E-R | BUR

n.415 del 13.12.2019 (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione dello Schema di accordo ai sensi dell' art. 15 della Legge 241/1990, in attuazione dell 'art. 54 bis "Ambiti di tutela naturalistica di interesse sovracomunale" della L.R. 6/2005 tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di San Giovanni in Persiceto

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che:

- le aree di riequilibrio ecologico sono aree protette regionali disciplinate dall’art. 4 della 17 febbraio 2005, n. 6 “Disciplina della formazione e della gestione del sistema regionale delle aree protette e dei siti della Rete Natura 2000” istituite con funzione di ambienti di vita e rifugio per specie animali e vegetali e organizzate in modo da garantire la conservazione, il restauro e la ricostituzione ambientale;

- sul territorio regionale sono state istituite 33 aree di riequilibrio ecologico, di cui di 9 in provincia di Reggio Emilia, 6 di Modena, 8 di Bologna, 3 di Ferrara, 5 di Ravenna e 2 di Rimini, per una superficie complessiva di circa 700 ettari;

- ai sensi degli artt. 16 e 17 della legge regionale 27 dicembre 2018, n. 24 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2019” di modifica degli artt. 53 e 54 della L.R. 6/2005 le aree di riequilibrio ecologico (ARE) sono istituite dalla Giunta regionale e sono gestite dai Comuni o loro Unioni;

Considerato che la Regione Emilia-Romagna riconosce il ruolo della ARE nella costruzione della rete ecologica regionale e intende sostenere l’azione dei Comuni per la gestione delle aree di riequilibrio ecologico;

Visto l’articolo 61, comma 1, lettera b) della L.R. 6/2005, che prevede che la Regione possa concedere contributi agli Enti gestori delle aree protette regionali e dei parchi interregionali, aprendo la possibilità di finanziare anche la gestione delle aree di riequilibrio ecologico da parte dei Comuni;

Visto inoltre l’art. 54 bis “Ambiti di tutela naturalistica di interesse sovra-comunale” della L.R. 6/2005 che prevede che la Regione possa riconoscere, a determinate condizioni, degli “Ambiti di tutela naturalistica di interesse sovracomunale” per la gestione congiunta delle ARE e dei siti della Rete Natura 2000 e che pertanto possa concorrere alla spesa per la loro gestione nell’ambito di una specifica intesa; 

Considerato che:

- con la deliberazione n. 77 del 30/9/2014 il Consiglio Comunale di San Giovanni in Persiceto, individuato quale Ente capofila con funzioni di coordinamento dei Comuni di Anzola dell'Emilia, Baricella, Bentivoglio, Bologna, Calderara di Reno, Castelfranco Emilia, Castel Maggiore, Crevalcore, Galliera, Nonantola, Pieve di Cento, San Cesario sul Panaro, San Giovanni in Persiceto, Sala Bolognese, Sant'Agata Bolognese, San Pietro in Casale, San Lazzaro di Savena, Castello d'Argile, e Budrio, interessati alla gestione coordinata e condivisa delle Aree di riequilibrio ecologico, dei siti della rete natura 2000 e delle aree di particolare pregio della pianura bolognese e modenese, sintetizzata in Gestione Integrata delle Aree Protette della Pianura (G.I.A.P.P.), approva lo schema di convenzione per la durata di anni 5, decorrenti dalla data della sua stipula;

- in data 28/7/2015 è stata sottoscritta dai Comuni citati la convenzione scadente alla data del 28/7/2020;

- con la deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 27 luglio 2016 il Comune di San Giovanni in Persiceto dà l’assenso alla adesione, da parte dei Comuni di Argelato e di San Giorgio di Piano, al sistema di gestione integrata G.I.A.P.P., attraverso la sottoscrizione della suddetta convenzione;

- la convenzione citata è stata sottoscritta da parte del Comune di Argelato e del Comune di San Giorgio di Piano rispettivamente in data 18/5/2016 e in data 21/6/2016;

- il territorio dei Comuni aderenti alla convenzione G.I.A.P.P., in virtù degli obiettivi perseguiti e delle aree protette e dei siti della Rete Natura 2000 interessate, possa essere riconosciuto come Ambito di tutela naturalistica di interesse sovra-comunale ai sensi dell’art. 54 bis della L.R. 6/2005 citato, identificato con la denominazione di “Ambito di tutela naturalistica delle aree protette della pianura bolognese e modenese”;

