E-R | BUR

n. 154 del 10.11.2010 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedimento espropriativo relativo alla realizzazione di una nuova pista ciclabile,in Bologna, Via Orioli (Quartiere Saragozza) e Via Olmetola (Quartiere Borgo Panigale), di cui al progetto definitivo approvato con atto del Commissario Straordinario, P.G. n. 125402/2010. Determinazione indennità di esproprio, ex art. 20, DPR n. 327/2001

Premesso che:

- con delibera di Consiglio O.D.G. n. 144 del 4/5/2009, P.G. n. 88725/2009, esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato il primo Piano Operativo Comunale (POC), ai sensi dell’art. 34 della L.R. n. 20/2000;

- tale Piano Operativo Comunale, entrato in vigore in data 3/6/2009, ha comportato l’apposizione di un vincolo preordinato all’esproprio sui beni interessati dalla realizzazione di una nuova pista ciclabile rispettivamente in:- Via Orioli, (Quartiere Saragozza), connessione ciclopedonale tra le Vie Curiel e Zoccoli, mediante attraversamento della Via Orioli; - Cava Sim 97, Via Olmetola (Quartiere Borgo Panigale), connessione ciclopedonale tra le Vie Morazzo e Olmetola, mediante transito a margine della Cava Sim 97;

- con delibera del Commissario Straordinario P.G. n. 125402/2010, esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato il progetto definitivo finalizzato alla realizzazione di n. 5 connessioni ciclopedonali, con conseguente dichiarazione di pubblica utilità ex art. 18 legge Regionale n. 37/2002, relativamente alle sopracitate Orioli e Olmetola;

- al finanziamento della spesa, necessaria per l’esecuzione dell’intero progetto denominato “Piste Ciclabili”, determinata in complessive Euro 1.135.000,00 l’Amministrazione scrivente ha provveduto come segue:- quanto ad Euro 350.000,00 mediante ricorso ad un’operazione di mutuo da contrarre con un Istituto di credito autorizzato; - quanto ad Euro 135.000,00 mediante reimpiego del contributo della Regione Emilia-Romagna di cui all’ “Accordo di programma per la mobilità sostenibile e per i servizi minimi auto filoviari per il periodo 2007-2010” approvato con delibera della Giunta regionale n. 2136 del 9/12/2008, con imputazione al Bilancio 2009, Cap. U74350-400 del PEG imp. n. 309002368 (costituito con determina dirigenziale P.G. n. 313279/2009 del 30/12/2009); - quanto ad Euro 650.000,00, mediante reimpiego del provento della vendita di beni sul Bilancio 2009, Capitolo U64000-050 del PEG imp. n. 309002416 (costituito con determina dirigenziale P.G. n. 315873 del 31/12/2009), accantonamento n. 510000004;

- come previsto dall’art. 16 della L.R. n. 37/2002, il sopracitato progetto definitivo è stato depositato, presso l’Ufficio per le Espropriazioni del Comune di Bologna;- dell’avvenuto deposito è stato dato avviso mediante pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna del 20/1/2010, parte seconda, e su un quotidiano diffuso sul territorio (Resto del Carlino in pari data);

- in data 21/1/2010 è stata data comunicazione individuale di avvio del procedimento di approvazione del progetto definitivo ai proprietari delle aree espropriande, mediante raccomandata A/R (Prot.Gen. n.12930, 12910, 12922, 12944, 12927/2010);

- nel rispetto dei tempi previsti dall’art.16 della Legge Regionale n. 37/2002 sono pervenute n. 2 osservazioni che sono state puntualmente esaminate dal responsabile del procedimento dell’opera, Ing. Paolo Galanti del Settore Mobilità Urbana;

- che le controdeduzioni alle osservazioni sono riportate nel testo allegato al provvedimento P.G. n. 125402/2010, come parte integrante;

Atteso che sono stati rispettati i termini e le modalità di partecipazione degli interessati di cui alla L.R. 37/2002, in riferimento all’avviso di avvio del procedimento di approvazione del progetto definitivo comportante dichiarazione di pubblica utilità dell’opera;

Esaminata la relazione di stima redatta dal tecnico incaricato con la quale sono state quantificate le indennità provvisorie relative ai beni immobili oggetto del procedimento espropriativo in discorso, in relazione alle effettive superfici risultanti dai relativi frazionamenti catastali (P.G. nn. 193835/2010 e 193840/2010);

Visti - la L.R. 37/2002; - il D.P.R. n. 327 dell’8/6/2001; - il D.Lgs. n. 267 del 18/8/2000;

determina:

1) di quantificare l’indennità provvisoria di esproprio da corrispondere ai proprietari degli immobili occorrenti per la realizzazione dell’opera di cui trattasi come segue:

P.P.1 Via Orioli Franzoni Anna - proprietaria per 1/1;

Foglio 195 Mappale 176 Superficie mq 175.

Si precisa che trattasi di area ubicata in Comune di Bologna, ricompresa nella Zona Omogenea “B”, pertanto ai sensi del D.M. 1968/1444 ed ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. n. 327/2001, deve essere applicata la ritenuta d’imposta pari al 20%.

P.P. 1 Via Olmetola Dal Zotto Carla - proprietaria per 1/6;

Galletti Alessandro - proprietario per 1/6;

Galletti Giorgio - proprietario per 3/6;

Galletti Lorenzo - proprietario per 1/6;

Foglio 93 Mappali 66 e76 Superficie mq 735. 

Si precisa inoltre che trattasi di area ubicata in comune di Bologna, ricompresa nella Zona Omogenea “E”, pertanto ai sensi del D.M. 1968/1444 ed ai sensi dell’art. 35 del D.P.R. n. 327/2001, non deve essere applicata la ritenuta d’imposta pari al 20%.

2) Ai sensi dell’art. 20, comma II, del D.P.R. n. 327/01, la proprietà in indirizzo avrà facoltà di presentare, entro il termine di giorni 30 dalla notifica, osservazioni scritte o documenti.Qualora intenda condividere la determinazione di detta indennità, codesta proprietà potrà dare comunicazione irrevocabile a norma dell’art. 20, comma 5, del D.P.R. n. 327/2001, allo scrivente Comune di Bologna espropriante, con sede in Bologna, Piazza Liber Paradisus, 10, presso il Settore Patrimonio, Ufficio Espropriazioni. L’accettazione si considererà valida a norma di legge, solo se perverrà sottoscritta da tutti gli aventi causa unitamente a copia autenticata di un documento d’identità in corso di validità. Si ricorda che le dichiarazioni sostitutive sono rese sotto responsabilità penale in caso di falso.

3) di prevedere che la presente determinazione venga notificata ai proprietari nelle forme degli atti processuali civili, ai sensi dell’art. 20, comma 1 del D.P.R. 327/01, nonché pubblicata, nel BUR della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it