E-R | BUR

n.21 del 01.02.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione graduatoria delle operazioni presentate a valere sull'avviso di cui all'Allegato 2) della propria deliberazione 731/11

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

- la Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale e al Comitato delle Regioni, COM(2007)62 “Migliorare la qualità e la produttività sul luogo di lavoro: strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro”, che individua quale obiettivo prioritario delle politiche Europee la “riduzione continua, durevole ed omogenea degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali”;

- il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e ss.mm.;

- la L.R. n. 12 del 30 giugno 2003, “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e s.m. ed in particolare l’art. 13 “Finanziamento dei soggetti e delle attività”;

- la L.R. n. 17 dell’ 1 agosto 2005, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro” ed in particolare il Capo VII, Sezione I “Sicurezza nel lavoro”;

- la L.R. n. 2 del 2 marzo 2009 “Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile”;

 Viste altresì:

- la Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica Amministrazione” in particolare l’art. 11;

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ.mod.;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art. 3, Legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

Vista inoltre la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/3/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013.(Proposta della Giunta regionale in data 7/3/2011, n. 296);

Richiamate inoltre le proprie deliberazioni:

- n. 177 del 10/2/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.;

- n. 744 del 3/6/2009 “Approvazione del “Piano straordinario della formazione per la sicurezza” di cui all’Accordo ai sensi dell’art. 11, comma 7, del DLgs 9 aprile 2008, n. 81 del 20/11/2008 e dell’Avviso pubblico di chiamata di operazioni per la sua attuazione”;

- n. 155 del 1/2/2010 “Approvazione e finanziamento di operazioni in attuazione della propria deliberazione 744/2009. Variazione di bilancio”;

- n. 105 del 1/2/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta regionale 14/2/2005, n. 265” e ss.mm.;

- n. 1439 del 10/10/2011 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alla D.G.R. n. 934/2011, e dell’elenco degli organismi accreditati per l’obbligo d’istruzione ai sensi della D.G.R. 2046/10”;

Visto in particolare il Decreto Interministeriale 17 dicembre 2009, che provvede al riparto delle risorse di cui all’art. 11 comma 1, lett. b) del Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e alla individuazione delle priorità per il finanziamento di attività di formazione;

Richiamati:

- la deliberazione della Giunta regionale 332/07 con la quale la regione ha disciplinato gli aiuti di Stato di importanza minore (de minimis) in attuazione del Regolamento CE 1998/2006;

- la deliberazione della Giunta regionale 1915/09 che modifica la DGR 1968/08 “Approvazione nuovo regime di aiuti alla formazione a seguito del Regolamento (CE) N. 800/2008”;

- la deliberazione della Giunta regionale 1916/09 “Approvazione regime di aiuto all’occupazione a seguito del Regolamento (CE) N. 800/2008;

- il Regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006 Applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione dei prodotti agricoli.

- il Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato (Regolamento generale di esenzione per categoria);

Richiamata in particolare la propria deliberazione n. 731 del 30/5/2011 “Approvazione del “Piano della formazione per la sicurezza” e degli strumenti per la sua attuazione: l’avviso pubblico di chiamata di operazioni per l’attuazione di azioni sperimentali a valenza regionale e i requisiti e modalità di selezione delle operazioni a valenza provinciale” con la quale si è provveduto ad approvare quali parti integranti della stessa:

- il “Piano della formazione per la sicurezza” di cui all’Allegato 1);

- l’ ”Avviso pubblico di chiamata di operazioni per l’attuazione di azioni sperimentali a valenza regionale di cui al “piano della formazione per la sicurezza” di cui all’Allegato 2);

- i “Requisiti e modalità di selezione delle operazioni a valenza provinciale per l’attuazione del “Piano della Formazione per la sicurezza” di cui all’Allegato 3);

Rilevato che la strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro di cui alla richiamata Comunicazione della Commissione del Parlamento Europeo pone tra gli obiettivi principali il mutamento dei comportamenti dei lavoratori e la diffusione presso i datori di lavoro di approcci orientati alla salute e invita gli Stati membri all’integrazione della salute e della sicurezza nei programmi di istruzione e formazione;

Dato atto che nell’Allegato 2) della sopra citata deliberazione n. 731/2011 sono definiti, tra l’altro:

  • le azioni finanziabili e destinatari;
  • i soggetti ammessi alla presentazione delle operazioni;
  • le risorse disponibili e vincoli finanziari;
  • le modalità e il termine per la presentazione delle operazioni, previsto per le ore 12 del 13/9/2011;
  • le procedure e criteri di valutazione ed in particolare la previsione secondo la quale le operazioni sarebbero state considerate approvabili se avessero ottenuto un punteggio non inferiore a 60/100;

Dato atto inoltre che la deliberazione 731/11 prevede che:

  • l’istruttoria di ammissibilità venga eseguita a cura del Servizio regionale competente;
  • per l’esame delle operazioni ci si avvalga del Nucleo di valutazione regionale nominato con apposito atto del Direttore generale “Cultura, Formazione e Lavoro”;
  • al termine delle procedure di valutazione e selezione saranno redatte graduatorie per azione che consentiranno di finanziare le operazioni in ordine di graduatoria fino ad esaurimento delle risorse finanziarie;

Atteso che sono pervenute in totale n. 12 operazioni per un costo complessivo di Euro 1.651.213,00 di cui finanziamento pubblico richiesto Euro 1.356.334,40 così suddivise:

  • n. 4 operazioni candidate sulla Azione 1 canale di finanziamento risorse nazionali art. 11, comma 1, Dlgs 81/2008 per un costo complessivo di Euro 183.248,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;
  • n. 8 operazioni candidate sull’azione 2 canale di finanziamento risorse nazionali art. 11, comma 1, DLgs 81/2008 per un costo complessivo di Euro 1.467.965,00 e un finanziamento pubblico richiesto pari a Euro 1.173.086,40;

Preso atto, che il Servizio “Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro” ha effettuato l’istruttoria di ammissibilità e le n. 12 operazioni pervenute sono risultate ammissibili;

Dato atto che è pervenuta rinuncia formale alla realizzazione dell’operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2011-1344/RER con nota prot. PG/2011/0251548 del 17/10/2011.e che pertanto le operazioni oggetto di valutazione sono n. 11;

Rilevato che con determinazione dirigenziale n. 11325/2011 si è provveduto alla nomina dei componenti del Nucleo di valutazione regionale;

Tenuto conto che il Nucleo di valutazione, nella giornata del 8/11/2011, ha effettuato l’istruttoria delle operazioni pervenute a valere sull’Allegato 2) della sopra citata deliberazione, riguardanti le Azioni 1 e 2, che si vanno ad approvare con il presente atto, ed ha rassegnato i verbali dei propri lavori, acquisiti agli atti della Direzione generale Cultura Formazione e Lavoro, a disposizione per la consultazione di chiunque ne abbia diritto, con l’esito di seguito riportato:

  • per l’Azione 1:
  • n. 4 operazioni sono risultate “approvabili”, avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, ed inserite in graduatoria, redatta per azione, per punteggio conseguito, Allegato 1) parte integrante del presente atto;
  • per l’Azione 2:
  • n. 5 operazioni sono risultate “approvabili”, avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, ed inserite in graduatoria, redatta per azione, per punteggio conseguito, Allegato 2) parte integrante del presente atto;
  • n. 2 sono risultate non approvabili non avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, Allegato 3) parte integrante del presente atto;

Considerato che le risorse programmate, per la realizzazione delle operazioni approvabili, previste dall’Avviso della sopracitata deliberazione 731/11, per le Azioni 1 e 2, sono Risorse nazionali art. 11 comma 1 lettera b) DLgs 81/08 e ss.mm. e risorse regionali a cofinanziamento, per un totale di Euro 475.000,00;

Considerato inoltre che con il Decreto Interministeriale del 22/12/2010 vengono ripartite ulteriori risorse di cui all’art. 11, comma 2 del suddetto DLgs 81/08, pari a Euro 1.605.000,00, assegnate in data 28/9/2011 con comunicazione prot. 32/0001483;

Verificato che le operazioni candidate a valere sulle Azioni 1 e 2 risultano pienamente rispondenti agli obiettivi nonché ai vincoli previsti dai Decreti di assegnazione sopra citati, e che pertanto le stesse possono essere finanziate con tali risorse;

Tenuto conto che le operazioni oggetto della presente deliberazione, ritenute approvabili in fase di valutazione, sono caratterizzate da una elevata qualità e coerenza progettuale;

