E-R | BUR

n.124 del 04.05.2022 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di “Dirigente medico” – Disciplina: Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza

In attuazione della determinazione del Direttore dell’U.O. Risorse Umane n. 223 del 12/4/2022 e in ottemperanza a quanto stabilito dal Decreto Legislativo n. 502/92 e s.m.i., dal vigente contratto di lavoro della Dirigenza dell’Area Sanità, dai D.P.R. 10/12/1997, n. 483 e n. 484, è bandito pubblico concorso per titoli ed esami per la copertura del seguente posto d’organico del ruolo sanitario, con rapporto di lavoro esclusivo ai sensi del D. Lgs n. 229 del 19/6/1999 e s.m.i.:

n. 1 posto di Dirigente medico – Disciplina: Medicina e Chirurgia d’accettazione e d’urgenza

oltre ai posti che si renderanno vacanti nell’arco di validità della graduatoria compatibilmente con le indicazioni del Piano Triennale di fabbisogni.

Lo stato giuridico ed economico inerente ai posti di cui alla presente selezione è regolato e stabilito dalle norme legislative e contrattuali vigenti.

In applicazione del D. Lgs. 198/2006 e degli artt. 7 e 57 del D.Lgs 165/2001 è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro.

Si precisa che, ai sensi dell’art. 35 co. 5-bis del D. Lgs. 165/01, le Aziende potranno prevedere, in sede di contratto individuale di assunzione, che nei primi cinque anni successivi alla stipulazione del Contratto Individuale di Lavoro, non saranno concessi assensi alla mobilità o al comando, né aspettative non retribuite per svolgere incarichi a tempo determinato in altri enti del Servizio Sanitario Nazionale o in altre Pubbliche Amministrazioni.

1. Requisiti generali di ammissione

Tutti i requisiti generali devono essere posseduti alla data di scadenza del termine perentorio stabilito nel presente bando per la presentazione delle domande di ammissione.

Cittadinanza

Cittadinanza italiana, fatte salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o di uno Stato membro dell’Unione Europea o possesso di uno dei requisiti di cui all’art. 38 D. Lgs. 165/01 e s.m.i.

I cittadini di altri Stati devono:

- essere in possesso degli altri requisiti previsti dal bando per i cittadini della Repubblica;

- avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana;

- ai sensi dell’art. 3 del DPCM n. 174 del 7/2/1994, devono godere dei diritti civili e politici degli Stati di appartenenza o provenienza.

Maggiore età

Ai sensi dell’art. 3, comma 6, della legge 15/5/1997, n. 127, la partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche amministrazioni non è soggetta a limiti massimi di età, salvo il limite previsto dalle vigenti norme per il collocamento a riposo d’ufficio.

Idoneità fisica

Il candidato dovrà essere in possesso di incondizionata idoneità fisica specifica alle mansioni del profilo professionale e della categoria a selezione. Il relativo accertamento sarà effettuato prima dell’immissione in servizio.

2. Requisiti specifici di ammissione

a) laurea in medicina e chirurgia;

b) iscrizione all’albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi. L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione europea consente la partecipazione, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

c) specializzazione nella disciplina oggetto del concorso o in disciplina equipollente.

Ai sensi dell’art. 15 c. 7 D. Lgs 502/1992 e s.m.i. e successive modifiche, la specializzazione nella disciplina può essere sostituita dalla specializzazione in disciplina affine.

Per la verifica delle equipollenze e affinità si fa riferimento rispettivamente ai DD.MM. 30/1/1998 e 31/1/1998 e successive modifiche ed integrazioni.

Ai sensi dell’art. 1 comma 547 L. 145/2018 e s.m.i., a partire dal terzo anno del corso di formazione specialistica i medici [omissis] regolarmente iscritti sono ammessi alle procedure concorsuali per l’accesso alla dirigenza del ruolo sanitario nella specifica disciplina bandita e collocati, all’esito positivo delle medesime procedure, in graduatoria separata.

