E-R | BUR

n.40 del 16.02.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Comune di Piacenza (PC). Avvenuta conclusione positiva della Conferenza dei Servizi per il Procedimento Unico ai sensi dell’art. 53, comma 1, lettera B) della L.R. n. 24/2017, per l'approvazione, del progetto relativo all'ampliamento dell'attività produttiva esistente della soc. Bassanetti Nello Srl riguardante l'impianto fisso di lavorazione inerti "Podere Stanga" Codice P.I.A.E. n. 41 - in strada del Gargatano n. 51, comportante variante agli strumenti urbanistici vigenti

Si avvisa che, ai sensi dell'art. 53 della L.R. n.24 del 2017, con Determinazione Dirigenziale n. 2533 del 5/11/2021 si è conclusa positivamente la Conferenza dei Servizi relativa al Procedimento Unico per l'approvazione, ai sensi dell'art. 53 della L.R. n.24 del 21/12/2017 e smi, del progetto di ampliamento dell'attività produttiva esistente in strada in Strada del Gargatano n. 51 - impianto fisso di Lavorazione Inerti "PODERE Stanga" Codice P.I.A.E. n. 41 - della soc. Bassanetti Nello srl.

L'intervento prevede la nuova costruzione all'interno della nuova perimetrazione dell'impianto di lavorazione inerti, di: • Impianto di separazione granulometrica e deferizzazione sabbie secche, della superficie di mq. 105; • Impianto di deumidificazione e separazione mineralogica sabbie e ghiaietti, della superficie di mq. 310; • Magazzino per stoccaggio materiali di mq 375; • Magazzino per lo stoccaggio di prodotti confezionati di mq 300.la realizzazione su un'area di mq. 9791.

Il soggetto proponente è la società "BASSANETTI NELLO srl".

L'intervento comporta, per l'area sopra indicata, le seguenti Varianti urbanistiche:

Variante al PAE consistente in: Ampliamento del Polo Estrattivo n.42 “Podere Stanga” inglobando nel suo perimetro l'edificato di C.na Stanga Ampliamento, all'interno del Polo, dell'area destinata a “Impianto di lavorazione inerti”, per una superficie di mq. 35.218; Spostamento, all'interno dell'area sopracitata, della “Zona per il recupero dei materiali provenienti da attività di costruzione e demolizione e terre e rocce da scavo”, della superficie di mq. 5.000;

Variante al PSC consistente in: Ampliamento del perimetro del Polo, ad inglobare l'edificato di “Cascina Stanga” per una superficie di mq. 12.000 – con conseguente modifica della classificazione dell'area.

Da: “Ambiti ad alta vocazione produttiva agricola”- art. 2.8 delle Norme di Attuazione e “Aree di progetto e valorizzazione ambientale e territoriale ambiti di pertinenza del T. Nure” - art. 5.23 delle Norme di Attuazione a: “Poli estrattivi” - PIAE – art. 5.18 delle NT del PSC (che rimanda al PIAE-PAE) - conservando la destinazione a “Aree di progetto e valorizzazione ambientale e territoriale ambiti di pertinenza del T. Nure” - art. 5.23 delle Norme di Attuazione;

Variante al RUE consistente in: Ampliamento del perimetro del Polo con conseguente modifica della classificazione dell'area da: “Ambiti ad alta vocazione produttiva agricola”, normata dall'art. 85 delle NTA - nonché nel “Parco Fluviale” (art. 5.23 delle NT del PSC); a “Poli e ambiti estrattivi” (art. 5.18 del PSC), con l'ampliamento dell'area destinata a “Impianto di lavorazione inerti” - art. 5.18 del PSC – conservando la destinazione a “Parco Fluviale”;

Variante al PSQUA (Programma di Sviluppo e Qualificazione Ambientale) vigente, approvato con delibera di G.C. n. 91 del 7/4/2015, successivamente variato con Delibera di G.C. n. 445 del 22/12/2015, Delibera di G.C. n. 245 del 13/6/2017, con l'aumento della superficie dell'impianto fisso di mq. 35.218;

La determinazione conclusiva del procedimento unico comprende il parere motivato positivo alla V.A.S., ai sensi dell'art. 15 del D.Lgs 152/2006 e ss.mm.ii., relativamente agli effetti di Variante al PSC e al RUE vigenti implicati dal progetto in oggetto, nel rispetto dei contenuti e delle prescrizioni indicate nell'Atto della Provincia di Piacenza n. 98 del 17/9/2021 e relativi allegati.

A tal fine e, ai sensi dell’art. 53, comma 10, lett. b), della L.R. n. 24 del 2017, gli atti e gli elaborati costituenti il progetto e la conseguente variante agli strumenti urbanistici, sono depositati, presso il Comune di Piacenza, Servizio Attività Produttive e Edilizia, sito in via Scalabrini 11, previa richiesta di appuntamento telefonando al 0523 492246 o inviando una email a: antonella.castioni@comune.piacenza.it.

Gli elaborati di progetto, di variante sono pubblicati e consultabili sul sito istituzionale del Comune di Piacenza alla sezione “Amministrazione trasparente – Pianificazione e governo del territorio – Proposte trasformazione urbanistica-varianti".

La variante ratificata dal Consiglio Comunale entra in vigore dalla data di pubblicazione nel BURERT.

Il Responsabile del procedimento è l'arch. Enrico Rossi.

Il garante della comunicazione e della partecipazione del procedimento ai sensi dell’art. 45, comma 3, della L.R. n. 24 del 2017 è la dott.ssa Elisabetta Morni.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it