E-R | BUR

n.311 del 03.11.2021 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico congiunto, per titoli ed esami, per la copertura di n. 4 posti nel profilo professionale di Collaboratore Professionale Sanitario - Infermiere - cat. D per le esigenze dell'Azienda USL di Bologna, dell'IRCSS Azienda Ospedaliero - Universitaria Policlinico di Sant'Orsola, dell'Istituto Ortopedico Rizzoli e dell'Azienda USL di Imola

In attuazione della determinazione del Direttore del Servizio Unico Metropolitano Amministrazione Giuridica del Personale n. 2258 del 22/10/2021, in applicazione di quanto previsto Protocollo d’intesa tra Azienda USL di Bologna, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant'Orsola, Istituto Ortopedico Rizzoli e Azienda USL di Imola, per la gestione congiunta di concorsi pubblici di taluni profili professionali del comparto, sottoscritto in data 11/5/2018, 7/5/2018, 8/5/2018 e 9/5/2018 e recepito rispettivamente con deliberazione del Direttore Generale dell’Azienda USL di Bologna n. 138 del 17/5/2018, dell’Azienda Ospedaliero– Universitaria di Bologna – Policlinico di S.Orsola, n. 120 del 24/5/2018, dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna n. 118 del 24/5/2018 e dell’Azienda USL di Imola n. 99 del 18/5/2018, successivamente rettificato in data 16/4/2019, 11/4/2019, 12/4/2019 e 11/4/2019 e recepito rispettivamente con deliberazioni dei Direttori Generali delle Amministrazioni sopraindicate n. 164 del 8/5/2019, n. 115 del 26/4/2019, n. 133 del 10/5/2019 e n. 95 del 26/4/2019, esecutive ai sensi di legge, si emette un bando di concorso pubblico congiunto, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 4 posti nel profilo professionale di: COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO - INFERMIERE - Cat. D

da assegnarsi come segue:

- n. 1 posto presso l’Azienda USL di Bologna;

- n. 1 posto presso l’IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico di Sant'Orsola;

- n. 1 posto presso Istituto Ortopedico Rizzoli;

- n. 1 Azienda USL di Imola

Ai sensi dell’art. 11 del D.Lgs. 8/2014, e dell’art. 678, comma 9, del D.Lgs. 66/2010, i posti a concorso sono riservati prioritariamente a favore dei Volontari delle Forze Armate, congedati senza demerito dalle ferme contratte, nonché agli Ufficiali di complemento in ferma biennale e agli Ufficiali in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta (artt. 678 e 1014 del D.Lgs. n. 66 del 15/3/2010 e successive modificazioni ed integrazioni).

Con la presente procedura concorsuale saranno formulate quattro distinte graduatorie (una per ogni Amministrazione) che verranno utilizzate dalle Amministrazioni per procedere alla copertura, a tempo indeterminato, dei posti di Collaboratore professionale sanitario – Infermiere - Cat. D, indicati nel bando, nonché della totalità dei posti che si renderanno vacanti nell’arco temporale della validità delle graduatorie stesse e nel rispetto dei piani triennali dei fabbisogni di personale delle Amministrazioni aderenti alla presente procedura.

Il candidato, pertanto, all’atto di iscrizione al presente concorso, dovrà indicare, nella domanda di partecipazione, per quale Amministrazione intende concorrere. DEVE ESSERE INDICATA UNA SOLA OPZIONE.

Si specifica che è stato individuato come Ente capofila per la gestione della presente procedura l’Azienda USL di Bologna.

1 - Requisiti generali di ammissione:

a) cittadinanza italiana, salvo le equiparazioni previste dalle leggi vigenti, ovvero di un Paese dell’Unione Europea. Sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non appartenenti alla Repubblica; sono richiamate le disposizioni di cui all’art. 11 del D.P.R. 20/12/1979, n. 761 ed all’art. 2, comma 1 del D.P.R. 9/5/1994, n. 487, all’art. 37 del D.Lgs. 3/2/1993, n. 29 e successivo DPCM 7/2/1994, n. 174, nonché all’art. 38 del D.Lgs. 30/3/2001, n. 165 relativo ai cittadini degli Stati membri della Unione europea; questi ultimi devono, altresì, possedere, ai sensi dell’art. 3 del DPCM 174/94, i seguenti requisiti:

  • godere dei diritti civili e politici negli stati di appartenenza o provenienza;
  • essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti i requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
  • avere adeguata conoscenza della lingua italiana.

Ai sensi dell’art. 38 D.Lgs. 165/01 e s.m.i. possono, altresì, partecipare:

– i cittadini degli Stati membri dell'Unione europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

– i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.

b) piena e incondizionata idoneità fisica specifica alle mansioni del profilo professionale a selezione. Il relativo accertamento sarà effettuato prima dell’immissione in servizio, in sede di visita preventiva ex art. 41 D.Lgs n.81/08s.m.i..

