E-R | BUR

n.123 del 03.05.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Provvedimento di verifica (screening) relativo al progetto di aumento di capi autorizzati (tacchini da carne oppure polli da carne) presso l'allevamento denominato "Mezzano" sito in Longastrino, Strada Albertini, comune di Argenta (FE), presentato dalla Società Agricola Vicentina Srl

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) di escludere, sulla base della Relazione istruttoria, che costituisce l’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente delibera, ai sensi dell’art. 10, comma 1 della Legge Regionale 18 maggio 1999, n. 9 e s.m.i., il progetto relativo all'incremento di capi allevabili (tacchini da carne oppure polli da carne) presso l’allevamento denominato Mezzano sito in Longastrino Strada Albertini Argenta (FE) presentato dalla Soc. Agricola Vicentina srl, dall’ulteriore procedura di V.I.A., a condizione che vengano rispettate le seguenti prescrizioni:

  1. dovrà essere valutata, preliminarmente alla presentazione della modifica di AIA, la conformità dell’intervento proposto a quanto disposto dai vigenti strumenti urbanistici RUE (art. III.34) e POC (art.16.4). A tal fine la ditta dovrà confrontarsi con l'Unione Valli e Delizie competente;
  2. dovrà inoltre essere valutata la necessità di acquisire, in relazione alla natura dell'intervento proposto, l'autorizzazione paesaggistica;
  3. in sede di modifica di AIA, ai fini dell'espressione della valutazione di incidenza, dovranno essere approfonditi gli aspetti connessi all'aumento di carico azotato correlato all'aumento dei capi allevati, anche in relazione a possibili habitat e specie presenti nella ZPS Valli del Mezzano, come riportato nel contributo dell'Ente di Gestione Parco Delta Po, di cui all'Allegato 3, parte integrante e sostanziale della presente delibera;
  4. nell'ambito della documentazione da presentare ai fini della modifica di AIA, dovranno essere illustrati gli interventi che la ditta riterrà più idonei per l'abbattimento delle emissioni pulverulente;
  5. in sede di modifica di AIA la Ditta dovrà aggiornare la comunicazione di spandimento reflui zootecnici sul portale della Regione Emilia-Romagna ed inviarlo ad ARPAE ai sensi del Regolamento n.1/2016;
  6. la Ditta dovrà dimostrare di possedere regolare e valida concessione di derivazione ed essere in regola con i relativi pagamenti delle somme dovute e che sia coerente sotto il profilo tecnico con quanto fissato nel provvedimento finale della presente procedura;
  7. in sede di modifica di AIA la Ditta dovrà presentare la tavola della rete idrica aggiornata, in conformità a quanto precedentemente autorizzato ed in cui venga interamente definito il tracciato delle acque meteoriche fino al punto di ingresso nella rete idraulica consorziale;
  8. broilers: la densità di allevamento non dovrà superare, in nessun momento del ciclo, i 33 kg/m2, come previsto dal D.Lgs. 181/2010. La deroga per portare tale densità a 39 kg/m2 potrà eventualmente essere richiesta dalla Ditta con le modalità previste dalla normativa vigente;
  9. acque di abbeveraggio: si prescrive di eseguire analisi dell'acqua dopo la potabilizzazione almeno una volta l'anno, con la verifica dei parametri indicati in Allegato 2, parte integrante e sostanziale della delibera. La periodicità potrà essere variata in futuro, a seguito di valutazione da parte dell'UO Attività Veterinarie;
  10. sistema di allarme: Dovranno essere eseguite prove di funzionalità del sistema di allarme almeno settimanali con individuazione del responsabile e registrazione dell'esito dei controlli, da tenere a disposizione delle autorità competenti al controllo;

b) che l'elenco dei parametri definiti dalla AUSL Veterinaria per allevamenti avicoli che dovranno essere ricercati nelle acque potabilizzate e destinate all'abbeveraggio, riportati nel Doc. Nr.4493 Versione 1 del 4.02.2014 “Procedura rilascio parere congiunto UO.IAN U.O.A.V. su approvvigionamento idrico da acque sotterranee in attività di allevamento e/o impianti di produzione alimenti” del Dipartimento di Sanità pubblica di Ferrara, costituisce l’Allegato 2, parte integrante e sostanziale della presente delibera;

c) che la raccolta dei pareri costituisce l’Allegato 3, parte integrante e sostanziale della presente delibera, come di seguito riportato:

- Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po con nota prot. 5061/2016, assunta agli atti di ARPAE al prot. n. PGFE/2016/8191 del 3/8/2016,

- Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara con nota Prot. 15283 del 6/10/2016, assunta agli atti di ARPAE al prot n. PGFE/2016/10624 del 7/10/2016,

d) di trasmettere la presente delibera alla Soc. Agricola Vicentina srl, alla ARPAE SAC di Ferrara, al Comune di Portomaggiore, al SUAP dell'Unione Valli e Delizie, al Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, all'Ente di Gestione Parco Delta Po, alla AUSL Veterinaria di Ferrara;

e) di pubblicare per estratto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell’art. 16, comma 3, della LR 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, il presente partito di deliberazione;

f) di pubblicare il presente atto sul sito WEB della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it