E-R | BUR

n. 284 del 19.12.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modalità di utilizzo delle risorse ex legge 122/12 art. 12 "Interventi a favore della ricerca industriale delle imprese operanti nelle filiere maggiormente coinvolte dagli eventi sismici del maggio 2012"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visto l’art. 12 della Legge n. 122 del 1 agosto 2012 “Interventi a favore della ricerca industriale delle imprese operanti nelle filiere maggiormente coinvolte dagli eventi sismici del maggio 2012”;

Dato atto che:

- alla disciplina dei criteri, delle condizioni e delle modalità di concessione dei finanziamenti previsti da detto art.12 provvede con propri atti la Regione Emilia-Romagna, definendo in particolare, ammontari massimi concedibili, spese ammesse, criteri di valutazione, documenti istruttori, procedure, modalità di accesso, condizioni di revoca, modalità di controllo e di rendicontazione;

- per la realizzazione di tali interventi è stato assegnato un fondo di 50 milioni di Euro disponibile sulla contabilità speciale intestata all Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, relativa al FAR, che deve versarlo al Bilancio dello Stato per essere trasferito alla contabilità speciale intestata al Presidente della Regione Emilia-Romagna, in qualità di Commissario delegato ai sensi dell’art. 1 della sopra citata Legge 122/ 12;

Vista la Legge regionale 14 maggio 2002 n.7 “Promozione del sistema regionale della ricerca industriale, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico”;

Considerato che:

- il contesto territoriale colpito dagli eventi sismici del maggio 2012 è caratterizzato da un’alta densità imprenditoriale e vede parti consistenti di importanti filiere produttive regionali, altamente competitive ed innovative;

- il sisma, oltre ai consistenti danni civili, ha determinato gravi conseguenze all’economia regionale in termini di prodotto interno lordo ed esportazioni;

- le imprese appartenenti a tali filiere basano sempre più la propria competitività sull’innovazione tecnologica e sull’attività di ricerca;

- il fermo delle attività e la ricostruzione materiale hanno determinato la sospensione o il rallentamento delle attività rivolte alla ricerca e sviluppo, rischiando di danneggiare la competitività delle imprese anche nel lungo periodo;

Ritenuto quindi opportuno, al fine di provvedere rapidamente a sostenere le imprese impegnate nella ricerca e nell’innovazione e di riattivare attività e progetti per il raggiungimento degli obiettivi di innovazione, stabilire condizioni, modalità e criteri per la concessione delle agevolazioni previste dal citato art. 12 della legge 122/2012, identificando anche le tipologie di progetti da sostenere, in considerazione delle specificità del tessuto produttivo locale, così come definite nell’allegato 1 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; in particolare:

  1. Progetti di ricerca e sviluppo delle PMI
  2. Progetti di ricerca e sviluppo con impatto di filiera o previsioni di crescita occupazionale
  3. Acquisizione di servizi di ricerca e sperimentazione

Dato atto che nei bandi assunti dal dirigente competente per materia per la presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni, verranno definite puntualmente le modalità di presentazione delle domande della loro istruttoria, le modalità di erogazione dei contributi, di controllo e di rendicontazione;

Richiamato il bando “Ricerca, Innovazione, Crescita” approvato con propria deliberazione n. 392/2012, le cui finalità risultano perfettamente coerenti con gli obiettivi dell’art. 12 della Legge 122/12 ed in particolare con la seconda tipologia di progetti definita nell’allegato 1 alla presente deliberazione;

Ritenuto opportuno, vista la necessità e l’urgenza di interventi in grado di aumentare la competitività del sistema economico nei territori colpiti dagli eventi sismici individuati dalla Legge 122/12 e in ossequio al principio della semplificazione amministrativa, stabilire che i progetti localizzati nell’area del sisma e approvati sulla base del suddetto bando vengano finanziati attraverso il fondo della contabilità speciale n. 5699 intestata al Presidente della Regione Emilia-Romagna relativamente allo stanziamento previsto all’art. 12 della L. 122/12;

Dato atto che eventuali ulteriori interventi promossi dalla Regione nell’ambito di propri programmi, che siano coerenti con quanto previsto dall’art. 12 della Legge 122/12 e con quanto stabilito nell’allegato 1 alla presente deliberazione potranno prevedere che il finanziamento dei progetti da realizzarsi nei territori colpiti dal sisma avvenga attraverso le risorse stanziate dall’art. 12 della Legge 122/12;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, recante “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna”;

Richiamate:

- le deliberazioni di Giunta regionale n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1150 del 31 luglio 2006 e 1663 del 27 novembre 2006;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante ”Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore Attività produttive. Piano Energetico e Sviluppo sostenibile. Economia verde. Autorizzazione unica integrata;

a voti unanimi e palesi

delibera:

1. Di approvare condizioni, modalità e criteri per la concessione delle agevolazioni previste dall’art. 12 della Legge 122 del 1 agosto 2012, identificando anche le tipologie di progetti da sostenere, e definite nell’allegato 1 parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

2. Di stabilire che nei bandi che verranno assunti dal dirigente competente per materia per la presentazione delle domande per l’accesso alle agevolazioni, verranno definite puntualmente le modalità di presentazione delle domande della loro istruttoria, le modalità di erogazione dei contributi, di controllo e di rendicontazione;

3. Di stabilire che alla liquidazione dei contributi e ad ogni altro atto necessario per la gestione dei bandi previsti al punto 2. provvederà provvederà con propri atti il dirigente competente per materia;

4. che il bando “Ricerca, innovazione, crescita”, approvato con DGR 392/12, le cui finalità risultano perfettamente coerenti con gli obiettivi dell’art. 12 della Legge 122/12 è riconducibile alla seconda tipologia di progetti “Progetti di ricerca e sviluppo con impatto di filiera o previsioni di crescita occupazionale” definita nell’allegato 1 alla presente deliberazione, e che pertanto eventuali progetti approvati nell’ambito del suddetto bando e da realizzarsi nei territori dei comuni colpiti dal sisma del maggio 2012 vengano finanziati attraverso il fondo della contabilità speciale n. 5699 intestata al Presidente della Regione Emilia-Romagna relativamente allo stanziamento previsto all’art. 12 della L. 122/12, e che alla liquidazione dei contributi provvederà con propri atti il dirigente competente per materia;

5. Di stabilire che eventuali ulteriori interventi promossi dalla Regione nell’ambito di propri programmi, che siano coerenti con quanto previsto dall’art. 12 della Legge 122/12 e con quanto stabilito nell’allegato 1 alla presente deliberazione, potranno prevedere che il finanziamento dei progetti da realizzarsi nei territori colpiti dal sisma avvenga attraverso le risorse stanziate dall’art. 12 della Legge 122/2012;

6.di pubblicare la presente delibera nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna (B.U.R.E.R.).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it