Ai sensi dell’art. 1 comma 548 L. 145/2018 e s.m.i., l’eventuale assunzione a tempo indeterminato dei medici [omissis] di cui al comma 547, risultati idonei e utilmente collocati nelle relative graduatorie, è subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione e all’esaurimento della pertinente graduatoria dei medesimi professionisti già specialisti alla data di scadenza del bando;

I titoli di studio conseguiti all’estero devono essere sottoposti ad una procedura di riconoscimento da parte delle competenti autorità.

Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione.

3. Modalità e termini per la presentazione delle domande di ammissione

La domanda di partecipazione al concorso deve pervenire, a pena di esclusione, entro le ore 12 del trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4° Serie Speciale “Concorsi ed Esami”.

Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.

Le domande di partecipazione al concorso, dovranno essere presentate esclusivamente in forma telematica connettendosi al sito Internet dell’azienda USL di Piacenza “ www.ausl.pc.it – Bandi e Concorsi – Assunzioni e Collaborazioni - Concorsi pubblici e selezioni interne in corso”, selezionando il concorso desiderato e compilando lo specifico modulo on-line e seguendo le istruzioni per la compilazione ivi contenute, in applicazione dell’art. 1 comma 1, nonché degli artt. 64 e 65 del D. Lgs. 82/05 e s.m.i.

È esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione della domanda di partecipazione. Il mancato rispetto delle predette modalità di inoltro della domanda comporterà l’esclusione dal concorso.

Il presente bando, subito dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sarà pubblicato altresì sul sito Internet dell’Azienda USL di Piacenza www.ausl.pc.it, nella sezione “Bandi e Concorsi - Assunzioni e Collaborazioni – Concorsi pubblici e selezioni interne in corso”.

La domanda verrà considerata presentata nel momento in cui il candidato, concludendo correttamente la procedura di cui al precedente capoverso, riceverà dal sistema il messaggio di avvenuto inoltro della stessa.

Il candidato riceverà altresì e-mail con il file riepilogativo del contenuto della domanda presentata.

Qualora il candidato invii più domande di partecipazione al concorso, il sistema acquisirà solamente l’ultima domanda inviata in ordine di tempo, senza tenere conto delle domande precedenti.

La firma autografa a regolarizzazione della domanda e delle dichiarazioni nella stessa inserite, verrà acquisita in sede di identificazione dei candidati alla prima prova concorsuale.

Si consiglia di non inoltrare la domanda in prossimità delle ultime ore dell’ultimo giorno utile per la presentazione, per evitare sovraccarichi del sistema, dei quali l’Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza non assume responsabilità alcuna.

L’eventuale presentazione di domanda con modalità diverse da quella sopra indicata è priva di effetto così come l’eventuale presentazione di ulteriore documentazione successivamente alla scadenza del termine perentorio di presentazione delle domande.

I candidati hanno l’obbligo di comunicare all’Azienda USL di Piacenza gli eventuali cambi di indirizzo che dovessero verificarsi sia durante il periodo di svolgimento delle procedure concorsuali, sia durante il periodo di vigenza della graduatoria qualora il candidato sia stato dichiarato idoneo.

L’Azienda non assume responsabilità in caso le comunicazioni inerenti al concorso non pervengano al destinatario a causa dell’inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Si precisa che l’Amministrazione è tenuta ad effettuare idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive ricevute e che, oltre alla decadenza dell’interessato dai benefici eventualmente conseguiti sulla base delle dichiarazioni non veritiere, sono applicabili le sanzioni penali previste per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.

Nella domanda on-line di partecipazione al pubblico concorso il candidato deve rilasciare le seguenti DICHIARAZIONI:

  1. cognome e nome, la data ed il luogo di nascita, la residenza;
  2. il possesso della cittadinanza italiana o di uno dei Paesi dell’Unione Europea, o appartenenza ad una delle categorie individuate dall’art. 38 D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. e dalle vigenti leggi speciali;
  3. il comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
  4. le eventuali condanne penali riportate, oppure di non aver riportato condanne penali, oppure di essere sottoposto a procedimento penale. La sussistenza di una pregressa condanna penale impedisce l’assunzione qualora si tratti di una condanna per un reato da cui derivi l’interdizione dai pubblici uffici o l’estinzione del rapporto di impiego (artt. 28, 29, 32-ter, 32-quater, 32-quinquies Cod. Pen., artt. 3,4, 5, L. 27 marzo 2001, n. 97). In caso negativo deve esserne dichiarata espressamente l’assenza;
  5. l’assenza di dispensa, destituzione o licenziamento da una Pubblica Amministrazione;
  6. il godimento dei diritti civili e politici;
  7. posizione nei riguardi degli obblighi militari (solo per i candidati di sesso maschile nati prima del 31/12/1985);
  8. possesso dei requisiti generali e specifici di ammissione;
  9. l’eventuale diritto a preferenza nella nomina a parità di punteggio ai sensi dell’art. 5 D.P.R. 9/5/1994, n. 487 e s.m.i. Chi ha titolo a preferenza deve dichiarare dettagliatamente nella domanda i requisiti e le condizioni utili di cui sia in possesso, allegando alla domanda stessa i relativi documenti probatori, pena esclusione dal relativo beneficio;

gli ausili eventualmente necessari per l’espletamento delle prove di esame in relazione ad un’eventuale situazione di handicap, nonché la possibile necessità di tempi aggiuntivi ai sensi dell’art. 20 della Legge n. 104 del 5/2/1992 (è necessario allegare certificazione medica rilasciata da struttura sanitaria abilitata dalla quale si evinca il tipo di ausilio e/o la tempistica aggiuntiva);

il domicilio, il recapito telefonico e l’indirizzo PEC presso il quale sarà fatta all’aspirante, ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione. In caso di mancata comunicazione, vale ad ogni effetto la residenza di cui al punto 1. L’Amministrazione non assume responsabilità per disguidi di notifiche determinati da mancata, errata o tardiva comunicazione di cambiamento di domicilio.

L’omessa indicazione anche di un solo requisito, generale o specifico, o di una delle dichiarazioni aggiuntive richieste dal bando, determina l’esclusione dalla procedura di che trattasi.

Dovranno essere indicati nella domanda di concorso on-line :

Nella sezione REQUISITI (tutti i dati sono OBBLIGATORI e pertanto tutte le caselle vanno compilate)

  1. Il titolo di studio necessario per l’ammissione: il candidato deve specificare la denominazione esatta dell’Università, la sede e la data di conseguimento. Il titolo di studio conseguito all’estero deve avere ottenuto dalle competenti autorità - entro la data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso - il decreto di equipollenza/equiparazione al corrispondente titolo italiano, e gli estremi di tale riconoscimento dovranno essere indicati nella domanda online. Sono ammessi a partecipare al concorso i candidati che, in possesso del titolo di studio conseguito all’estero, abbiano fatto richiesta di equiparazione alle competenti autorità così come disposto dall’art. 38 comma 3 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i.. È obbligatorio allegare il decreto di riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero ovvero la domanda di riconoscimento (nella sezione Allegati ai requisiti).
  2. La specializzazione necessaria per l’ammissione: il candidato deve specificare la data di conseguimento o la data presunta di conseguimento qualora stia ancora frequentando la scuola di specializzazione; deve indicare la denominazione esatta del corso e se è conseguita ai sensi del D.Lgs. 368/99 o del D.Lgs. 257/91. Si precisa che la specializzazione, anche se fatta valere come requisito di ammissione, è valutata tra i titoli di carriera come servizio prestato nel livello iniziale del profilo stesso nel limite massimo della durata del corso di studi, così come previsto dall’art. 45 del D.Lgs. 368/99. Pertanto è necessario che il candidato che intenda usufruire di tali punteggi documenti o dichiari di aver conseguito la propria specialità ai sensi del D.Lgs. 368/99, specificando anche la durata del corso. In mancanza di tali indicazioni non verrà attribuito alcun punteggio. Il candidato deve indicare altresì l’Università presso la quale ha frequentato o frequenta la scuola di specializzazione.
  3. L’iscrizione all’ordine dei medici: il candidato deve specificare la data e il numero di iscrizione, nonché l’ordine presso il quale è iscritto.
  4. Cittadinanza; iscrizione nelle liste elettorali; eventuali condanne penali ed eventuali procedimenti penali pendenti (in caso negativo è obbligatorio scrivere NESSUNO nella casella di testo libero); dispensa, destituzione, licenziamento da una pubblica amministrazione; godimento dei diritti civili e politici, obblighi di leva.

