E-R | BUR

n.108 del 19.04.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Concessione contributi di cui alla graduatoria approvata con determina dirigenziale 20549/2016 in relazione al bando "Progetti di innovazione e diversificazione di prodotto o servizio per le PMI" approvato con DGR 1305/2016. Accertamento entrate

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4" per quanto applicabile;

- la L.R. 26/11/2001, n.43 e succ. mod.;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29/12/2008 recante "INDIRIZZI IN ORDINE ALLE RELAZIONI ORGANIZZATIVE E FUNZIONALI TRA LE STRUTTURE E SULL’ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI. ADEMPIMENTI CONSEGUENTI ALLA 999/2008. ADEGUAMENTO E AGGIORNAMENTO DELLA DELIBERA N. 450/2007.” e ss.mm.;

- il Programma Operativo Regionale FESR Emilia-Romagna 2014/2020, approvato con Decisione di Esecuzione della Commissione Europea C(2015) 928 del 12 febbraio 2015;

- l'art.1 della Legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016) commi da 792 a 799 (G.U 30/12/2015, n.302 – S.O n.70);

- la propria deliberazione n. 179 del 27/02/2015 recante “Presa d'atto del Programma Operativo FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e nomina dell’autorità di gestione”;

- la LEGGE REGIONALE 23 DICEMBRE 2016, N.25 avente ad oggetto "DISPOSIZIONI COLLEGATE ALLA LEGGE REGIONALE DI STABILITÀ PER IL 2017";

- la LEGGE REGIONALE 23 DICEMBRE 2016, N.26 avente ad oggetto "DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2017-2019 (LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2017)";

- la LEGGE REGIONALE 23 DICEMBRE 2016, N.27 avente ad oggetto "BILANCIO DI PREVISIONE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 2017-2019";

- la propria deliberazione n. 1305 del 01/08/2016 avente ad oggetto: “POR FESR 2014-2020. AZIONE 1.1.2. APPROVAZIONE BANDO "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI”;

- la determinazione dirigenziale n° 17642 del 10/11/2016 avente ad oggetto "POR FESR 2014-2020. AZIONE 1.1.2. BANDO "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI" APPROVATO CON DGR N.1305/2016. NOMINA NUCLEO DI VALUTAZIONE.";

- la propria determinazione n. 19261 del 01/12/2016 avente ad oggetto “BANDO POR FESR 2014-2020. AZIONE 1.1.2. "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI" APPROVATO CON DGR 1305/2016. ESITO VALUTAZIONE FORMALE DELLE DOMANDE PRESENTATE.” con il quale si è preso atto delle 175 proposte presentate, e che l’attività istruttoria ha rilevato tredici (13) domande non ammesse per motivi formali;

- i punti 4) e 5) della sopracitata deliberazione n. 773/2015 nei quali si indica che le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. e di precisare che la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa indicati rivestono carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

- la propria deliberazione n. 1428 del 12/09/2016 avente ad oggetto: ”VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL'ART. 51, D.LGS. 118/2011 - VARIAZIONI COMPENSATIVE FRA CAPITOLI RELATIVI ALL'ASSE 1 DEL POR FESR 2014/2020.";

Considerato che:

- le proposte progettuali pervenute a valere sul bando "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI” approvato con propria deliberazione n. 1305/2016 sono state sottoposte a valutazione formale;

- con la succitata determina n. 19261 del 01/12/2016 avente ad oggetto “BANDO POR FESR 2014-2020. AZIONE 1.1.2. "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI" APPROVATO CON DGR 1305/2016. ESITO VALUTAZIONE FORMALE DELLE DOMANDE PRESENTATE.”, sono state individuate le domande di finanziamento ritenute non ammissibili sotto il profilo formale, alla successiva fase di valutazione sostanziale del nucleo di valutazione;

Dato atto che con la propria determinazione n° 20549 del 21/12/2016 avente ad oggetto "ESITI DELLA VALUTAZIONE RELATIVI AL BANDO "PROGETTI DI INNOVAZIONE E DIVERSIFICAZIONE DI PRODOTTO O SERVIZIO PER LE PMI" APPROVATO CON DGR N.1305/2016." si prendeva atto degli esiti della valutazione;

Considerato che il bando approvato con la succitata delibera 1305/2016 disponeva al par. 12) Formazione delle graduatorie "I primi 10 progetti di ciascuna area tematica riconducibili alle priorità A e B, ed i primi 20 progetti riconducibili alla priorità D della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente, con valutazione sufficiente (pari a 75 punti), saranno ammessi al finanziamento. Tutti le altre proposte ammesse non rientranti in questa prima selezione costituiranno una graduatoria unica, e saranno finanziate fino ad esaurimento delle risorse disponibili." al fine di premiare i migliori progetti presentati nelle varie aree tematiche a prescindere dalla graduatoria generale nel caso in cui le risorse non fossero sufficienti a finanziare tutti i progetti con valutazione positiva.