2 - Requisiti specifici di ammissione:

a) Diploma di laurea in Infermieristica ovvero diploma universitario di infermiere, conseguito ai sensi dell’articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30/12/1992, n. 502 e successive modificazioni, ovvero i diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento, riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici concorsi.

b) iscrizione al relativo albo professionale. L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei paesi dell’Unione Europea, ove prevista, consente la partecipazione ai concorsi, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

Se conseguito all’estero, il titolo di studio deve essere riconosciuto equiparato all’analogo titolo di studio acquisito in Italia, secondo la normativa vigente.

Tutti i requisiti generali e specifici di cui sopra devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione.

Non possono accedere all’impiego coloro che siano esclusi dall’elettorato attivo o che siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubbliche amministrazioni ovvero licenziati a decorrere dal 2/9/1995, data di entrata in vigore del primo contratto collettivo.

Non sono ammessi alla presente procedura concorsuale i dipendenti a tempo indeterminato dell’Azienda USL di Bologna, dell’IRCCS Azienda Ospedaliero Universitaria di Bologna – Policlinico di S.Orsola, dell’Istituto Ortopedico Rizzoli e dell’Azienda USL di Imola inquadrati nel profilo professionale di Collaboratore professionale sanitario – Infermiere - Cat. D che presentino domanda per la propria Amministrazione di appartenenza.

Prove d'esame (art. 43 del D.P.R. 27/3/2001, n. 220):

Prova scritta: Svolgimento di un tema o soluzione di quesiti a risposta sintetica o multipla attinenti la professione specifica dell’Infermiere, con particolare riguardo a:

- legislazione e organizzazione della professione infermieristica;

- infermieristica clinica generale e specialistica

Prova pratica: Predisposizione di atti connessi alla verifica delle conoscenze delle tecniche e delle prestazioni infermieristiche ed assistenziali ovvero alla risoluzione di casi assistenziali.

La Commissione esaminatrice si riserva la facoltà, in relazione al numero dei candidati, di stabilire che la prova pratica sia espletata tramite quesiti a risposta sintetica e/o multipla.

Prova orale: sulle materie oggetto della prova scritta e della prova pratica. La prova orale comprenderà anche elementi di informatica e la verifica della conoscenza almeno a livello iniziale di una lingua straniera a scelta tra inglese e francese.

Punteggio per i titoli e prove d'esame (art. 8 del D.P.R. 27/3/2001, n. 220)

La Commissione dispone, complessivamente, di 100 punti così ripartiti:

30 punti per i titoli;

70 punti per le prove d’esame;

I punti per le prove d’esame sono così ripartiti:

30 punti per la prova scritta;

20 punti per la prova pratica;

20 punti per la prova orale.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

a) titoli di carriera massimo punti 15

b) titoli accademici e di studio massimo punti 3

c) pubblicazioni e titoli scientifici massimo punti 2

d) curriculum formativo e professionale massimo punti 10

Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno punti 21/30. Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici, di almeno 14/20.

Il mancato raggiungimento della valutazione di sufficienza in una prova comporta l’esclusione dalla prova successiva e, quindi, dalla graduatoria di merito finale.

Il presente bando è emanato tenendo conto di quanto previsto da:

- Legge n. 68 del 12/3/1999 «Norme per il diritto al lavoro dei disabili»;

- D.Lgs. 15/3/2010, n. 66 in materia di riserva dei posti per i volontari delle Forze Armate;

- D.Lgs. 27/10/2009, n. 150 (art. 24) in materia di riserva dei posti a favore del personale interno;

secondo le modalità e i termini indicati nel paragrafo “GRADUATORIA DEGLI IDONEI E NOMINA DEL VINCITORE” del presente bando.

Ai sensi dell'art. 35, comma 3-bis, lett. b) del D.Lgs. 165/01, saranno valorizzate, con apposito punteggio, le esperienze professionali maturate dal personale titolare, alla data di presentazione della domanda, di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato che, alla data di pubblicazione del bando, abbia maturato almeno tre anni di servizio alle dipendenze dell’Amministrazione per la quale abbia scelto di concorrere, o da coloro che, alla data di emanazione del bando, abbiano maturato almeno tre anni di contratto di collaborazione coordinata e continuativa e/o libero-professionale nell’Amministrazione per la quale abbiano scelto di concorrere.

La valutazione dei titoli è effettuata dalla commissione esaminatrice, di norma, dopo la prova scritta, sulla base dei criteri precedentemente individuati da parte della commissione stessa, anteriormente alla correzione dei relativi elaborati oppure dopo la correzione e soltanto nei confronti dei concorrenti che abbiano superato la prova medesima, in ogni caso prima di procedere all’abbinamento dei voti con i nominativi dei concorrenti.

