E-R | BUR

n.320 del 05.11.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di verifica (screening) relativa a nuova domanda di concessione per un pozzo irriguo esistente, sito in località Quercioli, nel comune di Cavriago (RE)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) di non assoggettare, per le ragioni di urgenza ed indifferibilità citati in premessa, alla ulteriore procedura di VIA la presente procedura, relativa alla derivazione di acqua pubblica sotterranea da un pozzo irriguo esistente con le prescrizioni di seguito descritte, che consentono di ritenere poco significativi gli impatti attesi:

1) occorrerà limitare al minimo indispensabile i prelievi di risorsa idrica sotterranea a scopi irrigui, anche perseguendo le misure di risparmio idrico indicate negli artt. 66, 67, 68 e 69 del PTA, con particolare riferimento alla selezione delle tecniche irrigue ed alla migliore gestione delle infrastrutture per l'adduzione e la distribuzione; dovrà inoltre essere verificata, in sede di rilascio della concessione di derivazione, la possibilità di attuare ulteriori misure di riuso e risparmio della risorsa idrica derivata;

2) si ritiene necessario, in considerazione sia che l’areale è servito dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale sia che la concessione di derivazione verrà assentita senza limitazioni temporali, ovvero per tutti i secondi dell’anno, limitare il prelievo istantaneo ad un massimo di 35 l/s; il proponente valuterà eventualmente l’opportunità di dotarsi di idonee opere di stoccaggio della risorsa per poterne usufruire nel momento in cui non potrà più essere disponibile la risorsa distribuita dal Consorzio sopra citato;

3) gli effetti degli emungimenti del presente pozzo di Cavriago sull’acquifero sfruttato andranno verificati nel tempo mediante un piano di monitoraggio volto a controllare l’evoluzione dei livelli acquiferi statici e dinamici nell’area di influenza degli emungimenti; tale monitoraggio sarà utile per valutare ulteriori eventuali limitazioni di emungimento (nel tempo e nelle quantità) al fine di minimizzare le interferenze con il campo acquifero di Quercioli;

4) i dettagli dei monitoraggi e le modalità di trasmissione dei dati agli enti competenti (oltre al controllo sui quantitativi prelevati, agli obblighi e modalità di trasmissione dei dati, compreso l'eventuale monitoraggio piezometrico) andranno definiti in ambito di rilascio della concessione;

5) resta fermo che la realizzazione del progetto in esame è subordinata al rilascio da parte delle autorità competenti di tutte le autorizzazioni ed i pareri necessari ai sensi delle vigenti disposizioni di legge;

b) di trasmettere la presente delibera ai signori proponenti Cesare Angelo, Alessandro Cattaneo, Laura e Francesca Bertolini, Angelica Marisa Comandulli e Giuliana Barva;

c) di trasmettere la presente delibera a: Provincia di Reggio Emilia, al Comune di Cavriago, al Servizio Tecnico bacini affluenti Po, al Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua della Regione Emilia-Romagna;

d) di pubblicare per estratto, ai sensi dell’art. 10, comma 3, della legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, il presente partito di deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

e) di pubblicare il presente atto sul sito WEB della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it