Nella sezione ALLEGATI AI REQUISITI

È possibile allegare:

- l’eventuale decreto di riconoscimento del servizio prestato all’estero;

- l’eventuale documentazione per cittadini extra comunitari;

- l’eventuale documentazione attestante il diritto a preferenze, precedenze e/o figli a carico;

- l’eventuale decreto di equipollenza del titolo di studio conseguito all’estero ovvero copia della domanda di riconoscimento del titolo di studio estero, rilasciati dalle competenti autorità.

Nella sezione TITOLI ACCADEMICI

È possibile inserire il possesso di ulteriori titoli accademici e di studio conseguiti alla data di scadenza del bando, rispetto a quanto già dichiarato nella sezione “Requisiti”.

Nella sezione PUBBLICAZIONI

È possibile allegare le pubblicazioni in un unico file formato.pdf la cui dimensione massima non potrà eccedere i 16 Mb. Si precisa che le pubblicazioni devono essere edite a stampa e che non possono essere valutate quelle dalle quali non risulti l’apporto del candidato.

Nella sezione CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

È possibile allegare il curriculum vitae in formato.pdf, datato e firmato in maniera autografa (o con firma digitale).

Nella sezione TITOLI DI CARRIERA

È possibile inserire le esperienze professionali svolte con contratto di lavoro dipendente (NON contratti libero professionali, co.co.co., co.co.pro, borse di studio o tramite agenzie di lavoro interinale che devono essere indicati nel curriculum vitae allegato) presso Aziende o enti del SSN o presso altre PP.AA. (ivi compresi IRCCS pubblici e privati).

Devono essere indicate:

- le date di inizio e di fine del rapporto i lavoro (nel caso di servizio ancora in corso deve essere indicata come data di termine la data di chiusura della domanda);

- il profilo/qualifica/disciplina ricoperto;

- l’azienda/ente presso il quale il servizio è stato prestato;

- l’eventuale percentuale se il servizio è svolto con orario a tempo parziale.

Nella sezione RIEPILOGO

Deve essere indicato il bisogno di eventuali ausili e/o di tempi aggiuntivi in relazione allo svolgimento delle prove ai sensi della L. 104/92.

Devono essere indicati eventuali motivi di preferenza in caso di parità di punteggio. Chi ha titolo di preferenza per numero di figli a carico dovrà selezionare dal menù a tendina l’opzione “coniugati e non con numero figli”, indicare il numero dei figli nell’apposita casella sottostante, nonché specificare nome, cognome, data e luogo di nascita dei figli in apposita autocertificazione da allegare nella sezione “Allegati ai requisiti”.

Deve essere allegato il documento di identità.

Devono essere concessi i consensi richiesti.

Dovranno essere indicati nel curriculum vitae da allegare alla domanda di concorso on-line :

- Il possesso di eventuali ulteriori titoli di studio: il candidato deve specificare l’esatta denominazione della struttura presso la quale sono stati conseguiti, la sede della stessa e la data di conseguimento;

- i servizi svolti presso Enti e Aziende Private con qualsiasi tipologia contrattuale (ivi compresi i contratti libero-professionali e di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto): il candidato deve specificare l’esatta denominazione e l’indirizzo dell’ente presso il quale il servizio è stato prestato, la qualifica/profilo professionale/disciplina, l’eventuale categoria di inquadramento, la struttura presso la quale l’attività è stata svolta, la data di inizio e la data di termine, l’impegno orario settimanale e/o mensile, l’oggetto del contratto o del progetto e l’apporto del candidato alla sua realizzazione;

- l’eventuale partecipazione a corsi di aggiornamento, convegni, seminari: il candidato deve indicare la denominazione dell’ente che organizza il corso, sede e data di svolgimento, numero di ore formative effettuate e se trattasi di eventi con verifica finale;

- gli incarichi di docenza conferiti da enti pubblici: il candidato deve indicare la denominazione dell’ente che ha conferito l’incarico, l’oggetto/materia della docenza e le ore effettive di lezione svolte.