3 - Domanda di ammissione al concorso pubblica

La domanda di ammissione al pubblico concorso, redatta esclusivamente in forma telematica,connettendosi al sito web aziendale ed accedendo alla piattaforma del link https://auslbologna.concorsismart.it presente nella sezione ai bandi di concorso.

Per la presentazione della domanda il candidato dovrà seguire le seguenti modalità:

  • accedere alla piattaforma registrandosi alla stessa (la registrazione richiederà l’inserimento dei propri dati anagrafici ed il possesso di un numero di cellulare e di un indirizzo e-mail privata e personale);
  • dopo la registrazione, accedere alla piattaforma dal link pervenuto nella propria mail o tramite sms utilizzando le credenziali di accesso ottenute (user id e password);
  • dopo aver letto la guida alla compilazione della domanda (manuale d’uso) pubblicata nella piattaforma, compilare la domanda on–line seguendo tutti i campi obbligatori e dichiarando, sotto la propria responsabilità e consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del DPR 445/2000 per l’ipotesi di falsità in atti e di dichiarazioni mendaci:

1) dati anagrafici (cognome e nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, cap e eventuale domicilio che, se diverso dalla residenza, verrà preso a riferimento dall’Azienda per ogni necessaria comunicazione relativa al concorso);

2) un indirizzo di posta elettronica ordinario (e-mail) nella disponibilità del candidato e l’eventuale indirizzo di posta elettronica certificata personale (P.E.C.); in tal caso l’Amministrazione è autorizzata ad utilizzare la PEC per ogni necessaria comunicazione relativa al concorso, qualora lo ritenesse opportuno, con piena efficacia e garanzia di conoscibilità degli atti trasmessi;

3) il possesso della cittadinanza italiana, ovvero i requisiti sostitutivi;

4) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;

5) le eventuali condanne penali riportate;

6) il possesso dei requisiti specifici di ammissione;

7) l’eventuale servizio militare prestato;

8) i servizi prestati presso pubbliche amministrazioni, case di cura convenzionate o accreditate nel profilo a concorso o in qualifiche corrispondenti e le eventuali cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego;

9) i servizi prestati all’estero nel profilo a concorso ai sensi dell’art. 22 del D.P.R. 220/2001, se riconosciuti;

10) la dispensa o la destituzione dall’impiego presso Pubbliche Amministrazioni ovvero di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso Pubbliche Amministrazioni per persistente insufficiente rendimento ovvero non essere stato licenziato;

11) eventuali titoli che danno diritto a precedenza o preferenza, allegando alla domanda i relativi documenti probatori;

12) la lingua straniera che il candidato intende scegliere per l’accertamento durante la prova orale;

13) l’eventuale necessità di ausili per l’espletamento delle prove di esame in relazione al proprio handicap, per i beneficiari della L. 104/1992; ovvero l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi, così come prescritti dalle relative norme, che andranno certificati da apposita Struttura che attesti la disabilità riconosciuta, da allegare alla domanda;

14) l'autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del nuovo Regolamento Europeo in materia di privacy n. 2016/679 e del D. Lgs. n. 196/2003 per la parte non abrogata.

La domanda sarà considerata presentata nel momento in cui il candidato concluderà correttamente la procedura on-line di iscrizione al concorso e riceverà dal sistema il messaggio di avvenuto inoltro della domanda.

Il candidato riceverà, altresì, e-mail con il link al file riepilogativo del contenuto della domanda presentata nella quale devono essere inseriti correttamente all’interno della piattaforma tutti i dati indicati.

La firma autografa a regolarizzazione della domanda di partecipazione e delle dichiarazioni nella stessa inserite, verrà acquisita in sede di identificazione dei candidati alla prima prova concorsuale.

È esclusa ogni altra forma di presentazione e trasmissione. Pertanto, eventuali domande pervenute con altre modalità non verranno prese in considerazione.

L'Amministrazione si riserva la facoltà di verificare la veridicità delle dichiarazioni prodotte.

La domanda dovrà pervenire al sistema, a pena di esclusione, entro le ore 18:00 del 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’estratto del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Qualora detto giorno sia festivo, il termine viene prorogato alle ore 18:00 del primo giorno successivo non festivo.

Dopo tale termine la piattaforma interrompe automaticamente tutti i collegamenti in corso e non sarà più possibile eseguire la compilazione on-line della domanda di partecipazione, né apportare eventuali aggiunte o modifiche alla stessa.

Si consiglia di non inoltrare la domanda in prossimità delle ultime ore dell’ultimo giorno utile per la presentazione per evitare sovraccarichi del sistema, dei quali non si assume responsabilità alcuna.

Il termine di presentazione delle domande è perentorio e, pertanto, non è ammessa la presentazione di documenti oltre la scadenza del termine utile per l’invio delle domande o con modalità diverse a quella indicata al punto 3.

