E-R | BUR

n.77 del 08.04.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modifica al programma straordinario di investimenti in sanità, ex art. 20 L. 67/1988, approvato con delibera di Assemblea legislativa n. 185 del 22 luglio 2008, e al programma regionale "La rete delle cure palliative" di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1245 del 1° agosto 2005. (Proposta della Giunta regionale in data 23 febbraio 2015, n. 151)

L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Richiamata la deliberazione della Giunta regionale, progr. n. 151 del 23 febbraio 2015, recante ad oggetto ""Modifica al programma straordinario di investimenti in sanità, ex art. 20 L. 67/1988, approvato con delibera di Assemblea legislativa n. 185 del 22 luglio 2008, e al programma regionale "La rete delle cure palliative" di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1245 del 1° agosto 2005"";

Preso atto del favorevole parere espresso dalla commissione referente "Politiche per la salute e politiche sociali" di questa Assemblea legislativa, giusta nota prot. AL/2015/0010797 in data 12 marzo 2015;

Previa votazione palese, attraverso l’uso del dispositivo elettronico, che dà il seguente risultato:

presenti n. 43

assenti n. 7

votanti n. 42

favorevoli n. 28

contrari n. 14

astenuti n. --

delibera:

- di approvare le proposte contenute nella deliberazione della Giunta regionale, progr. n. 151 del 23 febbraio 2015, sopra citata e qui allegata quale parte integrante e sostanziale;

- di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che l’art. 20 della Legge 11 marzo 1988, n. 67 autorizzava l’esecuzione di un programma pluriennale di interventi in materia di ristrutturazione edilizia e di ammodernamento tecnologico del patrimonio sanitario pubblico, e di realizzazione di residenze sanitarie per soggetti non autosufficienti; 

Vista la Legge finanziaria per il 2007 che ha elevato la dotazione di risorse per il Programma pluriennale di interventi avviato con l’articolo 20 della L. 67/88 a complessivi 20 miliardi di Euro; 

Vista la delibera CIPE 25 gennaio 2008, n. 4 (Prosecuzione del programma pluriennale nazionale straordinario di investimenti in sanità di cui all’art. 20 della legge 11 marzo 1988, n. 67 e successive modificazioni) con la quale si è provveduto alla ripartizione alle Regioni delle suddette risorse finanziarie aggiuntive pari a € 2.424.971.723,98, assegnando alla Regione Emilia-Romagna risorse pari a € 163.576.871,80; 

Vista la delibera dell’Assemblea Legislativa n. 185 del 22 luglio 2008 di "Approvazione del quinto aggiornamento del programma regionale di investimenti in sanità ai sensi dell'art. 36 della L.R. 23 dicembre 2002 n. 38 e contestuale approvazione del programma straordinario di investimenti in sanità, ex art. 20 della legge 67/1988 - IV fase" nella quale, all’Allegato H, viene approvato un programma di ripartizione di tali risorse, integrate con la quota aggiuntiva pari a € 8.609.309,04 a carico della Regione Emilia-Romagna (5%), ai sensi del comma 1 del citato art. 20 L.67/88; 

Considerato che in data 16 aprile 2009 il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha siglato con la Regione Emilia-Romagna un Accordo di programma integrativo per il settore degli investimenti sanitari ex art. 20 L. 67/88 – IV fase -, finalizzato alla realizzazione di n. 48 interventi, approvati con delibera di Assemblea Legislativa n. 185 del 22 luglio 2008 sopracitata fra cui, in particolare l'intervento n. H.13 dell’Azienda Usl di Modena, “Ristrutturazione Servizio Presidio Diagnosi e Cura”, finanziamento complessivo pari a € 2.105.000,00 di cui € 1.999.750,00 a carico dello Stato e € 105.250,00 a carico della Regione (5%)

Visti altresì:

- la propria deliberazione n. 456 del 1° marzo 2000 con la quale è stato approvato il Programma regionale “La rete delle cure palliative” che evidenzia tra l’altro, la necessità di prevedere la realizzazione di strutture residenziali, a gestione ospedaliera o territoriale, dedicate agli ammalati nella fase terminale della vita, programmando la loro realizzazione in ambito provinciale, nel rispetto degli standard regionali;

- la propria deliberazione n. 1602/2000 Piano sanitario regionale 1999-2001. Programma “La rete delle cure palliative: Provvedimenti attuativi”, con la quale sono state individuate, nell’allegato B, le strutture per le quali è stato richiesto il finanziamento statale, per la realizzazione dei centri residenziali per le cure palliative (Hospice);

- il Decreto del Ministero della Sanità del 28 marzo 2001, con il quale è stato approvato ed ammesso a finanziamento il Piano regionale di cui all’allegato B della deliberazione n. 1602/2000 per complessivi euro 11.023.283,02;

