E-R | BUR

n.303 del 09.11.2017 (Parte Seconda)

XHTML preview

Eccezionali eventi atmosferici verificatesi nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 e nei giorni 15 e 16 giugno 2010 - approvazione del "Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi a seguito degli eccezionali eventi atmosferici verificatesi nel territorio della provincia di Forlì-Cesena nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 e nel territorio della provincia di Parma nei giorni 15 e 16 giugno 2010"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visto:

- la legge 24 febbraio 1992, n. 225 “Istituzione del Servizio nazionale di protezione civile” e successive modifiche;

- il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

- il decreto legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;

- la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 1 "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell'Agenzia regionale di protezione civile";

Richiamate:

- la legge Regionale 30 luglio 2015, n. 13 rubricata “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni”, con la quale, anche in coerenza con il dettato della Legge 7 aprile 2014, n. 56, è stato riformato il sistema di governo territoriale attraverso la definizione del nuovo ruolo istituzionale della Regione, e quindi anche quello dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, ora Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, di seguito Agenzia regionale;

- la propria deliberazione n. 622/2016 recante in oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015” di modifica, a decorrere dalla data dell’1 maggio 2016, dell’assetto organizzativo e funzionale dell’Agenzia regionale;

- la propria deliberazione n. 1107/2016 recante "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015" con cui si è proceduto a modificare le declaratorie di alcuni Servizi dell'Agenzia regionale;

- la propria deliberazione n. 1212/2017 recante “Aggiornamenti organizzativi nell’ambito dell’Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, della direzione generale risorse, europa, innovazione e istituzioni e modifica di un punto della direttiva in materia di acquisizione e gestione del personale assegnato alle strutture speciali della giunta regionale”

Premesso che:

la Regione Emilia-Romagna ed in particolar modo il settore orientale afferente alla provincia di Forlì Cesena dal 9 al 18 marzo è stato investito da eccezionali eventi atmosferici e da violente mareggiate che hanno provocato dissesti idrogeologici, allagamenti, rallentamenti e, in molti casi, interruzione della rete viaria, ferroviaria e della fornitura di energia elettrica nonché la totale asportazione delle dune di protezione degli insediamenti balneari e delle infrastrutture e successivamente il territorio della provincia di Parma nei giorni 15 e 16 giugno 2010 è stato interessato da nubifragi di eccezionale intensità che hanno provocato estesi allagamenti, coinvolgendo centri abitati, sedi stradali comunali e provinciali ed insediamenti produttivi;

Visti:

- il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 luglio 2010 con il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza in relazione agli eccezionali eventi atmosferici ed alle violente mareggiate verificatesi nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 nel territorio della Regione Emilia-Romagna ed agli eventi alluvionali verificatesi nei giorni 15 e 16 giugno 2010 nel territorio della provincia di Parma;

- l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n. 3911/2010, concernente gli interventi urgenti diretti a fronteggiare i danni conseguenti gli eventi di cui in premessa, con la quale il Presidente della Regione Emilia-Romagna è nominato Commissario delegato per il superamento dell'emergenza in parola, al quale viene assegnata inoltre la somma di Euro 1.500.000,00 per l’attuazione degli interventi previsti in tale ordinanza;

- il comma 2 dell’art 5 della medesima ordinanza che autorizza il Commissario delegato a trasferire sulla contabilità speciale n. 5469, le somme derivanti da talune specifiche economie realizzatesi nell’ambito di diversi piani degli interventi relativi ad una serie di eventi calamitosi verificatisi a partire dall’anno 2000 sul territorio della Regione Emilia-Romagna a titolo di concorso finanziario alle attività di cui al contesto emergenziale oggetto della richiamata ordinanza n. 3911/2010;

- il Decreto del Presidente della Regione Emilia-Romagna n.125 del 21/6/2011 con il quale sono state accertate le economie maturate nell’ambito dei Piani degli interventi connessi agli eventi calamitosi specificati all’art 5, comma 2 dell’OPCM 3911/2010, ammontanti ad euro 2.345.352,45 ed è stato disposto il traferimento in contabilità speciale n.5469.

