E-R | BUR

n.123 del 28.04.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. n. 24/1991 - art. 13, comma 3 - Variazione al calendario di ricerca e raccolta del Tuber aestivum e del Tuber mesentericum

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

- la Legge 16 dicembre 1985, n. 752 “Normativa quadro in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo”;

- la Legge Regionale 2 settembre 1991, n. 24 “Disciplina della raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi nel territorio regionale e della valorizzazione del patrimonio tartufigeno regionale”;

Richiamato in particolare l’art. 13, della citata L.R. 24/1991 che:

- al comma 1, fissa i periodi nei quali è consentita, sul territorio regionale, in relazione alle diverse specie, la ricerca e la raccolta dei tartufi;

- al comma 3, prevede che la Regione, su conforme parere di uno dei centri od istituti di ricerca specializzati, di cui all'art. 2 della Legge n. 752/1985, e sentita la Consulta di cui all'art. 30 della L.R. n. 24/1991, possa variare il calendario di raccolta, così come fissato al comma 1, in relazione alle peculiarità di presenza e di periodo di maturazione dei tartufi;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

- n. 118 del 31 gennaio 2018 con la quale sono state individuate le organizzazioni e le associazioni aventi titolo alla designazione di propri rappresentanti in seno alla Consulta per la tutela e la valorizzazione del tartufo;

- n. 445 del 26 marzo 2018 con cui sono stati nominati i componenti della predetta Consulta, designati dalle associazioni e dalle organizzazioni individuate nella citata deliberazione n. 118/2018;

- n. 1057 del 3 luglio 2018 con la quale si è provveduto ad individuare ulteriori associazioni aventi titolo a partecipare alla Consulta e, contestualmente, a nominare i rispettivi rappresentanti, già designati;

Atteso che nella seduta della Consulta del 21 gennaio 2021, a seguito della richiesta dell’Associazione dei tartufai reggiani, è stato all’unanimità deciso di posticipare l’apertura della ricerca e raccolta del Tuber aestivum nelle zone di collina della regione dal 1° maggio al 1 giugno;

Preso atto che, come previsto all’art. 13, comma 3, della L.R. n. 24/1991, con nota protocollo n. 11/03/2021.0210888 successivamente rettificata con protocollo n. 12/03/2021.0217976, il Servizio Attività faunistico-venatorie e pesca, in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, ha dato avvio ad una consultazione scritta allo scopo di permettere ai componenti della Consulta per la tutela e la valorizzazione del tartufo di esprimere il proprio parere sulla proposta di riconfermare per l’anno in corso, le stesse variazioni approvate al calendario per l’anno 2020;

Atteso che i partecipanti alla Consulta hanno espresso opinioni discordanti in merito alla riapertura della ricerca e raccolta del Tuber aestivum dal 15 al 20 settembre 2021 nel territorio collinare diverso da Piacenza, come risulta dalle comunicazioni agli atti del Servizio Attività faunistico-venatorie e pesca, per cui il Servizio medesimo ha formulato, in merito alla riapertura a settembre, una proposta legata esclusivamente al territorio di Piacenza;

Atteso altresì che il mondo scientifico del settore è unanimemente concorde nel ritenere che la previsione di un fermo biologico estivo per tutte le specie di tartufo risulta utile per preservare nel terreno i fioroni del tartufo bianco;

Valutato che la tutela della biodiversità, riferita, in particolare, a specie non coltivabili ma soggette a una forte pressione antropica quali il tartufo bianco, rientra tra gli elementi relativi alla salvaguardia dell’ambiente;

Considerato che per il territorio collinare di Piacenza l’apertura della raccolta di Tuber aestivum avverrebbe comunque dopo un periodo di fermo biologico;

Atteso che, tenuto conto delle peculiarità territoriali e delle tradizioni legate a questa specie di tartufo, si è proceduto a formulare richiesta al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell’Università di Bologna per ottenere parere di conformità su quanto unanimemente concordato con le consultazioni sopra riportate;

Vista la nota acquisita agli atti del Servizio Attività faunistico-venatorie e pesca con Protocollo 06/04/2021.0320925, con la quale il Dipartimento sopracitato ha espresso parere favorevole alle variazioni del calendario di ricerca e raccolta proposte;

Ritenuto, pertanto, di provvedere con il presente atto alla variazione del calendario di ricerca e raccolta di cui all’art. 13, della L.R. n. 24/1991, per il corrente anno, come di seguito specificato:

- per la specie Tuber mesentericum, si dispone di posticipare l’apertura della ricerca e raccolta, per tutto il territorio regionale, dal 1° settembre al 20 settembre 2020;

- per la specie Tuber aestivum si dispone relativamente al territorio collinare della Regione, quanto segue:

- di posticipare l’apertura della raccolta dal 1 maggio al 1 giugno 2021;

- di posticipare la chiusura della ricerca e raccolta dal 31 luglio al 15 agosto 2021;

- di prevedere la riapertura della ricerca e raccolta, dopo un periodo di fermo biologico, dal 10 al 20 settembre 2021 per il solo territorio collinare di Piacenza;

Richiamati in ordine agli obblighi di trasparenza:

- il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 111 del 28 gennaio 2021, recante “Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza. Anni 2021-2023” e in particolare l'allegato D), recante “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2021-2023”;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.ii., ed in particolare l’art. 37 comma 4;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 2013 del 28 dicembre 2020 “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell’ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’IBACN”;

- n. 2018 del 28 dicembre 2020 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 43/2001 e ss.mm.ii.”;

- n. 415/2021 “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell'ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027: Proroga degli incarichi”

Viste altresì le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il Responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore all’Agricoltura ed Agroalimentare, Caccia e Pesca, Alessio Mammi;

A voti unanimi e palesi

delibera

1) di richiamare le considerazioni esposte in premessa, che costituiscono parte integrante del presente provvedimento;

2) di variare il calendario di ricerca e raccolta di cui all’art. 13, della L.R. n. 24/1991, per il corrente anno, relativamente alla specie Tuber mesentericum, posticipando l’apertura della ricerca e raccolta, per tutto il territorio regionale, dal 1 settembre al 20 settembre 2021;

3) di variare, altresì, il calendario di ricerca e raccolta di cui all’art. 13, della L.R. n. 24/1991, per il corrente anno, relativamente alla specie Tuber aestivum, con riferimento al territorio collinare, come di seguito riportato:

- di posticipare l’apertura della ricerca e raccolta dal 1 maggio al 1 giugno 2021;

- di posticipare la chiusura della ricerca e raccolta dal 31 luglio al 15 agosto 2021;

- di prevedere la riapertura della ricerca e raccolta, dopo un periodo di fermo biologico, dal 10 al 20 settembre 2021 per il solo territorio collinare di Piacenza;

4) di dare atto inoltre che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte in narrativa;

5) di trasmettere la presente deliberazione agli organi di vigilanza, di cui all’art. 16, della L.R. n. 24/1991;

6) di disporre, infine, la pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico, dando atto che il Servizio Attività faunistico-venatorie e pesca provvederà a darne la più ampia diffusione anche attraverso il portale ER Agricoltura, caccia e pesca.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it