4 - Documentazione da allegare alla domanda

Il candidato, attraverso la procedura telematica, dovrà allegare alla domanda, tramite file in formato PDF o JPG, la copia digitale dei seguenti documenti:

- documento di riconoscimento in corso di validità (fronte e retro);

- l’eventuale documentazione comprovante i requisiti generali che consentono ai cittadini non italiani e non comunitari di partecipare al presente concorso;

- l’eventuale documentazione che attesti il riconoscimento del titolo di studio conseguito all’estero;

- l’eventuale documentazione che attesti l’equiparazione dei servizi prestati all’estero secondo le procedure della L. 735/1960;

- l’eventuale certificazione medica rilasciata da Struttura Sanitaria abilitata, comprovante lo stato di disabilità, che indichi l’ausilio necessario in relazione alla propria disabilità e/o la necessità di tempi aggiuntivi per l’espletamento delle prove concorsuali, ai sensi dell’art. 20 L. 104/1999;

- l’eventuale documentazione comprovante i requisiti previsti ai sensi dell’art. 1014 e dell’art. 678, comma 9 D.Lgs. 66/2010 e s.m.i. relativo alla riserva dei posti in favore dei volontari delle forze armate congedati senza demerito dalle ferme contratte;

- le eventuali pubblicazioni, di cui il candidato è autore/coautore, attinenti al profilo professionale a concorso ed edite a stampa, avendo cura di evidenziare il proprio nome;

- le eventuali certificazioni, comprovanti il diritto a preferenza, precedenza e riserva di posti previste dalle vigenti disposizioni.

Si precisa che, per espressa disposizione normativa, i certificati medici e sanitari non possono essere sostituiti da autocertificazione.

Si precisa, inoltre, che le esperienze professionali e di studio del candidato vengono desunte esclusivamente da quanto dichiarato dallo stesso nelle apposite voci della domanda telematica: pertanto il candidato non dovrà allegare il proprio curriculum vitae. Non saranno valutati curricula predisposti con altre modalità e forme, ovvero allegati alla domanda.

5 – Modalità di rilascio di dichiarazioni sostitutive

Il candidato, nella presentazione della domanda telematica, dovrà attenersi alle indicazioni sotto riportate.

Ai sensi della normativa vigente, con riferimento in particolare alle prescrizioni contenute nell’art. 15 della Legge n. 183/2011, che di seguito si riportano:

Ai sensi dell’art. 15 della Legge n. 183/2011, le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Nei rapporti invece con la P.A. i certificati sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o dall’atto di notorietà”, pertanto, nessuna certificazione rilasciata dalla P.A. dovrà essere trasmessa da parte del candidato.

La corretta e completa compilazione della domanda tramite la procedura telematica consente all’Amministrazione ed alla Commissione Esaminatrice di disporre di tutte le informazioni utili rispettivamente per la verifica del possesso dei requisiti di partecipazione e per la successiva valutazione dei titoli.

L’Amministrazione informa i candidati che non saranno prese in considerazione dichiarazioni generiche o incomplete.

Il candidato è tenuto a specificare con esattezza tutti gli elementi e i dati necessari per una corretta valutazione.

L'Amministrazione si riserva la facoltà di verificare la veridicità delle dichiarazioni prodotte nonché di richiedere la documentazione relativa prima di emettere il provvedimento finale favorevole.

Viene sottolineato che, ferme restando le sanzioni penali previste, ai sensi e per gli effetti degli artt. 48 e 76, del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci, qualora dal controllo effettuato dalla Amministrazione emerga la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

Nello specifico, nella compilazione della domanda telematica:

- la dichiarazione relativa ai titoli di studio necessari per l’ammissione deve essere resa nella sezione “Titoli accademici e di studio” ed il candidato dovrà indicare la struttura presso la quale il titolo è stato conseguito e la data del conseguimento. Il titolo di studio conseguito all’estero deve avere ottenuto, entro la data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda, il riconoscimento al titolo italiano rilasciato dalle competenti autorità, che dovrà essere allegato alla domanda;

- le dichiarazioni relative agli ulteriori titoli di studio, di cui il candidato è in possesso, possono essere rese nella stessa sezione “Titoli accademici e di studio”;

- le dichiarazioni inerenti i servizi prestati con rapporto di dipendenza presso Aziende ed Enti del SSN, Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico (IRCCS) pubblici e Case di Cura convenzionate/accreditate o servizi equiparati, nel profilo professionale a concorso o in qualifiche corrispondenti o nel corrispondente profilo a concorso della categoria inferiore o in qualifiche corrispondenti o in mansioni assimilabili al profilo richiesto, devono essere rese nella sezione “ Esperienze presso ASL/PA come dipendente”.

Le dichiarazioni devono contenere l’esatta denominazione dell’Ente presso il quale il servizio è prestato, il profilo professionale, la categoria di inquadramento ed il periodo di servizio effettuato (giorno, mese e anno di inizio e di termine), se a tempo pieno o part-time (in questo caso specificare la percentuale). Deve essere indicato il regime di accreditamento della Casa di Cura con il SSN al fine della valutazione tra i titoli di carriera.

