E-R | BUR

n. 98 del 29.07.2010 (Parte Seconda)

XHTML preview

Programma di Sviluppo rurale 2007-2013 e Reg. CE n. 1698/2005. Ridefinizione Programmi Operativi misure 112 e 121 a decorrere dall'annualità finanziaria 2011

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR) e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1290/2005 del Consiglio sul finanziamento della politica agricola comune e successive modifiche ed integrazioni;

- la Decisione n. 144/2006 del Consiglio relativa agli orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale (programmazione 2007-2013), come da ultimo modificata dalla Decisione n. 61/2009 del Consiglio;

- il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1975/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 relativamente all’attuazione delle procedure di controllo e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 883/2006 della Commissione europea applicativo del Regolamento (CE) n. 1290/2005 concernente la tenuta dei conti degli organismi pagatori, le dichiarazioni di spesa e di entrata e le condizioni di rimborso delle spese nell’ambito del FEAGA e del FEASR e successive modifiche ed integrazioni;

Richiamati:

- il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 (PSR) della Regione Emilia-Romagna nella formulazione allegata quale parte integrante alla deliberazione della Giunta regionale n. 2282 del 28 dicembre 2009, risultante dalle modificazioni proposte dalla Regione Emilia-Romagna e da ultimo approvate dalla Commissione europea con Decisione C(2009)10344 del 17 dicembre 2009;

- le proprie deliberazioni n. 167 dell’11 febbraio 2008 e n. 631 dell’11 maggio 2009 concernenti, tra l’altro, rispettivamente l’approvazione dei Programmi Operativi delle Misure 112 “Insediamento di giovani agricoltori” e 121 “Ammodernamento delle aziende agricole” del PSR e la ridefinizione dei suddetti Programmi;

Richiamate altresì:

- la Legge 3 agosto 2009, n. 117 recante “Distacco dei Comuni di Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria e Talamello dalla Regione Marche e loro aggregazione alla Regione Emilia-Romagna, nell’ambito della Provincia di Rimini, ai sensi dell’articolo 132, secondo comma, della Costituzione”;

- la Legge regionale 4 novembre 2009, n. 17, con cui la Regione Emilia-Romagna - al fine di garantire continuità sia nell’erogazione dei servizi sia nello svolgimento dei procedimenti dei livelli istituzionali interessati - ha adottato specifiche misure di attuazione della legge nazionale;

Atteso che, in applicazione della citata Legge regionale, con propria deliberazione n. 213 dell’8 febbraio 2010 è stato approvato lo schema d’Intesa tra le due Regioni e - tra gli altri - uno specifico “Protocollo operativo” in ordine all’esercizio delle funzioni agricole ed alla gestione di procedimenti di erogazione di aiuti e contributi comunitari e nazionali nei territori dei Comuni distaccati ai sensi della Legge 3 agosto 2009, n. 117, nell’ambito del quale sono stati espressamente disciplinati alcuni punti chiave di regolazione degli aspetti procedurali per facilitare il processo di successione nella gestione delle istanze agevolative, con particolare riferimento al Programma di Sviluppo Rurale di entrambe le Regioni coinvolte;

Considerato:

- che le strutture regionali hanno individuato un percorso unitario con gli uffici della Commissione europea in merito alla necessaria modifica delle programmazioni di entrambe le Regioni da sottoporre all’approvazione della Commissione stessa, al fine di garantire copertura ai territori ed ai potenziali beneficiari pubblici e privati;

- che, in base a quanto condiviso e recepito nel Protocollo e nell’Intesa soprarichiamati, la data da assumere a riferimento per stabilire l’ammissibilità delle spese a valere sul PSR della Regione Emilia-Romagna per i territori dell’Alta Valmarecchia coincide con la data di notifica delle modifiche apportate ad entrambi i PSR;

Rilevato:

- che - in relazione al contesto di modifica dell’assetto territoriale sopradescritto - con deliberazione n. 748 dell’8 giugno 2010 sono state approvate le necessarie modifiche al PSR specie per quanto attiene la ridefinizione delle priorità settoriali con riferimento ai territori dell’Alta Valmarecchia;

- che, nelle more di tali modifiche, con deliberazione n. 615 del 24 maggio 2010 - vista la necessità di garantire ai potenziali beneficiari dei suddetti territori la possibilità di accedere ai finanziamenti del PSR, avendo riguardo alle peculiarità del tessuto produttivo agricolo ed alle esigenze di intervento connesse ai settori identificati quali prioritari localmente - era stata posticipata la decorrenza della presentazione delle domande delle Misure 112 e 121 del PSR a valere sull’esercizio 2011 – precedentemente fissata al 1° giugno 2010 - rimandando la riattivazione di dette misure a diversa data, compatibile con l’applicazione delle nuove priorità conseguenti al nuovo assetto regionale;

- che, peraltro, con la citata deliberazione n. 615/2010 era stata concessa la possibilità di presentare - con valore di pre-adesione ai nuovi bandi - domande sulla Misura 112, e delle eventuali domande sulla Misura 121 collegate alla Misura 112, in accordo alle modalità già previste dai vigenti Programmi Operativi di Misura, fermo restando che tali istanze avrebbero dovuto essere perfezionate ed ordinate nelle graduatorie di merito previa valutazione da effettuarsi secondo i criteri di ammissibilità e priorità espressamente riportati nei nuovi bandi;