Preso atto che il beneficiario INFRA Srl, CUP n° E74E16002420007, il beneficiario EASY LIFT S.R.L. CUP n° E84E16002820007 ed il beneficiario VARVEL SPA, hanno inviato formale rinuncia alla realizzazione del progetto e quindi al contributo al quale avrebbero avuto diritto.

Preso atto che per poter finanziare tutti i progetti indicati nella graduatoria approvata con la determina n° 20549/2016 le risorse necessarie ammontano ad euro € 4.970.622,00 mentre il bando in argomento al par. 8) "Risorse e cronoprogramma" aveva stanziato risorse per € 8.000.000,00 per l'annualità 2017, ampiamente sufficienti per procedere con la concessione dei contributi a tutte le aziende che hanno ottenuto un punteggio sufficiente;

Preso atto pertanto che lo stanziamento disponibile nei pertinenti capitoli è il seguente:

- cap. 22017 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3. POR FESR 2014/2020; Reg. CE 1303/2013; Decisione C (2015) 928) Quota UE" che presenta uno stanziamento di euro 3.771.250,00;

- cap. 22018 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3. POR FESR 2014/2020; L. 183/1987; Delibera CIPE 10 /2015) Quota Stato” che presenta uno stanziamento di euro 2.639.875,00;

- cap. 22019 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3. POR FESR 2014/2020; Reg. CE 1303/2013; Decisione C (2015) 928) Quota Regione” che presenta uno stanziamento di euro 1.131.375,00,

del bilancio finanziario gestionale 2017-2019 anno di previsione 2017;

Dato altresì atto:

– che sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale i relativi Codici Unici di Progetto (C.U.P) riportati negli allegati parte integrante alla presente determinazione;

 – che per quanto attiene all’informazione antimafia rilasciata ai sensi del D.Lgs n. 159/2011 avente ad oggetto “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13/08/2010 n. 136” e ss.mm.ii., tali disposizioni non si applicano ai contributi concessi con il presente atto;

 – che sono stati acquisiti e trattenuti agli atti dello scrivente servizio i DURC aventi regolare validità;

Ritenuto di poter procedere pertanto alla concessione dei contributi regionali ai soggetti individuati nell'allegato parte integrante e sostanziale del presente atto e denominato "ALLEGATO 1 – PROGETTI FINANZIATI" nella misura indicata a fianco di ciascun progetto approvato, per un importo complessivo di euro € 4.895.622,00.

Considerato pertanto di dover impegnare le risorse necessarie per i progetti approvati pari ad € 4.895.622,00 che,sulla base dei cronoprogrammi presentati dai soggetti attuatori,si riferiscono nella loro totalità ad attività da effettuare nell'annualità 2017;

Ritenuto pertanto di dover utilizzare le risorse finanziarie allocate quanto ad:

– euro € 4.895.622,00 suddivisesui capitoli 22017 per euro 2.447.811,00, 22018 per euro 1.713.467,70, 22019 per euro 734.343,30 del bilancio finanziario gestionale 2017-2019 anno di previsione 2017;

Ritenuto in relazione alla tipologia di spese previste e alle modalità gestionali delle procedure medesime, trattandosi di contributi soggetti a rendicontazione, che ricorrono gli elementi di cui al D.lgs. 118/2011 e che pertanto gli impegni di spesa possano essere assunti con il presente atto;

Atteso che è stato accertato che le procedure dei conseguenti pagamenti che saranno disposti in attuazione del presente atto sono relativamente all'anno 2017 compatibili con le prescrizioni previste dall'art.56, comma 6, del citato D.Lgs. n.118/2011 e ss.mm.;

Dato atto che, trattandosi di contributi a rendicontazione, a fronte degli impegni di spesa assunti col presente atto sui capitoli finanziati con risorse comunitarie e statali, si maturano ulteriori crediti nei confronti delle amministrazioni finanziatrici;

Preso atto che nessuno dei beneficiari oggetto del presente provvedimento rientra nella fattispecie prevista dall'art.4, comma 6, del D.L. 95/2012, convertito, con modificazioni, con Legge 135/2012;

Viste:

  • la L.R. 23 dicembre 2016, n.25 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2017”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 26 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2017-2019 (Legge di Stabilità Regionale 2017”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;
  • la propria delibera n.2338 del 21/12/2016 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;
  • il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159, art. 83 comma 1 e comma 3 lett. e), così come modificato dal D.Lgs. 15 novembre 2012, n. 218;
  • il D.Lgs.23 giugno 2011, n.118 ss.mm.ii;

Visti:

 la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante: “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art.3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;
  • il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.” e succ. mod.;
  • la determina n. 12096/2016;

 Vista inoltre la propria delibera n. 89 del 30/1/2017;

 Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 56/2016 avente ad oggetto “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta Regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001”;