- I dati personali saranno trattati nel rispetto del D.Lgs. n. 196/03 per le parti ancora valide, in quanto non in contrasto con il Reg. UE 2016/679 (Regolamento europeo per la protezione dei dati personali), che costituisce attualmente il riferimento normativo fondamentale in materia. La presentazione della domanda da parte del candidato implica il consenso al trattamento dei propri dati personali, compresi i dati sensibili, a cura del personale assegnato all’ufficio preposto alla conservazione delle domande ed all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure concorsuali.

Ai sensi dell’articolo 13 GDPR 2016/679, i dati personali forniti dai candidati o acquisiti d’ufficiosaranno raccolti presso gli Uffici Concorsi delle Aziende partecipanti alla presente procedura, anche in banca dati automatizzata, per le finalità inerenti la gestione della procedura e saranno trattati dai medesimi Servizi anche successivamente, a seguito di eventuale instaurazione di rapporto di lavoro, per la gestione dello stesso. Tali dati potranno essere sottoposti ad accesso da parte di coloro che sono portatori di un concreto interesse ai sensi dell’art. 22 della L. 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni nonché per i successivi adempimenti previsti dalla normativa vigente, ivi compreso il D. Lgs 33/13.

L’indicazione dei dati richiesti è obbligatoria ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione, pena l’esclusione dalla procedura.

Ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. 196/03 e degli artt. 15 e seguenti del GDPR 2016/679, i candidati hanno diritto di accedere ai dati che li riguardano e di chiederne l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, nonché la cancellazione di dati non pertinenti o raccolti in modo non conforme alle norme. L’interessato può, altresì, opporsi al trattamento per motivi legittimi.

Il titolare del trattamento è l’Azienda USL di Piacenza.

Per la raccolta delle domande per via telematica e per il trattamento dei dati ivi contenuti è stato individuato quale Responsabile l’Azienda USL di Piacenza.

4. Motivi di esclusione dal concorso

  • Il mancato rispetto delle modalità di inoltro della domanda;
  • il mancato rispetto dei termini perentori per l’invio della domanda di partecipazione indicati nel presente bando;
  • il mancato possesso dei requisiti generali e specifici per la partecipazione al concorso indicati nel presente bando;
  • la mancata allegazione di documenti espressamenti richiesti nella domanda;
  • l’esclusione dall’elettorato attivo;
  • la sottoposizione a misure di prevenzione e sicurezza;
  • l’interdizione perpetua o temporanea – per il tempo della stessa – dai pubblici uffici;
  • la destituzione o la dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  • licenziamento da una Pubblica Amministrazione a decorrere dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo dell’Area della Dirigenza Sanitaria.

5. Commissione esaminatrice

La Commissione esaminatrice sarà nominata secondo le modalità previste dagli artt. 5 e 6 del D.P.R. n. 483/97.

Le operazioni di sorteggio sono pubbliche e avranno luogo presso la Sala Riunioni dell’Azienda USL di Piacenza sita in Piacenza, via A. Anguissola n. 15, primo piano, il primo lunedì non festivo successivo alla scadenza del termine utile per la presentazione delle domande, con inizio alle ore 9.00.

I sorteggi che non possono avere luogo nel giorno sopraindicato, perché coincidenti con giorno non lavorativo o per motivi di forza maggiore, ovvero che debbano essere ripetuti per la sostituzione dei sorteggiati, saranno effettuati sempre presso i locali suddetti e con inizio alle ore 9 del primo giovedì successivo e, ove necessario, del primo lunedì successivo e così si proseguirà con la stessa cadenza, fino al completamento delle estrazioni di tutti i componenti.