- che, analogamente, stante il ritardo connesso all’espletarsi delle procedure di notifica collegate al mancato corrispondente adempimento da parte del MIPAAF con riferimento al Programma Strategico nazionale, con deliberazione n. 819 del 21 giugno 2010 è stata ammessa la presentazione - con valore di pre-adesione ai nuovi bandi – anche di domande sulla Misura 121, in accordo alle modalità già previste dal vigente Programma Operativo di Misura di cui alla deliberazione n. 631/2009;

- che, tuttavia, per quanto riguarda le imprese dell’Alta Valmarecchia la possibilità di presentare istanze di pre- adesione alle Misure 112 e 121 è comunque subordinata all’effettiva notifica delle modifiche del PSR alla Commissione europea;

Considerato che la Direzione Generale Agricoltura ha provveduto agli adempimenti connessi alle prescrizioni comunitarie in data 8 luglio 2010 e che pertanto sussistono le condizioni per poter procedere all’approvazione dei Programmi Operativi delle Misure 112 e 121 del PSR;

Atteso:

- che in sede operativa non sono ancora state attivate alcune modifiche al PSR approvate dalla Commissione con la citata Decisione C(2009)10344 del 17 dicembre 2009 e concernenti, tra l’altro, la demarcazione tra OCM Ortofrutta e PSR;

- che pertanto è opportuno recepire dette modifiche nelle disposizioni attuative della Misura 121 al fine di renderle pienamente efficaci;

- che inoltre è opportuno procedere alla modifica di alcuni aspetti conseguenti alle problematiche emerse nella fase di attuazione;

Richiamata la L.R. 30 maggio 1997, n. 15 e successive modifiche recante norme per l’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura;

Dato atto:

- che i Programmi Operativi relativi alle Misure 112 e 121 - in funzione di quanto indicato nelle modalità attuative individuate nel PSR - costituiscono presupposto per la predisposizione e l’emanazione, da parte degli Enti territoriali competenti, di bandi per la presentazione di istanze di aiuto;

- che successivamente all’esecutività della presente deliberazione i suddetti Enti territoriali devono provvedere all’emanazione degli atti di loro competenza in conformità ai contenuti dei nuovi Programmi Operativi ed in tempo utile a consentire la presentazione delle istanze a decorrere dal 1° settembre 2010;

Ritenuto pertanto di approvare le nuove formulazioni dei Programmi Operativi rispettivamente della Misura 112 “Insediamento dei giovani agricoltori” e della Misura 121 “Ammodernamento delle aziende agricole” quali risultanti rispettivamente dagli Allegati 1) e 2) alla presente deliberazione;

Ritenuto inoltre di disporre che coloro che hanno presentato domanda di pre-adesione alla Misura 112 ed eventuale domanda collegata a valere sulla Misura 121, o domanda di pre-adesione alla Misura 121, ai sensi delle citate deliberazioni n. 615/2010 e n. 819/2010 debbano perfezionare tali istanze improrogabilmente entro il 29 ottobre 2010, pena la decadenza dell’istanza stessa;

Viste:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche, ed in particolare l’art. 37, comma 4;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore all’Agricoltura, Tiberio Rabboni;

a voti unanimi e palesi, delibera:

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;

2) di approvare pertanto quale parte integrante e sostanziale del presente dispositivo la nuova formulazione dei Programmi Operativi afferenti la Misura 112 “Insediamento di giovani agricoltori” e la Misura 121 “Ammodernamento delle aziende Agricole”, quali risultanti rispettivamente dagli Allegati 1) e 2) alla presente deliberazione;

3) di dare atto:

a) che i suddetti Programmi Operativi costituiscono presupposto per la predisposizione e l’emanazione, da parte degli Enti territoriali competenti, di specifici bandi per la presentazione a decorrere dal 1° settembre 2010 di istanze di aiuto per l’annualità finanziaria 2011;

b) che con i suddetti Programmi si pongono in attuazione, tra l’altro, le modifiche relative alla demarcazione tra OCM Ortofrutta e PSR quali approvate dalla Commissione Europea con Decisione C(2009)10344 del 17 dicembre 2009;

4) di dare atto che i bandi territoriali dovranno prevedere che coloro che hanno presentato domanda di pre-adesione alla Misura 112 ed eventualmente predomanda collegata a valere sulla Misura 121, nonché pre-adesione alla Misura 121 secondo quanto previsto rispettivamente nelle deliberazioni n. 615/2010 e n. 819/2010, debbano perfezionare l’istanza improrogabilmente entro il 29 ottobre 2010, pena la decadenza dell’istanza stessa;

5) di dare atto altresì che le istanze di cui al punto precedente debbano essere ordinate nelle graduatorie di merito previa valutazione da effettuarsi secondo i criteri di ammissibilità e priorità riportati nei nuovi bandi territoriali;

6) di dare atto inoltre che – in relazione a quanto già previsto nelle deliberazioni n. 615/2010, n. 748/2010 e n. 819/2010 - la data da assumere a riferimento per stabilire l’ammissibilità delle spese a valere sul PSR della Regione Emilia-Romagna per i territori dell’Alta Valmarecchia coincide con la data di notifica alla Commissione europea delle modifiche apportate ad entrambi i PSR avvenuta contestualmente in data 8 luglio 2010;

7) di dare atto infine che, secondo quanto già previsto nella citata deliberazione n. 748/2010, l’adozione dei provvedimenti di concessione degli aiuti a favore dei beneficiari dei territori dell’Alta Valmarecchia resta comunque subordinata alle decisioni assunte dalla Commissione europea in sede di approvazione delle modifiche al PSR, nella formulazione allegata quale parte integrante alla medesima deliberazione n. 748/2010;

8) di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che il Servizio Aiuti alle imprese provvederà a darne la più ampia diffusione anche sul sito internet Ermesagricoltura. 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it