E-R | BUR

n.104 del 06.05.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione schema di convenzione quadro quinquennale tra l'Agenzia Regionale di Protezione Civile e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia per il supporto in attività di protezione civile connesse al rischio sismico

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) di richiamare le premesse del presente atto come sua parte integrante e sostanziale;

b) di approvare lo schema di convenzione-quadro e il prospetto a valenza quinquennale degli ambiti di attività per la definizione dei POA annuali con l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per le attività di Protezione Civile finalizzate ad assicurare il più efficace ed efficiente concorso alla gestione delle situazioni d’emergenza relativamente al rischio sismico, di cui agli Allegati “A”, e “B” che sono parti integranti e sostanziali del presente atto;

c) di dare atto che la convenzione-quadro di cui all’Allegato “A” ha durata quinquennale, decorrente dalla data di sottoscrizione;

d) di dare atto che, ogni anno l'Agenzia provvederà, previa verifica dell'attività prevista ed effettivamente svolta nell'annualità precedente e nei limiti delle risorse finanziarie disponibili sul bilancio, all'approvazione del POA nel quale saranno indicate le attività da svolgere;

e) di autorizzare l’istituzione di un Comitato Tecnico a carattere temporaneo, per la cui attività non sono riconosciuti compensi, composto da due rappresentanti indicati dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, un rappresentante indicato dal Responsabile del Servizio Geologico, Sismico, e dei Suoli e due rappresentanti indicati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), quale soggetto incaricato di curare il coordinamento delle attività previste nei POA annuali e la verifica dei risultati conseguiti, e alla cui costituzione provvederà il Direttore dell’Agenzia con propria determinazione;

f) di dare atto che alla sottoscrizione della convenzione-quadro di cui all’Allegato “A” provvederà, in forma digitale, il Direttore dell’Agenzia regionale di Protezione Civile;

g) di dare atto che ai sensi del DLgs n. 33 del 14/03/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” a seguito dell’approvazione del presente atto si provvederà alla sua pubblicazione sul portale istituzionale;

h) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Allegato “A”

Schema di convenzione-quadro quinquennale tra l'Agenzia regionale di Protezione Civile e l'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per il supporto alle attività di protezione civile connesse con il rischio sismico

L'anno 2015, il giorno ___ del mese di ____________ presso la sede dell’Agenzia di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna, Viale Silvani n.6 - Bologna,

Vista la legge 24 febbraio 1992, n.225, recante "Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile", e successive modifiche e integrazioni;

Vista il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, recante "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni e agli enti locali, in attuazione del capo I della L.15 marzo 1997, n.59";

Visto il decreto legislativo 29 settembre 1999, n. 381, concernente la costituzione dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia;

Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante "Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di Protezione Civile e per migliorare le strutture logistiche del settore della difesa civile", convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n.401;

Vista la legge regionale 7 febbraio 2005, n.1, recante "Norme in materia di Protezione Civile e volontariato. Istituzione dell’Agenzia regionale di Protezione Civile";

Visto l’Accordo Quadro tra il Dipartimento della Protezione Civile e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia per il decennio 2012-2021, finalizzato allo studio e alla sorveglianza dei fenomeni sismici e vulcanici siglato tra le parti il 2 febbraio 2012;

Richiamate:

– la precedente convenzione quadro quinquennale 2008-2013 tra l’Agenzia regionale di Protezione Civile e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1471 del 22/09/2008 e la successiva proroga con deliberazione di Giunta regionale n. 1740 del 25/11/2013;

– la convenzione in essere tra l’Agenzia regionale di Protezione Civile e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1821 dell’11/11/2014, in scadenza al 31 marzo 2015;

Preso atto che l’Agenzia regionale di Protezione Civile e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), anche alla luce dell’esperienza maturata nella precedente collaborazione, hanno elaborato sia una revisione degli ambiti di attività di comune interesse sia una proposta delle attività da svilupparsi nel quinquennio 2015-2020, attraverso una programmazione annuale (POA);

