E-R | BUR

n.182 del 28.06.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Provvedimento di VIA sul progetto di nuova concessione mineraria di acqua minerale naturale da denominarsi "Vetta") proposto dalla Ditta Norda S.p.A., nel comune di Bedonia, provincia di Parma

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) la Valutazione di Impatto Ambientale positiva, ai sensi dell’art. 16 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, sul progetto di nuova concessione mineraria di acqua minerale naturale da denominarsi “Vetta” proposto dalla Ditta Norda SpA nel comune di Bedonia (PR) alle condizioni definite ai paragrafi 1.C., 2.C. e 3.C. del Rapporto conclusivo della Conferenza di Servizi, che costituisce l’Allegato 1 parte integrante e sostanziale della presente delibera, di seguito sinteticamente riportate: 

1. sulla base di quanto emerso dallo studio idrogeologico, il pozzo Armonia dovrà esser limitato ad una portata istantanea massima non superiore ai 2,7 l/sec. A garanzia di tale prescrizione, dovrà essere installato presso il pozzo un misuratore in continuo della portata istantanea di emungimento i cui dati, opportunamente registrati dovranno essere resi disponibili in qualsiasi momento alle autorità di controllo. Gli stessi dovranno essere inviati periodicamente ad ARPAE S.A.C. territorialmente competente;

2. al fine di ottemperare quanto prescritto dal parere della Soprintendenza Archeologica delle Belle arti e Paesaggio per le Provincie di Parma e Piacenza, per quanto riguarda la realizzazione del casello di presa, si dovrà prevedere un rivestimento in legno del portoncino in acciaio di accesso al pozzo;

3. per quanto riguarda l’ambito di tutela archeologica, la ditta, nelle fasi realizzative del acquedotto (scavo) dovrà prevedere la presenza in cantiere di un archeologo, specializzato in archeologia preistorica, il cui nominativo dovrà essere preventivamente comunicato al funzionario archeologo della summenzionata Sopraintendenza, contestualmente alla data di inizio dei lavori;

4. per quanto attiene all’impatto sulla Strada Provinciale n. 359, si prescrive il rigido rispetto delle norme di circolazione stradale, in considerazione anche della particolare ubicazione e tracciato della viabilità stessa. Si rimanda alle specifiche condizioni dettate dal gestore della strada a fronte delle particolarità gestionali e condizioni meteorologiche;

5. al fine di evitare impatti significativi sui corpi idrici sotterranei, la portata istantanea massima di prelievo dal pozzo Armonia non dovrà superare il quantitativo di 2,7 l/s;

6. in ordine all’accordo fra le parti stipulato fra la Ditta Norda S.p.A. il Comune di Bedonia, ed il gestore della rete acquedottistica pubblica, Montagna 2000 S.p.A., la Ditta si impegna ad eseguire i lavori di manutenzione straordinaria agli impianti di alimentazione e stoccaggio dell’acqua pubblica, di proprietà del Comune di Bedonia, asserventi gli abitanti delle località di Scopolo e Pilati. Le opere da eseguire saranno indicate da apposito progetto tecnico definito da Montagna 2000 S.p.A. ed approvato dal Comune di Bedonia, comprensivo di capitolato speciale di appalto e relativa convenzione. La Ditta Norda S.p.A. si impegna ad eseguire i suddetti lavori entro il 30 giugno 2017 ed a partecipare alle operazioni di collaudo delle opere per mezzo del direttore lavori da essa incaricato, in contraddittorio con il responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Bedonia, Ing. Alberto Gedda ed al personale tecnico di Montagna 2000 S.p.A. La ditta è tenuta inoltre ad eseguire la manutenzione straordinaria della strada di collegamento al pozzo, da effettuarsi al termine dei lavori della rete acquedottistica. Dovrà altresì provvedere alla piantumazione degli eventuali alberi abbattuti a seguito della realizzazione dell’acquedotto, in funzione delle risultanze del monitoraggio ante e post operam;

7. per quanto riguarda gli approfondimenti conoscitivi dell'ambito “M. Pelpi”, si prescrive alla ditta di predisporre entro sei mesi dalla data di rilascio del provvedimento di VIA, una proposta di studio di caratterizzazione idrogeologica da inviarsi a Regione Emilia-Romagna (Servizio Geologico), Provincia di Parma, Comune di Bedonia, ARPAE, Università degli Studi di Parma, per la successiva validazione e stipula di accordi/
convenzioni volti alla concretizzazione delle azioni previste;

