E-R | BUR

n.339 del 25.11.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione invito a presentare manifestazioni di interesse per la realizzazione di progetti di promozione del sistema produttivo, culturale, scientifico e turistico regionale nello spazio "Piazzetta" nell'ambito dell'Esposizione Universale Milano 2015

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

- la L.R. 3/99, in particolare gli artt. 54 e 55, nonché l’art. 61 che prevede che la Regione, in concorso con altri soggetti, sostenga la realizzazione di eventi e progetti organici di promozione finalizzati alla penetrazione di mercati esteri stipulando, a tal fine, accordi con le amministrazioni centrali dello Stato, l’ICE, il sistema camerale, le Associazioni imprenditoriali e delle categorie produttive, gli enti fieristici ed altri soggetti pubblici e privati ritenuti idonei;

- la L. R. 20 dicembre 2013, n. 28 concernente la legge finanziaria regionale adottata a norma dell'articolo n. 40 della legge regionale 15 novembre 2001, in coincidenza con l'approvazione del bilancio di previsione della regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2014 e del bilancio pluriennale 2014 - 2016 ed in particolare l’art. 8 “Partecipazione all’Esposizione universale di Milano (Expo 2015)”;

- la L.R. 7/1998 concernente “Organizzazione turistica regionale - Interventi per la promozione e commercializzazione turistica - abrogazione delle Leggi Regionali 5 dicembre 1996, n. 47, 20 maggio 1994, n. 22, 25 ottobre 1993, n. 35 e parziale abrogazione della L.R. 9 agosto 1993, n. 28”, in particolare l’art. 13 “Aggregazioni di prodotto di interesse regionale”;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 83 del 25 luglio 2012 recante “APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE PER LA RICERCA INDUSTRIALE, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO 2012-2015, AI SENSI DEL COMMA 1 DELL'ART. 3 DELLA L.R. N. 7/2002 E DEL PROGRAMMA REGIONALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE 2012-2015 AI SENSI DEL COMMA 2, DELL'ART. 54 DELLA L.R. N. 3/99” (di seguito PRAP 2012-2015);

- il Programma regionale Attività Produttive 2012 - 2015, di cui al precedente alinea, in particolare l’Attività 4.6, “Promozione di programmi integrati e cofinanziamento di programmi nazionali ed europei”, che prevede, tra le altre cose, che la Regione sostenga o realizzi specifici interventi integrati sulla base di proprie espresse priorità di intervento;

Premesso che l’Attività 4.6 sopra richiamata, nel definire le modalità di intervento, stabilisce che la Regione proceda attraverso bandi, manifestazioni di interesse o interventi diretti anche in cofinanziamento;

Considerato che:

- si terrà dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 l’Esposizione Universale di Milano, avente come tema ““Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”; 

- i temi proposti dall’Expo Milano 2015 e la visibilità di cui prevedibilmente l’evento nel suo insieme godrà, consentono la promozione di molteplici aspetti dell’economia emiliano-
romagnola, che comprendono: l’agricoltura, e la trasformazione industriale dei suoi prodotti, la protezione ambientale, lo sviluppo tecnologico connesso a questi settori;

Richiamati inoltre:

- la propria deliberazione n. n. 704 del 19/5/2014 “L.R. 28/2007 e deliberazione G.R. n. 2416/2008 e ss.mm. - Programma di acquisizione di beni e servizi della Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo per l'esercizio finanziario 2014 - terzo provvedimento” e in particolare l’Allegato Parte A), nel quale è ricompresa l’attuazione dell’obiettivo P “Partecipazione all’Esposizione Universale di Milano (EXPO 2015)”, per la realizzazione dell’Attività 1 “Partecipazione della Regione all’Expo 2015. Acquisizione degli spazi espositivi del Padiglione Italia di Milano e dei relativi servizi”, tipologia di spesa di cui alla voce 4 della tabella della sezione 3 dell’appendice 1 della Parte speciale degli Indirizzi di cui alla deliberazione di Giunta regionale n. 2416/2008 e ss.mm;

- la determinazione dirigenziale del Responsabile del Servizio sportello regionale per l’internazionalizzazione delle spese n. 7624/2014 recante “ACQUISIZIONE DIRETTA DA PADIGLIONE ITALIA E DA EXPO' 2015 SPA DEGLI SPAZI E SERVIZI PER LA PARTECIPAZIONE ALL'ESPOSIZIONE UNIVERSALE DI MILANO 2015, IN ATTUAZIONE DELLE D.G.R. N.704/2014 - C.U.P. (CODICE UNICO DI PROGETTO) N.E44E14000390002 - C.I.G. (CODICE IDENTIFICATIVO DI GARA) N. 57778554C7”, ed in particolare l’art. 4, comma 4.2 che stabilisce, tra l’altro:

- che gli eventi e le attività da svolgersi negli spazi concessi alla Regione Emilia-Romagna dovranno essere concordati e approvati da Padiglione Italia con espresso impegno di Regione Emilia-Romagna ad osservare ed applicare eventuali indicazioni di quest’ultimo;

- la responsabilità esclusiva di Regione Emilia-Romagna, anche ai fini risarcitori, per eventuali contenuti o modalità realizzative ed esecutive che non siano in linea o siano soltanto parzialmente in linea rispetto al progetto approvato da Padiglione Italia;

