E-R | BUR

n.23 del 02.02.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

D.M. n. 454/2001. Modalità operative per la transizione al libretto digitale degli Utenti Motori Agricoli (UMA)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 "Testo Unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative" e successive modifiche e integrazioni, ed in particolare l’art. 24 “Impieghi agevolati”, nonché il punto 5 della Tabella A allegata, che prevede l’esenzione o l’applicazione di aliquote ridotte di accisa per taluni oli minerali impiegati in lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella florovivaistica;

- la Legge 23 dicembre 1996, n. 662 “Misure di razionalizzazione della finanza pubblica”, ed in particolare il comma 126 dell’art. 2, il quale prevede che il Ministero delle Risorse Agricole, Alimentari e Forestali - ora Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - determini i consumi medi dei prodotti petroliferi per l’agricoltura, nonché il comma 127 dello stesso articolo, che prevede l’applicazione di una specifica aliquota ridotta di accisa per il gasolio utilizzato per il riscaldamento delle serre adibite a colture florovivaistiche;

- il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 14 dicembre 2001, n. 454 “Regolamento concernente le modalità di gestione dell'agevolazione fiscale per gli oli minerali impiegati nei lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella florovivaistica”, in particolare:

- l’articolo 3, comma 2, in base al quale “L'ufficio regionale o provinciale rilascia ai soggetti ammessi all'agevolazione apposito libretto di controllo previa annotazione dei dati di cui all'articolo 2, comma 3, lettere a), b), c) ed indica su di esso i quantitativi di prodotti determinati ai sensi del comma 1 del presente articolo”;

- l’articolo 6, comma 1, che dispone che “I soggetti di cui all'articolo 2, comma 1, titolari del libretto di controllo rilasciato ai sensi dell'articolo 3, comma 2, si riforniscono di prodotti petroliferi denaturati per l'agricoltura presso i depositi fiscali e presso i depositi commerciali di cui all'articolo 5, comma 1, nei limiti delle assegnazioni effettuate dall'ufficio regionale o provinciale, annotandone di volta in volta qualità e quantità sul libretto medesimo. Tali annotazioni sono convalidate, all'atto di effettuazione della fornitura, dall'esercente il deposito o da un suo delegato, con apposizione del proprio timbro e firma sul libretto stesso”;

- il Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali del 30 dicembre 2015, ed in particolare l’art. 1 nel quale sono determinati i consumi medi dei prodotti petroliferi da ammettere all’impiego agevolato in agricoltura previsti nell’allegato 1 del medesimo Decreto;

- la Circolare dell’Agenzia delle Dogane n. 49/D del 29 luglio 2002 “Regolamento concernente le modalità di gestione dell’agevolazione fiscale per gli oli minerali impiegati nei lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella florovivaistica – Decreto 14 dicembre 2001, n. 454”, che fornisce chiarimenti in ordine alle modalità applicative del beneficio fiscale;

- le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2364 del 21 dicembre 2016 “D.M. 30 dicembre 2015 art. 1 e 2 - Modifiche integrazioni e maggiorazioni alle tabelle dei consumi medi dei prodotti petroliferi impiegati in lavori agricoli. Aggiornamento tabelle di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 957/2016”;

- n. 284 del 13 marzo 2017 “D.M. 454/2001. Modalità operative per il rilascio dell’assegnazione di carburante agricolo e per l’esecuzione dei controlli da parte dell’amministrazione regionale e attuazione della deliberazione n. 956/2016 in merito all’attività di assegnazione provvisoria da parte dei CAA”;

Visti altresì:

- il Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 “Codice dell’amministrazione digitale”, integrato dal Decreto Legislativo 26 agosto 2016, n. 179, ed in particolare l’art. 2, comma 1 che prevede che lo Stato, le Regioni e le autonomie locali assicurano la disponibilità, la gestione, l'accesso, la trasmissione, la conservazione e la fruibilità dell'informazione in modalità digitale e si organizzano ed agiscono a tale fine utilizzando con le modalità più appropriate e nel modo più adeguato al soddisfacimento degli interessi degli utenti le tecnologie dell'informazione e della comunicazione;

- la Legge Regionale 15 novembre 2021, n. 15 “Revisione del quadro normativo per l’esercizio delle funzioni amministrative nel settore agricolo e agroalimentare. Abrogazione della legge regionale n. 15 del 1997 (Norme per l'esercizio delle funzioni regionali in materia di agricoltura. Abrogazione della L.R. 27 agosto 1983, n. 34)” ed in particolare l’art. 13 “Gestione digitale dei procedimenti amministrativi”;