La commissione sarà composta in conformità a quanto previsto dall’art. 25 del D.P.R. 483/1997.

6. Prove

Le prove di esame sono le seguenti:

Prova Scritta:

relazione su un caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti la disciplina stessa;

Prova Pratica:

su tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso. La prova pratica deve comunque essere anche illustrata schematicamente per iscritto.

Prova Orale:

sulle materie inerenti la disciplina a concorso nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire.

La prova orale si svolgerà in un’aula aperta al pubblico.

Il superamento di ciascuna delle previste prove (scritta e pratica) è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30.

Il superamento della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici, di almeno 14/20.

Ai sensi degli artt. 15 e 16 del DPR 483/97, l’ammissione alla prova pratica e alla prova orale sono subordinate rispettivamente al conseguimento dei punteggi minimi previsti, nella prova scritta e nella prova pratica.

Ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. 165/2001 è previsto l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.

Ai candidati che conseguono l’ammissione alle prove pratica ed orale verrà data comunicazione con l’indicazione del voto riportato nelle prove.

La Commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

a) 20 punti per i titoli;

b) 80 punti per le prove d'esame.

I punti per le prove d'esame sono così ripartiti:

a) 30 punti per la prova scritta;

b) 30 punti per la prova pratica;

c) 20 punti per la prova orale.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

a) titoli di carriera: 10;

b) titoli accademici e di studio: 3;

c) pubblicazioni e titoli scientifici: 3;

d) curriculum formativo e professionale: 4.

7. Convocazione dei candidati ammessi al concorso e prove d’esame

I candidati ammessi saranno avvisati con lettera raccomandata con avviso di ricevimento/PEC del luogo e della data della prima prova almeno 15 giorni prima della data della prova stessa.

Il calendario delle successive prove sarà comunicato nel rispetto dei termini previsti dall’art. 7 del D.P.R. n. 483/1997.

Qualora le prove previste dal bando si svolgano tutte nella stessa giornata ai candidati sarà trasmesso un unico avviso almeno 20 giorni prima della data fissata per le prove stesse.

Alle prove d’esame i candidati dovranno presentarsi muniti di documento valido d’identità personale, a norma di legge, nonché di una delle certificazioni verdi Covid-19 di cui all’art. 9, comma 2, del D.L. 52/2021 convertito dalla L. 87/2021.

8. Approvazione ed utilizzazione della graduatoria

La Commissione Esaminatrice rassegnerà all’Amministrazione dell’Azienda USL di Piacenza le graduatorie di merito.

Il Direttore dell’U.O. Risorse Umane dell’AUSL di Piacenza, riconosciuta la regolarità degli atti del concorso, li approva.

Le graduatorie di merito sono approvate con provvedimento del Direttore dell’U.O. Risorse Umane e sono immediatamente efficaci.

A tal proposito verranno redatte due graduatorie:

- una prima graduatoria relativa ai soli candidati in possesso del diploma di specializzazione alla data di scadenza del bando;

- una seconda graduatoria relativa ai candidati che alla data di scadenza del bando sono ancora iscritti al corso di formazione specialistica.

La nomina dei vincitori sarà disposta dal Direttore dell’U.O. Risorse Umane, tenendo conto dell’ordine di graduatoria.

Verrà prioritariamente utilizzata la graduatoria formulata con i soli candidati in possesso del titolo di specializzazione alla data di scadenza del bando. Solo all’esaurimento della prima graduatoria si provvederà ad utilizzare la seconda graduatoria.

L’assunzione a tempo indeterminato dei candidati inseriti nella seconda graduatoria è comunque subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione; pertanto, qualora il candidato interpellato non avesse ancora conseguito il diploma di specializzazione, si provvederà ad interpellare il successivo in ordine di graduatoria.

In caso di parità di punteggio verranno applicate le preferenze previste dall’art. 5 del DPR n. 487/1994 e successive modifiche ed integrazioni.

Tutte le condizioni stabilite dalle vigenti disposizioni di legge che danno diritto alla precedenza e/o preferenza in caso di parità di punteggio saranno osservate purché alla domanda di ammissione al concorso siano uniti i necessari documenti probatori.

