E-R | BUR

n. 164 del 30.11.2010 (Parte Seconda)

XHTML preview

CESTAS Centro di educazione sanitaria e tecnologie appropriate sanitarie – Valutazione negativa dei progetti di servizio civile nazionale ai sensi del prontuario allegato al D.P.C.M. 9 novembre 2009

 IL RESPONSABILE

(omissis)

determina: 

  1. è escluso dalla valutazione di qualità il progetto di servizio civile nazionale denominato: “Formare un mondo responsabile 2010” presentato dall’ente: CESTAS - Centro di Educazione Sanitaria e Tecnologie Appropriate sanitarie, per le seguenti motivazioni:
    • ai sensi del paragrafo 4.1, punto 5, del Prontuario approvato con DPCM 4 novembre 2009, in quanto non è stata inviata apposita istanza firmata dal legale rappresentante dell’ente o dal responsabile del servizio civile nazionale dichiarato in sede di accreditamento, dove, ai sensi del paragrafo 3.2 del citato Prontuario, indicare:

- denominazione dell’ente, completa della ragione sociale;

- codice identificativo dell’ente e classe di iscrizione all’albo nazionale provvisorio;

- indirizzo della sede centrale dell’ente;

- dati anagrafici del legale rappresentante o del responsabile del servizio civile nazionale dichiarato in sede di accreditamento;

- elenco dei progetti presentati, comprensivo del numero progressivo, dei titoli dei progetti e del numero dei volontari richiesti per i singoli progetti;

- dichiarazione di aver inviato via Internet, mediante il programma Helios, l’apposito format relativo ai singoli progetti;

- elenco della documentazione allegata.

La nota di trasmissione prot.136/for/2010 del 4/3/2010, acquisita agli atti al prot.58686 del 4/3/2010, risulta mancante della sottoscrizione e di tutti i riferimenti richiesti dalla disciplina richiamata.

  • - ai sensi del paragrafo 4.1, punto 7, del Prontuario approvato con DPCM 4 novembre 2009, in quanto i curricula vitae dei formatori specifici Bochi Valeria e Salinari Raffaele sono stati inviati in forma diversa da quella richiesta. Nei rapporti con la pubblica amministrazione, infatti, tutti gli stati, le qualità personali e i fatti non espressamente indicati nell’articolo 46 del DPR 445/2000 sono comprovati dagli interessati mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà di cui all’art. 47 del citato DPR, resa e sottoscritta dall’interessato con l’osservanza delle modalità di cui all’articolo 38 dello stesso DPR e in difformità alle previsioni dell’Allegato 5 del Prontuario (“I requisiti richiesti per i singoli incarichi sono dimostrabili mediante autocertificazione in originale resa ai sensi dell’art. 47 del DPR 28 dicembre 2000, n.445, esclusivamente dai soli interessati, debitamente firmata ed accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità in corso di validità”);

2. di inviare la presente determinazione all’ente interessato;2

3. di pubblicare, per estratto, il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

4. di dare atto che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al T.A.R. nei termini e nei modi previsti dalla legge 1034/71, come modificata dalla legge 205/00 o, in alternativa, è ammesso ricorso straordinario al Presidente della Repubblica nei termini e nei modi previsti dal DPR 1199/71, come modificato dalla legge 205/00. 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it