Il candidato dovrà decurtare gli eventuali periodi di aspettativa senza assegni con interruzione del servizio;

- le dichiarazioni inerenti i servizi prestati in regime di libera professione o di collaborazione coordinata e continuativa o a progetto, presso Agenzie Interinali, Cooperative o Aziende private, presso Aziende ed Enti del SSN, Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico (IRCCS) pubblici e Case di Cura convenzionate/accreditate, nel profilo professionale a concorso o in qualifiche corrispondenti o nel corrispondente profilo a concorso della categoria inferiore o in qualifiche corrispondenti o in mansioni assimilabili al profilo richiesto, devono essere rese nella sezione “ Altre esperienze presso ASL/PA”; le dichiarazioni devono contenere l’esatta denominazione dell’Ente presso il quale il servizio è prestato, il profilo professionale, la categoria di inquadramento ed il periodo di servizio effettuato (giorno, mese e anno di inizio e di termine), se a tempo pieno o part-time (in questo caso specificare la percentuale);

deve essere indicato il regime di accreditamento della Casa di Cura con il SSN al fine della valutazione tra i titoli di carriera.

Il candidato dovrà decurtare gli eventuali periodi di aspettativa senza assegni con interruzione del servizio;

- le dichiarazioni relative ai servizi prestati presso gli Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico (IRCCS) di diritto privato devono essere rese nella sezione “ Esperienza presso privati” con l’indicazione dell’esatta denominazione dell’Istituto, la sede, il profilo professionale, la data di inizio e termine, se trattasi di servizio a tempo pieno o part-time e se detti Istituti abbiano provveduto o meno all’adeguamento dei propri ordinamenti del personale, come previsto dagli artt. 25 e 26 del D.P.R. 761 del 20/12/1979; in caso contrario saranno valutati per il 25% della rispettiva durata;

- le dichiarazioni relative ai periodi di servizio prestati all’estero o presso organismi internazionali, valutabili nei titoli di carriera ai sensi dell’art. 22 del D.P.R. n. 220/2001, se hanno ottenuto il riconoscimento dalle autorità competenti entro la data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda, devono essere rese nelle sezioni dedicate, di cui sopra; il candidato dovrà specificare l’esatta denominazione dell’Ente presso il quale il servizio è prestato, il profilo professionale, la categoria di inquadramento ed il periodo di servizio svolto (giorno, mese e anno di inizio e di termine), se a tempo pieno o part-time (in questo caso specificare la percentuale), eventuali interruzioni del rapporto di impiego, i motivi della cessazione nonché gli estremi del provvedimento di riconoscimento.

Il candidato, qualora non abbia ottenuto il riconoscimento del servizio, dovrà indicarlo;

- le dichiarazioni relative ai periodi di effettivo servizio militare di leva, di richiamo alle armi, di ferma volontaria e di rafferma, se svolti con mansioni riconducibili al profilo oggetto del concorso o se svolti in profilo o mansioni diverse da quelle a concorso, sono dichiarabili, ai sensi dell’art. 20 comma 2 del D.P.R. n. 220/2001, nella sezione “Esperienze presso ASL/PA come dipendente”, in cui deve essere specificato se il servizio stesso sia stato svolto o meno con la stessa mansione messa a concorso. Lo stesso vale per il servizio civile;

- le dichiarazioni relative ai servizi prestati presso Case di cura con rapporto di dipendenza o libera professione o altra tipologia, se la struttura non è accreditata/convenzionata con il SSN dovranno essere inserite nella sezione “ Esperienze presso privati”;

- le dichiarazioni relative alla frequenza di corsi di aggiornamento, convegni e congressi dovranno essere nella sezione “Corsi convegni congressi” indicando la denominazione dell’Ente organizzatore, la sede, la data di svolgimento, il numero di ore formative effettuate e se trattasi di eventi con verifica finale o con assegnazione di eventuali ECM;

- le dichiarazioni relative ad incarichi di docenza conferiti da Enti pubblici dovranno essere rese nella sezione “Attività didattiche” e dovranno contenere: denominazione dell’Ente che ha conferito l’incarico, oggetto/materia di docenza e ore effettive di lezione svolte.

Il candidato portatore di handicap potrà specificare nella domanda telematica, ai sensi di quanto previsto dall’art. 20 della L. 104/92, nella sezione di riferimento, l’ausilio necessario in relazione al proprio handicap, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l’espletamento di ciascuna delle prove previste, specificando altresì, ai sensi dell’art. 25 comma 9 del D.L. 90/2014, la percentuale di invalidità ( allegare relativa documentazione).

Gli aspiranti che, invitati, ove occorra, a regolarizzare formalmente la loro domanda di partecipazione al concorso, non ottemperino a quanto richiesto nei tempi e nei modi indicati dall’Amministrazione, saranno esclusi dalla procedura.

