E-R | BUR

n.362 del 13.11.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Integrazione risorse programmate con delibera di Giunta regionale n. 425/2019, assegnazione e concessione della somma spettante agli Enti capofila degli ambiti distrettuali per il consolidamento del Fondo Sociale Locale in attuazione della delibera dell'Assemblea Legislativa n. 120/2017 e della delibera di Giunta regionale n. 425/2019

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

- la legge 8/11/2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

- la L.R. 23/12/2004, n. 29 “Norme generali sull'organizzazione ed il funzionamento del Servizio sanitario regionale”;

- la L.R. 12/3/2003, n. 2 "Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” e ss. mm. e ii. ed in particolare gli artt. 19,27 e 29;

- la L.R. 30/7/2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni” e ss.mm.ii.;

- la L.R. 15/7/2016, n. 11, in particolare l’art.11 che modifica l’art. 27 della L.R. n. 2/2003 stabilendo la durata e l’efficacia del Piano regionale e il percorso per la sua adozione;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni con le quali si è data attuazione alla normativa di cui sopra:

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa n. 120/2017 con la quale si è approvato il nuovo Piano sociale e sanitario 2017-2019, ed in particolare i capitoli 5 e 6;

- la propria deliberazione n. 1423 del 2/10/2017 “Attuazione del piano sociale e sanitario 2017-2019. Approvazione delle schede attuative d’intervento e di indirizzi per l’elaborazione dei piani di zona distrettuale per la salute e il benessere sociale”;

- la propria deliberazione n. 425 del 25 marzo 2019 “Programma annuale 2019: ripartizione delle risorse del Fondo Sociale Regionale ai sensi della L.R. n. 2/2003 e ss.mm.ii. individuazione delle azioni per il perseguimento degli obiettivi di cui alla deliberazione dell'Assemblea legislativa n. 120/2017 e al Decreto interministeriale del 26 novembre 2018. modifiche alle delibere di Giunta regionale n. 1904/2011 e n. 564/2000” ed in particolare il punto 2 dell’allegato A, Fondo Sociale Locale: Sostegno ai Comuni quale concorso regionale all’attuazione dei Piani di zona per la salute e il benessere sociale - Programma attuativo annuale 2019;

- la determinazione dirigenziale n. 6889 del 16/4/2019 “Assegnazione e concessione della somma spettante agli enti capofila degli ambiti distrettuali del Fondo Sociale Locale in attuazione della D.A.L.120/2017 e della DGR 425/2019”;

Richiamato il punto 11 della propria deliberazione n. 425/2019 nel quale si stabiliva che eventuali ulteriori risorse statali e regionali che si fossero rese disponibili, compatibilmente con i vincoli di destinazione, sarebbero state assegnate secondo le finalità e i criteri di cui all'Allegato A, parte integrante e sostanziale della citata deliberazione;

Preso atto che nell'ambito del Fondo Sociale Regionale, di cui all’art. 47 della L.R. n. 2/2003, rimangono da programmare risorse per Euro 3.000.000,00 e risultano allocate al seguente capitolo di spesa U57193 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai Comuni singoli e alle forme associative per l’attuazione dei piani di zona, interventi per la programmazione e il governo della rete dei servizi (art. 47, comma 1, lett. b), L.R. 12 marzo 2003, n.2)";

Ritenuto di destinare tali risorse, che complessivamente ammontano a Euro 3.000.000,00, ad integrazione della quota programmata con la citata DGR 425/2019, al punto 2 dell’allegato A, “Fondo Sociale Locale: Sostegno ai Comuni quale concorso regionale all’attuazione dei piani di zona per la salute e il benessere sociale - Programma attuativo annuale 2019” ed in particolare al punto 2.2 finalizzazione delle risorse, secondo quanto indicato relativamente alle risorse regionali da destinare: “per la realizzazione di quanto programmato nell’ambito dei Piani di zona per la salute e il benessere sociale 2018-2020 -Programma attuativo 2019, garantendo coerenza con l’impianto, i contenuti e le trasversalità individuate nel PSSR 2017-2019 e nelle schede attuative regionali di cui alla propria deliberazione n. 1423/2017”;

Dato atto che alle finalità di cui al suddetto punto 2.2 del Programma allegato alla propria deliberazione n. 425/2019, erano state destinate risorse per il consolidamento, nell’ambito dei Piani di zona, del Fondo Sociale Locale di cui all’art. 45 della LR 2/03 ammontanti a Euro 36.904.684,63 di cui Euro 3.600.000,00 al capitolo 57193 a cui sommano Euro 3.000.000,00, rideterminando tale ammontare in Euro 6.600.000,00 al capitolo 57193 per complessivi Euro 39.904.684,63 per le finalità del punto 2.2;