Vista la deliberazione della Giunta regionale n.________ del ___________ con la quale è stato approvato lo schema della presente convenzione-quadro tra l’Agenzia regionale di Protezione Civile e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), e richiamatene integralmente le premesse;

TRA

l’Agenzia regionale di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna (in seguito indicata come Agenzia), rappresentata dal Direttore, domiciliato per la carica in Bologna, Viale Silvani n.6, C.F. 91278030373

E

l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) (in seguito indicato come Istituto), con sede legale in Via di Vigna Murata n. 605, Roma, rappresentata dal Presidente pro-tempore

si conviene e si stipula la presente convenzione-quadro quinquennale

Art.1

(Finalità e oggetto)

1. La presente convenzione-quadro quinquennale ha come obiettivo il miglioramento delle capacità operative tecniche dell’Agenzia riguardo al rischio sismico, al fine di salvaguardare la sicurezza dei cittadini e di perseguire gli obiettivi stabiliti dalle richiamate disposizioni statali e regionali mediante l’attuazione d’interventi, attività e idonee misure organizzative finalizzate ad assicurare il più efficace ed efficiente concorso alla gestione delle situazioni d’emergenza incaricando quale struttura di supporto tecnico, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), che opererà nel rispetto della convenzione in atto.

2. L’Agenzia e l’Istituto attribuiscono il massimo interesse al raggiungimento di tale obiettivo.

3. Con la presente convenzione l’Agenzia affida all’Istituto la realizzazione di attività di supporto tecnico e informativo riguardanti il rischio sismico sul territorio regionale ai fini di Protezione Civile, da articolare secondo una programmazione quinquennale predefinita relativa a tutte le attività che, per la loro intrinseca natura, richiedono uno sviluppo pluriennale, pur essendo articolate in moduli annuali funzionali, e secondo un programma operativo annuale (POA).

4. L’Agenzia, annualmente sulla base delle disponibilità del proprio bilancio, determina le risorse per le attività da svolgere con l’Istituto. Nell’ambito di tale quadro finanziario l’Agenzia e l’Istituto concordano sul piano tecnico, un programma operativo annuale (POA) per l’attuazione della presente convenzione-quadro. Il programma è elaborato con le modalità illustrate al successivo art. 2 e approvato dal Dirigente competente con proprio atto.

5. Le attività dettagliate nel prospetto in allegato “B” alla richiamata delibera della Giunta regionale n.____ del ______ costituiscono il riferimento per i POA di cui al precedente punto 3 del presente articolo, e sono parte integrante e sostanziale della presente convenzione-quadro.

Art. 2

(Programma Operativo Annuale)

1. Il programma operativo annuale di attuazione della presente convenzione-quadro è elaborato, anche per stralci secondo la seguente procedura:

a) Entro 30 giorni dalla sottoscrizione della convenzione quadro per la prima annualità e nell’imminenza della scadenza di ciascuna annualità per le successive, è avviata una valutazione tecnica congiunta delle esigenze e delle disponibilità operative delle parti con riguardo a tutte le attività di cui all'art.1, comma 5;

b) la programmazione di massima di cui alla precedente lettera a) è sottoposta a verifica di compatibilità con le risorse disponibili nel bilancio dell’Agenzia, anche provenienti da specifici trasferimenti statali, e viene, quindi, congiuntamente definito il programma operativo annuale, che non necessariamente deve contemplare tutte le tipologie di attività possibili;

c) all'attuazione del programma e alla determinazione degli eventuali oneri, l’Agenzia provvede, per quanto di competenza, con propri atti, da adottarsi secondo le vigenti disposizioni in materia.

2. Per il primo anno dalla sottoscrizione, le attività devono essere concluse entro il 31/12/2015.

3. Il programma operativo annuale contiene anche le modalità di attuazione, per l'anno in questione, delle singole tipologie di attività.