Dato atto che:

- ai sensi dell’art. 5 dell’ordinanza n. 3911/2010 è stata istituita l’apposita contabilità speciale n. 5469 intestata al Presidente della Regione, in qualità di Commissario delegato, per la gestione delle risorse finanziarie di cui sopra;

- ai sensi dell’art. 5 dell’ordinanza n. 3911/2010, le Amministrazioni e gli enti pubblici sono autorizzati a trasferire al Commissario delegato eventuali ulteriori risorse finanziarie finalizzate al superamento del contesto emergenziale di cui trattasi;

Dato atto, altresì, che

- con decreti del Presidente della Regione Emilia-Romagna – Commissario delegato n. delegato n. 120 del 14 giugno 2011 e n. 191 del 18 settembre 2012 sono stati rispettivamente approvati il “Primo Piano degli interventi urgenti” e il “secondo Piano degli interventi urgenti” in attuazione dell’OPCM 3911/2010;

- che sono state complessivamente destinate risorse finanziarie pari ad Euro 3.845.352,45, di cui Euro 1.500.000,00 a valere sulle risorse di cui all’OPCM 3911/2010 ed Euro 2.345.352,45 a valere sulle economie derivanti dall’attuazione degli interventi di cui all’art. 5 dell’OPCM 3911/2010 e al Decreto n 125 del 21/6/2011;

Vista l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile (OCDPC) n. 63 del 15 marzo 2013- adottata in applicazione dell’art. 5, commi 4-ter e 4-quater della L. n. 225/1992 – che ha individuato la Regione Emilia-Romagna quale amministrazione competente al coordinamento delle attività necessarie al completamento degli interventi da eseguirsi per il superamento dell’emergenza determinatasi a seguito degli eventi in parola ed il Direttore dell’Agenzia regionale quale responsabile delle iniziative finalizzate al definitivo subentro della medesima Regione nel coordinamento degli interventi, integralmente finanziati e contenuti in rimodulazioni dei piani delle attività già approvati, autorizzandolo a porre in essere le attività occorrenti per la prosecuzione in regime ordinario delle iniziative in corso finalizzate al superamento del contesto critico, provvedendo alla ricognizione e all’accertamento delle procedure e dei rapporti giuridici pendenti ai fini del definitivo trasferimento ai soggetti ordinariamente competenti;

Dato atto che per tali finalità, il Direttore dell’Agenzia regionale provvede, fino al completamento degli interventi e delle procedure amministrativo-contabili ad essi connessi, con le risorse disponibili sulla contabilità speciale n. 5469 allo stesso intestata per 24 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione dell’OCDPC n. 63/2013, e pertanto fino al 24/3/2015;

Dato atto, altresì, che con OCDPC n. 233 del 16 aprile 2015 e OCDPC n. 319 del 11 febbraio 2016 l’operatività della contabilità speciale è stata prorogata fino al 31/12/2016;

Considerato che a valere sull’importo totale stanziato dallo Stato e trasferito sulla contabilità speciale n. 5469 intestata al Commissario delegato pari a Euro 3.845.352,45, sono stati effettuati pagamenti per l’importo complessivo di Euro 3.119.042,85, così suddivisi:

- Interventi urgenti Euro 3.009.133,12;

- Oneri per attività direttamente connesse con il superamento dell’emergenza Euro 19.910,25;

- Oneri relativi alla elaborazione e redazione del Piano ed al supporto alle attività connesse alla relativa attuazione ed al monitoraggio degli interventi Euro 9.312,45;

- Contributo ai soggetti privati e alle attività produttive Euro 80.687,03;

Rilevato che, rispetto alle somme ancora presenti sulla contabilità speciale, pari ad Euro 726.309,60 le somme accantonate per interventi in corso di ultimazione e per gli incentivi programmati a valere sulla predetta contabilità ammontano ad Euro 413.532,56 e risultano economie pari a Euro 312.777,04, così come evidenziato nella relazione finale per la chiusura della contabilità speciale 5469 trasmessa al Dipartimento di protezione civile con nota del Presidente della regione prot. PG/2017/108733 del 22 febbraio 2017;

Ritenuto opportuno utilizzare le economie maturate per la predisposizione di un Piano degli interventi per il superamento del contesto critico determinato dal quadro di danneggiamento conseguente agli eccezionali eventi atmosferici ed alle violente mareggiate verificatesi nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 nel territorio della Regione Emilia-Romagna ed agli eventi alluvionali verificatesi nei giorni 15 e 16 giugno 2010 nel territorio della provincia di Parma, così come previsto dall’OCDPC n. 63/2013;

Considerato che, a seguito di accordi tecnici ed istituzionali dei territori interessati e ad una gestione integrata dei differenti strumenti finanziari, si ritiene opportuno finanziare 5 ulteriori interventi nei territori delle province di Parma e Forlì-Cesena;