- la propria deliberazione n. 1245 del 1° agosto 2005 “Variazione al Programma regionale – La rete delle cure palliative – di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1602/2000” con la quale viene modificato il programma regionale “La rete delle cure palliative”, di cui all’allegato B della DGR 1602/2000 sopra citata, sostituendo l’ intervento previsto per l’Azienda USL di Modena “Concordia:ristrutturazione ex-ospedale”, con l’intervento “Realizzazione di un Hospice presso il nuovo ospedale S. Agostino- Estense di Baggiovara”, finanziamento statale assegnato pari a € 1.306.894,18;

Considerato che con nota Prot. 60515 dell’8 agosto 2013 il Direttore Generale dell’Azienda Usl di Modena ha richiesto la sostituzione dell’intervento H.13 “Ristrutturazione Servizio Presidio Diagnosi e Cura” di cui alla delibera dell’Assemblea Legislativa n. 185 del 22 luglio 2008 sopracitata e dell’intervento “Realizzazione di un Hospice presso il nuovo ospedale S. Agostino-Estense di Baggiovara” del Programma regionale “La rete delle cure palliative” di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1245 dell’ 1 agosto 2005, con l’intervento di “Ristrutturazione e miglioramento del complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia, finalizzato al riassetto complessivo dei servizi sanitari destinati al territorio ed alla realizzazione di un Hospice” per le motivazioni di seguito elencate: 

1. I lavori relativi alla “Realizzazione di un Hospice presso il nuovo ospedale S. Agostino - Estense di Baggiovara” si sono regolarmente conclusi nell’agosto del 2008 ma la funzione di Hospice non è mai stata attivata a fronte della necessità dell’Azienda di trasferire temporaneamente in tale struttura il reparto di Struttura Psichiatrica Diagnosi e Cura (SPDC) la cui sede presentava gravi condizioni di inadeguatezza strutturale;

2. L’SPDC pur essendo una funzione ospedaliera dell’Azienda Usl di Modena, era collocato in una porzione di edificio di proprietà dell’Azienda Ospedaliera di Modena con cui l’Azienda Usl aveva stipulato un contratto di concessione d’uso per 35 anni; 

3. Il cantiere dei lavori dell’intervento H.13 “Ristrutturazione Servizio Presidio Diagnosi e Cura” viene aperto nel marzo del 2012 e sospeso nel maggio del 2012 in quanto l’impresa aggiudicataria rimane direttamente coinvolta dagli eventi sismici. In data 24 aprile 2013, poco dopo la ripresa dei lavori, avviene il collasso improvviso del corpo di fabbrica nel quale erano in corso i lavori dell’intervento H.13 soprarichiamato. Pertanto l’edificio inizialmente destinato a Struttura Psichiatrica Diagnosi e Cura (SPDC) non esiste più;

4. La sede inizialmente provvisoria dell’SPDC presso il nuovo ospedale S. Agostino - Estense di Baggiovara, viene confermata definitiva in quanto:

  1. la Programmazione Sanitaria Provinciale ha individuato l’Ospedale di Baggiovara come centro HUB per le funzioni di Emergenza Urgenza, nelle quali ben si colloca anche la funzione di cura delle emergenze ed urgenze psichiatriche;
  2. l’Azienda utilizzando fondi aziendali è intervenuta per adattare la sede attuale dell’SPDC alla diversa funzione rispetto a quella originariamente prevista (Hospice), rendendo tale reparto pienamente conforme agli standard normativi e sanitari;
  3. L’attuale sede dell’SPDC risulta ben collegata da comodi servizi di pubblico trasporto (bus e ferrovia locale) e dalla rete stradale urbana;

5. La funzione di Hospice, originariamente pensata presso il nuovo ospedale S. Agostino - Estense di Baggiovara può trovare più consona ubicazione in una struttura quale l’Ospedale di Castelfranco Emilia, circondato da un parco, situato a pochi chilometri da Modena città nella fascia centrale della provincia, anche in coerenza con le più recenti indicazioni ed indirizzi in tema di razionalizzazione della distribuzione dei posti letto ospedalieri e di realizzazione dei servizi integrati sul territorio;

6. L’intervento proposto denominato “Ristrutturazione e miglioramento del complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia, finalizzato al riassetto complessivo dei servizi sanitari destinati al territorio ed alla realizzazione di un Hospice”, presenta un costo complessivo pari a € 3.405.000,00 così finanziato:

  1. € 1.999.750,00 finanziamento statale del sopracitato intervento H.13 dell’Accordo di Programma 2009 originariamente destinato alla ristrutturazione dell’SPDC;
  2. € 105.250,00 finanziamento regionale (5%) del sopracitato intervento H.13;
  3. € 1.300.000,00 finanziamento a carico dell’azienda Usl di Modena;

7. L’intervento proposto consiste in lavori di ristrutturazione di porzioni dell’Ospedale di Castelfranco, il cui corpo storico risale ai primi anni del secolo scorso, all’interno del quale sarà realizzata anche la sede di un Hospice di circa 15 pp.ll.; 

Dato atto della validità di tali motivazioni;

  1. Preso atto della nota del 24 settembre 2013 con cui il Ministero della Salute, come previsto all’Allegato A, punto 2.2 “Modifiche all’Accordo di Programma” dell’Accordo Stato-
Regioni del 28 febbraio 2008 sulle modalità e procedure per l’attivazione dei programmi di investimento in sanità, ha espresso parere positivo in merito alla rimodulazione, a parità di finanziamento assegnato, dell’intervento H.13 dell’Azienda Usl di Modena “Ristrutturazione Servizio Presidio Diagnosi e Cura” con l’intervento “Ristrutturazione e miglioramento del complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia, finalizzato al riassetto complessivo dei servizi sanitari destinati al territorio ed alla realizzazione di un Hospice”;
  2. nota del 2 ottobre 2013 con cui il Ministero della Salute esprime parere positivo in merito all’aggiornamento del Programma regionale delle Cure Palliative in quanto l’originario intervento di “Realizzazione di un Hospice presso il nuovo ospedale S. Agostino - Estense di Baggiovara”, finanziamento assegnato pari a € 1.306.894,18, verrà realizzato dall’Azienda Usl di Modena nel complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia nell’ambito dell’intervento di cui al precedente punto;

Considerato inoltre che tale proposta di modifica è stata sottoposta al parere della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria della Provincia di Modena nella seduta dell’8 settembre 2014, come risulta dalla nota dell’Azienda Usl di Modena del 9 ottobre 2014 conservata agli atti del Servizio competente;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore alle Politiche per la Salute;

A voti unanimi e palesi

delibera:

di proporre all’Assemblea Legislativa, per le motivazioni espresse in premessa e che qui si intendono integralmente riportate:

1) di modificare parzialmente l’Allegato H della delibera dell’Assemblea Legislativa n. 185 del 22 luglio 2008 di "Approvazione del quinto aggiornamento del programma regionale di investimenti in sanità ai sensi dell'art. 36 della L.R. 23 dicembre 2002 n. 38 e contestuale approvazione del programma straordinario di investimenti in sanità, ex art. 20 della legge 67/1988 - IV fase", sostituendo, a parità di finanziamento assegnato l’intervento n. H.13 dell’Azienda Usl di Modena, “Ristrutturazione Servizio Presidio Diagnosi e Cura”, con l’intervento H.13 bis “Ristrutturazione e miglioramento del complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia, finalizzato al riassetto complessivo dei servizi sanitari destinati al territorio ed alla realizzazione di un Hospice”, finanziamento complessivo pari a € 2.105.000,00 di cui € 1.999.750,00 a carico dello Stato e € 105.250,00 a carico della Regione (5%);

2) di modificare la propria deliberazione n. 1245 del 1 agosto 2005 “Variazione al Programma regionale - La rete delle cure palliative - di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 1602/2000” citata in premessa, in quanto l’Hospice inizialmente previsto presso il nuovo ospedale S. Agostino - Estense di Baggiovara, finanziamento assegnato pari a € 1.306.894,18, verrà realizzato dall’Azienda Usl di Modena nel complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia nell’ambito dell’intervento di cui al precedente punto;

3) di dare conseguentemente atto che il nuovo intervento H. 13 bis “Ristrutturazione e miglioramento del complesso ospedaliero di Castelfranco Emilia, finalizzato al riassetto complessivo dei servizi sanitari destinati al territorio ed alla realizzazione di un Hospice” avrà un costo complessivo pari a € 3.405.000,00 e sarà così finanziato:

  • per € 1.999.750,00 finanziamento statale del sopracitato intervento H.13 dell’Accordo di Programma 2009 originariamente destinato alla ristrutturazione dell’SPDC;
  • € 105.250,00 finanziamento regionale (5%) del sopracitato intervento H.13;
  • € 1.300.000,00 finanziamento a carico dell’Azienda Usl di Modena;

4) di confermare in ogni altra sua parte la delibera dell’Assemblea Legislativa n. 185 del 22 luglio 2008 e s.m.i. "Approvazione interventi dell'Accordo di programma per il settore degli investimenti sanitari art. 20 l. 67/1988 - IV fase 2° stralcio”.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it