Art. 3

(Comitato Tecnico a carattere temporaneo)

1. Alle attività istruttorie per l'elaborazione e la definizione del programma operativo annuale di cui al precedente art. 2 provvede un Comitato Tecnico a carattere temporaneo composto da due rappresentanti indicati dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, un rappresentante indicato dal Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli e due rappresentanti indicati dall’Istituto, designati dai rispettivi responsabili, alla cui costituzione provvede il Direttore dell’Agenzia con proprio atto. Ai membri del Comitato non sono riconosciuti compensi.

2. Alla scadenza di ciascuna annualità, il Comitato Tecnico provvede anche alla verifica dell'attività svolta e redige, al riguardo, uno specifico documento di valutazione congiunta del livello di conseguimento degli obiettivi annuali, formulando altresì proposte di modifiche e miglioramenti in merito alle procedure e alle modalità attuative del programma e agli aspetti organizzativi, gestionali e finanziari. Degli esiti della verifica di cui al presente comma si tiene conto in occasione della definizione dei successivi programmi annuali.

Art. 4

(Modalità di attuazione)

1. L’Istituto realizzerà le attività programmate sulla base di linee concordate con l’Agenzia nell’ambito del POA.

2. L’Istituto per quanto di propria competenza, individua nella persona di _______________________________ il responsabile tecnico-scientifico della presente convenzione, responsabile in solido dal punto di vista scientifico. Al responsabile tecnico-scientifico spetterà il compito di organizzare, in accordo con il Presidente dell’Istituto, l'impiego delle risorse umane e materiali che saranno necessarie per lo svolgimento delle attività previste.

3. L’Agenzia individua il responsabile tecnico della presente convenzione nella persona di _______________________________ individuato dal Direttore dell’Agenzia.

4. Le attività istruttorie tecnico-amministrative sono in capo al personale dell’Agenzia;

5. L’Istituto potrà avvalersi anche di soggetti terzi o di aziende specializzate per attività di supporto funzionali allo svolgimento delle attività previste nei POA. L’Istituto potrà promuovere assegni di ricerca e/o borse di studio sui temi della convenzione.

Art. 5

(Responsabilità e oneri a carico dell’Istituto)

1. L’Istituto è tenuto ad assolvere i compiti definiti nel programma operativo annuale rispettando i termini temporali ivi previsti. In caso di mancato rispetto è tenuto a informare per iscritto l’Agenzia delle cause che hanno impedito di adempiere quanto concordato.

2. L’Istituto s’impegna affinché le attività programmate siano rese con continuità per l’intero periodo concordato e si impegna a dare immediata comunicazione all’Agenzia delle interruzioni e delle modifiche operative che, per giustificato motivo, dovessero intervenire nello svolgimento delle attività.

Art. 6

(Modalità di pagamento e disposizioni contabili)

1. L'erogazione delle risorse finanziarie complessive relative alle singole annualità da parte dell’Agenzia e a favore dell’Istituto avverrà con le seguenti modalità:

- erogazione di un'anticipazione pari al 40% dell’importo complessivo delle risorse all’uopo destinate nel programma operativo annuale, al fine di consentire l’avvio delle attività, da disporre dopo l'accertamento della relativa entrata a seguito del trasferimento della somma corrispondente dalla Regione, dietro presentazione di apposita fattura da emettersi dopo l’adozione del POA ai sensi del precedente art. 2 comma c);

- erogazione della somma rimanente a titolo di saldo, a seguito della presentazione della documentazione tecnica illustrativa dell’attività svolta (previa positiva valutazione espressa dal comitato tecnico ai sensi dell’articolo 3 della convenzione-quadro) dietro presentazione di apposita fattura.

2. La fattura dovrà essere emessa secondo le indicazioni e con le modalità indicate dall’Agenzia;

Art. 7

(Utilizzazione dei dati)

1. L’Agenzia e l’Istituto hanno il diritto di utilizzare per i propri fini istituzionali i risultati delle ricerche oggetto della presente convenzione.

