E-R | BUR

n. 91 del 21.07.2010 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decisione in merito alla procedura di verifica (screening) relativa al progetto di installazione di impianto fotovoltaico di potenza complessiva pari a 1.49 MWp in Focomorto (FE) - Via della Crispa. Proponente Rete Rinnovabile Srl

Ai sensi del Titolo II della Legge Regionale 18 maggio 1999, n. 9 e s.m.i., DLgs 152 e smi l’autorità competente: Provincia di Ferrara, con atto DGP nn.167/45218 del 03.06.10, ha assunto la seguente decisione:

LA GIUNTA

(omissis)

delibera: 

1 - Di escludere, ai sensi dell’art. 10 comma 1 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, DLgs 152/06, DLgs 4/08 e smi, il progetto presentato dalla ditta Rete Rinnovabile srl relativo all’installazione di un impianto fotovoltaico di potenza pari a 1.49 MWp in località Focomorto FE da ulteriore procedura di VIA, con le seguenti prescrizioni: 

  • la ditta dovrà attivare presso il competente ufficio provinciale la procedura per l’acquisizione dell’autorizzazione Unica ai sensi del DLgs 387/03;
  • in fase di domanda di autorizzazione all’esercizio occorrerà predisporre una Valutazione Previsionale di Impatto Acustico - se l’impianto in sé è fonte di rumore e quindi deve rientrare nei limiti di zona e garantire il rispetto del limite differenziale a possibili ricettori posti nelle vicinanze – sulla base di quanto disposto dal comma 4 dell’art. 8 della Legge 447/1995 e seguendo l’art. 5 della DGR 673/2004; la Relazione dovrà essere redatta e firmata da un tecnico competente in acustica come espressamente definito nella Legge 447 del 26/10/1995 art. 2 punto 6 e 7;
  • per il cantiere in sédovrà essere inviata al competente Servizio Ambiente del Comune di Ferrara la richiesta di autorizzazione alla deroga dei limiti di rumore ai sensi della LR n. 15/2001, recepita con DGR n. 45/2002, che dovrà essere presentata almeno 20 giorni prima dell’avvio del cantiere stesso;
  • dovrà inoltre essere elaborata una relazione sui campi elettromagnetici redatta secondo quanto disposto dalla normativa vigente;
  • la documentazione progettuale dovrà inoltre dettagliare più precisamente il piano di dismissione dell’impianto individuando i costi della messa in pristino dei luoghi, al fine di poter dar attuazione alla delibera del Consiglio Provinciale n. 1/77475/09 del 13/01/2010: «Autorizzazioni provinciali per la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Definizione spese istruttorie e garanzie per la rimessa in pristino»,esecutiva ai sensi di legge;
  • al fine di contenere l’impatto visivo dell’impianto, dovrà essere predisposta, secondo quanto riportato nella documentazione progettuale, una schermatura della recinzione perimetrale tramite piantumazione di rampicanti e essenze arbustive/arboree autoctone, da definirsi con più dettaglio, unitamente a modalità di impianto e relativa manutenzione, in sede di Autorizzazione Unica; le recinzioni perimetrali dovranno inoltre prevedere, ogni 100 m di lunghezza, uno spazio libero verso terra di altezza pari a 20 cm e larghezza pari a 1 m, al fine di consentire il passaggio della piccola fauna selvatica;
  • al di sotto dei pannelli dovrà essere mantenuto un manto erboso, o dovrà essere prevista la piantumazione di una essenza erbacea tale da mantenere protetto il suolo dall’erosione e da prevenire la formazione di polveri; a tale scopo, il manto erboso dovrà essere adeguatamente mantenuto e sfalciato;
  • prevedere il riutilizzo in loco del terreno di risulta dallo scavo dei cavidotti e delle platee; in caso il terreno venga impiegato al di fuori dell’area di cantiere, venga predisposto l’apposito piano di gestione delle terre e rocce da scavo, che dovrà essere presentato al competente Servizio Ambiente del Comune di Ferrara;
  • non dovrà esservi permanenza di personale all’interno delle cabine e relative fasce di pertinenza per più di 4 ore consecutive; 

2 - Di dare atto che la Società Rete Rinnovabile srl dovrà versare una somma pari ad € 1509.69 per le spese istruttorie della procedura di verifica (screening) come citato in premessa, sul Cap. di entrata 0351371 “Rimborso per il rilascio di atti amministrativi e spese di istruttoria” az. 647 “Introiti per diritti di istruttoria relativi alle procedure VIA” del Bilancio 2010; 

3 - Di trasmettere ai sensi dell’art. 16, comma 3, della L.R. 9/99 e successive modifiche ed integrazioni, la presente deliberazione allo Sportello Unico e al Servizio Ambiente del Comune di Ferrara, all’Arpa Sezione Provinciale di Ferrara, all’AUSL Dipartimento di Sanità Pubblica di Ferrara, oltre che all’Ufficio Energia della Provincia;

4 - Di pubblicare, per estratto, ai sensi dell’art. 10, comma 3 della L.R. 18 maggio 1999 n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni, il presente partito di deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna ed in forma completa sul sito web dell’Ente;

5 - Di comunicare che, ai sensi dell’articolo 3-comma 4 della Legge n. 241 del 1990, avverso il provvedimento conclusivo testé indicato potrà essere esperito ricorso in sede giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale dell’Emilia Romagna, entro 60 (sessanta) giorni dalla data di ricevimento del provvedimento stesso; ovvero potrà essere proposto ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 (centoventi) giorni dalla data di ricevimento del provvedimento stesso.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it