E-R | BUR

n.120 del 07.05.2013 (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione degli avvisi, in attuazione della DGR n.2063/2012, per l'attribuzione di assegni formativi (voucher) per il sostegno e la promozione di nuova imprenditorialità attraverso l'accesso ai "percorsi di accompagnamento al fare impresa" e per il sostegno di nuova occupazione attraverso l'accesso ai percorsi presenti nel catalogo regionale dell'offerta formativa a qualifica, nelle aree colpite dal sisma

 LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Richiamati:

- il regolamento n.1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006, relativo al Fondo sociale europeo e recante abrogazione del regolamento (CE) n. 1784/1999;

- il regolamento n.396/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009 che modifica il regolamento n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE;

- il regolamento n.1083/2006 del Consiglio dell’ 11 luglio 2006, recante le disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999;

- il regolamento n.284/2009 del Consiglio del 7 aprile 2009 che modifica il regolamento (CE) n.1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione, per quanto riguarda alcune disposizioni relative alla gestione finanziaria;

- il regolamento n.539/2010 del parlamento Europeo e del Consiglio del 16 giugno 2010 che modifica il regolamento n. 1083/2006 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda la semplificazione di taluni requisiti e talune disposizioni relative alla gestione finanziaria;

- il regolamento n.1828/2006 della Commissione dell’8 dicembre 2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/06 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/06 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

- il regolamento 846/2009 della Commissione del 1° settembre 2009, che modifica il Reg. n. 1828/2006 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/06 del Consiglio recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e del regolamento (CE) n. 1080/06 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

- la deliberazione del C.I.P.E. n.36 del 15/06/2007 (pubblicata sulla GU n. 241 del 16/10/2007) concernente “Definizione dei criteri di cofinanziamento nazionale degli interventi socio strutturali comunitari per il periodo di programmazione 2007/2013”;

- la decisione comunitaria di approvazione del Quadro Strategico Nazionale n. C(2007) 3329 del 13/7/2007;

- il decreto del Presidente della Repubblica n.196 del 3/10/2008 “Regolamento di esecuzione del Regolamento (CE) 1083/2006 recante disposizioni generali sul Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, sul Fondo Sociale Europeo e sul Fondo di Coesione” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.294 del 17/12/2008;

Richiamate:

- la decisione di approvazione C(2007)5327 del 26/10/2007 del “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione da parte della Commissione Europea;

- la decisione C(2011)7957 del 10/11/2011 recante modifica della decisione C(2007)5327 del 26/10/2007 che adotta il Programma Operativo per regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione della Regione Emilia-Romagna CCI2007IT052PO002;

- la propria deliberazione n.1681 del 12/11/2007 recante “POR FSE Emilia-Romagna obiettivo 2 “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013 - Presa d’atto della decisione di approvazione della Commissione Europea ed individuazione dell’Autorità di Gestione e delle relative funzioni e degli Organismi Intermedi”;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 101 dell’1/3/2007 “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione. (Proposta della Giunta regionale in data 12/02/2007, n. 159”;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/03/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013.(Proposta della Giunta regionale in data 7/3/2011, n. 296)”;

Viste:

- la L.R. n. 12 del 30 giugno 2003, “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” ed in particolare l’art. 13 “Finanziamento dei soggetti e delle attività” e s.m.;

- la L.R. n. 17 dell’1 agosto 2005, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 105 dell’1/2/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 11/2/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla Deliberazione della Giunta regionale 14/2/2005, n. 265” e smi;

- n. 936/2004 “Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del sistema regionale delle qualifiche” con cui viene approvato il Sistema Regionale delle Qualifiche;

- n. 265/2005 “Approvazione degli standard dell'offerta formativa a qualifica e revisione di alcune tipologie di azione di cui alla delibera di G.R. n. 177/2003 ” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 1434/2005 “Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del sistema regionale di formalizzazione e certificazione delle competenze” e ss.mm. con cui si approva l’impianto del Sistema regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze;

- n. 530/2006 “Il sistema regionale di formalizzazione e certificazione delle competenze”, con cui si approvano, contestualmente, i ruoli professionali per l’erogazione del Servizio di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze e i documenti rilasciati in esito a tale processo;

- n. 1372/2010 “Adeguamento ed integrazione degli standard professionali del Repertorio regionale delle Qualifiche”;

- nn. 1888/2010, 1077/2011, 1682/2011, 1407/2012, 206/2012 e 1407/2012 con le quali si approvano integrazioni e modificazioni delle qualifiche che fanno parte del Repertorio regionale delle qualifiche;

- n. 1373/2010 “Modifica della DGR 177/2003 “Direttive in ordine alle tipologie d'azione e alle regole per l'accreditamento degli organismi di FP””;

- n. 1695/2010 “Approvazione del documento di correlazione del Sistema Regionale delle Qualifiche (SRQ) al Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF)”;

