E-R | BUR

n.216 del 26.07.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel mese di aprile 2009 nel territorio delle province di Piacenza, Parma, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini - OOPPCCMM nn. 3835/2009 e 3863/2010, OCDPC n. 41/2013. Approvazione dell'ultimo piano degli interventi

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la legge 24 febbraio 1992, n. 225 “Istituzione del Servizio nazionale di protezione civile” e successive modifiche;

- il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

- il decreto legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;

- la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 1 "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell'Agenzia regionale di protezione civile";

Richiamate:

- la legge Regionale 30 luglio 2015, n. 13 rubricata “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni”, con la quale, anche in coerenza con il dettato della Legge 7 aprile 2014, n. 56, è stato riformato il sistema di governo territoriale attraverso la definizione del nuovo ruolo istituzionale della Regione, e quindi anche quello dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, ora Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, di seguito Agenzia regionale;

- la propria deliberazione n. 622/2016 recante in oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015” di modifica, a decorrere dalla data dell’1 maggio 2016, dell’assetto organizzativo e funzionale dell’Agenzia regionale;

- la propria deliberazione n. 1107/2016 recante "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015" con cui si è proceduto a modificare le declaratorie di alcuni Servizi dell'Agenzia regionale;

Premesso che:

- nel mese di aprile 2009 il territorio della Provincia di Piacenza e nei giorni dal 26 al 30 aprile 2009 il territorio della Provincia di Parma sono stati interessati da intense ed eccezionali avversità atmosferiche che hanno causato l’esondazione di fiumi e torrenti, allagamenti, gravi movimenti franosi con danni alla viabilità, nonché alle strutture ed infrastrutture pubbliche e ad immobili privati;

- nei giorni 26 e 27 aprile 2009 una violenta mareggiata ha interessato i territori delle Province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, provocando un’importante ingressione marina, perdita di materiale sabbioso, arretramento del fronte mare e abbassamento del piano di spiaggia;

Visti:

- il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 maggio 2009 con il quale è stato dichiarato lo stato di emergenza per le eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel mese di aprile 2009 e per la violenta mareggiata del 26-27 aprile 2009 di cui sopra, esteso con decreto 26 giugno 2009 al territorio della Provincia di Parma per le avversità atmosferiche verificatesi nei giorni dal 26 al 30 aprile 2009, prorogato fino al 30 aprile 2011 con decreto 30 aprile 2010 e successivamente fino al 30 aprile 2012 con decreto 5 maggio 2011;

- l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n. 3835/2009 concernente gli interventi urgenti diretti a fronteggiare i danni conseguenti gli eventi di cui in premessa con la quale il Presidenti della Regione Emilia-Romagna è nominato Commissario delegato per il superamento dell'emergenza in parola;

- l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n. 3863/2010 che assegna al Presidente della Regione, in qualità di Commissario delegato, la somma di Euro 5.000.000,00 per l’attuazione dell’ordinanza n. 3835/2009;

Dato atto che:

- ai sensi dell’art. 8, comma 4, dell’ordinanza n. 3835/2009 è stata istituita l’apposita contabilità speciale n. 5419 intestata al Presidente della Regione, in qualità di Commissario delegato, per la gestione delle risorse finanziarie di cui sopra;

- ai sensi dell’art. 8, comma 3, dell’ordinanza n. 3835/2009, le Amministrazioni statali e gli enti pubblici sono autorizzati a trasferire ai Commissari delegati eventuali ulteriori risorse finanziarie finalizzate al superamento del contesto emergenziale di cui trattasi;

Dato atto, altresì, che con decreto commissariale n. 137/2010 è stato approvato il Piano degli interventi urgenti alla cui attuazione sono state destinate risorse finanziarie pari ad Euro 9.300.000,00, di cui Euro 5.000.000,00 a valere sulle risorse di cui all’OPCM n. 3863/2010 ed Euro 4.300.000,00 provenienti da altre fonti di finanziamento ai sensi dell’art. 1, comma 3, lett. b), dell’OPCM n. 3835/2009 che autorizzava l’inserimento nel piano anche di interventi finanziati da altre amministrazioni;

Vista l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile (OCDPC) n. 41 del 23 gennaio 2013 - adottata in applicazione dell’art. 5, commi 4-ter e 4-quater della L. n. 225/1992 – che ha individuato la Regione Emilia-Romagna quale amministrazione competente al coordinamento delle attività necessarie al completamento degli interventi da eseguirsi per il superamento dell’emergenza determinatasi a seguito degli eventi in parola ed il Direttore dell’Agenzia regionale di protezione civile quale responsabile delle iniziative finalizzate al definitivo subentro della medesima Regione nel coordinamento degli interventi, integralmente finanziati e contenuti in rimodulazioni dei piani delle attività già approvati, autorizzandolo a porre in essere le attività occorrenti per la prosecuzione in regime ordinario delle iniziative in corso finalizzate al superamento del contesto critico, provvedendo alla ricognizione e all’accertamento delle procedure e dei rapporti giuridici pendenti ai fini del definitivo trasferimento ai soggetti ordinariamente competenti;

Dato atto che per tali finalità, il Direttore dell’Agenzia regionale provvede, fino al completamento degli interventi e delle procedure amministrativo-contabili ad essi connessi, con le risorse disponibili sulla contabilità speciale n. 5419 allo stesso intestata per 24 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione dell’OCDPC n. 41/2013, e pertanto fino al 31/01/2015;

Dato atto, altresì, che con OCDPC n. 233 del 30 gennaio 2015 l’operatività della contabilità speciale è stata prorogata fino al 30/09/2015;