Si precisa inoltre che i dati attinenti ai titoli hanno natura facoltativa e l’eventuale rifiuto o omissione dei medesimi sarà causa di mancata valutazione degli stessi.

6 - Commissione esaminatrice

La Commissione Esaminatrice sarà nominata in ottemperanza a quanto disposto dal D.P.R. 27/3/2001, n. 220 nonché dall’art. 35, 3° comma, lettera e), del D.Lgs. 165/01 in materia di incompatibilità e secondo le modalità previste dal protocollo d’intesa tra Azienda USL di Bologna, Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna, Istituto Ortopedico Rizzoli e Azienda USL di Imola, per la gestione congiunta di concorsi pubblici per i profili professionali del Comparto, sottoscritto in data 11/5/2018, 7/5/2018, 8/5/2018 e 9/5/2018 e recepito rispettivamente con deliberazione del Direttore Generale dell’Azienda USL di Bologna n. 138 del 17/5/2018, dell’Azienda Ospedaliero–Universitaria di Bologna n. 120 del 24/5/2018, dell’Istituto Ortopedico Rizzoli n. 118 del 24/5/2018 e dell’Azienda USL di Imola n. 99 del 18/5/2018, successivamente rettificato in data 16/4/2019, 11/4/2019, 12/4/2019 e 11/4/2019 e recepito rispettivamente con deliberazioni dei Direttori Generali delle Amministrazioni sopraindicate n. 164 del 8/5/2019, n. 115 del 26/4/2019, n. 133 del 10/5/2019 e n. 95 del 26/4/2019, esecutive ai sensi di legge.

L’Amministrazione si riserva la possibilità di costituire apposite sottocommissioni, secondo le modalità previste dal DPR 220/01.

7 - Ammissione e convocazione dei candidati

L’ammissione o l’esclusione dei candidati è disposta con provvedimento del Direttore del Servizio Unico Metropolitano Amministrazione Giuridica del Personale. L’esclusione dal concorso verrà notificata agli interessati entro trenta giorni dall’esecutività del relativo provvedimento.

In caso di numero elevato di candidati, l’Azienda si riserva la possibilità di prevedere una prova preselettiva, da svolgersi prima dell’ammissione dei candidati.

La convocazione alla prima prova (preselettiva o scritta) verrà pubblicata il giorno 15/2/2022 sulla Gazzetta della Repubblica Italiana – 4^ serie speciale “Concorsi ed esami” ( www.gazzettaufficiale.it ) rispettando il preavviso di cui all’art. 7, comma 1 del DPR n. 220/01.

L’elenco dei candidati ammessi nonché la convocazione alla prima prova (preselettiva o scritta) saranno pubblicati sul sito internet dell’Azienda USL di Bologna: www.ausl.bologna.it e sui siti internet delle Amministrazioni coinvolte: www.aosp.bo.it, www.ior.it, www.ausl.imola.bo.it nelle apposite sezioni.

Non saranno effettuate convocazioni individuali.

La mancata partecipazione nella data ed orario indicati nel predetto avviso equivarrà a rinuncia.

La presentazione in ritardo, ancorchè dovuta a causa di forza maggiore, comporterà l’irrevocabile esclusione dal concorso.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di effettuare la prova pratica nella stessa giornata individuata per l’espletamento della prova scritta. Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza pari a punti 21/30; pertanto il mancato raggiungimento da parte del candidato del predetto punteggio di sufficienza determina la nullità della prova pratica e la conseguente esclusione dalla procedura concorsuale. In caso di effettuazione della prova scritta e della prova pratica nella medesima giornata, la valutazione dei titoli è effettuata dalla commissione esaminatrice, sulla base dei criteri precedentemente individuati da parte della commissione stessa, anteriormente alla correzione dei relativi elaborati oppure dopo la correzione di entrambe le prove e soltanto nei confronti dei concorrenti che abbiano superato entrambe le prove medesime, in ogni caso prima di procedere all’abbinamento dei voti con i nominativi degli stessi.

L’avviso per la presentazione alle prove pratica e orale verrà dato ai candidati almeno venti giorni prima di quello in cui gli stessi dovranno sostenerla mediante pubblicazione sul sito internet dell’ Azienda USL di Bologna: www.ausl.bologna.it e nei siti internet delle Amministrazioni coinvolte: www.aosp.bo.it, www.ior.it www.ausl.imola.bo.it nelle apposite sezioni.

8 - Graduatoria degli idonei e nomina del vincitore

Al termine delle prove, l’Amministrazione Capofila, con determinazione del Direttore del Servizio Unico Metropolitano Amministrazione Giuridica del Personale, riconosciuta la regolarità degli atti del concorso, li approva contestualmente all’approvazione di quattro distinte graduatorie di merito che sono immediatamente efficaci, ciascuna nell’Amministrazione o ambito di competenza.