Visto lo schema di accordo, allegato 1) al presente atto quale parte integrante e sostanziale, volto a disciplinare i rapporti tra la Regione e i Comuni di Anzola dell'Emilia, Baricella, Bentivoglio, Bologna, Calderara di Reno, Castelfranco Emilia, Castel Maggiore, Crevalcore, Galliera, Nonantola, Pieve di Cento, San Cesario sul Panaro, San Giovanni in Persiceto, Sala Bolognese, Sant'Agata Bolognese, San Pietro in Casale, San Lazzaro di Savena, Castello d’Argile, Budrio, Argelato e San Giorgio di Piano, rappresentati dal Comune di San Giovanni in Persiceto, quale Ente capofila, in forza della convenzione sottoscritta in data 28/7/2015 e in scadenza alla data del 28/07/2020, in ordine agli aspetti di carattere tecnico-amministrativo ed economico finanziario che regoleranno i rapporti tra Regione e Ente capofila sino al 28/7/2020;

Dato atto che:

- la copertura finanziaria per gli adempimenti connessi all’attuazione del presente accordo è prevista nell’allocazione delle risorse al pertinente capitolo di spesa del Bilancio pluriennale di previsione 2019-2021, approvato con la L.R. 27 dicembre 2018, n. 26;

- le modalità e le tempistiche di assegnazione ed erogazione delle risorse regionali, a favore del Comune di San Giovanni in Persiceto, Ente capofila della convenzione G.I.A.P.P., sono disciplinate nello schema di accorso citato, allegato 1) al presente atto, che prevede, tra l’altro, la trasmissione del Programma Operativo 2019-2020 al fine della sua ammissione a finanziamento e della successiva concessione del contributo regionale;

Richiamati:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008, avente per oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e successive modifiche, per quanto applicabile;

- il D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, artt. 26 e 27 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii., ed in particolare l’art. 26, comma 1;

- la propria deliberazione n. 468 del 10 aprile 2017 avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni della Regione Emilia-Romagna”;

- le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta Regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

- la propria deliberazione n. 122 del 28 gennaio 2019 “Piano triennale per la prevenzione della corruzione. Anni 2019-2021”, ed in particolare l’allegato D) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

Richiamate inoltre le proprie deliberazioni:

- n. 270 del 29 febbraio 2016 concernente “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 avente ad oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 56 del 25 gennaio 2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell’art.43 della LR 43/2001”;

- n. 1107 del 11 luglio 2016 concernente “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015;

- n. 1059 del 3 luglio 2018 “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell'ambito delle Direzioni generali, Agenzie e Istituti e nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), del Responsabile dell'anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della protezione dei dati (DPO)”;

- n. 1123/2018 “Attuazione Regolamento (UE) 2016/679: definizione di competenze e responsabilità in materia di protezione dei dati personali. Abrogazione appendice 5 della delibera di giunta regionale n. 2416/2008 e ss.mm.ii.”;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore alla Difesa del suolo e della costa, protezione civile, politiche ambientali e della montagna

A voti unanimi e palesi

delibera

1. di riconoscere, per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente richiamate, l’importanza ai fini della rete ecologica regionale dell’Ambito di tutela naturalistica di interesse sovra-comunale ai sensi dell’art. 54 bis della L.R. 6/2005 citato, identificato con la denominazione di “Ambito di tutela naturalistica delle aree protette della pianura bolognese e modenese” e corrispondente alle aree protette e ai siti della Rete Natura 2000 ricadenti nel territorio dei Comuni che aderiscono alla convenzione G.I.A.P.P.; 

2. di approvare lo schema di accordo tra la Regione Emilia-Romagna e il Comune di San Giovanni in Persiceto, ente capofila della convenzione G.I.A.P.P., nella formulazione di cui all’allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente atto, per disciplinare la concessione dei finanziamenti regionali finalizzati alle spese di funzionamento delle aree di riequilibrio ecologico e dei siti della Rete Natura 2000 di competenza identificati nell’allegato 2) parte integrante e sostanziale al presente atto;

3. di dare atto che le risorse finanziarie necessarie per dare attuazione all’accordo sono previste nell’articolazione delle risorse allocate al pertinente capitolo di spesa del Bilancio pluriennale di previsione 2019-2021;

4. di demandare al Responsabile di Servizio Aree Protette Foreste e Sviluppo della Montagna, la concessione, a favore del Comune di San Giovanni in Persiceto, delle risorse regionali necessarie per dare attuazione all’accordo sottoscritto, secondo le modalità disciplinate nell’allegato schema;

5. di demandare la liquidazione del contributo assegnato e concesso a favore del Comune di San Giovanni in Persiceto al Responsabile del Servizio Aree protette, Foreste e Sviluppo della Montagna, secondo le modalità specificate nello schema di accordo allegato;

6. di stabilire che alla sottoscrizione dell’accordo citato provvederà il Direttore Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente, Ing. Paolo Ferrecchi, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di funzioni dirigenziali, fissando la scadenza alla data del 28/07/2020;

7. di dare atto che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusioni di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

8. di disporre la pubblicazione integrale del presente atto, comprensivo degli allegati, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it