E-R | BUR

n.247 del 16.11.2012 (Parte Seconda)

XHTML preview

Legge 296/06, art. 1 comma 1228 - Approvazione modalità di presentazione delle domande e dei relativi allegati per l'accesso ai contributi previsti dalla deliberazione di Giunta regionale 1452/12

IL RESPONSABILE

Vista la deliberazione n. 1452 in data 8/10/2012, con la quale la Giunta regionale ha approvato le modalità e i criteri per la concessione dei contributi finalizzati allo sviluppo del turismo congressuale e fieristico in Emilia-Romagna;

Considerato che con la sopra citata deliberazione la Giunta regionale ha demandato a successivi atti del dirigente regionale competente per materia la definizione, entro il mese di ottobre 2012, delle modalità di presentazione delle domande per l'accesso ai contributi;

Ritenuto pertanto di approvare l'Allegato A "Modalità per la presentazione delle domande per l'accesso ai contributi previsti alla deliberazione n. 1452/2012", parte integrante e sostanziale del presente atto;

Vista la L.R n. 43 del 26 novembre 2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modificazioni ed integrazioni;

Richiamate le seguenti deliberazioni di Giunta regionale, esecutive nei modi di legge:

- n. 1057 del 24 luglio 2006, n. 1663 del 27 novembre 2006, n. 10 del 10 gennaio 2011 e n. 1222 del 4 agosto 2011;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e succ. mod.;

Attestata la regolarità amministrativa;

determina:

1. di approvare l'Allegato A "Modalità per la presentazione delle domande per l'accesso ai contributi previsti alla deliberazione n. 1452/2012", parte integrante e sostanziale del presente atto;

2. di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna;

3. di pubblicare la presente determinazione sul sito Internet regionale E-R Imprese - Sito tematico Turismo - Sezione Finanziamenti e agevolazioni regionali.

Il Responsabile del Servizio 

Paola Castellini 

Allegato A

Modalità per la presentazione delle domande per l'accesso ai contributi previsti alla deliberazione n. 1452/2012

La domanda di contributo deve essere inviata entro il 15 gennaio 2013, esclusivamente, pena inammissibilità, mediante posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it e redatta utilizzando obbligatoriamente il Mod. 1/A allegato alla deliberazione n. 1452/2012 (reperibile sul sito internet regionale) sottoscritta con firma digitale dal legale rappresentante del soggetto richiedente e con allegata copia del documento di identità non scaduto. La domanda dovrà essere regolarmente bollata [1] e corredata dalla seguente documentazione:

  • dichiarazione aiuti "de minimis", redatta sulla base del Mod. 2/A allegato alla deliberazione n. 1452/2012, sottoscritta con firma digitale dal legale rappresentante del soggetto richiedente;
  • relazione tecnico-descrittiva dettagliata dell’intervento con l'indicazione degli obiettivi che si intendono conseguire, evidenziando il miglioramento dell’offerta congressuale;
  • quadro economico dei costi da sostenere, suddiviso, con riferimento a ciascuna impresa partecipante al progetto, per Linee di intervento e tipologia di spese; (Piano finanziario)
  • copia dell'atto costitutivo e dello statuto del consorzio qualora sia il soggetto richiedente.

Farà fede la data e ora di invio della PEC indicata nella ricevuta di accettazione da parte del gestore di PEC del mittente.

La domanda dovrà essere trasmessa, pena inammissibilità, mediante la casella di posta elettronica certificata del soggetto richiedente, rilasciata da uno dei soggetti iscritti nell’Elenco Pubblico dei gestori di posta elettronica certificata (http://www.digitpa.gov.it/pec_elenco_gestori) o da uno dei distributori da essi autorizzati.

Tutti i documenti dovranno essere prodotti in formato PDF ed essere sottoscritti con firma digitale del rappresentante legale del soggetto richiedente, pena l’inammissibilità della richiesta.

La dimensione massima complessiva del messaggio di PEC non può superare i 48 Mb. Le domande inviate a mezzo PEC e non consegnate poiché eccedenti il limite sopra indicato non saranno ritenute ammissibili.

Nel campo "oggetto" della mail certificata dovrà essere inserita la seguente dicitura: “Bando turismo congressuale e fieristico - Richiesta di contributo  aggiungendo inoltre la denominazione dell'impresa/ATI/consorzio richiedente.

L’invio deve considerarsi andato a buon fine solo con la ricezione della ricevuta di consegna.

Sono ammessi unicamente i seguenti formati di firma digitale:

Busta PKCS7 (file con estensione “p7m”)

Formato PDF (deliberazione CNIPA 4/2005, articolo 12, comma 9)

Formato XML (deliberazione CNIPA 34/2006)

L'apposizione ad un documento informatico di una firma digitale basata su un certificato elettronico revocato, scaduto o sospeso equivale a mancata sottoscrizione.

Mail che contengono allegati firmati con certificati scaduti o file firmati corrotti causano il fallimento della verifica della validazione della firma da parte della Regione, pertanto la domanda non sarà ammessa.