2. Fermi restando i compiti e le funzioni assegnate dalla legge all'Istituto, e in particolare gli obblighi derivanti dagli accordi con il Dipartimento della Protezione Civile, le indicazioni, gli avvisi e le segnalazioni pubbliche, di qualsiasi genere (bollettini, comunicati stampa, ecc.), relativi alle attività regolamentate dal presente atto, divulgati sia a mezzo pubbliche affissioni, sia per mezzo degli organi d’informazione, scritta e radioteletrasmessa, dovranno essere reciprocamente comunicati e dovranno esplicitamente menzionare entrambe le Amministrazioni di provenienza.

Art. 8

(Proprietà degli elaborati)

1. La proprietà dei materiali e degli elaborati derivati dalle attività di ricerca è dell’Agenzia che potrà utilizzarli nel rispetto delle norme sulla proprietà intellettuale.

Art. 9

(Uso delle linee di trasmissione dati)

1. L’Istituto, con la stipulazione del presente atto, resta esonerato da qualsiasi responsabilità diretta e indiretta derivante dall’utilizzo delle linee interessate per la trasmissione dei dati all'Agenzia. 

Art. 10

(Durata, decorrenza e modalità di risoluzione della convenzione - disposizione transitoria -)

1. La presente convenzione-quadro ha validità quinquennale con decorrenza dalla data della sua stipulazione, ma vincola l’Agenzia in termini finanziari annualmente, nei limiti degli importi corrispondenti ai singoli POA approvati, secondo le disponibilità dei pertinenti capitoli del bilancio all'uopo istituiti.

2. L’Agenzia può risolvere la presente convenzione in ogni momento, previo preavviso di almeno trenta giorni, senza oneri a proprio carico se non quelli derivanti dalla liquidazione delle spese già sostenute e delle obbligazioni giuridiche contratte dall’Istituto fino al ricevimento della nota di preavviso di risoluzione della convenzione.

3. L’Istituto può risolvere la presente convenzione in ogni momento, previo preavviso di almeno trenta giorni per provata inadempienza da parte dell’Agenzia agli impegni previsti nei precedenti articoli.

Art. 11

(Controversie)

1. Eventuali controversie derivanti dall'applicazione della presente convenzione che non trovino composizione in seno al Comitato tecnico di cui al precedente art. 3, saranno devolute alla competente sede giudiziale.

2. Le parti convengono di eleggere quale foro competente il foro di Bologna.

Art. 12

(Registrazione)

1. La presente convenzione, è soggetta a registrazione solo in caso d’uso; le spese sono a carico della parte richiedente.

Letto, approvato e sottoscritto.

Agenzia di Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Il Direttore

___________________________________

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Il Presidente

___________________________________

La presente convenzione è stipulata in forma elettronica, mediante sottoscrizione con firma digitale da entrambe le parti, nel rispetto dei termini e degli adempimenti previsti dall’art. 15, comma 2 bis della Legge 241/90 come modificata dalla L. n. 221/12.

Allegato “B”

Prospetto degli ambiti d’attività da includere nei programmi operativi annuali (POA) di cui alla convenzione-quadro quinquennale tra l’Agenzia regionale di Protezione Civile e l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per il supporto nelle attività di protezione civile di competenza regionale di previsione, prevenzione, pianficazione e gestione delle emergenze relative al rischio sismico.

