E-R | BUR

n.18 del 28.01.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Assegnazione e concessione finanziamento ad AECA quale capogruppo mandataria del RTI per realizzazione dell'Azione regionale per l'integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014/2016 approvata con DGR 1019/2014. C.U.P. E49D14000840002 - Assunzione impegno di spesa

IL RESPONSABILE

Viste le deliberazioni della Giunta Regionale e le disposizioni ivi contenute:

- n. 177/2003, “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l'accreditamento degli organismi di formazione professionale” ss.mm.ii;

- n. 105/2010, “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 11/02/2008, n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 14/02/2005, n. 265” s.m;

- n. 2049/2010 “Approvazione dei requisiti e modalità di selezione degli enti di formazione professionale e degli istituti professionali per l'attuazione dell'offerta dei percorsi triennali di IeFP”;

- n. 533/2011 “Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa per il triennio a qualifica 2011/2013 a supporto dei soggetti del sistema IeFP”;

- n. 928/2011 “Azione Regionale IeFP: approvazione dei soggetti attuatori e delle modalità di gestione, in attuazione della DGR n. 533/2011”;

- n. 1140/2011” Disposizioni per la realizzazione di un percorso sperimentale volto a favorire il conseguimento della qualifica triennale per i ragazzi ad alto rischio di abbandono/dispersione, da svolgersi per l'a.s. 2011-2012 nell'ambito dell'azione regionale di supporto al sistema di iefp, in attuazione dell'art. 11, c. 2 della L.R. n. 5/2011;

- n. 1043/2012 “Azione regionale per l'integrazione progettuale e operativa di supporto al Sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale per il triennio a Qualifica 2012/2014”;

- n. 1409/2012 “Approvazione delle "modalità di accesso all'offerta formativa di iefp da parte degli apprendisti minorenni assunti con contratto di apprendistato ex art. 3 - D.lgs. 167/2011", in attuazione della dgr 775/2012 e s.m.”;

- n. 1398/2013 “Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale per l’istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2013-2015”;

- n. 1019/2014 “Azione regionale per l'integrazione progettuale e operativa di supporto al Sistema regionale dell'istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014/2016.”

Vista la determinazione n. 13810 del 31 ottobre 2012 “Azione regionale per l'integrazione progettuale e operativa di Supporto al sistema regionale dell'istruzione e formazione Professionale - L.R. 5/2011 art. 11”;

Dato atto:

- della costituzione del R.T.I. in data 15/11/2012, con atto Rep. n. 595 Raccolta n. 388, registrato il 19/11/2012 al n. 17731 serie 1T alla Agenzia delle Entrate - Ufficio di Bologna 2 - Bologna, tra Associazione Emiliano-Romagnola di Centri Autonomi di formazione professionale (AECA), in qualità di mandatario, e Fondazione Enaip “S. Zavatta”, Enfap E.R., IAL Innovazione Apprendimento Lavoro ER Srl - Impresa Sociale, Fondazione Cfp “A. Simonini”, Futura Soc. Cons. a r.l., Ecipar Soc. Cons a r.l. Formazione e Servizi Innovativi per l’Artigianato e le P.M.I e Fondazione Aldini Valeriani per lo Sviluppo della Cultura Tecnica, in qualità di mandanti conservato agli atti Servizio regionale competente;

- dell’acquisizione agli atti del Servizio regionale competente, del relativo Regolamento contenente la suddivisione finanziaria tra i componenti del R.T.I. prot. PG.2014.0405390 del 31/10/2014;

Premesso che con la sopra citata deliberazione n. 1019/2014 “Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale per l’istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014/2016” si è stabilito:

1) di dare continuità per il triennio a qualifica 2014/2016 all’azione regionale approvata e finanziata al R.T.I avente come mandatario A.E.C.A. costituitosi in data 15/11/2012, con atto rep. 595. Raccolta n. 388, registrato il 19/11/2012 al numero. 17731 serie IT all’Agenzia delle entrate- Ufficio di Bologna 2- Bologna confermando l’impianto generale di cui ai precedenti trienni così come definiti con le proprie sopracitate deliberazioni nn. 533/2011, 1043/2012, 1398/2013 relative all’azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa per il triennio a qualifica a supporto del sistema IeFP realizzate dal suddetto R.T.I.;

