E-R | BUR

n.73 del 22.03.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Reg. (UE) n. 1308/2013. Miglioramento produzione e commercializzazione prodotti dell'apicoltura. Deliberazioni Giunta regionale n. 1296/2016 e n. 49/2017. Avviso pubblico annualità 2016-2017. Approvazione graduatoria unica regionale e contestuale concessione finanziamento all'Associazione" Osservatorio Nazionale Miele"

IL RESPONSABILE

Richiamati:

- il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli:

- che prevede aiuti al settore dell'apicoltura alla Sezione 5, articoli da 55 a 57, stabilendo le regole generali di applicazione delle Misure dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura;

- che abroga, a far data dal 1 gennaio 2014, il Reg. (CE) n. 1234/2007 e prevede che la Commissione adotti atti delegati e di esecuzione della suddetta Sezione 5;

- il Regolamento delegato (UE) n. 2015/1366 della Commissione dell'11 maggio 2015 che integra il Reg. (UE) 1308/2013 per quanto riguarda gli aiuti nel settore dell'apicoltura;

- il Regolamento di esecuzione (UE) n. 2015/1368 della Commissione del 6 agosto 2015 che approva le modalità di applicazione del Reg. (UE) 1308/2013 per quanto riguarda gli aiuti nel settore dell'apicoltura;

- la Decisione di Esecuzione (UE) 2016/1102 - notificata C(2016) 4133 del 5 luglio 2016 - con la quale la Commissione europea ha approvato il Programma nazionale per il triennio 2017-2019, definendo contestualmente l’entità della contribuzione finanziaria comunitaria a favore dell’Italia per ciascuna annualità;

- la deliberazione dell'Assemblea Legislativa n. 90 del 27 luglio 2016, con la quale è stato approvato - anche ai fini dell’accesso ai finanziamenti previsti dal Reg. (UE) n. 1308/2013 - il Programma regionale triennale 2017-2019 per il settore dell'apicoltura, proposto con deliberazione della Giunta regionale n. 1049/2016;

Richiamato, inoltre, il Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali del 25 marzo 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 115 del 18 maggio 2016, con il quale sono state approvate le linee guida per l’attuazione del Regolamento (UE) n. 1308/2013 per quanto concerne il Programma nazionale triennale a favore del settore dell'apicoltura, e che stabilisce, in particolare, che le azioni siano attuate attraverso un Programma nazionale triennale composto dai sottoprogrammi di pari durata elaborati dal Ministero e dalle Regioni ed articolati per stralci annuali, che decorrono dal 1° agosto di ogni anno al 31 luglio dell’anno successivo;

Considerato che l'articolo 14 del suddetto Decreto Ministeriale 25 marzo 2016 stabilisce che le amministrazioni competenti ad emanare i bandi curino che una stessa spesa ammissibile a contributo non sia finanziata e rendicontata contemporaneamente nella programmazione 2014-2016 e in quella 2017-2019, con particolare riferimento al periodo di sovrapposizione delle programmazioni corrispondente al mese di agosto 2016;

Atteso, pertanto, che per l'attuazione dell'annualità 2016/2017 le spese eleggibili a contributo sono valide a partire dal 1 settembre 2016, in quanto le spese realizzate nel mese di agosto 2016 sono finanziate con le risorse previste dalla precedente programmazione di cui al Reg. (CE) n. 1234/2007, ai sensi di quanto previsto dalla delibera di Giunta n. 1154/2015;

Vista la L.R. 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città Metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni”, con la quale è stato rivisto l’assetto complessivo dell’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura, attribuendone la competenza alla Regione;

Considerato che, in attuazione della citata deliberazione assembleare n. 90/2016 e tenuto conto della richiamata Decisione comunitaria, con deliberazioni della Giunta regionale n. 1296 del 01 agosto 2016 e n. 49 del 23 gennaio 2017 si è provveduto, in particolare:

- ad approvare - ai fini dell'accesso ai finanziamenti previsti dal più volte citato Reg. (UE) n. 1308/2013 - nel testo di cui all'Allegato A) al medesimo provvedimento, l’articolazione finanziaria, per azioni, dello Stralcio relativo alla prima annualità 2016/2017 del Programma triennale 2017-2019, per le azioni di miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura;

