E-R | BUR

n.267 del 27.08.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Avviso di deposito dell'istanza di Terna Rete Elettrica Nazionale Spa, in nome e per conto di Terna Plus Srl e Intertaba Spa, per il rilascio dell'autorizzazione alla costruzione e all'esercizio della nuova stazione elettrica utente 132/15 kV dello stabilimento Intertaba e relativo raccordo in cavo interrato 132 kV alla stazione RTN 380/132 kV di Martignone, nei comuni di Valsamoggia e Anzola dell'Emilia

L’Amministrazione provinciale di Bologna rende noto che Terna Rete Elettrica Nazionale S.p.A. - in nome e per conto di Terna Plus Srl e di Intertaba SpA - con istanza del 4/8/2014, pervenuta in data 6/8/2014 e protocollata con P.G. n. 121641/2014 nel fascicolo 8.4.2/50/2014 (rif. TERNA/Intertaba), ha chiesto, ai sensi e per gli effetti del DPR 327/01 s.m.i. art. 52-quater e della L.R. 22/2/1993 n. 10 e s.m.i., l’autorizzazione alla costruzione ed all’esercizio delle seguenti opere elettriche, non facenti parte della rete elettrica di trasmissione nazionale:

Nuova stazione elettrica utente 132/15 kV dello stabilimento Intertaba e relativo raccordo in cavo interrato 132 kV alla stazione RTN 380/132 kV di Martignone, nei comuni di Valsamoggia e Anzola dell'Emilia.

Per le opere elettriche in oggetto Terna Rete Elettrica Nazionale SpA. ha chiesto la dichiarazione di pubblica utilità ed inamovibilità delle opere, ai sensi dell’art. 4 bis della L.R. 10/93 e s.m.i. e dell'art. 52-quater del D.P.R. 327/2001 e s.m.i., a tal fine ha depositato l’elaborato in cui sono indicate le aree interessate e i nominativi di coloro che risultano proprietari secondo le risultanze di registri catastali.

Il provvedimento autorizzatorio comporta variante agli strumenti urbanistici dei Comuni di Valsamoggia e di Anzola dell’Emilia, con apposizione del vincolo espropriativo, preordinato all’imposizione coattiva della servitù di elettrodotto, ai sensi dell’art. 2 bis comma 3 della L.R. 10/93 e s.m.i. e dell’art. 52-quater del DPR 327/01 e s.m.i..

La linea elettrica interesserà le particelle catastali di seguito identificate:

  • in Comune di Anzola dell’Emilia: Foglio 53 mappali 121, 122 sub11;
  • in Comune di Valsamoggia - ex Crespellano: Foglio 4 mappale 487; Foglio 7 mappali 10, 12, 29, 112, 245, 247, 271, 334; Foglio 8 mappali 15, 25, 29, 34, 46, 47, 84, 147, 190, 210, 455, 459, 463, 468, 473, 480, 481, 486, 487, 503, 504, 526, 570, 579, 580, 581; strade private ad uso pubblico (frontisti Foglio 8 mappali 15, 39, 46, 47, 147, 190, 404, 405 e frontisti Foglio 8 mappali 84, 210, 487, 579, 580, 581).

Gli originali della domanda ed i documenti allegati resteranno depositati presso la Provincia di Bologna Ufficio Amministrativo Pianificazione Territoriale, Via San Felice n.25 - 40122 Bologna, per un periodo di 20 giorni consecutivi, decorrenti dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (di seguito BURERT), a disposizione di chiunque ne abbia interesse.

Le eventuali osservazioni dovranno essere presentate, in carta semplice, alla Provincia di Bologna Ufficio Amministrativo Pianificazione Territoriale entro 40 giorni dalla data di pubblicazione nel BURERT, e trasmesse in copia al Comune interessato dall’opera in oggetto, per le valutazioni di competenza.

Il procedimento per il rilascio dell’autorizzazione si concluderà, ai sensi di legge, entro 180 giorni dalla data di pubblicazione nel BURERT.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it