E-R | BUR

n.123 del 28.04.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Emergenza COVID-19 - Modifica deliberazioni di Giunta regionale n. 2086/2019, n. 303/2020, n. 1000/2020, n. 1328/2020 e n. 1666/2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6 “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”;

Vista l’ordinanza contingibile e urgente n. 1, “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, firmata dal Ministro della salute e dal Presidente della Regione Emilia-Romagna il 23/2/2020;

Dato atto che in attuazione del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con successivi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri ed Ordinanze del Presidente della Regione sono state adottate misure di sorveglianza sanitaria per contenere e mitigare la diffusione della malattia infettiva diffusiva COVID-19, provvedimenti di sospensione delle attività economiche e sociali e di limitazione della circolazione, perdurate per tutto il periodo del cd. lock-down;

Visto il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

Visto il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

Visto il decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125 “Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché per l'attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020”;

Visto il decreto-legge 14 gennaio 2021, n. 2 “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l'anno 2021”, con cui è stato prorogato, fino al 30 aprile 2021, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Dato atto che in attuazione delle sopracitate norme con successivi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri ed Ordinanze del Presidente della Regione sono state adottate misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, provvedimenti di sospensione delle attività economiche e sociali e di limitazione della circolazione;

Considerato che la perdurante fase emergenziale allo stato attuale limita notevolmente o sospende le attività economiche e sociali, con particolare riferimento alle attività in ambito turistico;

Preso atto che in tale fase gli Enti locali e le imprese ravvisano criticità nella realizzazione di attività e progetti per i quali abbiano ottenuto contributi, con particolare riferimento ai progetti di promozione in corso, e possono quindi incontrare difficoltà nel rispettare i previsti termini di conclusione e rendicontazione dei progetti finanziati;

Richiamate in particolare le proprie deliberazioni n. 2086/
2019, n. 303/2020, n. 1000/2020, n. 1328/2020 e n. 1666/2020 con le quali si è proceduto alla approvazione e finanziamento dei Programmi annuali di attività delle Destinazioni Turistiche per l’anno 2020, ai sensi della L.R. n. 4/2016 ed in attuazione della propria deliberazione n. 786/2017 e s.m.i.;

Considerato che nelle predette proprie deliberazioni sono stati, tra l’altro, stabiliti i termini per la realizzazione dei progetti e per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo regionale concesso, indicati rispettivamente nel 31/12/2020 e nel 28/2/2021, prevedendo la possibilità di prorogare tali termini per un periodo massimo di tre mesi;

Dato atto che con la determinazione dirigenziale n. 22247 del 11/12/2020:

- è stata concessa alle Destinazioni Turistiche e alla Provincia di Modena la proroga massima consentita per la realizzazione, rispettivamente, dei Programmi annuali di attività turistiche e del Programma turistico di promozione locale;

- è stata approvata una modifica Programma di Promozione turistica Locale 2020 della Destinazione Turistica Romagna;

Preso atto che la Destinazione Turistica Romagna (Province di Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini), con nota acquisite agli atti del Servizio Turismo, Commercio e Sport con prot. n. PG/6546 del 7/1/2021, ha comunicato la modifica apportata al Programma Turistico di promozione locale 2020, approvata con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 13 del 28/12/2020, con la quale si è preso atto della mancata realizzazione, causa COVID-19, del progetto presentato dal Comune di Goro riferito all’ambito dei Servizi Turistici relativi all’Informazione ed Accoglienza Turistica a sostegno del proprio Ufficio UIT, che è quindi stato revocato, e si è stabilito di procedere alla ridefinizione del riparto tra i diversi filoni di intervento del contributo concesso, assegnando parte delle economie al nuovo progetto presentato dal Comune di San Giovanni in Marignano “Eventi a San Giovanni”, a seguito dell’esclusione dai finanziamenti del progetto denominato “La notte delle streghe” in quanto sotto soglia;

Ritenuto di approvare la sopra descritta modifica apportata al Programma di Promozione turistica Locale 2020 della Destinazione Turistica Romagna;

Ritenuto inoltre di modificare le sopracitate deliberazioni consentendo, su motivata richiesta dei beneficiari, l’ulteriore proroga delle scadenze dei termini per la realizzazione e rendicontazione dei programmi, da richiedere entro il 31 marzo 2021, come di seguito specificato:

  • termine massimo della proroga per l’ultimazione delle attività:30/6/2021;
  • termine massimo della proroga per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo/trasferimento regionale concesso:31/8/2021;

Visti:

- il D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 111 del 28/1/2021, avente ad oggetto “Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza. Anni 2021-2023”;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni e integrazioni;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii.;

- n. 468/2017, n. 2013/2020, n. 2018/2020 e n. 3/2021;

Richiamate inoltre le seguenti determinazioni del Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro, dell’Impresa:

- n. 2373 del 22 febbraio 2018 “Conferimento dell'incarico dirigenziale di responsabile del Servizio ‘Turismo, Commercio e Sport’”;

- n. 23213 del 30 dicembre 2020 ad oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali e proroga degli incarichi dirigenziali in scadenza”;

Viste le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Attestata la regolarità dell’istruttoria e dell’assenza di conflitti di interesse da parte del Responsabile del procedimento;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore regionale Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa e che si intendono qui integralmente richiamate:

1. di approvare la modifica apportata al Programma di Promozione turistica Locale 2020 della Destinazione Turistica Romagna (Province di Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini), ai sensi della propria deliberazione n. 786/2017 e ss.mm.ii. e come da documentazione agli atti;

2. di modificare le proprie deliberazioni n. 2086/2019, n. 303/2020, n. 1000/2020, n. 1328/2020 e n. 1666/2020 consentendo, su motivata richiesta dei beneficiari, l’ulteriore proroga delle scadenze dei termini per la realizzazione e rendicontazione dei programmi, da richiedere entro il 31 marzo 2021, come di seguito specificato:

  • termine massimo della proroga per l’ultimazione delle attività: 30/6/2021;
  • termine massimo della proroga per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo/trasferimento regionale concesso: 31/8/2021;

3. che alla concessione delle proroghe richieste provvederà con proprio atto il dirigente regionale competente;

4. di pubblicare integralmente il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico;

5. di disporre, infine, che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa inclusa la pubblicazione ulteriore prevista dal piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza, ai sensi dell’art. 7 bis, comma 3, del D.Lgs. n. 33 del 2013 e ss.mm.ii..

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it