E-R | BUR

n.31 del 10.02.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decisione in merito alla procedura di verifica di assoggettabilità a VIA (screening) per il progetto preliminare di “Impianto sportivo per la pratica del fuoristrada tra cui moto e motoveicoli” da realizzarsi in loc. Monte Ardone, in Comune di Fornovo di Taro

L’Autorità competente Provincia di Parma comunica la decisione relativa alla procedura di verifica di assoggettabilità del progetto preliminare di “Impianto sportivo per la pratica del fuoristrada tra cui moto e motoveicoli” da realizzarsi in loc. Monte Ardone, in Comune di Fornovo di Taro.

A sensi della L.R. 9/99 smi e del DLgs 152/06 smi, l’Autorità competente Provincia di Parma con Decreto del Presidente della Provincia n. 382/2015 del 30/12/15 immediatamente eseguibile, ha assunto la seguente decisione:

per quanto di competenza, salvo diritti di terzi, di escludere, ai sensi dell’art. 10 della L.R. 9/99 smi dalla successiva fase di Valutazione di Impatto Ambientale il progetto di secondo gli esiti dell’apposita Conferenza dei Servizi conclusasi il giorno 9 dicembre 2015, in quanto lo stesso non ha effetti negativi e significativi sull’ambiente a condizione che sia realizzato quanto da progetto e che siano rispettate le seguenti prescrizioni:

  1. per quanto riguarda la matrice rumore sia eseguito un monitoraggio acustico in fase di esercizio. Tale monitoraggio dovrà essere ripetuto con cadenza annuale sempre ad impianto in funzione. Per quanto riguarda gli orari da rispettare andrà fatto riferimento a quanto stabilito dall’art. 3, comma 4 del DPR 3 aprile 2001, n. 304;
  2. entro un anno dall’entrata in esercizio dell’impianto dovranno essere realizzati i lavori per la costruzione dei servizi igienici. In fase di rilascio degli opportuni titoli abilitativi edilizi dovranno esser autorizzati lo scarico dei reflui in acque superficiali. Nel periodo in cui sarà utilizzato il wc chimico i reflui dovranno essere opportunamente gestiti come rifiuti da ditta specializzata.
  3. in considerazione della vicinanza ad aree di frana quiescente dovrà essere prestata la massima attenzione nei lavori di regimazione delle acque.

Dispone:

  • di obbligare, ai sensi del comma 4 dell’art. 10 della L.R. 9/99 e s.m.i., i proponenti a conformare il progetto alle prescrizioni di cui sopra. Le stesse prescrizioni sono vincolanti per gli Enti/ditte competenti al rilascio di intese, concessioni, autorizzazioni, licenze, pareri, nulla osta, assensi comunque denominati, necessari per la realizzazione del progetto in base alla vigente normativa;
  • di inviare copia del decreto a: Comune di Fornovo di Taro, Arpa, Ausl Distretto Valli Taro e Ceno, Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno;
  • di pubblicare per estratto, ai sensi dell’art. 10, comma 3, della L.R. 9/99 e s.m.i. il presente atto atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e sul sito web dell’Autorità competente Provincia di Parma, a cura del Servizio Ambiente.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it