità sociale con il coinvolgimento delle imprese e di stakeholder locali.

- che i progetti possano essere sviluppati in collaborazione con gli attori locali coinvolti nello sviluppo di un territorio socialmente responsabile ed in particolare con gli Enti locali, le Associazioni Imprenditoriali, Sindacali e del Terzo Settore, le Scuole e le Università, anche nel rispetto degli impegni previsti negli artt.4 e 5 del Protocollo di collaborazione sopra citato;

Valutata l’opportunità di continuare il percorso intrapreso, al fine di diffondere e promuovere ulteriormente le tematiche della responsabilità sociale e di aumentarne la crescita e la competitività delle imprese e del territorio;

Ritenuto importante sostenere i territori per realizzare ulteriori azioni di diffusione della Responsabilità sociale delle imprese attraverso una manifestazione di interesse in attuazione dell’Attività 2.5 - Promozione di azioni a favore della responsabilità sociale d’impresa, della promozione imprenditoriale, della imprenditorialità femminile del Programma Operativo “Innovazione, qualificazione e responsabilità sociale delle imprese” del Programma Regionale Attività Produttive 2012 - 2015 sopra citato;

Ritenuto pertanto opportuno stabilire nella misura massima di € 20.000,00, l’agevolazione prevista nella presente manifestazione di interesse finalizzata ad ulteriori azioni di diffusione della responsabilità sociale delle imprese, la cui copertura finanziaria è prevista nell’ambito del cap. 23146 ”Contributi a enti delle amministrazioni locali per la promozione di azioni a favore della responsabilità sociale di impresa, della promozione imprenditoriale e dell'imprenditorialità femminile. (artt.54, comma 4, lett.g) e 55, L.R. 21 aprile 1999, n.3; Programma regionale Attività produttive; D.Lgs. 112/98) - Mezzi statali”, fino ad un importo massimo corrispondente al 100% della spesa ritenuta ammissibile. Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare l’importo delle spese ammesse;

Viste:

- la L.R. 20 dicembre 2013, n.28, “Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell’art.40 della L.R. 15 novembre 2001, n.40, in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014 - 2016”, pubblicata nel B.U.R. Telematico n.383 del 20 dicembre 2013;

- la L.R. 20 dicembre 2013, n.29, “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014 - 2016”, pubblicata nel B.U.R. Telematico nn.384, 384.1 e 384.2, del 20 dicembre 2013

- L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modificazioni ed integrazioni;

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 1621 del 11 novembre 2013 “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”;

Richiamata la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008, esecutiva ai sensi di legge, avente ad oggetto "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera n. 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007" e successive modificazioni;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore Attività Produttive, Piano Energetico e Sviluppo Sostenibile, Economia Verde, Edilizia, Autorizzazione Unica Integrata;

A voti unanimi e palesi

delibera

 1. di approvare, nell’ambito del programma operativo 2 “Innovazione, qualificazione e responsabilità sociale delle imprese” del Programma Regionale Attività Produttive 2012 - 2015, l’invito a presentare manifestazioni di interesse per la realizzazione di progetti volti alla diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese e la promozione di iniziative a livello territoriale, di cui all’ALLEGATO A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

2. di stabilire che le manifestazioni di interesse dovranno pervenire alla Regione Emilia-Romagna secondo lo schema di cui all’APPENDICE 1, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, entro il 30 maggio 2014 all’indirizzo di posta elettronica certificata industriapmi@postacert.regione.
emilia-romagna.it.

3. di dare atto che alla concessione e all’assunzione dei relativi impegni di spesa provvederà, ai sensi della L.R. n.40/2001, della propria Deliberazione n. 2416/2008 e s.m. e della propria deliberazione n.921/2012, il dirigente regionale competente per materia;

4. di approvare la convenzione secondo lo schema contenuto nell’APPENDICE 2, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, di demandare al Direttore Generale Attività, Produttive, Commercio, Turismo la sottoscrizione della stessa per conto della Regione e di subordinare l’assegnazione del contributo regionale alla sottoscrizione di tale convenzione da parte del beneficiario;

5. che alla liquidazione dei finanziamenti e alla richiesta di emissione dei titoli di pagamento provvederà il Dirigente regionale competente per materia, con propri atti formali, ai sensi della L.R. n. 40/2001 e della propria Deliberazione n. 2416/2008 e s.m.;

6. di stabilire nella misura massima di € 20.000,00, l’agevolazione prevista nella presente manifestazione di interesse finalizzata ad ulteriori azioni di diffusione della responsabilità sociale delle imprese, la cui copertura finanziaria è prevista nell’ambito del cap. 23146 ” Contributi a enti delle amministrazioni locali per la promozione di azioni a favore della responsabilità sociale di impresa, della promozione imprenditoriale e dell'imprenditorialità femminile. (artt.54, comma 4, lett.g) e 55, L.R.21 aprile 1999, n.3; programma regionale attivita' produttive; D.Lgs. 112/98) - Mezzi statali”, fino ad un importo massimo corrispondente al 100% della spesa ritenuta ammissibile. Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare l’importo delle spese ammesse;

7. di pubblicare la presente deliberazione e i relativi allegati nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (B.U.R.E.R.T.);

8. di disporre altresì che la stessa deliberazione e i suddetti allegati nonché eventuali comunicazioni di servizio siano diffusi tramite il sito internet regionale “ http://imprese.regione.emilia-romagna.it”;

9. di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella deliberazione di Giunta regionale n. 1621/2013, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

10. di dare atto che il Responsabile del Procedimento è il Responsabile del Servizio Politiche per l’Industria, l’Artigianato, la Cooperazione e i servizi.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it