Preso atto, altresì, che il suddetto Programma al punto 2:

  • individua quali destinatari delle risorse il Comune o altro Ente, tra quelli individuati dall’art. 16 della L.R. n. 2/03, individuato quale ente capofila dell’ambito distrettuale da apposita convenzione ai sensi del vigente Piano sociale e sanitario regionale;
  • stabilisce il seguente criterio di ripartizione delle sopracitate risorse:

- per una quota pari al 3% del totale delle risorse complessive, pari a Euro 90.000,00 sulla base della popolazione residente nei comuni classificati montani ai fini Istat all’1/1/2018;

- per le rimanenti risorse, pari a Euro 2.910.000,00 sulla base della popolazione residente al 1/1/2018, pesata per fasce di età, secondo lo schema seguente:

§ 0 – 24 valore 2

§ 25 – 64 valore 1

§ >= 65 valore 2

Ritenuto, a seguito dell’istruttoria condotta dal servizio competente per materia, in base ai criteri sopra citati di quantificare, assegnare e concedere ai Comuni e agli Enti capofila elencati nell'Allegato parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, per l'esercizio delle funzioni ad essi attribuite ai sensi della Legge n. 328/2000 e ss.mm.ii., le risorse spettanti per gli importi a fianco di ciascuno indicati, per la somma complessiva di Euro 3.000.000,00 ;

Ritenuto, altresì, in relazione alla tipologia di spesa che ricorrano gli elementi di cui al D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. e che gli impegni di spesa per complessivi Euro 3.000.000,00 possano essere assunti con il presente atto, sul pertinente capitolo di spesa come indicato nell'allegato parte integrante del presente provvedimento;

Preso atto che la procedura dei conseguenti pagamenti che saranno disposti col presente atto, è compatibile con le prescrizioni previste all'art. 56, comma 6 del citato D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

Visti:

- il D.lgs. n. 118/2011 recante "Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42" e ss.mm.ii.;

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, Abrogazione della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4” per quanto applicabile;

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.24 - Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2019;

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.25 - Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2019-2021 (legge di stabilità regionale 2019);

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.26 - Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021;

- la propria deliberazione n. 2301 del 27/12/2018 di “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021” e s.m.i.;

- la Legge regionale 30 luglio 2019, n. 13 “ Disposizioni collegate alla legge di assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

- la Legge regionale 30 luglio 2019, n. 14 “Assestamento e prima variazione generale al Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

- la propria deliberazione n. 1331 del 29 luglio 2019 “Aggiornamento del documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

Richiamati: 

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia”, e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture n. 4 del 7 luglio 2011, recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’articolo 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 122 del 28 gennaio 2019 recante “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021” ed, in particolare l’allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2019 -2021;

- la propria deliberazione n. 486 del 10/4/2017 “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”; 

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

- n. 193 del 27 febbraio 2015 recante “Contratto di lavoro ai sensi dell'art. 43 L.R. 43/2001 e affidamento dell'incarico di direttore generale "Sanità e politiche sociali e per l’integrazione”;

- n. 270 del 29 febbraio 2016 concernente “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 recante “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 1107 dell'11 luglio 2016 recante “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 2344 del 21 dicembre 2016 “Completamento della riorganizzazione della Direzione Generale cura della persona, salute e welfare”;

- n. 477 del 10 aprile 2017 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali Cura della persona, Salute e Welfare; Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni e autorizzazione al conferimento dell'interim per un ulteriore periodo sul servizio territoriale agricoltura, Caccia e Pesca di Ravenna”; 

Vista inoltre la propria deliberazione n. 468/2017 e le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della delibera n. 468/2017;

Visto il decreto n. 104 del 28/6/2019 “Nomina del Vicepresidente della Giunta Regionale e contestuale modifica al Decreto del Presidente n. 220/2014 e ss.mm.ii. "Nomina dei componenti della Giunta Regionale e specificazione delle relative competenze”;

Vista la determinazione n. 10923 del 19/6/2019 ad oggetto “Conferimento incarico dirigenziale ad interim di Responsabile del Servizio Politiche Sociali e Socio educative”;

Dato atto che il Responsabile del Procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione, anche potenziale, di conflitto di interessi;

Dato atto dei pareri e del visto di regolarità contabile allegati;

Su proposta del Presidente della Giunta regionale

A voti unanimi e palesi

delibera

Per le considerazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente richiamate: 