Considerato che a valere sull’importo totale stanziato dallo Stato e trasferito sulla contabilità speciale n. 5419 intestata al Commissario delegato pari a Euro 5.000.000,00, sono stati effettuati pagamenti per l’importo complessivo di Euro 4.091.567,72, così suddivisi:

- Interventi urgenti Euro 3.858.460,16, sulla somma di Euro 4.495.000,00 accantonata nel Piano degli interventi urgenti;

- Contributo ai soggetti privati e alle attività produttive Euro 228.107,56, sulla somma di Euro 500.000,00 accantonata nel Piano degli interventi urgenti;

- Potenziamento straordinario capacità operativa Agenzia Regionale di Protezione Civile Euro 5.000,00, pari alla somma accantonata nel Piano degli interventi urgenti;

Rilevato che risultano economie pari a Euro 908.432,28, così accertate con determinazione del Direttore dell’Agenzia regionale n. 1854 del 25 ottobre 2016;

Ritenuto opportuno utilizzare le economie maturate mediante la predisposizione di un ultimo Piano degli interventi per il superamento del contesto critico determinato dal quadro di danneggiamento conseguente alle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio delle Province di Parma e Piacenza e della violenta mareggiata che ha interessato le Province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini nel mese di aprile 2009, così come previsto dall’OCDPC n. 41/2013;

Considerato che, a seguito di accordi tecnici ed istituzionali dei territori interessati e ad una gestione integrata dei differenti strumenti finanziari, si ritiene opportuno finanziare degli interventi nel territorio della provincia di Piacenza, in particolare quattro interventi relativi a lavori da eseguirsi su strade provinciali (S.P. n.21 di Val d’Arda, S.P. n.45-bis di Stadera, S.P. n.65 di Caldarola, S.P. n.10 di Gropparello) e un intervento di ripristino della viabilità della strada comunale degli Zilioli nel Comune di Castell’Arquato;

Evidenziato che tali interventi riguardano criticità determinatesi nel mese di aprile 2009 e risultano tuttora necessari al fine del completo superamento dell’emergenza in parola;

Preso atto che il Dipartimento nazionale della Protezione Civile con nota:

- prot. RIA/69118 del 9 dicembre 2016 ha approvato la proposta di piano presentata dall'Agenzia regionale con nota prot. PC 31270 del 2 novembre 2016;

- prot. n. CG/0030546 del 5 maggio 2017 ha autorizzato il versamento delle risorse che residuano sulla contabilità speciale n. 5419 direttamente sul bilancio dell’Agenzia regionale, anziché sul bilancio della Regione Emilia-Romagna per il successivo trasferimento al bilancio dell'Agenzia regionale, come richiesto con nota del Presidente della Regione prot. n. PG 190446 del 21 marzo 2017;

Ritenuto pertanto di approvare l’ultimo Piano degli interventi finalizzati al definitivo superamento della situazione di criticità determinatasi a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel mese di aprile 2009, ai sensi dell’art.1-comma 6 dell’OCDPC n.41/2013, che riporta, tra l’altro, le disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa;

Dato atto che la somma di Euro 908.432,28 è da trasferirsi dalla contabilità speciale n. 5419 al bilancio dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, competente all'attuazione degli interventi indicati nel citato Piano;

Stabilito di autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale, in ragione della effettiva disponibilità delle indicate risorse finanziarie sul bilancio dell'Agenzia medesima, a provvedere ai conseguenti impegni di spesa e atti di liquidazione in favore degli enti attuatori individuati nel citato Piano degli interventi;

Stabilito, altresì, che i soggetti attuatori provvedono ad affidare i lavori non appena acquisiti tutti gli assensi di legge sul progetto esecutivo e il termine di conclusione dei lavori ed invio della relativa richiesta di liquidazione del saldo finale all’Agenzia regionale è fissato in due anni a decorrere dalla data di pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna;

Visto il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Richiamate:

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adeguamenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e s.m.i;

- la deliberazione di Giunta Regionale n. 2260/2015 di proroga dell’incarico di Direttore dell’Agenzia regionale di Protezione Civile al Dott. Maurizio Mainetti, conferito con deliberazione di Giunta Regionale n. 1080/2012;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore a “Difesa del suolo e della costa, protezione civile e politiche ambientali e della montagna”;

 A voti unanimi e palesi

delibera

per le ragioni espresse in parte narrativa che qui si intendono integralmente richiamate:

  1. di approvare l’allegato “Ultimo Piano degli interventi finalizzati al definitivo superamento della situazione di criticità determinatasi a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel mese di aprile 2009, ai sensi dell’art.1-comma 6 dell’OCDPC n.41/13”, parte integrante e sostanziale del presente atto, per un importo complessivo di Euro 908.432,28 derivante dalle economie sulla contabilità speciale n. 5419 da trasferirsi sul bilancio dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, competente all'attuazione degli interventi indicati nel citato Piano;
  2. di dare atto che il Piano di cui al punto 1 riporta le disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa;
  3. di dare atto che il Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile provvederà ad indicare agli enti attuatori le necessarie procedure di erogazione dei contributi secondo le modalità previste dal D. Lgs. 118/2011;
  4. di autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, in ragione della effettiva disponibilità delle risorse finanziarie derivanti dalla chiusura della contabilità speciale n. 5419 e da trasferirsi sul bilancio dell'Agenzia medesima, a provvedere ai conseguenti impegni di spesa e atti di liquidazione in favore degli enti attuatori individuati nel Piano degli interventi di cui al punto 1;
  5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ai sensi dell'art. 26 del D. Lgs. 33/2013;
  6. di pubblicare il presente atto e il Piano di cui al punto 1 nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e, altresì, nel sito web istituzionale della protezione civile regionale al seguente indirizzo: http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/argomenti/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/opcm-3835-2009-e-opcm-3863-2010;

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it