- a stabilire che l'attuazione dell’annualità 2016/2017 avvenisse secondo le modalità e le indicazioni operative contenute nell'Avviso pubblico di cui all'Allegato B) al medesimo provvedimento;

- a fissare la scadenza del termine per la presentazione delle domande di finanziamento al 11 novembre 2016 e, limitatamente alle domande di contributo per l’attuazione degli interventi di cui alle azioni a.2) ed f.2), al 10 febbraio 2017;

- a dare atto che:

  • la dimensione finanziaria del primo Stralcio 2016/2017 del Programma triennale per le azioni di miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura fosse fissata in Euro 509.149,00, pari all’importo assegnato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali con Decreto direttoriale del 11 luglio 2016 numero 0004263;
  • il finanziamento delle Misure/azioni previste restasse subordinato all'adozione da parte della competente Autorità statale degli atti formali necessari ad assicurare l’effettivo stanziamento della quota a carico dello Stato membro da disporre nell'ambito del Fondo di rotazione, di cui alla legge n. 183/1987;

Preso atto che l'Avviso pubblico di cui all'Allegato B) alla citata DGR. n. 1296/2016, ha previsto, tra l'altro, al paragrafo 3. “Modalità di istruttoria di ammissibilità delle domande e concessione dei contributi”:

- che i Servizi Territoriali Agricoltura, Caccia e Pesca della Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione (STACP) provvedessero ad istruire le domande pervenute e ad approvare, con apposito atto, l'elenco delle domande finanziabili con attribuzione dei relativi punteggi di priorità, suddivisi per Misura/azione e sottoazione, ed a trasmettere il predetto atto al Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera della Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca;

- che il Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera provvedesse, entro il termine del 24 febbraio 2017, ad approvare - in base ai punteggi di priorità attribuiti dai Servizi competenti - con apposito atto del Responsabile, la graduatoria unica regionale dei beneficiari suddivisa per Misura, con indicazione della tipologia di azione/sottoazione, della spesa ammissibile e del corrispondente contributo concedibile, nei limiti degli importi stabiliti per singola Misura nello stralcio annuale e delle risorse finanziarie complessivamente disponibili, ed a trasmettere il suddetto atto agli STACP regionali competenti;

- che ciascun STACP assumesse, successivamente, l'atto di concessione del contributo per ciascun beneficiario;

Preso atto, altresì, che il richiamato Avviso pubblico ha stabilito che la competenza all'istruttoria e liquidazione delle domande per le Misure A), B), C), D) ed E) spetta agli STACP delegati da AGREA, mentre per la Misure A), azione a.2, e per la Misura F), azione f.2), la competenza è attribuita al Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera;

Preso atto, inoltre:

- dell'articolazione, tra le Misure, della disponibilità finanziaria di Euro 509.149,00, così come fissata al citato allegato A) alla DGR. n. 1296/2016 e di seguito riportata: 

Misura A) 230.392,00 - Misura B) 70.000,00 - Misura C) 112.500,00 - Misura D) 64.197,00 - Misura E) 3.500,00 - Misura F) 28.560,00 - Totale 509.149,00

- della copertura finanziaria degli interventi gestiti direttamente dal Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera (domande presentate dall'Osservatorio Nazionale Miele per la Misura A), azione a.2, e dal CREA-API per e la Misura F), azione f.2), in conseguenza della quale:

  • la somma di Euro 48.552,00 è imputata sulle rispettive azioni di pertinenza (Euro 19.992,00 sull’azione a.2 ed Euro 28.560,00 sull’azione f.2);
  • la restante somma di Euro 460.597,00 è destinata al finanziamento delle altre domande di competenza degli STACP, secondo l'ordine assunto nella graduatoria unica regionale e nei limiti della disponibilità finanziaria per singola Misura;

Atteso che, in esito alle istruttorie compiute, gli STACP hanno provveduto a trasmettere a questo Servizio i rispettivi provvedimenti, conservati agli atti, contenenti l'elenco delle domande ammissibili, suddivise per Misura/azione e sottoazione, con attribuzione dei relativi punteggi di priorità, delle spese ammissibili e dei relativi fabbisogni finanziari, nonché l'elenco delle domande non ammissibili;

Dato atto, inoltre, che:

- l'Osservatorio Nazionale del Miele ha trasmesso il progetto esecutivo, riferito alla Misura A), azione a.2) di cui al Programma regionale, acquisito agli atti del Servizio al numero di protocollo PG.2017.0067471 del 8/2/2017;

- il CREA-API ha trasmesso il progetto esecutivo, riferito alla Misura F), azione f.2) di cui al Programma regionale, acquisito agli atti del Servizio al numero di protocollo PG.2017.74441 del 10/2/2017;

Considerato che:

- per il progetto esecutivo presentato dall’Associazione “Osservatorio Nazionale Miele” l'istruttoria di ammissibilità, svolta da questo Servizio, ha avuto esito positivo e le spese preventivate ammontano a complessivi Euro 19.992,00 sulla Misura A) per l’azione a.2;

- per il progetto esecutivo presentato dal CREA - API l'istruttoria di ammissibilità, svolta da questo Servizio, risulta ancora in corso in quanto in attesa delle risultanze delle verifiche relative alla regolarità contributiva del richiedente e pertanto l’ammissibilità delle spese preventivate, che ammontano a complessivi Euro 28.560,00, è sottoposta a condizione risolutiva;

Accertato, inoltre, che il fabbisogno complessivo connesso all'attuazione dell'annualità 2016/2017 del Programma di che trattasi, desunto dalle domande pervenute e risultate ammissibili, è pari ad Euro 478.430,40 e, pertanto, inferiore alla disponibilità prevista nella più volte citata DGR n. 1296/2016;

Rilevato, in particolare:

- che il fabbisogno complessivo per l’attuazione delle diverse Misure, al lordo di quanto riservato agli interventi gestiti direttamente da questo Servizio, risulta essere il seguente: 

Azione A)  209.579,63 -  Azione B)  76.523,79 -  Azione C)  107.766,98 -  Azione D)  56.000,00 -  Azione E)  0 -  Azione F)  28.560,00 -  Totale  478.430,40

- che dal raffronto tra quanto originariamente destinato ad ogni singola Misura ed il fabbisogno sopra evidenziato risulta che:

  • sulla Misura A), residuano risorse non utilizzate pari ad Euro 20.812,37;
  • sulla Misura B), insiste un maggior fabbisogno pari ad Euro 6.523,79;
  • sulla Misura C), residuano risorse non utilizzate pari ad Euro 4.733,02;
  • sulla Misura D), residuano risorse non utilizzate pari ad Euro 8.197,00;
  • sulla Misura E), residuano risorse non utilizzate pari ad Euro 3.500,00;
  • sulla Misura F), sussiste corrispondenza tra quanto destinato e quanto richiesto;

Rilevato, altresì, secondo quanto previsto dalla citata DGR n. 1296/2016, che, a fronte dell’esaurimento della graduatoria di una Misura, è ammessa flessibilità finanziaria tra le diverse Misure, nei limiti delle risorse totali assegnate al Programma e nel rispetto di quanto stabilito dalla medesima deliberazione;

Ritenuto di utilizzare Euro 6.523,79, quale quota parte dell’economia della Misura A), per il completamento del fabbisogno finanziario della Misura B);

Dato atto pertanto che la ripartizione delle risorse di cui alla più volta citata DGR n. 1296/2016, risulta essere la seguente:

Azione A)  209.579,63 -  Azione B)  76.523,79 -  Azione C)  107.766,98 -  Azione D)  56.000,00 -  Azione E)  0 -  Azione F)  28.560,00 -  Totale  478.430,40

e che pertanto residua un’economia complessiva di Euro 30.718,60;

Ritenuto, conseguentemente:

- di recepire le risultanze delle istruttorie compiute dagli STACP in ordine alle domande presentate in esito all'Avviso pubblico approvato con DGR n. 1296/2016;

- di procedere all'approvazione della graduatoria unica regionale, includendo anche la domanda del CREA-API ammessa con riserva, subordinandone l’approvazione definitiva e relativa concessione o l’esclusione a successivo provvedimento conseguente all’esito della verifica della regolarità contributiva;

- di approvare, dunque, i seguenti allegati costituenti parti integranti e sostanziali del presente provvedimento:

- Allegato 1: “GRADUATORIA UNICA REGIONALE DEI BENEFICIARI DEL PROGRAMMA REGIONALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL'APICOLTURA DI CUI AL REG. (UE) n. 1308/2013 - DGR 1296/2016: AVVISO PUBBLICO ANNUALITÀ 2016/2017” - con indicazione delle istanze finanziabili, della spesa ammissibile e del corrispondente contributo concedibile;