1. di destinare ulteriori risorse finanziarie pari a Euro 3.000.000,00 alle medesime finalità di cui al punto 2 dell’allegato A, “Fondo Sociale Locale: Sostegno ai Comuni quale concorso regionale all’attuazione dei piani di zona per la salute e il benessere sociale - Programma attuativo annuale 2019” ed in particolare al punto 2.2 finalizzazione delle risorse, secondo quanto indicato relativamente alle risorse regionali da destinare: “per la realizzazione di quanto programmato nell’ambito dei Piani di zona per la salute e il benessere sociale 2018-2020 - Programma attuativo 2019, garantendo coerenza con l’impianto, i contenuti e le trasversalità individuate nel PSSR 2017-2019 e nelle schede attuative regionali di cui alla propria deliberazione n. 1423/2017”, della propria deliberazione n. 425/2019 ad integrazione della quota di Euro 36.904.684,63 già destinata con la medesima deliberazione;

2. di integrare di Euro 3.000.000,00 le risorse programmate di cui al punto 2 del Programma attuativo 2019 approvata con la propria deliberazione n. 425/2019 al cap. 57193 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai Comuni singoli e alle forme associative per l’attuazione dei piani di zona, interventi per la programmazione e il governo della rete dei servizi (art. 47, comma 1, lett. b), L.R. 12 marzo 2003, n.2)" del Bilancio finanziario gestionale 2019-2021, anno di previsione 2019, ammontanti complessivamente a Euro 6.600.000,00;

3. di quantificare, assegnare e concedere in attuazione della propria deliberazione n. 425 del 25 marzo 2019 le risorse spettanti ai Comuni e agli altri Enti capofila degli ambiti distrettuali, quale sostegno agli stessi per il consolidamento, nell’ambito dei Piani di zona, del Fondo Sociale Locale, per gli importi indicati nell'allegato 1 che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, per complessivi Euro 3.000.000,00;

4. di impegnare la somma complessiva di Euro 3.000.000,00 registrata al n. 7961, sul capitolo 57193 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai Comuni singoli e alle forme associative per l’attuazione dei piani di zona, interventi per la programmazione e il governo della rete dei servizi (art. 47, comma 1, lett. b), L.R. 12 marzo 2003, n. 2)" del Bilancio finanziario gestionale 2019-2021, anno di previsione 2019, che presenta la necessaria disponibilità approvato con propria deliberazione n. 2338/2016 e ss.mm.ii.;

5. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii, le stringhe concernenti la codificazione della transazione elementare, come definita dal citato decreto, indicata in relazione ai soggetti beneficiari sono di seguito espressamente indicate:

Beneficiario Comuni - Capitolo 57193 - Missione 12 - Programma 07 - Codice economico U.1.04.01.02.003 - COGOF 10.9 - Transazione UE 8 - SIOPE 1040102003 - C.I. spesa 3 – Spesa Gestione ordinaria 3

Beneficiario Unione di Comuni - Capitolo 57193 - Missione 12 - Programma 07 - Codice economico U.1.04.01.02.005 - COGOF 10.9 - Transazione UE 8 - SIOPE 1040102005 - C.I. spesa 3 – Spesa Gestione ordinaria 3

Beneficiario Nuovo Circondario Imolese - Capitolo 57193 - Missione 12 - Programma 07 - Codice economico U.1.04.01.02.999 - COGOF 10.9 - Transazione UE 8 - SIOPE 1040102999 - C.I. spesa 3 – Spesa Gestione ordinaria 3

6. di dare atto che alla liquidazione, in un’unica soluzione, dei suddetti finanziamenti, e alla relativa richiesta di emissione dei titoli di pagamento, provvederà il Dirigente regionale competente con propri atti formali, ai sensi del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. e della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm.ii., ove applicabile, previa valutazione della congruità delle azioni programmate agli obiettivi descritti a seguito dell’approvazione del documento di Programma attuativo annuale, di cui al paragrafo 2 dell’allegato A della citata propria deliberazione n. 425/2019, da parte degli ambiti distrettuali e della sua presentazione in Regione nei tempi e nei modi stabiliti dalla medesima deliberazione;

7. di dare atto che, sulla base delle valutazioni effettuate dalla competente struttura di questo servizio, le norme di cui l’art. 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 non sono applicabili all’attività oggetto del finanziamento di cui al presente provvedimento;

8. di dare atto che si provvederà agli adempimenti previsti dall'art. 56, comma 7 del D.lgs.118/2011 e ss.mm.ii.;

9. di dare atto che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

10. di pubblicare infine la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it