8. si prescrive che vengano rispettate tutte le indicazioni progettuali previste dalla Ditta; 

b) di dare atto che il parere sulla valutazione di impatto ambientale del Comune di Bedonia ai sensi dell’art. 18, comma 6 della LR 18 maggio 1999 n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, in merito al progetto in esame, è compreso all’interno dell’Allegato B “Pareri pervenuti” del Rapporto Ambientale che costituisce l’Allegato 1 alla presente deliberazione; 

c) di dare atto che il parere di competenza della Provincia di Parma è compreso all'interno dell’Allegato B “Pareri pervenuti” del Rapporto Ambientale che costituisce l’Allegato 1 alla presente deliberazione; 

d) di dare atto che il parere dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno è compreso all’interno dell’Allegato B “Pareri pervenuti” del Rapporto Ambientale che costituisce l’Allegato 1 alla presente deliberazione; 

e) di dare atto che il parere del gestore della rete acquedottistica pubblica, Montagna 2000 SpA, in merito alle opere di compensazione previste è compreso all’interno dell’Allegato B “Pareri pervenuti” del Rapporto Ambientale che costituisce l’Allegato 1 alla presente deliberazione; 

f) di dare atto che il Comune di Bedonia ha rilasciato l’autorizzazione paesaggistica ai sensi del DLgs 42/2004 con atto n. 06/16 del 12 dicembre 2016, in conformità al parere della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Parma e Piacenza del 12 dicembre 2016 prot. n. 5205 di pari data, Autorizzazione che costituisce l’Allegato 2 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

g) di dare atto che Arpae SAC di Parma, ha emanato il provvedimento di rilascio della Concessione mineraria “Vetta” per lo sfruttamento di acqua minerale naturale, riconosciuta con Decreto ministeriale n. 4071 del 3/7/2012 (denominata Armonia e successivamente denominata Appennina con decreto n.4256 del 10/2/2017) ai sensi della L.R. 32/88, con Determinazione n. DET-AMB-2017-1326 del 14/3/2017 a firma del Responsabile della S.A.C. dell’Arpae di Parma, dott. Paolo Maroli, ed il SUAP dell’Unione dei Comuni delle Valli Taro e Ceno, ha emanato il proprio provvedimento finale con atto n. 2 del 23/3/2017, conclusivo del procedimento da esso avviato, che costituisce l’Allegato 3 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; 

h) di dare atto che il parere di competenza della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le provincie di Parma e Piacenza relativamente al rischio archeologico è compreso all’interno dell’Allegato 2 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

i) di dare atto che al fine dell’efficacia degli atti, il Proponente è tenuto a perfezionare le istanze delle singole autorizzazioni/concessioni accorpate nella presente procedura, provvedendo al pagamento degli oneri, a qualsiasi titolo dovuti, previsti dai diversi dispositivi di legge;

j) di stabilire ai sensi dell’art. 26, comma 6 del Dlgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni che il progetto oggetto della presente valutazione dovrà essere realizzato entro 5 anni dalla sua approvazione, salvo proroghe debitamente concesse su istanza del proponente;

k) di determinare le spese per l’istruttoria relativa alla procedura predetta a carico del proponente in euro 1000,00 ai sensi dell’art. 28 della L.R. 9/1999 e della D.G.R. 1238/2002, importo correttamente versato alla Provincia di Parma all'avvio del procedimento;

l) di trasmettere, ai sensi dell’art. 16, comma 3, della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, copia della presente deliberazione al proponente, nella figura del legale rappresentante della Ditta Norda S.p.A.;

m) di trasmettere, ai sensi dell’art. 16, comma 4, della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, per opportuna conoscenza e per gli adempimenti di rispettiva competenza, copia della presente deliberazione a: Provincia di Parma; Regione Emilia-Romagna; Comune di Bedonia; Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno; AUSL Distretto Valli Taro e Ceno; Montagna 2000 spa; Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Parma e Piacenza; ATERSIR (Agenzia Territoriale dell'Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti); Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l’Energia Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche Sezione U.N.M.I.G. di Bologna;

n) di pubblicare per estratto nel BURERT, ai sensi dell’art. 16, comma 4, della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, il presente partito di deliberazione; 

o) di pubblicare integralmente la presente deliberazione sul sito web della Regione.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it