E-R | BUR

n.24 del 05.02.2020 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Contributo alle spese di funzionamento degli Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità dell'Emilia Occidentale, Emilia Centrale, Emilia Orientale e Romagna. approvazione criteri di riparto; assegnazione, concessione e definizione modalità di liquidazione per l'annualità 2019

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera

1) di prendere atto delle relazioni trasmesse dagli Enti di gestione, il cui contenuto è riassunto nell’Allegato 1), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, che evidenziano il livello raggiunto nella realizzazione delle priorità gestionali fissate per l’annualità 2018, fornendo, se necessario, idonee giustificazioni;

2) di rinviare ad un successivo atto l’eventuale quantificazione della quota di contributo assegnato nell’esercizio 2018 da revocare per la mancata realizzazione degli adempimenti previsti con la propria deliberazione n. 565/2018;

3) di confermare, per il triennio 2019-2021, i criteri di riparto del contributo regionale a favore degli Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia occidentale, Emilia centrale, Emilia orientale, Romagna, come stabiliti dalla propria deliberazione n. 565/2018 di seguito richiamati:

a. 60% delle risorse, da attribuire sulla base della superficie delle Aree protette gestite, secondo la seguente distinzione: 50% per i Parchi e le Riserve, 30% per Aree contigue, 15% per i siti della Rete Natura 2000 esterni alle Aree protette (compresi quelli che rientrano nei Paesaggi protetti) e 5% per i Paesaggi protetti al netto dei siti Rete Natura 2000;

b. 40% delle risorse, da attribuire sulla base del numero delle Aree protette gestite, secondo la seguente distinzione: 75% per i Parchi, 15% per le Riserve, 5% per i siti della Rete Natura 2000 esterni alle Aree protette e 5% per i Paesaggi protetti;

c. per gli Enti che beneficiano di personale distaccato dalla Regione, al contributo calcolato secondo i criteri a) e b), viene sottratto un ammontare pari al costo delle unità di personale distaccato, la cui somma viene ridistribuita su tutti gli Enti, proporzionalmente alla spesa sostenuta complessivamente per il personale dipendente;

4) di dare atto che i valori dei parametri da considerare per l’applicazione dei criteri suddetti sono riportati nell’allegato 2), parte integrante e sostanziale del presente atto;

5) di stabilire, per il triennio 2019/2021, al fine di non compromettere la gestione consolidata degli Enti di gestione, nei casi in cui l’applicazione dei criteri precedentemente richiamati determini un ammontare del contributo regionale inferiore a quello concesso nell’annualità 2018, di mantenere lo stesso contributo, compatibilmente con le disponibilità del pertinente capitolo regionale;

6) di assegnare e concedere, per l’annualità 2019, il contributo regionale calcolato applicando i criteri sopra esposti, agli Enti di seguito indicati per gli importi a fianco di ognuno riportati:

 Ente di gestione per i parchi e la biodiversità

Contributo per le spese gestionali delle aree protette (Euro)

Emilia Occidentale

 1.241.434,29

Emilia Centrale

900.127,03

Emilia Orientale

985.343,21

Romagna

509.079,47

Totale Euro

 3.635.984,00

7) di imputare la spesa complessiva di € 3.635.984,00 ripartita come specificato al precedente punto 6), registrata al n. 3420 di impegno sul Capitolo 38089 “Contributi agli Enti gestori delle Aree Protette regionali e dei Parchi interregionali per la spesa di funzionamento delle Aree Protette (art. 3 commi 1 e 11 L.R. 23 dicembre 2011, n. 24; L.R. 17 febbraio 2005, n.6)” del Bilancio finanziario gestionale 2019-2021 anno di previsione 2019 che presenta la necessaria disponibilità, approvato con propria deliberazione n. 2301 del 27/12/2018;

8) di dare atto che in attuazione del D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, in relazione ai soggetti beneficiari e ai capitoli di spesa indicati, risulta essere la seguente:

Missione 9 - Programma 5 - Codice economico U.1.04.01.02.009 - COFOG 5.4 - Transazioni U.E. 8 - SIOPE 1040102009 - Gestione ordinaria 3 - C.I. spesa 3