Per ciascuna annualità della convenzione l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) svolgerà le attività concordate all’interno degli ambiti indicati nel presente allegato.

a) comunicazione della localizzazione di tutti gli eventi che ricadono nell’Area d’Interesse della Regione Emilia-Romagna (AI - delimitata dalle coordinate 8°30' - 13°30' Longitudine Est; 43°30' – 45°30' Latitudine Nord), caratterizzati da una magnitudo maggiore o uguale a 2,5 o comunque segnalati al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile secondo le modalità riportate nella Nota 1. Le comunicazioni relative alla localizzazione sono attuate nel rispetto delle modalità di allertamento stabilite nella convenzione in atto tra l’INGV e il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile a Roma;

b) invio dei dati ottenuti dalle procedure automatiche di localizzazione definite “Localizzazione rapida di livello 1”, per i soli terremoti avvenuti all'interno dell'Area di Interesse della Regione Emilia-Romagna con magnitudo stimata superiore o uguale a 4,0 secondo le modalità riportate nella Nota 2.

c) Supporto al Centro Operativo Regionale (COR) dell’Agenzia per l'elaborazione e l'interpretazione di dati concernenti fenomeni sismici, con epicentri e/o comunque con risentimenti significativi in aree del territorio regionale, anche per la conseguente predisposizione d’informazioni alla popolazione;

d) collaborazione con l’Agenzia, anche congiuntamente ad altri enti e strutture organizzative, nell'ambito delle attività tecniche di prima fase del Nucleo di Valutazione Regionale, per l'esecuzione del rilievo speditivo del danno in emergenza e per la redazione delle conseguenti relazioni finalizzate anche all'assegnazione speditiva d’intensità macrosismiche risentite negli insediamenti dei comuni colpiti;

e) supportare l’Agenzia nell’attività di gestione dell’emergenza anche mediante la Rete Sismica Mobile da allocare in area epicentrale finalizzata all'acquisizione di dati sismologici a seguito di un forte evento sismico;

f) assicurare il supporto all’Agenzia nell’accesso alle informazioni contenute nei cataloghi storici e strumentali, nell’immediatezza della prima definizione di scenari d’emergenza in seguito ad eventi sismici che, per risentimento della popolazione, per richiesta di assistenza o per verifiche di agibilità in seguito a danni dichiarati, determinano l’attivazione del COR;

g) migliorare il monitoraggio della sismicità del territorio regionale attraverso l'integrazione dei dati rilevati dalle Reti di monitoraggio, valutando a tal fine anche l'eventuale necessità d’installazione di nuove stazioni sul territorio della Regione, da ubicare in località da concordare fra lo stesso Istituto e la Regione;

h) addestramento dei tecnici dell’Agenzia e di altri tecnici del Nucleo di Valutazione Regionale, finalizzato all’esecuzione del rilievo macrosismico e rilievo speditivo del danno in emergenza;

i) Collaborazione con l’Agenzia per l’accesso e l’interpretazione dei dati di base disponibili sulla pericolosità da maremoto finalizzato a una prima definizione di scenari di rischio interessanti il territorio regionale, nell’ambito del Sistema d’Allerta Nazionale per il Rischio Maremoto.

Nota 1 - la comunicazione relativa alla localizzazione effettuata, nel più breve tempo possibile, con le seguenti modalità:

- invio di un messaggio di testo (SM) ai recapiti telefonici di servizio del Direttore dell’Agenzia, e di un collaboratore in servizio di pronta;

- lo stesso SM è inviato anche al recapito telefonico di servizio dell'Assessore alla Difesa del Suolo e della Costa, Protezione Civile e Politiche ambientali e della Montagna;

- invio, contemporaneo al SM telefonico, all’indirizzo di posta elettronica del Centro Operativo Regionale dell'Agenzia.

Nota 2 - la comunicazione relativa alla “Localizzazione rapida di livello 1” è regolamentata dal Documento Tecnico, elaborato nel corso della riunione del Comitato Tecnico del 15/10/2013, adottato dall’Agenzia con nota prot. n. PC.2014.0004517 del 28/03/204; la comunicazione avviene con le seguenti modalità, indicate nella nota prot. n. PC.2014.0007818 del 20/06/204:

- invio di un messaggio di testo (SM) ai recapiti telefonici di servizio del Direttore dell’Agenzia, del Capo Turno della Sala Operativa del COR in servizio di pronta reperibilità e del Capo Turno del Centro Multirischio del COR in servizio di pronta reperibilità.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it