Dato atto che la Commissione Regionale Tripartita nella seduta del 28/11/2011 ha espresso parere favorevole sulla proposta di utilizzo delle risorse del Decreto Interministeriale del 22/12/2010 sopra citato per il finanziamento delle operazioni approvabili di cui alle Azioni 1 e 2 della deliberazione 731/2011 sopra citata;

Ritenuto pertanto con il presente atto, in attuazione della propria deliberazione 731/2011 di approvare le graduatorie delle operazioni approvabili candidate sulle Azioni 1 e 2, redatte per azioni e per punteggio conseguito, così come individuate negli Allegati 1) e 2) parti integranti della presente deliberazione;

Ritenuto di utilizzare le risorse disponibili sulla base dei Decreti sopracitati al fine di finanziare:

  • n. 4 operazioni sull’Azione 1 per un importo complessivo di Euro 183.248,00 per un contributo pubblico di pari importo;
  • n. 5 operazioni sull’Azione 2 per un importo complessivo di Euro 992.477,00 per un contributo pubblico di Euro 796.915,20;

per un costo complessivo di Euro 1.175.725,00 e un contributo pubblico di Euro 980.163,20;

Ritenuto, altresì, di procedere con successivi provvedimenti dei dirigenti regionali competenti per materia ai sensi della L. R. n. 40/2001 ed in applicazione della deliberazione n. 2416/2008 ss.mm:

  • al finanziamento delle n. 4 operazioni approvabili dell’Azione 1 e delle n. 5 operazioni approvabili dell’Azione 2 come sopra indicato, per gli importi indicati rispettivamente negli Allegati 1) e 2) parti integranti del presente provvedimento;
  • ad assumere gli impegni di spesa sui pertinenti capitoli del bilancio regionale;
  • alla liquidazione del contributo approvato secondo le modalità sotto specificate;

Dato atto che il contributo pubblico approvato verrà erogato secondo le seguenti modalità:

a) anticipo pari al 30% dell’importo del contributo pubblico approvato ad avvio dell’ attività, previo rilascio di garanzia fidejussoria a copertura del 30% del finanziamento concesso rilasciata secondo lo schema di cui al DM 22 aprile 1997 e di presentazione di regolare nota o fattura;

b) successivi rimborsi pari almeno al 15% del contributo pubblico fino alla concorrenza del 95% del totale, su presentazione della regolare nota o fattura di spesa, a fronte di domanda di pagamento relativa alle spese pagate;

c) il saldo ad approvazione del rendiconto e su presentazione della regolare nota o fattura di spesa;

d) in alternativa ai punti a) e b), senza il rilascio di garanzia fideiussoria, mediante richiesta di rimborsi pari almeno al 15% del contributo pubblico approvato fino a un massimo del 95% del totale, su presentazione della regolare nota o fattura di spesa, a fronte di domanda di pagamento relativa alle spese pagate;

Richiamate le Leggi regionali:

- 40/01 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- 43/01 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm;

- 14/10 “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del Bilancio pluriennale 2011-2013”;

- 15/10 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’anno finanziario 2011 e Bilancio pluriennale 2011-2013”;

- 10/11 “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione della Legge di assestamento del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2011 e del Bilancio pluriennale 2011-2013. Primo provvedimento generale di variazione”, pubblicata sul B.U.R Telematico. n. 116 del 26 luglio 2011;

- 11/11 “Assestamento del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2011 e del Bilancio pluriennale 2011-2013 a norma dell’art. 30 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di variazione”, pubblicata nel BUR Telematico. n. 117 e 117.1 del 26 luglio 2011;

Dato atto che:

- l’operazione contraddistinta dal numero Rif P.A. 2011-1338/RER, è stata presentata da “ECIPAR - Soc. Cons. a r.l” con sede a Bologna (cod. organismo 205), in qualità di Capogruppo mandatario di RTI denominato “RTI Rete Ecipar”, costituito con atto repertorio n.47.124 raccolta 22.401 del 27/04/2010, acquisito agli atti del Servizio regionale competente, composto dagli Organismi: “ECIPAR - Soc. Cons. a r.l-Formazione e servizi innovativi per l’artigianato e le PMI” (mandatario), “ECIPAR - Bologna Soc. Cons. a r.l.”, “Centro consulenza neo imprese e formazione professionale società consortile a responsabilità limitata” in breve “CNI-ECIPAR soc. consortile a r.l”, “Ecipar s.c.r.l. Formazione e servizi innovativi per l’artigianato P.M.I”, “Ecipar di Ravenna s.r.l”, “Ecipar- Ferrara- Formazione e servizi innovativi per l’artigianato e la piccola media impresa- soc. coop a r.l.”, “Ecipar Forlì-Cesena società consortile a r.l”, “Ecipar di Parma soc. cons. a r.l”, “Ecipar s.r.l”, “Ecipar - società consortile a responsabilità limitata- Formazione e servizi innovativi per l’artigianato e le P.M.I” in breve “Ecipar-Consorzio s.r.l” (mandanti), al fine di realizzare le operazioni affidate dalla Regione Emilia-Romagna al RTI in risposta a bandi e/o inviti della Regione stessa, la cui approvazione è dal 14/3/2010 al 31/12/2014;

