E-R | BUR

n.188 del 12.06.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA HOBBISTICA. PROROGA DEL TERMINE PER L'INDIVIDUAZIONE DEI MERCATINI STORICI CON HOBBISTI DA PARTE DEI COMUNI (D.G.R. 328/2019) E DISPOSIZIONI INERENTI LE MODALITA' APPLICATIVE IN FASE DI PRIMA ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 23/2018.

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 "Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell'art. 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59";

Richiamate:

- la legge regionale 25 giugno 1999, n. 12 "Norme per la disciplina del commercio su aree pubbliche in attuazione del Decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 114";

- la propria deliberazione n. 844 del 24 giugno 2013, con cui sono state individuate le caratteristiche e le modalità di richiesta del tesserino degli hobbisti e sono state definite le comunicazioni annuali alla Regione;

- la legge regionale 21 dicembre 2018, n. 23 “Regolamentazione del commercio sulle aree pubbliche. Modifiche alla legge regionale 25 giugno 1999, n. 12 e alla legge regionale 24 maggio 2013, n. 4”, con cui sono state apportate modifiche alla disciplina del commercio su aree pubbliche in forma hobbistica, introducendo, in particolare, la definizione dei mercatini storici con hobbisti, quale nuova tipologia di mercatini degli hobbisti su aree pubbliche;

- la propria deliberazione n. 328 del 4 marzo 2019, con cui, tra l’altro, sono state definite le modalità di individuazione dei mercatini storici con hobbisti;

Atteso che:

- il punto 1, lettera c) del dispositivo della propria deliberazione n. 328/2019 stabilisce che i Comuni interessati di cui all’allegato 1 alla deliberazione individuano i mercatini storici con hobbisti che si svolgono sul proprio territorio e trasmettono alla Regione gli atti di individuazione di tali manifestazioni entro sessanta giorni dalla pubblicazione della deliberazione stessa nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico;

- la propria deliberazione n. 328/2019 è stata pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico n. 99 del 3 aprile 2019 e che pertanto la suddetta scadenza è fissata al 3 giugno 2019, coincidendo il sessantesimo giorno con un giorno festivo ed essendo pertanto prorogata di diritto al primo giorno seguente non festivo;

Vista la nota di ANCI Emilia-Romagna del 24 aprile 2019, acquisita agli atti con protocollo PG/2019/408904, con cui viene chiesta la proroga del termine anzi detto, in ragione del fatto che la maggior parte dei Comuni è interessata dalle elezioni amministrative che si terranno il giorno 26 maggio 2019, con turno di ballottaggio il 9 giugno 2019 e conseguente limitazione dell’attività dei consigli comunali agli atti urgenti e improrogabili dalla pubblicazione del decreto di indizione dei comizi elettorali fino all’entrata in carica dei nuovi organi eletti, evidenziando al riguardo l’esigenza che la proroga riguardi tutti i Comuni, per assicurare l’attuazione omogenea delle disposizioni di cui trattasi sul territorio regionale;

Rilevata pertanto l’opportunità di procedere ad una proroga della scadenza stabilita dal punto 1 lettera c) del dispositivo della propria deliberazione n. 328/2019, onde garantire ai Comuni un congruo lasso di tempo per provvedere agli adempimenti necessari all’individuazione dei mercatini storici con hobbisti;

Richiamati altresì:

- il comma 2 dell’articolo 6 della L.R. n. 23/2018, il quale stabilisce che le disposizioni di cui all’articolo 7 bis, commi 3 e 5, della L.R. n. 12/1999, come modificate dalla stessa L.R. n. 23/2018, trovano applicazione dal giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti e che a tale data i tesserini identificativi degli hobbisti precedentemente rilasciati cessano di essere efficaci;

- il comma 3 dell’articolo 6 della L.R. n. 23/2018, secondo cui ai fini del conteggio del numero dei nuovi tesserini identificativi degli hobbisti rilasciabili per nucleo di residenti nella stessa unità immobiliare, non sono tenuti in considerazione i tesserini rilasciati prima del termine sopra richiamato (giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti);