2) di confermare nell’importo finanziario complessivo, pari a euro 3.700.000,00, assicurato da risorse comunitarie, nazionali e regionali, per la realizzazione dell’azione regionale che sarà realizzata dall’R.T.I. sopra citata, costituita dagli Enti di formazione professionale accreditati che erogano i percorsi IeFP;

3) di prevedere, che in riferimento all’impianto progettuale le risorse dovranno prioritariamente essere destinate a garantire la completa realizzazione della triennalità prevista dei progetti formativi personalizzati di cui all’art. 11 della Legge Regionale 05/2011, per accompagnare al successo formativo e al conseguimento della certificazione finale gli allievi;

4) di richiedere al suddetto R.T.I. di sottoscrivere e far pervenire al Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro entro il 25 luglio 2014 l’Impegno alla realizzazione regionale per l’integrazione progettuale e operativa a supporto dei soggetti dell’Istruzione e Formazione Professionale per il triennio a qualifica 2014/2016, la richiesta di finanziamento in regola con le norme vigenti in materia di bollo e il formulario operazione;

Dato atto che:

- è pervenuta secondo le modalità e termini previsti dalla sopra citata deliberazione n. 1019/2014, la richiesta di finanziamento e il relativo impegno alla realizzazione dell’Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale dell’istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014/2016 da parte degli Enti di formazione Professionale in forma associata nello specifico a titolarità Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A capogruppo mandataria del sopra citato R.T.I con allegato “formulario-Azione regionale IeFP per il triennio a qualifica 2014/2016”;

Dato atto altresì che il progetto presentato contraddistinto dal Rif. P.A. n. 2014-3025/RER si pone in continuità con l’attività relativa al triennio a qualifica 2013/2015 e si attiene alle modalità attuative di cui all’allegato 2) “ Piano di azione regionale a sostegno della realizzazione dell’offerta IeEFP” parte integrante della DGR 928/2011;

Considerato che il punto 5) del dispositivo della DGR n.1019/2014 sopra citata rimanda ad un successivo atto del dirigente regionale competente il finanziamento e l’assunzione del relativo impegno di spesa, previa presentazione dell’impegno di cui al punto 4 del dispositivo della più volte citata DGR n. 1019/2014 da parte del RTI;

Preso atto che la suddivisione delle quote del finanziamento per ciascun Soggetto del RTI sono specificati nell’art. 7 del sopra citato regolamento pervenuto in data 31/10/2014 vengono riportati nell’allegato 1), parte integrante del presente atto;

Dato atto inoltre che sono stati regolarmente acquisiti i Durc, trattenuti agli atti del competente Servizio, e che gli stessi sono in corso di validità, dai quali risulta che i soggetti di cui all’Allegato 1), parte integrante del presente atto, sono in regola con i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali;

Richiamati:

- l’art.11 della Legge 16 gennaio 2003, n.3;

- la Legge 13 agosto 2010, n.136 “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e ss. mm.;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 che delinea le “Linee guide sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art.3 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

Visti inoltre:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss. mm., ed in particolare l’art. 26;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1621 del 11 novembre 2013, “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 68 del 27 gennaio 2014 ”Approvazione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016”;

Dato atto che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33/2013 e ss.mm., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nella citata deliberazione n. 1621/2013 e di quanto recato nella sopra indicata deliberazione n. 68/2014, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

Visto altresì il D.L. 6 luglio 2012 n. 95 “Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini” convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 2012 n. 135, ed in particolare l’art. 4, comma 6 nel quale si cita che sono esclusi dall’applicazione della norma, fra l’altro, gli enti e le associazioni operanti nel campo della formazione;

Dato atto che sulla base delle verifiche effettuate dalla competente struttura regionale il soggetto, contraddistinto dal Codice Organismo n. 11 avente natura giuridica di Associazione privata senza fini di lucro, è esclusa dall’applicazione del D.L. 6 luglio 2012, n. 95 sopracitato in quanto operante nel campo della formazione;

Considerato che il Codice Unico di Progetto (C.U.P.) assegnato dalla competente struttura ministeriale per il progetto d’investimento pubblico oggetto del presente provvedimento è il n. E49D14000840002;

Visti:

- il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonchè nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136", ss.mm.ii., entrato in vigore il 13.02.2013 ed in particolare l’ art. 92 “ Termini per il rilascio delle informazioni” c. 3;

