E-R | BUR

n.185 del 22.06.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione del "Progetto per il sostegno ai bambine/i e ragazze/i ucraini per la partecipazione ad attività estive. L.R. 4/2022 - anno 2022" - Assegnazione e concessione finanziamento agli enti capofila degli ambiti distrettuali

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che dal giorno 24 febbraio 2022 il territorio dell’Ucraina è stato oggetto di un intervento militare che, oltre a causare la tragica perdita di vite umane, sta determinando un afflusso massiccio di persone, in cerca di rifugio, nell’Unione europea;

Visti:

- la Deliberazione del Consiglio dei ministri del 25 febbraio 2022, con la quale è stato dichiarato per tre mesi dalla data di deliberazione, lo stato di emergenza per intervento all’estero in conseguenza degli accadimenti in atto nel territorio dell’Ucraina;

- la Deliberazione del Consiglio dei ministri del 28 febbraio 2022, con la quale è stato dichiarato, sino al 31/12/2022, lo stato di emergenza in relazione all’esigenza di assicurare soccorso ed assistenza alla popolazione ucraina, sul territorio nazionale, in conseguenza della grave crisi internazionale in atto;

- il D.L. n. 14 del 25 febbraio 2022 recante “Disposizioni urgenti per la crisi in Ucraina”;

- il D.L. n. 16 del 28 febbraio 2022 recante “Ulteriori misure urgenti per la crisi in Ucraina”;

- il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 marzo 2022 – “Misure di protezione temporanea per le persone provenienti dall'Ucraina in conseguenza degli eventi bellici in corso” pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 89 del 15 aprile 2022;

- le ordinanze del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 870 del 02 marzo 2022, n. 872 del 4 marzo 2022, n. 873 del 04 marzo 2022 e successive in materia di emergenza umanitaria in Ucraina;

Viste le leggi regionali:

- n.14/08 “Norme in materia di politiche per le giovani generazioni”;

- n.4/22 “Misure urgenti di solidarietà con la popolazione dell'Ucraina”;

Ritenuto di dare seguito a quanto stabilito dalla legge regionale n. 4 del 8 aprile 2022 che prevede, fra gli altri, di sostenere interventi di alfabetizzazione linguistica e integrazione sociale nonchè di supporto educativo ai minori provenienti dall’Ucraina accolti e stabiliti nel territorio regionale;

Ravvisata la necessità di favorire la più ampia partecipazione ad opportunità educative e di socializzazione durante il periodo estivo ai bambine/i e ragazze/i sfollati dall’ucraina al fine di promuoverne l’inserimento nelle comunità locali di riferimento e favorire processi di apprendimento della lingua italiana anche al di fuori del contesto scolastico;

Vista la propria deliberazione n. 598/2022 “Approvazione progetto per la conciliazione vita-lavoro sostegno alle famiglie per la frequenza dei centri estivi – Anno 2022” con cui si conferma il sostegno regionale all’accesso per ragazzi e ragazze residenti nella regione Emilia-Romagna alle opportunità estive, educative e di socialità anche per l’anno 2022;

Considerato necessario integrare tale intervento prevedendo una misura specifica a sostegno dell’inserimento dei bambini e ragazzi ucraini nelle attività estive del proprio territorio, come specificato nel Progetto di cui all’allegato 1) che forma parte integrante e sostanziale del presente atto;

Valutato di destinare alla realizzazione di tale iniziativa una somma pari a 500.000,00 €, a valere sull’anno 2022;

Ritenuto necessario che le risorse, destinate agli enti locali, vengano ripartite agli ambiti distrettuali in funzione dei potenziali destinatari utilizzando, quale criterio di riparto, il dato relativo all’incidenza della popolazione ucraina giunta sul territorio regionale al 30/4/2022, nella fascia di età compresa tra i 3-17 anni (nati dall’1/1/2005 ed entro il 31/12/2019) e iscritta al servizio sanitario regionale con attribuzione del codice STP, in quanto unico dato disponibile disaggregato per fascia di età;