- n. 389/2013 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alle D.G.R. n.1620/2012, e n.90/2013 dell'elenco degli organismi accreditati per l'obbligo d'istruzione ai sensi della D.G.R. n.2046/2010”;

Visti infine:

- il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 1 giugno 2012 “Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti colpiti dal sisma del 20 maggio 2012, verificatosi nelle province di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo”;

- il Decreto-Legge del 6 giugno 2012, n.74 così come convertito con L. n. 122/2012 “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e il 29 maggio 2012”;

Visti in particolare:

- l’Allegato alla procedura di consultazione scritta del Comitato di Sorveglianza “Motivazioni della proposta di riprogrammazione del P.O. 2007IT052PO002 F.S.E. 2007-2013 approvato con Decisione della Commissione Europea n. C(2007) 5327 del 26.10.2007 modificata con Decisione della Commissione Europea n. C(2011) 7957 del 10/11/2011”;

- l’Allegato alla procedura di consultazione scritta del Comitato di Sorveglianza “Analisi valutativa a supporto della proposta di modifica del Programma Operativo 2007 - 2013”;

Dato atto che, a seguito del terremoto di maggio 2012, sono state promosse diverse iniziative di solidarietà a livello nazionale, a favore delle aree colpite dagli eventi sismici e che per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo:

- è stato attivato un percorso di riprogrammazione, da attuarsi attraverso la riduzione delle risorse assegnate a ciascun Programma Operativo delle Regioni del Centro Nord e che ha consentito una disponibilità di 50 mln di euro da devolvere ai territori fortemente colpiti dal punto di vista strutturale, sociale, occupazionale;

- le ipotesi di calcolo delle quote dei singoli POR da destinare alle regioni colpite dal terremoto proposte dai Ministeri nazionali sono state condivise e approvato dalla Conferenza delle Regioni del 5 Luglio 2012;

- in attuazione di quanto sopra le Regioni italiane hanno costituito un ”contributo di solidarietà“ a carico dei Programmi Operativi FSE dell’Obiettivo Competitività Regionale ed Occupazione pari a 50 Ml di euro da ripartire tra le Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto;

- la quota di competenza netta della Regione Emilia-Romagna è pari a 40.714.085,00 Euro;

Dato atto che per le motivazioni sopra riportate il 23/10/2012 è stata avviata la procedura scritta ai sensi dell'art.4 del Regolamento interno del Comitato di Sorveglianza per l'approvazione della riprogrammazione del Programma Operativo FSE Regione Emilia-Romagna 2007-2013 e che tale procedura si è chiusa il 16/11/2012 con l’approvazione di detta proposta di Riprogrammazione del POR FSE Regione Emilia-Romagna 2007-2013, come da lettera, prot. n.PG/2012/0270147, dell’Assessore Patrizio Bianchi ai membri del Comitato;

Visto, in particolare, che al fine di dare attuazione a quanto contenuto nella sopra indicata procedura di riprogrammazione con propria deliberazione n. 1933/2012 “Invito a presentare operazioni a sostegno dei territori e della popolazione colpita dagli eventi sismici - Primo provvedimento” è stato:

- approvato l’”Invito a presentare operazioni a sostegno dei territori e della popolazione colpita dagli eventi sismici - Primo provvedimento”;

- dato atto che con propri successivi provvedimenti sarebbero state attivate le procedure per sostenere l’accesso individuale a misure a sostegno dell’avvio di attività imprenditoriali e di accompagnamento all’inserimento nel mercato del lavoro;

Richiamata la propria deliberazione n. 2063/2012, con la quale è stato approvato l'invito rivolto ai soggetti attuatori presenti nel Catalogo regionale dell'offerta formativa a qualifica con sede di erogazione nelle province di Bologna, Reggio nell’Emilia, Modena e Ferrara, e che intendono rendere disponibile la propria offerta a sostegno di nuova occupazione nelle aree colpite dal sisma tramite l'attribuzione di assegni formativi - voucher;

Dato atto in particolare che con determinazione n.1953 del 06/03/2013 della Responsabile del Servizio “Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro” è stata validata l'offerta formativa ad accesso individuale in attuazione della sopracita propria deliberazione n.2063/2012, costituita da percorsi a qualifica a sostegno di nuova occupazione e da percorsi di accompagnamento al "fare impresa" per promuovere nuova imprenditorialità, rivolta alle aree colpite dal sisma;

Ritenuto quindi necessario provvedere all’approvazione degli Inviti rivolti alle persone per accedere all'offerta formativa ad accesso individuale validata, in attuazione della sopra citata deliberazione n.2063/2012 ed in particolare:

1. Invito per l’attribuzione di assegni formativi (voucher) per il sostegno e la promozione di nuova imprenditorialità nelle aree colpite dal sisma per l’accesso ai “Percorsi di accompagnamento al fare impresa” compresi nel catalogo regionale dell’offerta formativa a qualifica e validati con la D.D. n.1953/2013 - Allegato 1) parte integrale e sostanziale del presente atto;