- la circolare del Ministero dell’Interno prot. n. 11001/119/20(20) uff.II-Ord.Sic.Pub. dell’08/02/2013 avente per oggetto “D.lgs.218/2012 recante diposizioni integrative e correttive al Codice Antimafia. Prime indicazioni interpretative”;

Dato atto che:

- per gli organismi “Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A” (cod. org. 11), “IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Emilia-Romagna S.r.l. Impresa Sociale” (cod. org.260), “Futura società consortile a responsabilità limitata” (cod. org. 516), “Fondazione Aldini Valeriani per lo sviluppo della cultura tecnica” (cod. org. 889) è stata acquisita e conservata agli atti del Servizio Formazione Professionale, la documentazione antimafia ai sensi del D.Lgs. n.159/2011 s.m.i.;

- per gli organismi "E.N.F.A.P. Emilia-Romagna - Ente per la Formazione e l'Addestramento Professionale” (cod. org. 3759), “Centro di formazione professionale Alberto Simonini” (cod. org. 242) sono in corso di acquisizione le informazioni previste dalla normativa antimafia, da parte del servizio competente, e che ricorrono le condizioni di cui al comma 3 dell’art. 92 del citato D.Lgs. n. 159/2011 ss.mm.ii. essendo decorsi, dal ricevimento della richiesta da parte della Prefettura, i termini in esso previsti;”

- per gli organismi “Fondazione En.A.I.P. S.Zavatta Rimini” (cod. org. 224), “Ecipar Soc. Cons. a r.l. - Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I.” (cod. org. 205), sono in corso di acquisizione, da parte del Servizio competente, gli accertamenti antimafia e che ricorrono le condizioni di cui al comma 3 dell’art. 92 del citato D.Lgs. n. 159/2011 ss.mm.ii. e pertanto si possa procedere, per ragioni di urgenza, anche in assenza dell’informazione antimafia al fine di consentire il puntuale svolgimento delle attività e degli adempimenti connessi alla chiusura dell’Iniziativa Europea per l’Occupazione dei Giovani;

Richiamate le Leggi regionali:

- n. 40/2001"Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4";

- n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm;

- n. 28/2013 "Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016";

- n. 29/2013 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016";

- n. 17/2014 "Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione della legge di Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016. Primo provvedimento generale di variazione";

- n. 18/2014 " Assestamento del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014-2016 a norma dell’articolo 30 della legge regionale 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di variazione";

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all’art. 47, comma 2 della L.R. n. 40/2001 e che, pertanto, l’impegno di spesa possa essere assunto con il presente atto sul bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2014 per l’importo complessivo di € 3.700.000,00 sul capitolo 75234;

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 1057/2006 "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";

- n. 1663/2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";

- n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;

- n. 1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”così come rettificata dalla deliberazione n. 1950/2010;

- n. 2060/2010 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n. 1179/2014 “Proroghe contratti e incarichi dirigenziali”;

- n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

- n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

Vista altresì la determinazione del Direttore Generale Centrale Risorse Finanziarie e Patrimonio n. 17051 del 18 novembre 2014 avente ad oggetto “Conferimento di incarico dirigenziale e proroga degli incarichi dirigenziali in scadenza al 30/11/2014 presso la Direzione Generale Centrale Risorse Finanziarie e Patrimonio;

Dato atto dei pareri allegati;

determina

per le motivazioni indicate in premessa e qui integralmente richiamate:

1. di dare atto che, in attuazione della deliberazione di Giunta regionale n. 1019/2014 è pervenuta la richiesta di finanziamento e il relativo impegno alla realizzazione dell’Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale dell’istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014/2016, nonché l’allegato “formulario-Azione regionale IeFP per il triennio a qualifica 2014/2016” da parte degli Enti di formazione Professionale in forma associata, nello specifico dal R.T.I con “Associazione Emiliano - Romagnola di centri autonomi di formazione professionale - A.E.C.A” - di seguito A.E.C.A. - capogruppo mandataria;

2. di dare atto, altresì, dell’acquisizione del regolamento interno del R.T.I, prot. n. PG.2014.0405390 del 31/10/2014, agli atti del Servizio regionale competente, che definisce ruoli competenze e ripartizione economica tra i soggetti del RTI, come riportati nell’Allegato 1) parte integrante del presente provvedimento;