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui al D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. e che pertanto l’impegno di spesa possa essere assunto con il presente atto, in relazione alle tipologie di spesa previste e alle modalità gestionali delle procedure medesime;

Dato atto, altresì, che sulla base delle valutazioni effettuate dalla competente struttura, si è ritenuto di non richiedere il Codice unico di progetto di cui all’art. 11 della Legge 16/1/2003, n. 3;

Dato atto:

- che ai sensi dell’art. 56, comma 1 e del punto 5.2 dell’allegato 4.2, del D.lgs. 118/2011 e ss.mm.ii., la spesa di cui al presente atto è esigibile nell’anno 2022 per euro 500.000,00;

- che è stato accertato che le previsioni di pagamento a valere sull’anno 2022 sono compatibili con le prescrizioni previste dall’art. 56, comma 6, del citato D.lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii.;

- che alla liquidazione del finanziamento e alla richiesta di emissione del relativo titolo di pagamento provvederà il Dirigente regionale competente per materia con propri atti formali, ai sensi del D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. a seguito di apposita documentazione come meglio specificato nel punto 6. dell’Allegato 1 della presente deliberazione;

Visti:

- il D.lgs. 6 settembre 2011, n. 159 così come integrato e modificato dal D.lgs. n. 218/2012 e D.lgs. n. 153/2014, avente ad oggetto “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13/8/2010, n. 136” e ss.mm.ii;

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- il D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. recante "Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42";

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche;

- la L.R. 15 novembre 2001, n.40, recante “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4” per quanto ancora applicabile;

- Legge regionale 28/12/2021, n.19 “DISPOSIZIONI COLLEGATE ALLA LEGGE REGIONALE DI STABILITÀ PER IL 2022”;

- Legge regionale 28 dicembre 2021, n.20 “DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2022-2024 (LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2022)”;

- Legge regionale 28/12/2021, n.21 “BILANCIO DI PREVISIONE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 2022-2024”;

- Delibera n. 2276 del 27/12/2021 “APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO E DEL BILANCIO FINANZIARIO GESTIONALE DI PREVISIONE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 2022-2024”;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008, “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera n. 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007.” per quanto applicabile;

- n. 468 del 10 aprile 2017, avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna” e le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017, relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni, predisposte in attuazione della propria delibera n. 468/2017;

- n. 111 del 31 gennaio 2022 “Piano triennale di prevenzione della corruzione e trasparenza 2022-2024, di transizione al piano integrato di attività e organizzazione di cui all'art. 6 del D.L. n. 80/2021”;

- n. 771 del 24/5/2021 che conferisce fino al 31/5/2024 l’incarico di Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT) per le strutture della Giunta della Regione Emilia-Romagna e degli Istituti e Agenzie regionali, di cui all’art. 1 comma 3 bis, lett. b) della L.R. n. 43 del 2001;

- n. 324 del 7 marzo 2022, avente ad oggetto: “Disciplina organica in materia di organizzazione dell’Ente e gestione del personale”;

- n. 325 del 7 marzo 2022, avente ad oggetto: “Consolidamento e rafforzamento delle capacità amministrative: riorganizzazione dell’Ente a seguito del nuovo modello di organizzazione e gestione del personale”;

- n. 426 del 21 marzo 2022, avente ad oggetto: “Riorganizzazione dell’Ente a seguito del nuovo modello di organizzazione e gestione del personale. Conferimento degli incarichi ai Direttori Generali e ai Direttori di Agenzia”;

Richiamate infine le determinazioni dirigenziali:

- n. 2335 del 9 febbraio 2022, avente ad oggetto “Direttiva di indirizzi interpretativi degli obblighi di pubblicazione previsti dal Decreto legislativo n. 33 del 2013. Anno 2022”;

- n. 5514 del 24 marzo 2022 recante “Riorganizzazione della Direzione Generale Politiche finanziarie, conferimento di incarichi dirigenziali, assegnazione del personale e proroga delle posizioni organizzative”;