Evidenziato che tali interventi riguardano criticità determinatesi nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 e nei giorni 15 e 16 giugno 2010 e risultano tuttora necessari al fine del completo superamento dell’emergenza in parola;

Preso atto che il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile con nota:

- prot. n. CG/0019863 del 17 marzo 2017 acquisita agli atti con prot. PC/2017/0013131 del 22/03/2017 ha autorizzato il versamento delle risorse pari a 426.805,27 che residuano sulla contabilità speciale n. 5469 per la liquidazione degli impegni già assunti per il superamento delle criticità direttamente sul bilancio dell’Agenzia regionale, come richiesto con nota del Presidente della Regione prot. n. PG 108733 del 22 febbraio 2017;

- successivamente alla nota del Dipartimento sopracitata, si è provveduto, a liquidare, a valere sugli interventi i cui impegni sono stati già assunti, gli incentivi per la pianificazione quantificati in Euro 13.272,71, pertanto la somma da trasferire sul bilancio dell’Agenzia ammonta ad Euro 413.532,56

- prot. POST/0061970 del 2 ottobre 2017 acquisita agli atti con prot. PC/2017/0042901 del 3/10/2017 ha approvato la proposta di piano per un importo complessivo di euro 312.700,00, presentata dal Presidente della Regione con nota prot. PG 600221 del 6 settembre 2017, e autorizzato il trasferimento di euro 312.777,04 delle risorse presenti in contabilità speciale n. 5469 sul bilancio dell’Agenzia regionale;

Ritenuto pertanto di approvare il “Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi a seguito degli eccezionali eventi atmosferici verificatesi nel territorio della provincia di Forlì-Cesena nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 e nel territorio della provincia di Parma nei giorni 15 e 16 giugno 2010”, per un importo complessivo di euro 312.700,00, ai sensi dell’art.1-comma 6 dell’OCDPC n.63/2013, che riporta, tra l’altro, le disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa;

Stabilito di autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale, in ragione della effettiva disponibilità delle risorse finanziarie derivanti dalla chiusura della contabilità speciale n. 5469 a trasferire tutte le risorse sul bilancio dell'Agenzia medesima per il completamento degli interventi in corso e per la realizzazione dei nuovi interventi previsti dal suddetto piano;

Stabilito di autorizzare i soggetti competenti dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile a provvedere ai conseguenti impegni di spesa e atti di liquidazione degli interventi indicati nel citato Piano;

Stabilito, altresì, che i soggetti attuatori provvedono ad affidare i lavori non appena acquisiti tutti gli assensi di legge sul progetto esecutivo e che il termine di conclusione dei lavori è fissato in due anni a decorrere dalla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna;

Visto il D. Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Richiamate:

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adeguamenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e s.m.i;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1129/2017 di rinnovo dell’incarico di Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile al dott. Maurizio Mainetti, conferito con deliberazione di Giunta regionale n. 1080/2012;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore a “Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna”;

 A voti unanimi e palesi

delibera

per le ragioni espresse in parte narrativa che qui si intendono integralmente richiamate:

  1. di approvare l’allegato “Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi a seguito degli eccezionali eventi atmosferici verificatesi nel territorio della provincia di Forlì-Cesena nei giorni dal 9 al 18 marzo 2010 e nel territorio della provincia di Parma nei giorni 15 e 16 giugno 2010”, ai sensi dell’art.1-comma 6 dell’OCDPC n.63/2013, parte integrante e sostanziale del presente atto, per un importo complessivo di euro 312.700,00, derivante dalle economie sulla contabilità speciale 5469;
  2. di dare atto che il Piano di cui al punto 1 riporta le disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa;
  3. di autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, in ragione della effettiva disponibilità delle risorse finanziarie derivanti dalla chiusura della contabilità speciale n. 5469 a trasferire tutte le risorse sul bilancio dell'Agenzia medesima per il completamento degli interventi in corso e per la realizzazione dei nuovi interventi previsti dal piano di cui al punto 1;
  4. di autorizzare i soggetti competenti dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile a provvedere ai conseguenti impegni di spesa e atti di liquidazione degli interventi in corso e degli interventi di cui al punto 1;
  5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ai sensi dell'art. 26 del D. Lgs. 33/2013;
  6. di pubblicare il presente atto e il Piano di cui al punto 1 nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e, altresì, nel sito web istituzionale della protezione civile regionale al seguente indirizzo: http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/argomenti/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/opcm-3850-2010;

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it