In caso di esaurimento della graduatoria da parte di un’Amministrazione, la stessa utilizzerà la graduatoria di una delle altre Amministrazioni.

La sottoscrizione del contratto individuale - per tipologia di rapporto di lavoro (a tempo determinato/indeterminato) - con una delle Amministrazioni preclude automaticamente la possibilità di analoga proposta da parte delle restanti Amministrazioni. La rinuncia del candidato alla proposta di assunzione da parte di una Amministrazione diversa da quella scelta dal candidato al momento della presentazione della domanda non comporta la decadenza dalla posizione in graduatoria. La rinuncia del candidato alla proposta di assunzione da parte dell’Amministrazione scelta dal candidato al momento della presentazione della domanda comporta la decadenza dalla posizione in graduatoria.

Le risultanze di eventuali avvisi di mobilità avranno la precedenza, ove il reclutamento possa avere luogo nei tempi richiesti, rispetto all'utilizzo delle graduatorie di concorso pubblico che scaturiranno dalla presente procedura concorsuale.

In fase di utilizzo delle graduatorie i dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato nelle Amministrazioni sopramenzionate nel profilo professionale di Collaboratore professionale sanitario – Infermiere - Cat. D, non potranno essere coinvolti dall’Amministrazione di appartenenza.

Le graduatorie di merito dei candidati sono formate secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato che abbia conseguito in ciascuna delle prove di esame la prevista valutazione di sufficienza, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del D.P.R. 487/94, e successive modificazioni. Sono dichiarati vincitori, nei limiti dei posti messi a concorso, i candidati utilmente collocati nelle graduatorie di merito, tenuto conto di quanto disposto dalla Legge 12/3/1999, n. 68, o da altre disposizioni di legge in vigore che prevedano riserve di posti in favore di particolari categorie di cittadini.

A tale proposito i candidati, per usufruire del beneficio previsto dalla legge 12/3/1999, n. 68, devono dimostrare di essere iscritti nello specifico elenco istituito presso gli uffici competenti e, per i soli candidati di cui all’art. 1 Legge 68/99, di trovarsi in stato di disoccupazione, ai sensi dell’art. 8, comma 2 della Legge 68/99, sia al momento della scadenza del termine per la presentazione della domanda di ammissione al concorso sia all'atto dell'immissione in servizio, mediante produzione di idonea certificazione.

I posti a concorso sono prioritariamente riservati, ai sensi dell’art. 11 del D.Lgs. 8/2014 e dell’art. 678, comma 9, del D.Lgs. 66/2010 per i volontari in ferma prefissata (VFP1 e VFP4, rispettivamente ferma di 1 anno e di 4 anni) i VFB, in ferma breve triennale, e gli Ufficiali di complemento in ferma biennale o in ferma prefissata che hanno completato senza demerito la ferma contratta.

Qualora tra i concorrenti dichiarati idonei nelle graduatorie di merito vi siano appartenenti a più categorie che danno titolo a differenti riserve di posti, si applicano le disposizioni previste dall’art. 5, comma 3 del D.P.R. 487/94.

Ai sensi dell’art. 5, comma 1 del D.P.R. 487/94, nei pubblici concorsi, le riserve di posti, di cui al sopracitato comma 3 del presente articolo, non possono complessivamente superare la metà dei posti messi a concorso.

In caso di utilizzo delle graduatorie degli idonei alle prove concorsuali per assunzioni a tempo indeterminato, in assenza di candidati idonei appartenenti alle anzidette categorie, ai sensi dell’art. 52, comma 1-bis, del D.Lgs n. 165/2001, come introdotto dall’art. 62 del D.Lgs. n. 150/2009, il 20% dei posti è riservato al personale dipendente in profilo professionale diverso da quello di Collaboratore professionale sanitario – Infermiere - Cat. D, a tempo indeterminato presso l’Azienda USL di Bologna, l’IRCCS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Policlinico di Sant’Orsola, l’Istituto Ortopedico Rizzoli e Azienda USL di Imola che risulti idoneo alle prove concorsuali.

Coloro che intendano avvalersi della suddetta riserva ovvero che abbiano titoli di preferenza e/o di precedenza dovranno farne espressa dichiarazione nella domanda di partecipazione al concorso, pena l’esclusione dal relativo beneficio.

In caso di concomitante procedura di mobilità, le risultanze della stessa avranno la precedenza, ove il reclutamento possa avere luogo nei tempi richiesti, rispetto all'utilizzo della graduatoria di concorso pubblico che scaturirà dalla presente procedura concorsuale.

Le graduatorie del concorso sono pubblicate nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna nonché nei siti web delle Amministrazioni interessate.

Le graduatorie rimarranno vigenti secondo quanto previsto dalla normativa vigente in materia per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito e che successivamente dovessero rendersi disponibili, nonché eventuali ulteriori posti nei limiti assunzionali previsti nei Piani dei Fabbisogni delle Aziende coinvolte.

