E-R | BUR

n.154 del 01.07.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Incentivi per l'assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica professionale e di alta formazione e di ricerca - "Garanzia giovani" ai sensi DGR n. 1964/2014. Domanda non ammissibile. Terzo provvedimento

LA RESPONSABILE

Richiamate la deliberazioni della Giunta regionale:

  • n. 475 del 7/4/2014 “Approvazione Schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Nazionale per l'attuazione dell'iniziativa europea per l'occupazione dei giovani. Approvazione proposta di Piano regionale di attuazione”;
  • n. 985 del 30/6/2014 “Piano di attuazione regionale di cui alla DGR n. 475/2014. Approvazione delle prime procedure di attuazione”;
  • n. 1676 del 20/10/2014 “Disposizioni per l’attuazione di parte delle misure di cui al Piano di attuazione regionale della Garanzia per i Giovani approvato con propria deliberazione n. 475/2014 e del Servizio di SRFC in esito ai tirocini attivati ai sensi della legge regionale n. 17/2005 e s.m.,”;
  • n. 1964 del 22/12/2014 “Ulteriori diposizioni attuative del Piano regionale ‘Garanzia Giovani’ di cui alla D.G.R. 475/21014 e modifiche alla propria D.G.R. 1676/2104”,

Evidenziato che l’Allegato 2) parte integrante della suddetta deliberazione n. 1964/2014 contiene le “Disposizioni per l’erogazione di incentivi alle imprese per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica professionale e di alta formazione e di ricerca”;

Dato atto che:

  • le assunzioni incentivabili sono quelle realizzate nel periodo compreso fra il 20/10/2014 e il 31/12/2015;
  • le domande di incentivo devono pervenire al Servizio Lavoro entro il giorno 1/2/2016;

Vista altresì la determinazione dirigenziale n. 63 del 9/1/2015 con la quale, in base a quanto disposto dalle deliberazioni n. 1676/2014 e n. 1964/2014, il Responsabile del Servizio Lavoro ha approvato la modulistica per la presentazione delle domande di incentivo per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica professionale e di alta formazione e di ricerca, nonché la Pista di controllo;

Evidenziato altresì che le summenzionate Disposizioni di cui all’Allegato 2) parte integrante della deliberazione n. 1964/2014 prevedono nella Parte III, in applicazione di quanto disposto dalla deliberazione n. 1676/2014 per l’incentivazione dei contratti di apprendistato per la qualifica professionale e di alta formazione e di ricerca, stabiliscono che le domande di incentivo ammissibili e non ammissibili siano approvate dal Responsabile del Servizio Lavoro con propri atti, previa istruttoria di ammissibilità svolta dal Servizio Lavoro;

Considerato che è pervenuta al Servizio Lavoro, con le modalità e nei termini previsti dalle Disposizioni di cui sopra, n. 1 richiesta di incentivo per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica professionale e di alta formazione e di ricerca;

Dato atto che:

  • il Servizio Lavoro ha svolto la formale istruttoria di ammissibilità secondo le modalità indicate dalla Pista di controllo approvata con la determinazione dirigenziale n. 63/2015;
  • in base alle risultanze dell’istruttoria, conservata agli atti del Servizio Lavoro, la domanda risulta non ammissibile;

Valutata pertanto la necessità di approvare la non ammissibilità della suddetta domanda;

Visti:

  • il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 ed in particolare l’art. 83, comma 3, lett. e);
  • la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e ss.mm;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della L. 13 agosto 2010, n. 136”;
  • l’art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;
  • il D.lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii.;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche;
  • la L.R 30 aprile 2015, n. 2 “Disposizioni collegate alla Legge finanziaria per il 2015”;
  • la L.R. 30 aprile 2015, n. 3 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (Legge finanziaria 2015)”;
  • la L.R. 30 aprile 2015, n. 4 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017”;

Richiamate inoltre le seguenti deliberazioni di Giunta regionale:

  • n. 1057/2006, “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;
  • n. 1663/2006 “Modifiche all’assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;
  • n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla Delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche;
  • n. 1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettificata dalla DGR n.1950/2010;
  • n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all’autorizzazione sul numero delle posizioni dirigenziali professional istituibili presso l’Agenzia sanitaria e sociale regionale”;
  • n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria di un Servizio della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro”;
  • n.258/2015 “Contratti individuali di lavoro stipulatati ai sensi dell’art.18 L.R. n.43/2001. Proroga dei termini di scadenza”;
  • n. 335/2015 ”Approvazione incarichi dirigenziali conferiti e prorogati nell'ambito delle Direzioni generali - Agenzie - Istituto”;

Attestata, ai sensi della delibera di Giunta n. 2416/2008 e ss.mm.ii, la regolarità del presente atto;

determina:

per le motivazioni indicate in premessa e che qui si intendono integralmente riportate

    1. di dichiarare non ammissibile la domanda di incentivo di cui all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente determinazione, per le motivazioni riportate nell’allegato stesso;
    2. di disporre la pubblicazione integrale della presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico (BURERT) della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna

    La Responsabile del Servizio

    Paola Cicognani

    Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

    Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it