E-R | BUR

n.37 del 14.02.2022 (Parte Seconda)

XHTML preview

Proposta, ai sensi dell'art. 28 comma 4 lett. c) dello Statuto regionale, d'istituzione della Zona Logistica Semplificata dell'Emilia-Romagna, corredata dal Piano di Sviluppo Strategico, ai fini della presentazione al Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'art. 1, comma 63, della L. 205/2017. (Delibera della Giunta regionale n. 1547 del 6 ottobre 2021)

L'Assemblea legislativa Richiamata la deliberazione della Giunta regionale, progr. n. 1547 del 6 ottobre 2021, recante ad oggetto "Proposta all’Assemblea legislativa di approvazione, ai sensi dell'art. 28 comma 4 lett. c) dello Statuto regionale, della proposta di istituzione della Zona Logistica Semplificata dell'Emilia-Romagna corredata dal Piano di Sviluppo Strategico, ai fini della presentazione al Presidente del Consiglio dei Ministri ai sensi dell'art. 1 comma 63 della L. 205/2017"; Preso atto: del parere favorevole, con modificazioni, espresso dalla commissione referente "Territorio, Ambiente, Mobilità" di questa Assemblea legislativa, giusta nota prot. PG/2022/3437 in data 26 gennaio 2022; del parere favorevole espresso dal Consiglio delle Autonomie locali (CAL) sulla proposta della Giunta regionale n. 1547 del 6 ottobre 2021 (qui allegato); Previa votazione palese, a maggioranza dei votanti, d e l i b e r a di approvare le proposte contenute nella deliberazione della Giunta regionale, progr. n. 1547 del 6 ottobre 2021, sopra citata e qui allegata quale parte integrante e sostanziale, così come modificata nella commissione referente assembleare; di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 OTTOBRE 2021, N.1547

PROPOSTA ALL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DI APPROVAZIONE, AI SENSI DELL'ART. 28 COMMA 4 LETT. C) DELLO STATUTO REGIONALE, DELLA PROPOSTA DI ISTITUZIONE DELLA ZONA LOGISTICA SEMPLIFICATA DELL'EMILIA-ROMAGNA CORREDATA DAL PIANO DI SVILUPPO STRATEGICO AI FINI DELLA PRESENTAZIONE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEL MINISTRI AI SENSI DELL'ART. 1 COMMA 63 DELLA L. N. 205/2017

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamato l’art. 1, comma 61, della Legge n. 205/2017 che, al fine di favorire la creazione di condizioni favorevoli allo sviluppo di nuovi investimenti nelle aree portuali, prevede l’istituzione della Zona Logistica Semplificata (ZLS);

Evidenziato in particolare che ai sensi dell’art. 1, comma 63, della sopra richiamata L. n. 205/2017, la ZLS:

- è istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da adottare su proposta del Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (ora Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili), su proposta della regione interessata;

- ha una durata massima di 7 anni rinnovabili fino ad un massimo di ulteriori 7;

- la relativa proposta è corredata di un piano di sviluppo strategico, in cui è specificata la delimitazione delle zone interessate in coerenza con le zone portuali;

Richiamati altresì:

- il comma 65, della citata L. n. 205/2017 che espressamente stabilisce che “per l'istituzione delle Zone logistiche semplificate si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni relative alla procedura di istituzione delle Zone economiche speciali previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri adottato ai sensi dell'articolo 4, comma 3, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123”;

- il D.P.C.M. 25 gennaio 2018 n. 12 “Regolamento recante istituzione di Zone economiche speciali (ZES)” adottato ai sensi dell'articolo 4, comma 3, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123, ed in particolare gli artt. 5 e 6 che, in tema di requisiti delle proposte regionali di istituzione, stabiliscono che le stesse debbano essere presentate al Presidente del Consiglio dei Ministri dal presidente della Regione, corredate da un Piano di sviluppo strategico e diano conto dei criteri e degli obiettivi di sviluppo perseguiti dallo stesso, nonché delle forme di coordinamento, ove necessarie, con la pianificazione strategica portuale;

Evidenziato che tale Piano di sviluppo strategico è costituito da una relazione istruttoria finalizzata alla individuazione delle aree territoriali regionali funzionalmente ed economicamente connesse al porto di Ravenna;

Evidenziato altresì che la proposta di istituzione delle Zona Logistica Semplificata (ZLS) dell’Emilia-Romagna, elaborata sulla base della normativa e della pianificazione vigenti nella regione Emilia-Romagna, risulta rappresentata nella cartografia allegata al presente atto corredata dal citato Piano di sviluppo strategico, in cui è specificata la delimitazione delle zone interessate in coerenza con le zone portuali;

Richiamato l’art. 28, ed in particolare, il comma 4 lett. c) dello Statuto della Regione Emilia-Romagna che prevede espressamente che l’Assemblea legislativa:

- formula proposte e pareri della Regione agli organi dello Stato per l'elaborazione di programmi e piani nazionali di competenza dello Stato;

Dato atto:

- che lo scopo dell’istituzione della ZLS è creare all’interno del perimetro della stessa (zona geograficamente delimitata e chiaramente identificata), le condizioni favorevoli allo sviluppo del tessuto produttivo, in termini di semplificazioni amministrative, incentivazioni di carattere fiscale, doganale e finanziario tese a promuovere lo sviluppo del sistema produttivo e logistico territoriale per le imprese in essa insediate e per attrarre l’insediamento di nuove imprese e nuovi investimenti;