2. Invito per l’attribuzione di assegni formativi (voucher) a sostegno di nuova occupazione nelle aree colpite dal sisma per l’accesso ai percorsi presenti nel catalogo regionale dell’offerta formativa a qualifica e validati con la D.D. n.1953/2013 - Allegato 2) parte integrale e sostanziale del presente atto;

Evidenziato che:

- le richieste di attribuzione di assegni formativi dovranno essere formulate ed inviate secondo le modalità e nei termini riportati negli allegati 1) e 2);

- le istruttorie di ammissibilità e di approvazione delle richieste di attribuzione degli assegni formativi verranno effettuate dal Servizio “Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle Politiche della Formazione e del Lavoro” e si concluderanno, di norma, entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta di attribuzione, con l’adozione degli atti di assegnazione da parte della Responsabile del medesimo Servizio;

Dato atto, che le risorse - complessivamente disponibili per il finanziamento dell’accesso ai suddetti percorsi è complessivamente pari a Euro 1.000.000,00 di F.S.E. 2007-2013 - Assi Adattabilità e Occupabilità - le quali, nelle more dell’approvazione formale da parte della Commissione Europea della proposta di riprogrammazione del P.O. 2007IT052PO002 F.S.E. 2007-2013, trovano copertura con le risorse programmate con l’attuale P.O.R. FSE 2007-2013;

Richiamate le Leggi Regionali:

- n. 40/2001 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n.4";

- n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm;

- n. 19 del 21/12/2012 “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’art. 40 della legge regionale 15 novembre 2001, n. 40 in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2013 e del bilancio pluriennale 2013-2015”;

- n. 20 del 21/12/2012 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2013 e del Bilancio Pluriennale 2013-2015”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 1057 del 24 luglio 2006, “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della giunta regionale. indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali.”;

- n. 1663 del 27 novembre 2006 “Modifiche all'assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”; Ragioneria

- n. 2416 del 29/12/2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e ss.mm.;

- n. 1377 del 20/09/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettificato con deliberazione n. 1950/2010;

- n. 2060 del 20/12/2010 “Rinnovo incarichi a Direttori Generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n.1222/2011 recante "Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)";

- n.1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

- n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera

1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa, e che qui si intendono integralmente riportate:

- Invito per l’attribuzione di assegni formativi (voucher) per il sostegno e la promozione di nuova imprenditorialità nelle aree colpite dal sisma per l’accesso ai Percorsi di accompagnamento al fare impresa compresi nel catalogo regionale dell’offerta a qualifica e validati con la D.D. n.1953/2013 - Allegato 1) parte integrale e sostanziale del presente atto;

- Invito per l’attribuzione di assegni formativi (voucher) a sostegno di nuova occupazione nelle aree colpite dal sisma per l’accesso ai percorsi presenti nel catalogo regionale dell’offerta formativa a qualifica e validati con la D.D. n.1953/2013 - Allegato 2) parte integrale e sostanziale del presente atto;

2) di stabilire, che le risorse - complessivamente disponibili per il finanziamento dell’accesso ai suddetti percorsi è complessivamente pari a Euro 1.000.000,00 di F.S.E. 2007-2013 - Assi Adattabilità e Occupabilità - le quali, nelle more dell’approvazione formale da parte della Commissione Europea della proposta di riprogrammazione del P.O. 2007IT052PO002 F.S.E. 2007-2013, trovano copertura con le risorse programmate con l’attuale P.O.R. FSE 2007-2013;

3) di dare atto inoltre che, in coerenza e integrazione con le misure di agevolazione finanziaria alle imprese per l’assunzione e la stabilizzazione di giovani anno 2012 previste in attuazione del “Piano per l'accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa“ di cui alla propria deliberazione n.413/2012, con successivo atto saranno individuate le agevolazione connesse all’assunzione a tempo indeterminato in esito alle misure formative;

4) di dare atto inoltre che:

- la Responsabile del Servizio “Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro” provvederà, con propri atti formali, all’attribuzione degli assegni formativi, nel rispetto dei criteri e modalità previsti dall’Invito allegato;

- la Responsabile del Servizio “Gestione e Controllo delle attivita' realizzate nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro”, ai sensi degli artt.47 e seguenti, della L.R. 40/2001 nonché della DGR n.2416/2008 e ss.mm., provvederà con propri atti formali all’impegno delle risorse e alla liquidazione degli assegni formativi, nel rispetto di quanto previsto dalla DGR 105/2010, e s.m., e della determinazione dirigenziale n. 14165 del 26/10/2012;

5) di pubblicare la presente deliberazione, unitamente agli Allegati parte integrante e sostanziale della stessa, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito: http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it