- n. 270/2016 avente ad oggetto “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622/2016 avente ad oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 702/2016 avente ad oggetto “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie, Istituto e Nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali e dell'anagrafe per la stazione appaltante”;

- n.1107/2016 avente ad oggetto “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta Regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 2123/2016 avente ad oggetto “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali: Cura del territorio e dell'ambiente; Agricoltura, caccia e pesca; Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni e nell'ambito di Intercent-ER e conferma retribuzione di posizione FR1super nell'ambito della D.G. Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni”;

Richiamata altresì la determinazione n.1174/2017 avente ad oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali presso la Direzione Generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa”;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore a Attività Produttive, Piano energetico, Economia Verde e Ricostruzione post-sisma, Palma Costi

A voti unanimi e palesi

 delibera:

1. di richiamare integralmente le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;

2. di concedere sulla base delle risorse finanziarie disponibili alle aziende indicate nell'" ALLEGATO 1 – PROGETTI FINANZIATI", parte integrante del presente atto, i contributi regionali, nella misura indicata a fianco di ciascun progetto approvato per una somma complessiva di euro € 4.895.622,00 per la realizzazione dei progetti di ricerca presentati a valere sul bando approvato dalla deliberazione 1305/2016 e succ. mod.;

3. di imputare in relazione alle motivazioni espresse in premessa che si intendono qui integralmente riportate, la somma complessiva di Euro € 4.895.622,00, e nello specifico sul bilancio finanziario gestionale 2017-2019 anno di previsione 2017 approvato con propria delibera n. 2338/2016 che presenta la necessaria disponibilità così ripartita:

- la somma di euro 2.447.811,00 registrata al n. di impegno 2408 sul capitolo 22017 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3 POR FESR 2014/2020; Reg. CE 1303/2013; Decisione C (2015) 928) - Quota UE";

- la somma di euro 1.713.467,70 registrata al n. di impegno 2409 sul capitolo 22018 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3 POR FESR 2014/2020; L. 183/1987; Delibera CIPE 10 /2015) - Quota Stato”;

- la somma di euro 734.343,30 registrata al n. di impegno 2410 sul capitolo 22019 “contributi a imprese, anche in forma associata, per l'incremento delle attività di innovazione delle imprese stesse e per il sostegno a progetti di ricerca, (Asse 1, attività 1.1.2 e 1.1.3 POR FESR 2014/2020; Reg. CE 1303/2013; Decisione C (2015) 928) Quota Regione”;

4. di accertare, a fronte degli impegni di spesa assunti di cui al punto 3), la somma di € 4.161.278,70 così come di seguito specificato:

- quanto ad € 2.447.811,00 registrati al n. 653 di accertamento sul capitolo 4253 “CONTRIBUTO DELL'UNIONE EUROPEA SUL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE PER IL FINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" - QUOTA CORRENTE (REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2015) 928 DEL 12 FEBBRAIO 2015)”, quale credito nei confronti dell’Unione Europea a titolo di risorse del FESR;

 - quanto ad € 1.713.467,70 registrati al n. 654 di accertamento sul capitolo 3253 “ASSEGNAZIONE DELLO STATO PER IL COFINANZIAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014/2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE OBIETTIVO "INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" - QUOTA CORRENTE( LEGGE 16 APRILE 1987, N. 183, DELIBERA CIPE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2015; REGOLAMENTO UE N. 1303 DEL 17 DICEMBRE 2013, DEC. C(2015) 928 DEL 12 FEBBRAIO 2015)”, quale credito nei confronti del Ministero dell’economia e delle finanze a titolo di cofinanziamento statale a valere sul fondo di rotazione,

del bilancio finanziario gestionale 2017/2019, anno di previsione 2017;

5. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., le stringhe concernenti la codificazione della Transazione elementare, di cui agli artt. 5 e 6 del D. Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii ed all'allegato 7 al medesimo D. Lgs., risultano essere le seguenti:

Cap. di spesa: 22017 - Missione 14 - Programma 03 - Codice economico U.1.04.03.99.999 - COFOG 04.8 - Transazioni U.E. 3 - SIOPE / _ C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

Cap. di spesa: 22018 - Missione 14 - Programma 03 - Codice economico U.1.04.03.99.999 - COFOG 04.8 - Transazioni U.E. 4 - SIOPE / _ C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

Cap. di spesa: 22019 - Missione 14 - Programma 03 - Codice economico U.1.04.03.99.999 - COFOG 04.8 - Transazioni U.E. 7 - SIOPE / _ C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

 dando atto che, in relazione ai codici CUP, si rimanda all'ALLEGATO 1 – PROGETTI FINANZIATI;

6. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

7. di stabilire che alla liquidazione e alla richiesta di emissione dei titoli di pagamento relativi ai contributi concessi provvederà con propri atti formali, ai sensi della normativa contabile vigente e della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., il dirigente regionale competente, secondo le modalità definite nella D.G.R. n. 1305/2016 e succ. mod.;

8. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it/;

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it