E-R | BUR

n.205 del 07.07.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decreto di esproprio di bene immobile interessato dalla realizzazione del programma di riqualificazione urbana denominato “PRU _IP-9a – Ambito Zona Stazione – Comparto ex Enocianina“, ai sensi degli artt. 20 comma 14, 26 comma 11 e 23 del D.P.R. 8/6/2001, n. 327 - Ditta n. 2 di Piano Particellare

Con determinazione dirigenziale n. 990 di R.U.A.D. del 17/6/2021, n. 56005 di Rep., è stato pronunciato l’esproprio a favore del Comune di Reggio Emilia dell’immobile di seguito identificato interessato dai lavori di realizzazione del PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DENOMINATO “PRU _IP-9a – AMBITO ZONA STAZIONE – COMPARTO EX ENOCIANINA“  ai sensi e per gli effetti dell’art. 20 comma 14 – art. 26 comma 11 e 23 del D.P.R. n. 327/2001 e successive modificazioni ed integrazioni.

Ditta n. 2 di Piano Particellare – proprietario catastale: Fornaciari Aldino Antonio

Catasto Fabbricati del Comune di Reggio Emilia Foglio 137 mappale 56 - sub. 4 – Cat. A/2 - cl. 3 – consistenza 6,5 vani - ubicato in Reggio Emilia - Viale IV Novembre n. 15 - piano: 1

La pubblica utilità è stata dichiarata con deliberazione di Consiglio Comunale n. 46 del 08/04/2019 con la quale si è provveduto ad approvare, ai sensi del combinato disposto degli articoli 22 comma 1 lett. b), 31 comma 4 e 35 comma 1 della l.r. 20/2000 e s.m.i., il programma di riqualificazione urbana denominato “PRU_IP-9a - ambito zona stazione - comparto area ex Enocianina”.

Con la medesima deliberazione consigliare si è dato altresì atto che l’entrata in vigore del PUA avrebbe comportato l’apposizione dei vincoli espropriativi necessari alla realizzazione delle opere pubbliche o di pubblica utilità ivi previste ai sensi dell’art. 8 e 13 della L.R. 37/2002 e la dichiarazione di pubblica utilità delle medesime opere, ai sensi dell’art. 31 comma 2 bis della L.R. 20/2000 e dell’art. 15 della L.R. 37/2002, relativamente agli immobili interessati di cui all’elaborato denominato PO.5.1, “Schede di ricognizione delle opere pubbliche da assoggettare a vincolo espropriativo”, contenuto a sua volta nell’elaborato 13 del PRU denominato: “Elaborati di inserimento nella programmazione del POC”.

In data 15/5/2019, è stato pubblicato nel BURERT (Bollettino Ufficiale Regione Emilia-Romagna) n. 150 l’avviso di avvenuta approvazione del Piano e pertanto da tale data il PUA è entrato in vigore, con conseguente apposizione del vincolo espropriativo necessario alla realizzazione delle opere di pubblica utilità ivi previste, ai sensi degli artt. 8 -9 -10 e 13 della L.R. 37/2002 e dichiarazione di pubblica utilità delle medesime opere, ai sensi dell’art. 31 comma 2 bis della L.R. 20/2000 e dell’art. 15 ed art.17 della L.R. 37/2002.

Il decreto di esproprio comporta il passaggio del diritto di proprietà sotto la condizione sospensiva della sua successiva notifica ed esecuzione da effettuarsi ai sensi dell’art. 23 ed art. 24 del D.P.R. 327/2001.

La indennità provvisoria di espropriazione è stata determinata ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 20 e 38 del D.P.R. 327/2001 in complessivi € 90.000,00 ed è stata depositata a norma dell’art. 20 comma 14 del DPR 327/2001 presso la Cassa Depositi e Prestiti (MEF – Ragioneria Territoriale dello Stato di Bologna).

Ai sensi dell’art. 23 comma 5 D.P.R. 327/2001 la opposizione del terzo (da indirizzare alla seguente PEC: serviziopatrimonio@pec.municipio.re.it ) è proponibile entro i trenta giorni successivi alla pubblicazione del presente estratto. Decorso tale termine in assenza di impugnazioni anche per il terzo la indennità resta fissata nella somma depositata.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it