E-R | BUR

n.281 del 21.09.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione di linee programmatiche per la realizzazione di interventi destinati a strutture polifunzionali socio-assistenziali, in attuazione al tipo di operazione 7.4.01 del Programma di sviluppo rurale 2014-2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Richiamati:

- il Regolamento (UE) n. 1303 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;

- il Regolamento(UE)n. 1305 del 17 dicembre 2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;

- il Regolamento (UE) n. 1306 del 17 dicembre 2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/1978, (CE) n. 165/1994, (CE) n. 2799/1998, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n. 485/2008;

- il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2014-2020 (P.S.R. 2014-2020)attuativo del citato Regolamento (UE) n. 1305 del 17 dicembre 2013, nella formulazione approvata dalla Commissione Europea con Decisione di esecuzione C(2015)3530 finale del 26 maggio 2015, di cui si è preso atto con deliberazione n. 636 dell'8 giugno 2015;

- la Decisione di esecuzione C(2015) 9759 del 18 dicembre 2015 della Commissione Europea di approvazione delle modifiche al PSR proposte dalla Regione Emilia-Romagna, di cui si è preso atto con deliberazione n. 10 dell’11 gennaio 2016;

Vista la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna, formalmente riconosciuta quale Organismo pagatore regionale per le Misure dei Programmi di Sviluppo Rurale con Decreto del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del 13 novembre 2001;

Considerato che:

- il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 dell’Emilia-Romagna si articola in 66 tipi di Operazioni finalizzate a promuovere lo sviluppo equilibrato e sostenibile del settore agricolo e agro-industriale e dei territori rurali della Regione;

- in particolare tra le azioni programmate nel Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 finalizzate a migliore la qualità della vita della popolazione rurale e garantire l’accesso ai servizi, rientra il tipo di Operazione 7.4.01 “Strutture polifunzionali socio-assistenziali per la popolazione”;

- il tipo di Operazione 7.4.01 rientra nella Misura 7 del P.S.R. 2014-2020 “Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali” che contribuisce al perseguimento della Priorità 6 “Adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali” e della Focus area P6B “Stimolare lo sviluppo locale nelle zone rurali”;

Dato atto che:

- il tipo di Operazione 7.4.01 “Strutture polifunzionali socio-assistenziali per la popolazione” sostiene il finanziamento in conto capitale di interventi per la ristrutturazione e l’ampliamento di edifici da destinare a strutture polifunzionali che eroghino servizi assistenziali di base (sociali, socio-sanitari e sanitari) alla popolazione residente nelle aree rurali con problemi di sviluppo (Zona D);

- le risorse destinate alla realizzazione di tali interventi previsti nel tipo di Operazione 7.4.01 per l’intero periodo 2014-2020 ammontano complessivamente a € 4.420.655,00;

- il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 prevede che il tipo di Operazione 7.4.01 verrà attivata con avviso pubblico e su tutto il territorio regionale;

- i criteri di selezione relativi al tipo di Operazione 7.4.01 sono stati sottoposti al Comitato di Sorveglianza del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 nella seduta del 24 settembre 2015;

Atteso che il tipo di Operazione 7.4.01 prevede, tra le condizioni di ammissibilità al finanziamento, che gli interventi previsti siano “coerenti con la Programmazione sociale e sanitaria locale e della Regione Emilia-Romagna”;

Considerato opportuno fornire puntuali indicazioni programmatiche anche al fine di assicurare la coerenza degli interventi da destinare a strutture polifunzionali socio-assistenziali con la Programmazione sociale e sanitaria locale e della Regione Emilia-Romagna, stabilendo tra l’altro che sui medesimi interventi dovrà essere acquisito il parere positivo del Gruppo Tecnico Regionale appositamente costituito e della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria (CTSS) competente;

Ritenuto pertanto, al fine di garantire la realizzazione degli interventi previsti dal tipo di Operazione 7.4.01:

- approvare le “Linee programmatiche per la realizzazione di interventi destinati a strutture polifunzionali socio-assistenziali, in attuazione all’Operazione 7.4.01 del Programma di Sviluppo Surale 2014-2020”, quale allegato parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione;

- stabilire che il Direttore Generale Cura della persona, Salute e Welfare provveda, con proprio atto, alla costituzione del Gruppo Tecnico per la valutazione degli interventi di cui al precedente punto;

Viste:

- l’art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 e successive modifiche,

- il D.Lgs. n. 33/2013;

Viste le proprie deliberazioni:

- n. 193 del 27 febbraio 2015 "Contratto di lavoro ai sensi dell'art. 43 LR 43/2001 e affidamento dell'incarico di direttore generale "Sanità e Politiche Sociali";

- n. 628 del 29 maggio 2015 “Riorganizzazione della Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali” e succ. mod.;

- n. 2189 del 21 dicembre 2015 “Linee di indirizzo per la riorganizzazione della macchina amministrativa regionale”;

- n. 56 del 25 gennaio 2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell’art. 43 della L.R. 43/2001”;

- n. 270 del 29 febbraio 2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 702 del 16 maggio 2016 "Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali - Agenzie - Istituto, e nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell'anagrafe per la stazione appaltante";

Viste altresì:

- le proprie deliberazioni n. 1057/2006, n. 1663/2006, n. 193/2015, n. 516/2015, n. 628/2015, n. 106/2016 e n. 270/2016;

- la propria deliberazione n. 66/2016 “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e del Programma per la trasparenza e l'integrità. Aggiornamenti 2016-2018”;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29/12/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore alle Politiche di Welfare e Politiche Abitative, e dell'Assessore alle Politiche per la Salute; 

A voti unanimi e palesi;

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa, che qui si intendono integralmente riportate:

1) di approvare le “Linee programmatiche per la realizzazione di interventi destinati a strutture polifunzionali socio-assistenziali, in attuazione all’Operazione 7.4.01 del Programma di Sviluppo Surale 2014-2020”, quale allegato parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione;

2) di stabilire che il Direttore Generale Cura della persona, Salute e Welfare provveda, con proprio atto, alla costituzione del Gruppo Tecnico per la valutazione degli interventi di cui al precedente punto, così come indicato all’Allegato sopra citato;

3) di stabilire altresì che eventuali specifiche precisazioni tecniche o di dettaglio a chiarimento di quanto indicato nelle Linee programmatiche approvate con il presente atto, possano essere disposte con determinazione del Direttore Generale Cura della persona, Salute e Welfare.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it