Richiamata la propria deliberazione n. 1712 del 15 ottobre 2018 “Transizione digitale dell'ente. Indirizzi per la costituzione di una struttura permanente a supporto del Responsabile per la transizione digitale denominata "Centro di competenza per la transizione al digitale”, che prevede la progressiva trasformazione digitale dei processi amministrativi, dei modelli di lavoro e delle modalità di erogazione dei servizi;

Considerato che:

- da tempo la Direzione Generale Agricoltura, Caccia e Pesca ha informatizzato il processo di determinazione dei quantitativi di oli minerali da ammettere all'impiego agevolato e di avvenuto impiego, come stabilito dagli artt. 3 e 6, del citato Decreto n. 454/2001;

- attualmente, tuttavia, il processo di assegnazione annuale di carburante agricolo si conclude con l’emissione di un libretto cartaceo nel quale i distributori di oli minerali devono annotare manualmente ogni fornitura con l’apposizione del proprio timbro e della firma;

Considerato, inoltre, che il numero di libretti assegnati agli Utenti Motori Agricoli (di seguito UMA) ammonta a circa 43.000 e che la digitalizzazione del procedimento consentirebbe di rendere più efficiente la gestione delle assegnazioni e dei controlli relativi all’utilizzo di carburante agricolo agevolato, con risparmio di tempo e semplificazione delle procedure, in coerenza con il Codice dell’amministrazione digitale e la legge regionale n. 15/2021;

Dato atto che la Regione Emilia-Romagna in virtù di questo obiettivo ha implementato il sistema informatizzato attualmente in uso, sviluppando un applicativo che consente:

- la trasmissione per Posta elettronica certificata dell’indirizzo e del QR code del libretto UMA digitale;

- la visualizzazione del libretto UMA digitale da parte delle Organizzazioni professionali delegate e delle aziende agricole attraverso le credenziali Spid;

- la registrazione digitale delle forniture di carburante agricolo come previsto dal citato Decreto n. 454/2001, articolo 6, comma 1, da parte dei distributori accreditati;

Considerato che in questi mesi si sono tenuti numerosi incontri sia con i rappresentanti delle insegne di distribuzione di carburanti, sia con i centri di assistenza agricola e le organizzazioni professionali, per comunicare gli obiettivi e le soluzioni progettate;

Dato atto, infine, che l’adozione del libretto digitale non comporta la modifica dei criteri di assegnazione del carburante agricolo, né delle tempistiche previste;

Ritenuto pertanto, per le ragioni sopra esposte, di adottare, a far data dal 1° gennaio 2022, il nuovo sistema di gestione delle procedure di rilascio del libretto UMA in modalità digitale secondo quanto riportato nell’Allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto;

Richiamati in ordine agli obblighi di trasparenza:

- il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e successive modifiche e integrazioni;

- la propria deliberazione n. 111 del 28 gennaio 2021 “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2021-2023”, ed in particolare l'allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2021-2023”;

Vista la Legge regionale 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare l'art. 37, comma 4;

Viste altresì le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 2013 del 28 dicembre 2020 “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell’Ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’IBACN”;

- n. 2018 del 28 dicembre 2020 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale ai sensi dell’art. 43 della L.R. n. 43/2001 e ss.mm.ii.”;

- n. 771 del 24 maggio 2021 “Rafforzamento delle capacità amministrative dell'ente. Secondo adeguamento degli assetti organizzativi e linee di indirizzo 2021”;

Viste, infine, le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore all’Agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca, Alessio Mammi;

a voti unanimi e palesi

delibera

 

  1. di adottare, a far data dal 1 gennaio 2022, il nuovo sistema di gestione delle procedure di rilascio del libretto UMA in modalità digitale, che sostituirà il libretto cartaceo attualmente in uso, secondo quanto disposto dall’Allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto;
  2. di demandare al Responsabile del Servizio Competitività delle imprese agricole ed agroalimentari la definizione, con apposito atto, degli aspetti relativi alle procedure di assegnazione di olii minerali per l’impiego agevolato in agricoltura e delle modalità attraverso cui effettuare i necessari controlli;
  3. di dare atto, altresì che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi del D.Lgs. n. 33/2013 e successive modifiche ed integrazioni e delle disposizioni regionali di attuazione richiamate in parte narrativa;
  4. di disporre infine la pubblicazione in forma integrale della presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che il Servizio Competitività delle imprese agricole e agroalimentari provvederà a darne la più ampia pubblicizzazione anche sul sito internet E-R Agricoltura, Caccia e Pesca.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it