- in coerenza con quanto previsto dall’atto costitutivo del RTI sopra menzionato, gli Organismi si impegnano a definire ruoli, competenze e ripartizione economica per l’operazione approvata, con proprio regolamento da inviare al Servizio regionale competente; 

Dato atto inoltre che l’operazione contraddistinta dal numero Rif P.A. 2011-1347/RER è stata presentata da costituendo RTI:

- che gli Organismi interessati risultano essere Formindustria Emilia-Romagna Soc. Cons. a r.l. con sede a Bologna (cod. org. 4220) in qualità di Capogruppo mandatario, Nuova Didactica - società consortile a responsabilità limitata con sede a Modena (cod. org. 1377), Fondazione Aldini Valeriani per lo sviluppo della cultura tecnica con sede a Bologna (cod. org. 889) e COFIMP - Consorzio per la formazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese con sede a Bologna (cod. org. 131), in qualità di mandanti;

- per la suddetta operazione i soggetti proponenti si costituiranno in Raggruppamento Temporaneo di Impresa, tenuto conto del piano delle attività approvate e che successivamente verranno finanziate come sopra previsto, qualora ne persistano ancora le condizioni;

- che dall’atto costitutivo del R.T.I dovranno risultare ruoli, competenze e suddivisione finanziaria tra i soggetti e inoltre che al Capogruppo mandatario è stato conferito mandato speciale con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti della RER;

Dato atto altresì che per i soggetti accreditati gli accertamenti di cui alla L. 19 marzo 1990, n. 55 “Nuove disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazioni di pericolosità sociale” e successive modifiche, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 1 del D.P.R. 252/98, sono stati attivati dal Servizio “Formazione Professionale” della DG “Cultura Formazione e Lavoro” e che di tale acquisizione si darà atto al momento della liquidazione;

Viste le proprie deliberazioni:

- 1057/06 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;

- 1663/06 “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;

- 2416/08 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07” e ss.mm;

- 1222/11 recante “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

- 1377/10 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni generali”così come rettificata dalla deliberazione 1950/10;

- 2060/10 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- 1642/11 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all’autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l’Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

a voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

1) di prendere atto che, in attuazione della propria deliberazione n. 731/2011 sopra, sono pervenute in totale n. 12 operazioni per un costo complessivo di Euro 1.651.213,00 di cui finanziamento pubblico richiesto Euro 1.356.334,40 così suddivise:

  • n. 4 operazioni candidate sull’Azione 1 canale di finanziamento risorse nazionali art. 11 comma 1 Dlgs 81/2008 per un costo complessivo di Euro 183.248,00 e un finanziamento pubblico richiesto di pari importo;
  • n. 8 operazioni candidate sull’Azione 2 canale di finanziamento risorse nazionali art. 11 comma 1 Dlgs 81/2008 per un costo complessivo di 1.467.965,00 e un finanziamento pubblico richiesto pari a Euro 1.173.086,40;

2) di prendere atto, inoltre, che è pervenuta rinuncia formale alla realizzazione dell’operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2011-1344/RER con nota prot. PG/2011/0251548 del 17/10/2011 e che pertanto le operazioni oggetto di valutazione sono n. 11;

3) di dare atto che, in attuazione della sopracitata deliberazione n. 731/2011 - Allegato 2), in esito alla valutazione effettuata sulle n. 11 operazioni candidate sulle Azioni trattate nel presente provvedimento:

  • per l’Azione 1, n. 4 operazioni sono risultate “approvabili”, avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, ed inserite in graduatoria, redatta per azione, per punteggio conseguito, Allegato 1) parte integrante del presente atto;
  • per l’Azione 2: 
  • n. 5 operazioni sono risultate “approvabili”, avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, ed inserite in graduatoria, redatta per azione, per punteggio conseguito, Allegato 2) parte integrante del presente atto;
  • n. 2 sono risultate “non approvabili” non avendo raggiunto un punteggio pari o maggiore a 60/100, Allegato 3) parte integrante del presente atto;

 4) di approvare:

  • le graduatorie delle operazioni approvabili candidate sulle Azioni 1 e 2, redatte per azione e per punteggio conseguito così come individuate rispettivamente negli Allegati 1) e 2) parti integranti della presente deliberazione;
  • l’elenco delle n. 2 operazioni di cui all’Azione 2 “non approvabili” così come individuato nell’ Allegato 3) parte integrante della presente deliberazione;

5) di dare atto che, verranno utilizzate le risorse disponibili, come definite in premessa e in riferimento ai Decreti citati, al fine di finanziare le operazioni di cui alle Azioni 1 e 2 che si approvano con il presente provvedimento;

6) di dare atto, inoltre, che la voce “Privati” di cui all’Allegato 2), corrispondente alla quota di Euro 195.561,80, risulta essere a carico di altri soggetti privati;

7) di dare atto altresì, tenuto conto di quanto espresso al punto 5) che precede, che risultano pertanto finanziabili:

  • n. 4 operazioni sull’Azione 1 per un importo complessivo di Euro 183.248,00 per un contributo pubblico di pari importo;
  • n. 5 operazioni sull’Azione 2 per un importo complessivo di Euro 992.477,00 per un contributo pubblico di Euro 796.915,20;

per un costo complessivo di Euro 1.175.725,00 e un contributo pubblico di Euro 980.163,20;

8) di prevedere che, con successivi provvedimenti dei dirigenti regionali competenti per materia ai sensi della L.R. 40/01 ed in applicazione della deliberazione 2416/08 ss.mm, si procederà:

  • al finanziamento delle n. 4 operazioni approvabili dell’Azione 1 e delle n. 5 operazioni approvabili dell’Azione 2 come sopra stabilito, per gli importi indicati rispettivamente negli Allegati 1) e 2) parti integranti del presente provvedimento;
  • ad assumere gli impegni di spesa sui pertinenti capitoli del bilancio regionale;
  • alla liquidazione del contributo approvato secondo le modalità specificate in premessa a cui si rinvia;

9) di stabilire che le modalità gestionali saranno regolate in base a quanto previsto dalle Disposizioni approvate con la propria deliberazione 105/2010 s.m.;

10) di dare atto che:

  • l’operazione contraddistinta dal numero Rif P.A. 2011-1338/RER è stata presentata da “ECIPAR - Soc. Cons. a r.l”, con sede a Bologna (cod. organismo 205), in qualità di Capogruppo mandatario di RTI, come specificato in premessa a cui di rinvia;
  • in coerenza con quanto previsto dall’atto costitutivo del suddetto RTI, gli Organismi si impegnano a definire ruoli, competenze e ripartizione economica per l’operazione approvata con proprio regolamento da inviare al Servizio regionale competente;

11) di dare atto infine che:

  • l’operazione contraddistinta dal numero Rif P.A. 2011-1347/RER è stata presentata da costituendo RTI;
  • gli Organismi interessati risultano essere Formindustria Emilia-Romagna Soc. Cons. a r.l. con sede a Bologna (cod. org. 4220) in qualità di Capogruppo mandatario, Nuova Didactica - società consortile a responsabilità limitata con sede a Modena (cod. org. 1377), Fondazione Aldini Valeriani per lo sviluppo della cultura tecnica con sede a Bologna (cod. org. 889) e COFIMP - Consorzio per la formazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese, con sede a Bologna (cod. org. 131), in qualità di mandanti;
  • per la suddetta operazione i soggetti proponenti si costituiranno in Raggruppamento Temporaneo di Impresa, tenuto conto del piano delle attività approvate e che successivamente verranno finanziate come sopra previsto, qualora ne persistano ancora le condizioni come indicato nell’operazione stessa;
  • dall’atto costitutivo del R.T.I dovranno risultare ruoli, competenze e suddivisione finanziaria tra i soggetti e inoltre che al Capogruppo mandatario è stato conferito mandato speciale con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti della RER;

12) di rinviare, per quanto non espressamente previsto, alla propria deliberazione 731/2011 sopra menzionata;

13) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it