E-R | BUR

n.185 del 22.06.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Demanio idrico acque, R.R. n.41/2001 artt. 5, 6 - TECNOMARMO S.R.L. - Domanda 4/2/2022 di concessione di derivazione d'acqua pubblica, per uso industriale e igienico, dalle falde sotterranee in comune di Parma (PR), Via Campanella. Concessione di derivazione. Proc PR22A0002. SINADOC 7206

Sulla base di quanto esposto in premessa, parte integrante della presente determinazione:

1. di assentire a Tecnomarmo S.R.L., con sede in Parma (PR), Via T. Campanella 11/A, cap 43125, Domicilio digitale/PEC tecnomarmosrl@pec.it, Numero REA PR – 91960, Codice fiscale e n.iscr. al Registro Imprese 00152530341, Partita IVA 2 00152530341, la concessione di derivazione di acqua pubblica sotterranea, codice pratica PR22A0002, ai sensi dell’art. 5 e ss., R.R. 41/2001, con le caratteristiche di seguito descritte:

– prelievo da esercitarsi mediante pozzo, avente profondità di m 35;

– ubicazione del prelievo: Comune di Parma (PR), Via Campanella, su terreno di proprietà dei signori Santini Davide e Santini Lorenzo, censito al fg. n. 41, mapp. n. 866, Sez. 4; coordinate UTM RER x 603.774; y: 959.720;

– destinazione della risorsa ad uso industriale e igienico;

– portata massima di esercizio pari a l/s 4,8;

– volume d’acqua complessivamente prelevato pari a mc/annui 1974, di cui mc 1700 ad uso industriale e mc 274 ad uso igienico;

2. di stabilire che la concessione sia valida fino al 31/12/2026 In considerazione del risultato della valutazione di rischio rilevata attraverso il metodo ERA suggerito dalla la c.d. “Direttiva Derivazioni” (delib. 8/2015, aggiornata dalla delib. 3/2017) (Repulsione) approvata dall’ Autorità di Distretto Idrografico del Fiume Po.

3. di approvare il disciplinare di concessione allegato al presente atto e sua parte integrante, sottoscritto per accettazione dal concessionario;

(omissis)

ESTRATTO DEL DISCIPLINARE di concessione, parte integrante della Determina DET-AMB-2022-2687 del 27/5/2022

(omissis)

ARTICOLO 5 - DURATA DELLA CONCESSIONE/RINNOVO/RINUNCIA

  • 1. La concessione è valida fino al 31/12/2026 In considerazione del risultato della valutazione di rischio rilevata attraverso il metodo ERA suggerito dalla la c.d. “Direttiva Derivazioni” (delib. 8/2015, aggiornata dalla delib. 3/2017) (Repulsione) approvata dall’ Autorità di Distretto Idrografico del Fiume Po.
  • 2. Il concessionario che intenda rinnovare la concessione è tenuto a presentare istanza di rinnovo entro il termine di scadenza della stessa e può continuare il prelievo in attesa di rilascio del relativo provvedimento, nel rispetto dell’obbligo di pagare il canone e degli altri obblighi previsti dal disciplinare. Il concessionario che non intenda rinnovare la concessione è tenuto a darne comunicazione scritta all’Amministrazione concedente entro il termine di scadenza della concessione.
  • 3. Il concessionario può rinunciare alla concessione dandone comunicazione scritta all’Amministrazione concedente, fermo restando l’obbligo di pagare il canone fino al termine dell’annualità in corso alla data di ricezione della comunicazione di rinuncia.
  • 4. Il concessionario che abbia comunicato all’Amministrazione concedente l’intenzione di rinunciare alla concessione o di non rinnovarla è tenuto agli adempimenti dalla stessa indicati per la cessazione dell’utenza, ai fini dell’archiviazione del procedimento e della restituzione del deposito cauzionale.

(omissis)

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it