- Allegato 2: “ELENCO DELLE DOMANDE NON AMMISSIBILI E PARZIALMENTE NON AMMISSIBILI DEL PROGRAMMA REGIONALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL'APICOLTURA DI CUI AL REG. (UE) n. 1308/2013 - DGR 1296/2016: AVVISO PUBBLICO ANNUALITÀ 2016/2017”;

- di dare atto che ciascun STACP competente, secondo l'ordine della graduatoria unica di cui all'Allegato 1 al presente provvedimento, provvederà ad adottare l'atto di concessione del contributo a favore dei beneficiari indicati nella suddetta graduatoria, provvedendo, nel contempo, per quest'ultimi all'assegnazione del CUP di cui all'art. 11 della legge n. 3/2003;

Ritenuto inoltre di provvedere con il presente atto alla concessione a favore dell’Associazione Osservatorio Nazionale del Miele dell'importo complessivo di Euro 19.992,00, per la realizzazione del progetto presentato al quale è stato assegnato - ai sensi dell'art. 11 della Legge n. 3/2003, dalla competente struttura presso il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri - il Codice Unico di Progetto (CUP) E86J17000170007;

Preso, infine, atto, in relazione al cofinanziamento nazionale, che il Ministero dell’Economia e delle Finanze non ha ancora disposto il Decreto per assicurare la dotazione finanziaria allo stralcio annuale del Programma di che trattasi;

Visto il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 recante “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 13 agosto 2010, n. 136” e successive modifiche;

Richiamate:

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della Legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Visti:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e successive modificazioni ed integrazioni;

- la deliberazione di Giunta regionale n.66 del 25 gennaio 2016 “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione e del programma per la trasparenza e l'integrità. Aggiornamenti 2016-2018” nonché la determinazione dirigenziale n. 12096/2016 “Ampliamento della trasparenza ai sensi dell'art 7 comma 3 D. LGS. 33/2013, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 25 gennaio 2016 n. 66”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 89 del 30 gennaio 2017 concernente l’approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019;

Viste:

- la Legge Regionale 30 luglio 2015, n. 13 recante “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città Metropolitane di Bologna, province, comuni e loro unioni”;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii;

Richiamate, infine, le deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.;

- n. 2185 del 21 dicembre 2015 con la quale si è provveduto, tra l'altro, ad istituire dal 1° gennaio 2016, presso la Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca, i Servizi Territoriali Agricoltura, caccia e pesca per ciascun ambito provinciale a fronte delle nuove funzioni di competenza regionale definite dagli artt. 36-43 della citata L.R. n. 13/2015;

- n. 2230 del 28 dicembre 2015 con la quale, tra l'altro, è stata fissata al 1 gennaio 2016 la decorrenza delle funzioni amministrative oggetto di riordino ai sensi dell'art. 68 della predetta L.R. n. 13/2005;

- n. 270 del 29 febbraio 2016 recante ”Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 recante ”Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 702 del 16 maggio 2016 concernente l'approvazione degli incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzione Generali - Agenzie - Istituto;

Attestata, ai sensi della delibera di Giunta 2416/2008 e s.m.i., la regolarità amministrativa del presente atto;

determina:

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa, che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente dispositivo;

2) di recepire le risultanze delle istruttorie compiute dai Servizi Territoriali Agricoltura, Caccia e Pesca della Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione in ordine alle domande presentate, in esito all'Avviso pubblico approvato con DGR n. 1296/2016;

3) di procedere all'approvazione della graduatoria unica regionale, includendo anche la domanda del CREA-API ammessa con riserva, subordinandone l’approvazione definitiva e la relativa concessione o l’esclusione a successivo provvedimento, conseguente all’esito della verifica della regolarità contributiva;

4) di approvare, conseguentemente, i seguenti allegati, che costituiscono parti integranti e sostanziali del presente provvedimento:

- Allegato 1 “GRADUATORIA UNICA REGIONALE DEI BENEFICIARI DEL PROGRAMMA REGIONALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL'APICOLTURA DI CUI AL REG. (UE) n. 1308/2013 - DGR 1296/2016: AVVISO PUBBLICO ANNUALITÀ 2016/2017”, con indicazione delle istanze finanziabili, della spesa ammissibile e del corrispondente contributo concedibile;