- che la Regione Emilia-Romagna, per cogliere l’opportunità offerta dal Legislatore nazionale, con la Deliberazione dell’Assemblea Legislativa del 19 dicembre 2018, n. 185, ha dato avvio all’iter di istituzione della Zona Logistica Semplificata e ha svolto le azioni necessarie sul territorio regionale mediante la predisposizione dell’apposito Piano di Sviluppo Strategico per l’istituzione della Zona Logistica Semplificata, secondo le modalità di seguito indicate;

Evidenziato in particolare che:

- in attuazione di quanto previsto agli art. 5 e 6 del citato DPCM 12/2018, ai fini dell'elaborazione del citato Piano di Sviluppo Strategico, è stato svolto, con la collaborazione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Centro Settentrionale, un percorso di confronto e concertazione con i vari stakeholder, quali l’Agenzia delle Dogane ed i diversi soggetti territorialmente coinvolti, sviluppatosi in modo continuativo con l’interazione tra le parti;

- in particolare, partendo dai territori identificati in un apposito documento di analisi preliminare per la definizione del perimetro della ZLS, sono stati svolti, come meglio descritto nell’Allegato “Piano di Sviluppo Strategico della Zona Logistica Semplificata Emilia-Romagna”, una serie di incontri con i territori interessati, ai quali hanno preso parte i referenti delle Amministrazioni locali, i gestori delle Aree Produttive Attrezzate, l’ADSP del mare Adriatico Centro Settentrionale, i rappresentati delle principali Associazioni di categoria, gli operatori portuali, i terminalisti, gli spedizionieri, gli agenti marittimi operativi sul porto di Ravenna nonché i referenti dei nodi logistici intermodali e degli Interporti interessati alla ZLS, identificati in funzione della loro competenza territoriale nel perimetro della ZLS;

- le occasioni di confronto hanno permesso di raccogliere suggerimenti e spunti di riflessione per il perfezionamento del progetto, ottenendo un assenso sul lavoro condotto dall’Amministrazione ed una sollecitazione, in particolare dagli operatori portuali, a rendere attuativo quanto prima lo strumento della ZLS, così da concretizzare le opportunità di sviluppo ad esso correlate;

- l’iter è stato volto ad acquisire da parte dei singoli territori tutte le informazioni di carattere urbanistico/pianificatorio, eventuali vincoli di natura paesaggistica ed ambientale, informazioni di dettaglio relative ai singoli contesti produttivi e agli operatori insediati, così da poter effettuare, la verifica sui requisiti per l’inclusione dell’area all’interno del perimetro della ZLS, nel rispetto della normativa e della pianificazione vigenti nella regione Emilia-Romagna;

Ritenuto ora necessario, a conclusione dell’iter sopra descritto, proporre all’Assemblea legislativa di approvare, ai sensi dell’art. 28, comma 4 lett. c), dello Statuto regionale, la proposta di istituzione della Zona Logistica Semplificata dell’Emilia-Romagna, come risulta dalla cartografia, corredata dal Piano di Sviluppo Strategico, allegata e parte integrante del presente atto, ai fini della sua presentazione al Presidente del Consiglio del Ministri ai sensi dell’art. 1, comma 63, della L. n. 205/2017;

Acquisito il parere favorevole espresso dal Consiglio delle Autonomie locali ai sensi dell’art. 6, della L.R. n. 13/2009 nella seduta del 21 settembre 2021, ed acquisito agli atti del Servizio Viabilità, Logistica e trasporto per vie d’acqua della Direzione Generale cura del territorio e dell’ambiente con Prot. 24/09/2021.0896807.I;

Visti:

- il D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 del “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 111 del 28 gennaio 2021 avente per oggetto: “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2021-2023”;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29.12.2008, "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii.;

- n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella regione Emilia-Romagna” e le Circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni, predisposte in attuazione della deliberazione n. 468/2017;

- n. 2013 del 28 dicembre 2020 avente ad oggetto “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell’Ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’IBACN”;

- n. 2018 del 28 dicembre 2020 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta Regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001 e ss.mm.ii.”;

- n. 771/2021 “Rafforzamento delle capacità amministrative dell'ente. Secondo adeguamento degli assetti organizzativi e linee di indirizzo 2021”;

Vista la determinazione dirigenziale n. 10256 del 31/05/2021 avente ad oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente;

Dato atto che il responsabile del procedimento, nel sottoscrivere il parere di legittimità, attesta di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore Regionale alla Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo

A voti unanimi e palesi

D E L I B E R A

1. di proporre all’Assemblea legislativa di approvare, ai sensi dell’art. 28 comma 4 lett. c) dello Statuto regionale, la proposta di istituzione della Zona Logistica Semplificata dell’Emilia-Romagna, come risulta dalla cartografia, corredata dal Piano di Sviluppo Strategico, allegata parte integrante e sostanziale del presente atto, ai fini della sua presentazione al Presidente del Consiglio del Ministri ai sensi dell’art. 1, comma 63, della L. n. 205/2017;

2. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it