Tali graduatorie saranno utilizzate, nell’ambito del periodo di validità, anche per la costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato e/o a tempo parziale (part-time). Le Amministrazioni utilizzeranno la graduatoria che scaturirà dalla procedura selettiva congiunta di che trattasi, all’esaurimento o alla scadenza della graduatoria eventualmente vigente.

In caso di sussistenza di altra graduatoria vigente di pari profilo per una o più Amministrazioni aderenti al presente concorso, la graduatoria che scaturirà dalla presente procedura sarà utilizzata da ciascuna amministrazione all'esaurimento da parte della stessa amministrazione delle graduatorie precedentemente approvate o alla scadenza delle stesse.

9 - Adempimenti dei vincitori

I concorrenti dichiarati vincitori e comunque coloro che saranno chiamati in servizio a qualsiasi titolo, dovranno stipulare con l’Amministrazione reclutante un contratto di lavoro individuale secondo i disposti del contratto di lavoro del personale del comparto del Servizio Sanitario Nazionale attualmente vigente subordinatamente alla presentazione, nel termine di giorni 30 dalla richiesta dell’Amministrazione, dei documenti elencati nella richiesta stessa.

L'assunzione in servizio, potrà essere temporaneamente sospesa o comunque ritardata in relazione alla presenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni ancorché con la previsione dell'eccezionale possibilità di deroghe.

Il personale che verrà assunto dovrà essere disponibile ad operare presso tutte le strutture presenti sul territorio dell’Amministrazione reclutante.

L’assunzione in servizio a tempo indeterminato comporta l’obbligo di permanenza alle dipendenze dell’Amministrazione di prima assunzione per un periodo di cinque anni in conformità all’art. 35 del D.Lgs. n. 165/2001, anche nel caso di utilizzo della graduatoria da parte di altre Amministrazioni, ai sensi dell’art. 3, comma 61, della L. n. 350/2003.

L’Azienda USL di Bologna si riserva di disporre l'eventuale proroga dei termini del bando, la loro sospensione o modificazione, la revoca o l'annullamento dello stesso in relazione all'esistenza di motivi di pubblico interesse concreto ed attuale, o in presenza di vincoli legislativi nazionali o regionali in materia di assunzione di personale.

In applicazione del D.P.R. 62/2013 (Regolamento recante “Codice di comportamento dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni”) si fa presente che il candidato vincitore dovrà rendere le dichiarazioni previste dalla normativa introdotta in materia di anticorruzione obbligatoriamente prima della stipulazione del contratto individuale di lavoro. Si precisa che il codice di comportamento è pubblicato sui siti istituzionali delle Amministrazioni coinvolte

Tutti i dati di cui l'Amministrazione verrà in possesso a seguito della presente procedura verranno trattati nel rispetto del D.Lgs. 30/6/2003, n. 196 e del Regolamento Europeo 2016/679; la presentazione della domanda di partecipazione al concorso da parte dei candidati implica il consenso al trattamento dei dati personali, compresi i dati sensibili, a cura dell'ufficio preposto alla conservazione delle domande ed all'utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure finalizzate al concorso.

Questo Ente informa i partecipanti alle procedure di cui al presente bando che i dati personali ad Essi relativi saranno oggetto di trattamento da parte della competente Unità Operativa con modalità sia manuale che informatizzata, e che titolare è l’Azienda USL di Bologna.

Il conferimento dei dati personali è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione. Il mancato conferimento comporta l’esclusione dalla procedura concorsuale.

Tali dati saranno comunicati o diffusi ai soggetti espressamente incaricati del trattamento, o in presenza di specifici obblighi previsti dalla legge, dalla normativa comunitaria o dai regolamenti.

La presentazione della domanda al presente bando comporta l’accettazione incondizionata delle norme contenute nel presente bando. Per tutto quanto non esplicitamente previsto nel presente avviso si fa richiamo alle vigenti disposizioni in materia.

Lo stato giuridico ed economico inerente ai posti messi a concorso è regolato dalle norme legislative e contrattuali vigenti.

Ai sensi di quanto disposto dall’art. 7 del D.Lgs. 30/3/2001, n. 165, per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro, è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne.

Per tutto quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alla vigente normativa in materia ed, in particolare, al D.P.R. 27/3/2001, n. 220 «Regolamento recante disciplina concorsuale del personale non dirigenziale del Servizio Sanitario Nazionale».

Per acquisire copia del bando del pubblico concorso, gli interessati potranno collegarsi ai siti Internet delle Amministrazioni coinvolte: www.ausl.bologna.it , www.aosp.bo.it, www.ior.it , www.ausl.imola.bo.it dopo la pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale.

Per le informazioni tecniche sulla presentazione delle domande on-line gli interessati potranno rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18 – e-mail: concorsismart@dromedian.com

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it