- n. 6229 del 31 marzo 2022, avente ad oggetto “Riorganizzazione della Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare. Istituzione aree di lavoro. Conferimento incarichi dirigenziali”

Dato atto che la Responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazioni di conflitto, anche potenziale di interessi;

Dato atto dei pareri e del visto di regolarità contabile allegati;

Su proposta della Vicepresidente Elena Ethel Schlein, Assessora a “Contrasto alle disuguaglianze e transizione ecologica: Patto per il Clima, Welfare, Politiche abitative, Politiche giovanili, Cooperazione internazionale allo sviluppo, Relazioni Internazionali, Rapporti con l’UE”

A voti unanimi e palesi

delibera

Per tutto quanto in premessa illustrato:

1. di approvare il “Progetto per il sostegno ai bambine/i e ragazze/i ucraini per la partecipazione ad attività estive. L.R. 4/2022 – anno 2022” di cui all’allegato 1), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

2. che le risorse disponibili per la realizzazione delle iniziative afferenti al progetto di cui all’allegato 1), sono pari a euro 500.000,00 allocate sul capitolo 2603 a valere sull’anno di previsione 2022 e che la quantificazione per ciascun ambito distrettuale è determinata in funzione dei potenziali destinatari ovvero in base all’incidenza della presenza di minori ucraini giunti in Emilia-Romagna a seguito del conflitto in età compresa tra i 3 e i 17 anni come riportato al punto 5) dello stesso allegato 1);

3. di assegnare e concedere un finanziamento di Euro 500.000,00 agli Enti capofila degli ambiti distrettuali a parziale copertura delle spese sostenute da comuni per la realizzazione del progetto medesimo;

4. di imputare la spesa complessiva di € 500.000,00 registrata al n. 8312 di impegno, sul capitolo U02603 “Trasferimenti a Enti delle Amministrazioni Locali per iniziative e interventi di solidarietà con la popolazione dell'Ucraina (art. 2, comma 2, L.R. 8 aprile 2022, n.4) - Altre risorse vincolate” del Bilancio finanziario gestionale 2022-2024, anno di previsione 2022, approvato con propria deliberazione n. 2276/2021, che presenta la necessaria disponibilità;

5. che in attuazione del D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto risulta essere la seguente:

Missione 19 - Programma 01 - Codice economico U.1.04.01.02.003 - COFOG 01.2 - Transazioni UE 8 - SIOPE 1040102003 - C.I. spesa 4 - Gestione ordinaria 3;

Missione 19 - Programma 01 - Codice economico U.1.04.01.02.005 - COFOG 01.2 - Transazioni UE 8 - SIOPE 1040102005 - C.I. spesa 4 - Gestione ordinaria 3;

Missione 19 - Programma 01 - Codice economico U.1.04.01.02.999 - COFOG 01.2 - Transazioni UE 8 - SIOPE 1040102999 - C.I. spesa 4 - Gestione ordinaria 3;

6. di stabilire che alla liquidazione del finanziamento, e alla richiesta di emissione del relativo titolo di pagamento provvederà il Responsabile dell’Area Infanzia e Adolescenza. Pari Opportunità. Terzo settore con propri atti formali, ai sensi del D.lgs. n. 118/2011 e della propria Deliberazione n. 2416/2008 e s.m., per quanto applicabile, in un’unica soluzione a ciascun Ente Capofila dell’ambito Distrettuale, a seguito della rendicontazione delle spese effettivamente sostenute come precisato nell’Allegato 1;

7. di stabilire che si provvederà agli adempimenti previsti dall’art. 56, comma 7, del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii;

8. di disporre la pubblicazione ai sensi dell’art. 26, comma 1, del D.lgs. n. 33 del 2013 e ss.mm.ii. e l’ulteriore pubblicazione prevista dal Piano Triennale di prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, nonché dalla Direttiva di Indirizzi interpretativi degli obblighi di pubblicazione, ai sensi dell’art. 7 bis, del D.Lgs. n. 33/2013 e ss.mm.ii.;

9. di pubblicare altresì la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it