3. di approvare il progetto contraddistinto dal Rif. P.A. n. 2014-3025/RER, presentato dal suddetto R.T.I, A.E.C.A capogruppo mandataria, per l’importo di Euro 3.700.000,00 per la realizzazione dell’”Azione regionale per l’integrazione progettuale e operativa di supporto al sistema regionale per l’istruzione e formazione professionale per il triennio a qualifica 2014-2016”;

4. di dare atto che relativamente agli Organismi del RTI, costituito con atto notarile repertorio n. 595 raccolta n.388 del 15/11/2012, registrato il 19/11/2012 al n. 17731 serie 1T alla Agenzia delle Entrate - Ufficio di Bologna 2, si procederà come meglio precisato nella stessa premessa, all’acquisizione della documentazione ai sensi del D.Lgs. n. 159/2011 s.m.i, e che la stessa sarà conservata agli atti del Servizio competente, prevedendo di dare conto dell’eventuale avvenuta acquisizione delle informazioni in parola nel primo provvedimento di liquidazione utile, specificando che il finanziamento è disposto ai sensi del comma 3 dell’art. 92 del citato D.lgs. 159/2011 e s.m.i. fatta salva la facoltà di revoca prevista dal medesimo comma;

5. di assegnare e concedere in attuazione della delibera di Giunta n. 1019/2014 e il finanziamento di € 3.700.000,00 al R.T.I. sopraindicato, specificando che le suddette risorse saranno erogate dalla Regione al mandatario del R.T.I.;

6. di dare atto che è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale al progetto oggetto del presente provvedimento il codice C.U.P. (codice unico di progetto) riportato nell’Allegato 1) parte integrante del presente provvedimento;

7. di impegnare il finanziamento pubblico concesso al R.T.I. di € 3.700.000,00 registrato al n. 5175 di impegno sul Cap. 75234 “Assegnazione agli enti di formazione per l’attuazione di attività di formazione professionale, anche in integrazione, compresa la Formazione per apprendisti, la concessione di assegni formativi, l’arricchimento dell’offerta formativa (Artt. 13, 14, 25, 26, 27, 30, 36, 38 L.R. 30 giugno 2003, n.12)” U.P.B. 1.6.4.2.25245, del Bilancio per l’esercizio 2014 che è dotato della necessaria disponibilità;

8. di stabilire che:

- le modalità gestionali per l’attuazione dei percorsi e progetti di cui al presente atto sono regolate in base a quanto previsto dalle disposizioni approvate e citate in premessa;

- il monitoraggio e la valutazione dell’attuazione delle attività realizzate verranno effettuati dai Servizi competenti per materia, tenuto conto del carattere sperimentale ed innovativo dei percorsi e progetti ivi previsti, nonché della specificità dell’utenza e della diversificata articolazione e tempistica degli interventi;

9. di dare atto che alla liquidazione del suddetto finanziamento, si procederà secondo le modalità previste nell’allegato 2) della DGR 928/2011 in base a S.A.L. pari al 25% ciascuno;

10. di stabilire altresì che nel caso di mancata o parziale attuazione delle attività complessivamente preventivate la Regione provvederà a revocare il finanziamento o a ridurlo in misura proporzionale alle attività svolte;

11. di dare atto che alla liquidazione del finanziamento e alla richiesta di emissione dei relativi titoli di pagamento, con le modalità e le prescrizioni di cui al precedente punto 9) e tenuto conto di quanto indicato al punto 10), si provvederà con successivi atti del dirigente regionale competente, ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. n. 40/2001 ed in applicazione della delibera di G.R. n. 2416/08 e ss.mm., in seguito all’emissione di regolari note/fatture da parte di ciascun componente il R.T.I. nei confronti della RER per le attività di propria competenza e per gli importi indicati nel regolamento dell’attività in oggetto, con l’indicazione degli estremi del R.T.I. e con il “Visto di conformità” apposto dal capogruppo (mandatario) sull’originale della nota/fattura. Tali documenti di spesa saranno poi presentati dal mandatario, al quale sarà effettuato il pagamento con le modalità sopraindicate;

12. di dare atto infine che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33 del 14/03/2013 e succ mod, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nelle deliberazioni di Giunta regionale n. 1621/2013 e n. 68/2014, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

13. di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Il Responsabile del Servizio

Francesca Bergamini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it