E-R | BUR

n.13 del 15.01.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modifica apportata con atto del Consiglio comunale n. 49 del 7/11/2013 allo Statuto comunale

Art. 1 Principi

1. Il Comune di Cervia rappresenta la comunità locale cervese, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo, nell'ambito dei principi fissati dalla Costituzione della Repubblica Italiana, dalla Carta Europea dell'Autonomia locale, dalle leggi e dal presente Statuto.

2. L'azione del Comune è rivolta anche alle persone che comunque entrano in rapporto con lo stesso per ragioni di dimora temporanea, di lavoro o di interessi localizzati sul territorio del Comune.

3. Il Comune ispira la propria azione ai principi di garanzia e di partecipazione delle minoranze e di solidarietà, operando per affermare i diritti delle donne e degli uomini, per il superamento degli squilibri sociali, civili, economici e culturali; per garantire pari opportunità sociali, giuridiche e civili tra razze, religioni e sessi; per la piena attuazione dei principi di eguaglianza, di non violenza, di pari dignità sociale e per il completo sviluppo della persona umana nel rispetto dei principi e dei valori della costituzione. Il Comune in conformità ai principi costituzionali e alle norme internazionali che riconoscono i diritti innati delle persone riconosce nella pace un diritto fondamentale delle persone e dei popoli. A tal fine il Comune promuove la cultura della pace e dei diritti umani mediante iniziative culturali e di ricerca, di educazione, di cooperazione e di informazione direttamente e favorendo quelle di istituzioni culturali e scolastiche, associazioni, gruppi di volontariato e di cooperazione internazionale.

4. Il Comune promuove azioni positive per favorire le pari opportunità e possibilità di realizzazione sociale per le donne e per gli uomini, anche attraverso la promozione di tempi e modalità dell'organizzazione di vita urbana adeguati alla pluralità di esigenze dei cittadini, delle famiglie, delle lavoratrici e dei lavoratori. In tali ambiti ed ai sensi della legge del 10.4.1991, n. 125, nella Giunta Municipale, negli organismi collegiali del comune e degli Enti, Aziende ed Istituzioni dipendenti dovrà essere perseguita ed assicurata la rappresentanza di entrambi i sessi. Il Comune pone in essere azioni per garantire i diritti e tutelare gli interessi dei giovani, degli anziani, dei malati e dei portatori di handicaps. Attua e promuove in adempimento della Legge 5.2.92, n. 104, interventi in materia di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone handicappate.

5. Il Comune riconosce le libere forme associative e gli organismi di volontariato e promuove gli organismi di partecipazione; adegua l’azione politico amministrativa ai principi di partecipazione; tiene conto, nella programmazione e nella gestione delle proprie attività, dell'apporto degli organismi di volontariato, delle associazioni e delle altre forme di partecipazione.

6. Il Comune esercita le proprie funzioni con forme di gestione differenziata in relazione alla natura dell'attività e dei servizi prestati. Le forme di gestione sono scelte in relazione alla loro idoneità al perseguimento degli obiettivi posti.

7. L'organizzazione degli uffici e dei servizi è improntata a criteri di economicità di gestione, di responsabilità, di efficacia, di efficienza, di trasparenza dell'azione amministrativa.

8. Il Comune attribuisce particolare interesse, perseguendone le conseguenti finalità, alla tutela e alla valorizzazione del proprio patrimonio storico, culturale, artistico e ambientale con specifico riferimento a quegli elementi inscindibili e irrinunciabili connessi alla storia, alla tradizione e alla vita della comunità cervese, quali: il Centro Storico, le Saline, il Porto, le Pinete e le zone di interesse naturalistico, paesaggistico e ambientale, volgendo particolare attenzione alla tutela e alla salvaguardia del mare e della costa. Il Comune in tal senso, assume, sostiene e favorisce iniziative tese a valorizzare e proteggere il territorio comunale ed il patrimonio d'arte e di cultura che la città possiede, rivendicando il diritto di esercitare azioni concrete tese alla tutela giuridica e alla conservazione di tale patrimonio e dei singoli beni affinché gli stessi mantengano ed esprimano i valori di cultura, tradizione ed arte loro propri. Il Comune altresì promuove l'attività e la ricerca folclorica volta allo studio e al recupero del dialetto, degli usi e costumi e dei diversi aspetti della tradizione popolare, inerenti la comunità cervese.

8.bis - Il Comune di Cervia sostiene e riconosce l'accesso all'acqua come diritto umano universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell'acqua come bene comune pubblico non assoggettabile a regole di mercato.

9. Nell'ambito delle proprie competenze il Comune si adopera per assicurare e promuovere: lo sviluppo economico locale, con riferimento prioritario ad una più alta qualità sociale ed ambientale; lo svolgimento delle iniziative economiche pubbliche, private e cooperative per favorire l'occupazione e il benessere della popolazione garantendo il pluralismo delle forme imprenditoriali anche promuovendo forme di collaborazione tra pubblico e privato, singolo o associato e con l'associazionismo economico nelle sue diverse espressioni del territorio amministrato. 

9 bis.

Il Comune di Cervia considera la rete informatica un’infrastruttura essenziale per l’esercizio dei diritti di cittadinanza, e per tale motivo:

- garantisce ai cittadini e a chi visita la città l’accesso alla rete informatica e a internet, in condizione di parità e con modalità tecnologicamente adeguate, cercando di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale;

- adotta procedure atte a favorire la partecipazione dei cittadini alla vita politica ed amministrativa tramite la rete informatica

- si adopera per favorire la crescita della cultura digitale, con particolare riguardo alle categorie a rischio di esclusione.  

10. Nell'esercizio delle proprie competenze il Comune favorisce e sviluppa, anche attraverso forme associative, i rapporti di collaborazione con altri Enti Locali per le realizzazioni di interesse comune ed aderisce alle organizzazioni e associazioni nazionali ed internazionali ritenute idonee a garantire la tutela e la promozione dei comuni interessi.

11. Nell'ambito delle proprie funzioni e al fine di corrispondere alla propria vocazione turistica il Comune incentiva forme di cooperazione e rapporto con collettività locali anche di altri Stati.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it