La graduatoria dei vincitori dei concorsi è pubblicata sul sito internet aziendale e nel B.U.R.

La graduatoria dei vincitori rimane efficace per un termine di due anni dalla data della approvazione (art. 1 co.149 L. 27/12/2019, n. 160) per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito e che successivamente ed entro tale data dovessero rendersi disponibili, compatibilmente con i contenuti del Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale (PTFP).

La graduatoria, entro il periodo di validità, sarà utilizzata altresì per il conferimento, secondo l’ordine della stessa, di incarichi a tempo determinato per la copertura di posti della medesima posizione funzionale e disciplina, disponibili per assenza o impedimento del titolare.

9. Adempimenti del vincitore

Il concorrente dichiarato vincitore sarà invitato a stipulare apposito contratto individuale di lavoro ex art. 11 del C.C.N.L. Area sanità 19/12/2019, subordinatamente alla presentazione, nel termine di 30 giorni dalla richiesta dell’Azienda U.S.L. - sotto pena di mancata stipula del contratto medesimo - dei documenti elencati nella richiesta stessa.

Il contratto individuale di lavoro si risolve di diritto:

- quando il candidato non assume servizio alla data stabilita, salvo proroga per giustificato e documentato motivo;

- in assenza di uno dei requisiti generali o specifici richiesti, accertata in sede di controllo delle dichiarazioni rese.

Qualora a seguito dei controlli effettuati ai sensi dell’art. 71 del DPR n. 445/2000, dovesse emergere la non veridicità delle dichiarazioni effettuate, l’interessato decadrà dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere, e ciò ai sensi dell’art. 75 del medesimo DPR.

L’assunzione è subordinata al possesso dell’idoneità piena ed incondizionata alla mansione specifica espressa dal Medico Competente. L’accertamento sarà effettuato prima dell’immissione in servizio.

La partecipazione al concorso presuppone l’integrale conoscenza da parte dei concorrenti delle norme e delle disposizioni di legge inerenti ai pubblici concorsi, delle forme e prescrizioni relative ai documenti ed atti da presentare e comporta, implicitamente, la piena accettazione di tutte le condizioni alle quali la nomina deve intendersi soggetta, delle norme di legge vigenti in materia, delle norme regolamentari dell’Azienda e delle loro future eventuali modificazioni.

Si richiamano le disposizioni in materia di inconferibilità e di incompatibilità di cui agli artt. 4 e 9 D. Lgs. 39/2013.

Si avvisano i candidati che coloro che verranno assunti saranno tenuti all’osservanza dei principi contenuti nel “Codice di Comportamento dei Dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni” e nel Codice di Comportamento Aziendale; la violazione degli obblighi di cui ai suddetti Codici comporterà la risoluzione o la decadenza dal rapporto in oggetto.

La perdita dei requisiti di cui all’art. 38 c. 1 e c. 3 bis D. Lgs 165/01 e s.m.i., durante lo svolgimento dell’incarico, sarà causa di risoluzione immediata del contratto individuale di lavoro.

L’assunzione in servizio del vincitore resta subordinata all’ottenimento della necessaria autorizzazione regionale e alla relativa disponibilità di bilancio;

10. Disposizioni finali

L’Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza si riserva la facoltà di prorogare, sospendere o annullare il bando in relazione all’esistenza di ragioni di pubblico interesse concreto ed attuale. Si riserva altresì la facoltà di revocare il presente concorso in conseguenza delle mutate esigenze dei servizi, dei presidi o di altre strutture delle Aziende interessate, nonché in conseguenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni.

Con la partecipazione al presente bando i candidati si impegnano ad accettare incondizionatamente e senza riserve tutte le prescrizioni e precisazioni del presente bando, quale lex specialis della presente procedura selettiva.

Per le informazioni sulla presentazione delle domande on-line gli interessati potranno rivolgersi ai competenti uffici dell’Azienda USL di Piacenza (tel. 0523.398821 / 8795).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it