E-R | BUR

n.181 del 22.07.2015 (Parte Seconda)

XHTML preview

Bando 2015 per l'erogazione dei contributi regionali a sostegno dei processi di partecipazione (L.R. n. 3/2010, art. 6). Criteri e modalità

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che:

- con la legge regionale 9 febbraio 2010, n. 3 “Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure si consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali”, la Regione sostiene i processi di partecipazione affinché sia garantita la massima inclusione dei cittadini e delle loro organizzazioni nei percorsi decisionali di competenza dei governi locali;

- in questa ottica, uno degli strumenti principali attraverso i quali la Giunta regionale svolge la propria azione è costituito dal Bando per l’erogazione di contributi regionali a sostegno dei processi di partecipazione;

- per la complessa e articolata attività di sostegno alla partecipazione prevista in particolare dall’art.2 della l.r.3/2010, la Giunta e l’Assemblea legislativa tramite le proprie strutture collaborano costantemente per la messa a punto di interventi efficaci in favore del dialogo inclusivo tra amministrazioni pubbliche e cittadini;

- al fine di garantire uno sviluppo coordinato dei processi partecipativi che consentano la maggiore partecipazione alle scelte programmatiche della Regione e degli enti locali, è stata perseguita una efficace integrazione mediante il Nucleo tecnico di integrazione con le autonomie locali previsto dall’art. 7 della citata legge;

Considerato che:

- ai sensi delle norme contenute nel Titolo III della L.R. n.3/2010 la Giunta regionale deve predisporre un Bando che disciplini l’erogazione dei contributi a sostegno della partecipazione;

- ai sensi dell’art. 6 della citata legge regionale la Giunta regionale ha presentato all’Assemblea legislativa, nel corso della Sessione annuale per la partecipazione del 7 luglio 2015, la proposta di Programma delle iniziative per la partecipazione 2015;

Ritenuto di approvare il Bando per l’erogazione dei contributi per l’anno 2015, nel rispetto della legge regionale n.3/2010, i cui contenuti sono proposti nell’allegato 1 del presente atto corredato della modulistica necessaria per la presentazione delle domande di contributo;

Visto il Decreto legislativo n.118/2011 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm. i cui principi e postulati costituiscono base di riferimento per l’attuazione gestionale, in termini amministrativo-contabili, delle azioni, interventi e attività progettuali che saranno oggetto operativo del presente Bando, si ritiene opportuno stabilire che:

- al fine di realizzare al meglio gli obiettivi che costituiscono l'asse portante delle prescrizioni tecnico-contabili previste per le Amministrazioni Pubbliche dal citato decreto legislativo n. 118/2011 e ss.mm., con particolare riferimento al principio della competenza finanziaria potenziata, le successive fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per renderli rispondenti al percorso contabile tracciato dal Decreto medesimo;

- in ragione di quanto sopra indicato, le successive fasi gestionali caratterizzanti il ciclo della spesa saranno strettamente correlate ai possibili percorsi contabili indicati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. con riferimento ai cronoprogrammi di spesa presentati dai soggetti beneficiari dei contributi previsti dalla L.R. 3/2010;

- la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa 3871 e 3873 del Bilancio regionale, riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistemica ed allocazione delle risorse disponibili destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche della validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

Richiamati:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e in particolare l’art.26, comma 1;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo Unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e s.m.;

- la L.R. 6 settembre 1992, n. 32 “Norme per la disciplina del procedimento amministrativo e del diritto di accesso”;

- la L.R. 30 aprile 2015, n.2 “Disposizioni collegate alla legge finanziaria per il 2015”;

- la L.R. 30 aprile 2015, n.3 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (legge finanziaria 2015)”;

- la L.R. 30 aprile 2015, n.4 “Bilancio di previsione della regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1621 dell’11 novembre 2013 ”Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33”;

- n. 57 del 26 gennaio 2015 “Programma per la trasparenza e l’integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

- n. 1057 del 24 luglio 2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;

-n. 1663 del 27 novembre 2006 “Modifiche all’assetto delle direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e s.m.i;

- n. 2060 del 20 dicembre 2010 recante “Rinnovo incarichi ai Direttori Generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n. 1377/2010 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, come rettificata dalla deliberazione della Giunta regionale n. 1950 del 13 dicembre 2010;

- n. 1222 del 4 agosto 2011 recante “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore al bilancio, riordino istituzionale, risorse umane e pari opportunità;

A voti unanimi e palesi

delibera:

 1. di approvare, ai sensi delle disposizioni contenute nella L.R. n. 3/2012, il Bando contenente i criteri e le modalità per l’erogazione dei contributi a sostegno dei processi partecipativi per l’anno 2015, come descritti nell’allegato 1 corredato della necessaria modulistica per la presentazione delle domande di contributo, parte integrante e sostanziale del presente atto.

2. di stabilire, in ragione delle argomentazioni indicate in premessa, che le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.;

3. di precisare che la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa 3871 e 3873 del Bilancio regionale riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal DLgs n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati.

4. di provvedere alla pubblicazione del presente atto ai sensi dell’art. 26, comma 1 del DLgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

5. di pubblicare il testo del presente provvedimento in forma integrale, nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e nel sito internet della Regione Emilia-Romagna, al seguente indirizzo: http://partecipazione.regione.emilia-romagna.it/tecnico-di-garanzia, nella sezione Bando 2015.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it