- Allegato 2 “ELENCO DELLE DOMANDE NON AMMISSIBILI E PARZIALMENTE NON AMMISSIBILI DEL PROGRAMMA REGIONALE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA PRODUZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL'APICOLTURA DI CUI AL REG. (UE) n. 1308/2013 - DGR 1296/2016: AVVISO PUBBLICO ANNUALITÀ 2016/2017”;

5) di dare atto che l'articolazione della disponibilità finanziaria tra le Misure per l'attuazione dell'Avviso pubblico, pari ad Euro 509.149,00, risulta essere la seguente:

Azione A)  209.579,63 -  Azione B)  76.523,79 -  Azione C)  107.766,98 -  Azione D)  56.000,00 -  Azione E)  0 -  Azione F)  28.560,00 -  Totale  478.430,40

e che pertanto residua un’economia complessiva di Euro 30.718,60;

6) di dare atto, inoltre, che ciascun STACP competente provvederà - secondo l'ordine della graduatoria unica di cui all'Allegato A) al presente provvedimento - all’adozione del provvedimento di concessione del contributo a favore dei beneficiari provvedendo, nel contempo, per questi ultimi all'assegnazione del CUP di cui all'art. 11 della Legge n. 3/2003;

7) di provvedere, contestualmente con il presente atto, a concedere all'Associazione “Osservatorio Nazionale del Miele”, con sede in Castel San Pietro Terme (BO), un finanziamento pari ad Euro 19.992,00, per la realizzazione del progetto presentato (Codice Unico di Progetto (CUP) E86J17000170007) dando atto:

- che il beneficiario, così come previsto nella più volte citata DGR n. 1296/2016, è tenuto al rispetto di quanto ivi stabilito, in relazione allo svolgimento delle attività proposte e dei termini di presentazione della domanda di pagamento del contributo;

- che ne sarà disposta la revoca qualora, dagli accertamenti amministrativi e tecnici che la Regione si riserva di eseguire a mezzo dei propri collaboratori, dovesse risultare che le attività svolte non corrispondono a quelle previste, fatto salvo quanto disposto dal citato Avviso pubblico in relazione alle varianti, che dovranno essere adeguatamente motivate nella relazione finale ed evidenziate nel rendiconto;

- che, con proprio successivo provvedimento, si provvederà alla liquidazione, in un'unica soluzione a saldo, del contributo sulle spese sostenute dal suddetto organismo, ai fini dell'erogazione del pagamento da parte di AG.R.E.A - Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura per l'Emilia-Romagna;

8) di dare atto, inoltre, secondo quanto stabilito al punto 5), lett. e), del dispositivo alla predetta deliberazione n. 1296/2016, che AG.R.E.A. provvederà ai pagamenti degli interventi, secondo le procedure da essa direttamente stabilite, ai sensi di quanto disposto dall’art. 7 del D.M. 23 gennaio 2006;

9) di prendere atto che, in relazione al cofinanziamento nazionale, il Ministero dell’Economia e delle Finanze non ha ancora disposto il Decreto per assicurare la dotazione finanziaria al programma annuale di che trattasi e che, pertanto, il finanziamento degli interventi di cui al presente provvedimento resta subordinato all’adozione, da parte della competente Autorità statale, degli atti formali necessari ad assicurare l’effettivo stanziamento della quota a carico dello Stato membro da disporre nell’ambito del Fondo di rotazione di cui alla Legge 183/1987;

10) di dare atto, infine, che:

- per quanto non espressamente previsto dal presente atto, si rinvia a quanto disciplinato nel più volte citato Avviso pubblico approvato con DGR n. 1296/2016;

- secondo quando previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e s.m. nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nella deliberazione della Giunta regionale n. 66/2016, si provvederà alle pubblicazioni ivi contemplate;

11) di trasmettere il presente provvedimento agli STACP e ad AG.R.E.A per gli adempimenti di competenza;

12) di comunicare all“Osservatorio Nazionale del Miele” la concessione del contributo spettante;

13) di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, prevedendone, nel contempo, la più ampia diffusione tramite il portale ER-Agricoltura.

La Responsabile del Servizio

Roberta Chiarini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it