Viste le segnalazioni pervenute dai Comuni circa le previste difficoltà nel rilascio dei nuovi tesserini nei giorni immediatamente successivi a quando le disposizioni di cui all’articolo 7 bis, commi 3 e 5, della L.R. n. 12/1999, come modificate dalla L.R. n. 23/2018, troveranno applicazione, soprattutto in relazione ai mercatini degli hobbisti e ai mercatini storici con hobbisti che si svolgeranno in tale periodo;

Ritenuto quindi opportuno, al fine di dare attuazione alle disposizioni sopra richiamate e garantire nel contempo la continuità nello svolgimento dei mercatini degli hobbisti e dei mercatini storici con hobbisti, agevolando l’attività dei Comuni e degli interessati, stabilire modalità applicative in fase di prima attuazione, che consentano di poter richiedere ed ottenere il nuovo tesserino identificativo degli hobbisti prima del termine sopra richiamato, ferme restando l’efficacia e la durata annuale del nuovo tesserino dal giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti;

Vista l’istruttoria svolta dal Servizio Turismo, commercio e sport;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.ii.;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii., per quanto applicabile;

- n. 270 del 29 febbraio 2016 “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 622 del 28 aprile 2016 “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;

- n. 702 del 16 maggio 2016 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto, e nomina dei Responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell'anagrafe per la stazione appaltante”;

- n. 56 del 25 gennaio 2016 “Affidamento degli incarichi di Direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001”;

- n. 1107 dell'11 luglio 2016 “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera n. 2189/2015”;

- n. 1059 del 3 luglio 2018 “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali, Agenzie e Istituti e nomina del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT), del Responsabile dell'Anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della Protezione dei dati (DPO)”;

Vista la determinazione del Direttore della Direzione Generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell'impresa n. 2373 del 21 febbraio 2018 “Conferimento dell'incarico dirigenziale di Responsabile del Servizio "Turismo, commercio e sport”;

Visto il decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 122 del 28 gennaio 2019 “Approvazione Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2019 -2021” ed in particolare l’allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

- n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

Richiamate, altresì, le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore al Turismo e Commercio;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le ragioni espresse in premessa del presente atto e che qui si intendono integralmente richiamate:

1) di prorogare al 30 settembre 2019 la scadenza di cui al punto 1, lettera c), primo periodo, del dispositivo della propria deliberazione n. 328 del 4 marzo 2019, vale a dire il termine entro cui i Comuni interessati di cui all’allegato 1 alla deliberazione stessa individuano i mercatini storici con hobbisti che si svolgono sul proprio territorio e trasmettono alla Regione gli atti di individuazione di tali manifestazioni;

2) di stabilire che, esclusivamente in fase di prima attuazione, la richiesta e il rilascio del nuovo tesserino identificativo degli hobbisti possano avere luogo prima del termine di cui all’articolo 6, comma 2, della L.R. n. 23/2018, ferme restando l’efficacia e la durata di un anno del tesserino da detto termine, ossia dal giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti. In tal caso:

a) l’istanza per l’ottenimento del nuovo tesserino da hobbista è fatta utilizzando la modulistica approvata con la propria deliberazione n. 328/2019 (allegato parte integrante 3), con la precisazione che oggetto della stessa è il nuovo tesserino da hobbista con efficacia differita al giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti;

b) il nuovo tesserino da hobbista, conforme alla modulistica approvata con la propria deliberazione n. 328/2019 (allegato parte integrante 2) è rilasciato con l’apposizione della dicitura “Il presente tesserino ha validità di un anno dal giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti di cui all’art. 6, comma 1, lett. c ter), della L.R. n. 12/1999” in luogo della dicitura “Il presente tesserino ha validità di un anno dalla data del suo rilascio”;

3) di precisare che, nel caso di cui al precedente punto 2), il tesserino è conteggiato ai fini del calcolo del numero di tesserini identificativi degli hobbisti rilasciabili per nucleo di residenti nella stessa unità immobiliare, benché rilasciato prima che le disposizioni di cui all’articolo 7 bis, commi 3 e 5, della L.R. n. 12/1999, come modificate dalla L.R. n. 23/2018, trovino applicazione (giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico dell’elenco dei mercatini storici con hobbisti);

4) di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico;

5) di dare atto, infine, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it