E-R | BUR

n.280 del 18.10.2017 (Parte Seconda)

XHTML preview

Invito agli istituti storici del territorio regionale associati o collegati alla rete dell'INSMLI a presentare progetti specifici di divulgazione e valorizzazione della memoria e della storia del Novecento in Emilia-Romagna

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la L.R. 3 marzo 2016, n. 3 avente per oggetto "Memoria del Novecento. Promozione e sostegno alle attività di valorizzazione della storia del Novecento in Emilia-Romagna" e s. m. ed in particolare l'articolo 4, comma 2 e l'articolo 5, comma 3;

- il Programma degli interventi per il triennio 2016 – 2018 in attuazione della sopracitata L. R. n. 3/2016 e ss.mm.ii., approvato dall’Assemblea Legislativa della Regione con atto del 21 giugno 2016 n. 76;

Richiamato in particolare il sopracitato articolo 4, comma 2 della L.R. n. 3/2016 e s.m., che riconosce “il ruolo e l’attività svolta dagli Istituti storici presenti sul territorio regionale associati o collegati alla rete dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI)”;

Dato atto che nel 2016, in attuazione di quanto stabilito nel Programma sopracitato, sono state stipulate convenzioni triennali con gli Istituti di cui al precedente paragrafo, che prevedono il sostegno regionale ai rispettivi programmi di attività annuali;

Richiamate le proprie deliberazioni n. 802/2017 e n. 1132/
2017, con cui si approvano i programmi di attività presentati dagli Istituti sopracitati per l’anno 2017 e si assegnano i relativi contributi;  

Rilevata la necessità, ai fini del conseguimento degli obiettivi generali previsti al punto 3 del citato Programma, di attivare azioni mirate di divulgazione e sensibilizzazione del pubblico sulla memoria e la storia del Novecento in Emilia-Romagna e di valorizzazione dei luoghi della memoria e dei percorsi regionali ad essi collegati, da attuarsi entro il 31 dicembre 2017;

Ritenuto opportuno attivare a tal fineun invito rivolto agli Istituti storici sopracitati, in considerazione della specifica competenza e tempestività,per la presentazione diprogetti specifici riguardanti tali attività, che saranno valutati ai fini dell’assegnazione e concessione di contributi a sostegno della loro realizzazione;

Visto l’”Invito agli istituti storici del territorio regionale associati o collegati alla rete dell'INSMLI a presentare progetti specifici di divulgazione e valorizzazione della memoria e della storia del Novecento in Emilia-Romagna”, riportato nell'allegato A) che costituisce parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione;

Ritenuto di prevedere che la valutazione dei progetti che perverranno in risposta al sopra citato Invito verrà effettuata da un Nucleo di valutazione nominato con successivo atto del Direttore Generale “Economia della conoscenza, del Lavoro e dell'Impresa”;

Richiamati:

- il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e successive modifiche e integrazioni;

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna” per quanto compatibile e non in contrasto con i principi e postulati del predetto D.lgs. 118/2011 e ss.mm.ii.;

Viste le Leggi regionali approvate in data 23 dicembre 2016:

- n. 25 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2017”;

- n. 26 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2017-2019 (legge di stabilità regionale 2017)” e succ. mod.;

- n. 27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019” e succ. mod.;

Viste inoltre le Leggi regionali approvate in data 1 agosto 2017:

- n.18 “Disposizioni collegate alla legge di Assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;

- n.19 “Assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;

Richiamate le proprie deliberazioni n. 2338 del 21 dicembre 2016 e n. 1179 del 2 agosto 2017 aventi per oggetto rispettivamente l’approvazione e l’aggiornamento del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017–2019;

Ritenuto di stabilire che l'attuazione gestionale, in termini amministrativo-contabili, delle attività progettuali che saranno oggetto operativo del presente invito verrà realizzata ponendo a base di riferimento i princìpi e postulati che disciplinano le disposizioni previste dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.;

Dato atto che:

- al fine di meglio realizzare gli obiettivi che costituiscono l'asse portante delle prescrizioni tecnico-contabili previste per le Amministrazioni Pubbliche dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm., con particolare riferimento al principio della competenza finanziaria potenziata, le successive fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per renderli rispondenti al percorso contabile tracciato dal Decreto medesimo;

- in ragione di quanto sopra indicato, le successive fasi gestionali caratterizzanti il ciclo della spesa saranno strettamente correlate ai possibili percorsi contabili indicati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. con riferimento ai cronoprogrammi di spesa presentati dai soggetti attuatori individuati;

- la copertura finanziaria prevista nel capitolo di spesa indicato nel presente provvedimento riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistemica ed allocazione delle risorse disponibili destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi
in esso indicati;

Viste inoltre:

- la L.R. 26/11/2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e succ. mod.;

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” ed in particolare l’art. 26, comma 1;

- la propria deliberazione n. 89/2017 "Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017 - 2019";

- la propria deliberazione n. 486/2017 "Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs.n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;

Richiamate le proprie deliberazioni n. 2416/2008 e ss.mm.ii. per quanto applicabile, n. 56/2016, n. 270/2016, n. 622/2016, n. 1107/2016, 468/2017 e n. 975/2017;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore alla Cultura, politiche giovanili e politiche per la legalità; 

A voti unanimi e palesi

delibera:

1. di approvare, stante quanto indicato nelle premesse e che qui si intende integralmente riportato, l’”Invito agli istituti storici del territorio regionale associati o collegati alla rete dell'INSMLI a presentare progetti specifici di divulgazione e valorizzazione della memoria e della storia del Novecento in Emilia-Romagna” ai fini della concessione del contributo regionale a sostegno della loro realizzazione, di cui all’allegato A) che costituisce parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione;

2. di prevedere che la valutazione dei progetti che perverranno in risposta al sopra citato Invito Allegato A) verrà effettuata da un Nucleo di valutazione nominato con successivo atto del Direttore Generale “Economia della conoscenza, del Lavoro e dell'Impresa”;

3. di stabilire che con proprio successivo atto si procederà:

- all’approvazione della graduatoria dei progetti ammessi a contributo;

- alla quantificazione, assegnazione e concessione dei contributi riconosciuti a sostegno dei progetti presentati sulla base della valutazione effettuata dal Nucleo di valutazione di cui al punto 2) che precede, in attuazione e nel rispetto degli obiettivi e dei criteri individuati e dettagliati nell’Allegato A) alla presente deliberazione, e all’assunzione dei relativi impegni di spesa;

- all’approvazione dell’eventuale elenco dei progetti istruiti con esito negativo, comprensivo delle motivazioni di esclusione;

3. di dare atto che le risorse finanziarie necessarie all'attuazione del presente provvedimento trovano copertura finanziaria sul pertinente capitolo all’interno della Missione 5 – Programma 2 del bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione2017;

4. di stabilire, in ragione delle argomentazioni indicate in premessa, che le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.;

5. di precisare che la copertura finanziaria prevista nel capitolo di spesa indicato nel presente provvedimento riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

6. di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

7. di pubblicare l’Invito di cui al precedente punto 1) nel Bollettino Ufficiale Telematico e sul Portale E-R della Regione: http://cultura.regione.emilia-romagna.it/entra-in-regione sezione Patrocini e Contributi - Modulistica e nel sito URP regionale http://www.regione.emilia-romagna.it/urp/

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it