9) di individuare le priorità gestionali degli Enti di gestione delle Aree protette, come elencate nell’Allegato 3) parte integrante e sostanziale del presente atto, da realizzarsi e da rendicontare mediante la trasmissione di una relazione dettagliata delle attività realizzate al Servizio Aree protette, Foreste e Sviluppo delle Montagna della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente, entro il 31 dicembre 2019;

10) di rinviare ad un successivo atto la quantificazione dell’eventuale quota del contributo concesso da revocare, nel caso di mancato rispetto dell’attuazione, da parte degli Enti di gestione delle Aree protette indicati, delle attività di cui al punto precedente;

11) di stabilire che, alla liquidazione del contributo concesso nell’esercizio 2019 agli Enti beneficiari citati, provvederà il Responsabile del Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo delle Montagna della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente, ai sensi della normativa contabile vigente, secondo le seguenti modalità e nel rispetto dei principi e postulati sanciti dal D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.:

- una prima quota, pari al 50% del contributo concesso, alla presentazione al Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo delle Montagna, dell’allegato al Bilancio di previsione 2019-2021 - Esercizio finanziario 2019 “Spese per missioni, programmi e Macroaggregati. Spese correnti – Previsioni di competenza”;

- il saldo, alla rendicontazione delle spese sostenute almeno pari all’ammontare del contributo già liquidato, indicate nel “Prospetto delle Spese per Missioni, Programmi e Macroaggregati. Spese correnti – Pagamenti in c/competenza” da trasmettere al Servizio Aree Protette Foreste e Sviluppo della montagna;

12) di stabilire che la concessione del contributo regionale per gli esercizi futuri, calcolato sulla base dei criteri stabiliti e compatibilmente alle disponibilità del pertinente capitolo del bilancio regionale relativo, sarà disposta con atto del Responsabile del Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo delle Montagna della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente;

13) di stabilire che, alla liquidazione del contributo regionale che sarà concesso negli esercizi 2020 e 2021, provvederà il Responsabile del Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo delle Montagna della Direzione Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente, ai sensi della normativa contabile vigente, secondo le seguenti modalità e nel rispetto dei principi e postulati sanciti dal D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.:

- una prima quota, pari al 50% del contributo concesso, alla presentazione al Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo delle Montagna, dell’allegato al Bilancio di previsione dell’esercizio di riferimento - “Spese per missioni, programmi e Macroaggregati. Spese correnti – Previsioni di competenza”;

- il saldo, alla rendicontazione delle spese sostenute almeno pari all’ammontare del contributo già liquidato, indicate nel “Prospetto delle Spese per Missioni, Programmi e Macroaggregati. Spese correnti – Pagamenti in c/competenza” da trasmettere al Servizio Aree Protette Foreste e Sviluppo della montagna;

14) di fissare al 31 luglio 2020 la trasmissione, da parte degli Enti di gestione citati, degli allegati al conto del bilancio per l’esercizio 2019 “Riepilogo generale delle entrate” e “Riepilogo generale delle spese”, al fine di monitorare le spese effettivamente sostenute per la gestione ordinaria nel corrente esercizio;

15) di fissare al 31 luglio 2021 e al 31 luglio 2022 la trasmissione, da parte degli Enti di gestione citati, degli allegati al conto del bilancio, rispettivamente per l’esercizio 2020 e per l’esercizio 2021, “Riepilogo generale delle entrate” e “Riepilogo generale delle spese”, al fine di monitorare le spese effettivamente sostenute per la gestione ordinaria negli esercizi relativi;

16) di prevedere che, nel caso in cui il contributo concesso e liquidato agli Enti beneficiari sia superiore alle somme rendicontate, secondo le modalità di cui al punto precedente, si procederà alla revoca e alla richiesta di restituzione delle somme eccedenti da introitarsi sul pertinente capitolo di bilancio;

17) di riservare, per l’annualità 2019, una quota pari a Euro 60.000,00 delle disponibilità allocate al capitolo 38089 del Bilancio regionale da assegnare nell’anno in corso, con successivo e separato provvedimento deliberativo, agli ambiti di tutela naturalistica di interesse sovracomunale di cui alla L.R. n. 6/2005 art. 54 bis quale contributo alle spese finalizzate alla gestione e alla conservazione delle Aree di riequilibrio ecologico o di siti della Rete Natura 2000;

18) di dare atto, inoltre, che si procederà agli adempimenti previsti dall’art. 56 comma 7 del citato D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

19) di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

20) di pubblicare il presente atto, per estratto, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it