Dovranno essere trasmessi entro il medesimo termine del 15 gennaio 2013 (farà fede il timbro postale di spedizione) con raccomandata con avviso di ricevimento a: Regione Emilia-Romagna - Servizio Commercio, Turismo e Qualità Aree Turistiche - Viale Aldo Moro n. 38 - 40127 Bologna, indicando sulla busta la seguente dicitura: “Bando turismo congressuale e fieristico - Richiesta di contributo”, i seguenti ulteriori documenti:

- fotocopia della prima pagina della domanda redatta sulla base del Mod. 1/A, inviata mediante PEC;

- in caso di domanda presentata da ATI o consorzio per singole imprese consorziate:

  • dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà, con riferimento ai punti da 1 a 9 del citato Mod. 1/A,
  • dichiarazioni aiuti "de minimis", redatte sulla base del Mod. 2/A allegato alla deliberazione n. 1452/2012,

sottoscritte dai legali rappresentanti delle imprese mandanti o delle imprese consorziate, corredate dalle copie dei documenti di identità non scaduti dei relativi firmatari;

- in caso di domanda presentata da ATI, l'atto costitutivo originale redatto con atto pubblico oppure con scrittura privata registrata all'Ufficio delle Entrate, in conformità al Mod. 3/A allegato alla deliberazione n. 1452/2012;

- in caso di realizzazione di interventi rientranti nella Linea 1 prevista dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1452/2012:

  • computo metrico estimativo e/o preventivi dettagliati di spesa;
  • elaborati grafici dello stato di fatto precedente gli interventi;
  • documentazione fotografica relativa all'immobile/area/struttura prima dell'intervento;
  • elaborati grafici degli interventi;
  • stralcio del P.R.G./P.S.C. vigente con l'individuazione dell'intervento e l'indicazione di eventuali vincoli o prescrizioni, relativi all'immobile/area/struttura interessati dall'intervento, contenuti in leggi, piani, regolamenti comunali, regionali o statali;
  • dichiarazione sottoscritta e timbrata dal tecnico incaricato, che attesti:
    • la conformità dell'intervento alle singole prescrizioni previste dalle norme vigenti in materia di urbanistica ed edilizia, in materia sismica, di prevenzione incendi e in materia di acustica, della sicurezza degli impianti, della tutela sanitaria, della tutela del paesaggio e dell'ambiente, nonché alla normativa vigente in materia di accessibilità e di superamento delle barriere architettoniche ai sensi dell'art. 24 L. 104/92, e che pertanto è possibile ottemperare a tutti gli adempimenti (da elencare) richiesti dalle normative vigenti;
    • l'eventuale risparmio energetico superiore a quello previsto dalla normativa, al fine del riconoscimento del relativo punteggio di valutazione;
    • l'eventuale vincolo gravante sull'area o sull'immobile, di cui alla lettera d) del Paragrafo 8) dell' Allegato A della deliberazione n. 1452/2012;
    • l'eventualità che l'immobile ricada in area parco, come indicato alla lettera e) del Paragrafo 8) dell'Allegato A della deliberazione n. 1452/2012;
  • eventuali materiali relativi alla realizzazione di interventi di cui alle Linee 2 e 3 previste dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1452/2012;
  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà sottoscritta dal proprietario, con allegato copia del documento di identità non scaduto, nella quale lo stesso autorizza l'intervento, qualora il richiedente non sia proprietario dell'immobile o dell'area oggetto dell'intervento. 

La domanda sarà considerata inammissibile per i seguenti motivi:

  • trasmissione oltre il termine previsto o mediante mezzi diversi da quelli previsti; 
  • mancato invio della copia del documento di identità non scaduto del soggetto richiedente e di tutti i firmatari di dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà; 
  • mancato utilizzo dei Mod. 1/A, Mod. 2/A e Mod. 3/A obbligatori previsti;
  • mancata sottoscrizione digitale della domanda (Mod. 1/A) e degli altri documenti inviati per PEC;
  • mancata presentazione della relazione tecnico-descrittiva dettagliata dell’intervento con l'indicazione degli obiettivi che si intendono conseguire, evidenziando il miglioramento dell’offerta congressuale e/o del quadro economico dei costi da sostenere, suddiviso, con riferimento a ciascuna impresa partecipante al progetto, per Linee di intervento e tipologia di spese; (Piano finanziario)
  • tutti gli altri casi espressamente previsti dal presente atto.

[1] L’assolvimento dell’imposta di bollo può avvenire apponendo sulla prima pagina della domanda la marca da bollo di importo pari a € 14,62, annullata con la data e la firma del legale rappresentante dell'impresa richiedente ed indicando, nell’apposita riga della prima pagina della domanda, il codice identificativo della marca da bollo. L’impresa richiedente è obbligata a conservare la prima pagina della domanda compilata con la marca da bollo annullata insieme a tutta la documentazione che dovrà essere tenuta a disposizione per ogni eventuale controllo.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it