Considerato che:

- al fine di assicurare fin da ora utili ricadute di questo importante evento internazionale sul tessuto produttivo dell’Emilia-Romagna, è opportuno supportare, nel periodo di durata dell’Expo 2015, la realizzazione di eventi di promozione di sistema, che coinvolgano le imprese regionali, anche attraverso i consorzi di prodotto, associazioni imprenditoriali e culturali, fondazioni, camere di commercio, enti locali, università, centri di ricerca, enti di formazione;

- è interesse della Regione Emilia-Romagna favorire la realizzazione, congiuntamente con i soggetti di cui al precedente alinea, di iniziative di promozione all’interno degli spazi a disposizione della regione presso l’Expo Milano 2015;

- le iniziative di promozione di cui al precedente alinea è necessario che siano selezionate e approvate dalla Regione in tempo utile per consentire il rispetto degli impegni contrattuali sopra menzionati, assunti con le società Expo spa e Padiglione Italia;

Ritenuto pertanto di approvare il “INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO, CULTURALE, SCIENTIFICO E TURISTICO REGIONALE NELLO SPAZIO “PIAZZETTA” NELL'AMBITO DELL'ESPOSIZIONE UNIVERSALE MILANO 2015”, di cui all’Allegato 1, parte integrante della presente deliberazione in attuazione dell’attività 4.6 del Programma Regionale Attività Produttive 2012-2015, che definisce modalità e criteri di accesso ai benefici e la modulistica necessaria a presentare domanda;

Dato atto che ai progetti che supereranno la selezione di cui al suddetto invito, sarà concesso l’utilizzo dello spazio denominato “piazzetta”, acquisito dalla Regione Emilia-Romagna con la determinazione dirigenziale n. 7624/2014 sopraccitata, secondo le condizioni e con le modalità indicate nell’invito e richiamate in particolare nel “Protocollo di partecipazione”, allegato al medesimo invito come sua parte integrante e sostanziale;

Dato atto, inoltre, che:

- L’istruttoria delle proposte progettuali che pervengono nel periodo di apertura del presente bando sarà realizzata con le modalità indicate all’art. 7 e 9 dell’invito;

- La Regione Emilia-Romagna è impegnata a sottoporre le proposte di azioni promozionali da realizzarsi nella Piazzetta a Padiglione Italia e si riserva pertanto di verificare la fattibilità della proposta progettuale con Padiglione Italia, sia dal punto di vista tecnico che contenutistico, di norma prima dell’approvazione delle medesime. Nel caso non sia possibile o non risulti conveniente per la Regione Emilia-Romagna validare le proposte progettuali con Padiglione Italia nei tempi previsti al precedente comma, si procederà successivamente alla validazione e si potranno pertanto comunque applicare le disposizioni previste dall’invito agli artt. 10, comma 7, e 12, comma 4 o la decadenza dai benefici di cui all’art. 14;

- Il promotore del progetto selezionato è beneficiario dei servizi messi a disposizione dalla Regione ed è responsabile della realizzazione del progetto e ne sostiene le spese;

- Il promotore è tenuto a sottoscrivere entro un mese dall’approvazione del progetto, il “Protocollo di partecipazione” di cui all’allegato 2 dell’invito, che riporta le condizioni di utilizzo della Piazzetta, gli obblighi e gli impegni delle parti, stabilisce le penali in caso di mancata osservanza di tali obblighi. La mancata sottoscrizione del protocollo di partecipazione non consentirà in alcun modo la partecipazione del promotore ai benefici del suddetto invito;

- il dirigente responsabile del Servizio Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese è delegato a provvedere con propri atti a:

- approvare i progetti la cui istruttoria si è conclusa con esito positivo;

- comunicare l’esito dell’istruttoria delle proposte progettuali;

- apportare al suddetto protocollo di partecipazione le ulteriori modifiche, finalizzate ad adeguarne il contenuto a quanto richiesto da Expo 2015 SpA e il Commissariato Generale di Sezione per il Padiglione Italia e dal Regolamento generale di Expo Milano 2015, in attuazione del contratto in essere con la Regione Emilia-Romagna;

- sottoscrivere il “protocollo di partecipazione” con i promotori i cui progetti sono stati approvati;

- concordare con i promotori eventuali modifiche ai contenuti alle proposte progettuali ammesse o alle modalità di realizzazione o alla tempistica di realizzazione, in base alle esigenze derivanti dagli obblighi in essere con Expo 2015 SpA e il Commissariato Generale di Sezione per il Padiglione Italia e dal Regolamento generale di Expo Milano 2015 o per consentire una programmazione o realizzazione unitaria ed efficace delle azioni promozionali che si svolgeranno nella Piazzetta;

Dato atto, infine, che, dopo la concessione dei benefici previsti dal presente invito, la struttura regionale competente dovrà provvedere alla pubblicazione prevista dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte di pubbliche amministrazioni”, artt. 15, 22 e 26, e della propria deliberazione n. 1621 dell’11 novembre 2013 avente per oggetto “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “;

Richiamata la Deliberazione della Consulta Statutaria n. 2/2014;

Considerato che, tenuto conto dei tempi necessari alla ricezione e selezione delle proposte progettuali e alla loro successiva verifica ed eventuale integrazione con Padiglione Italia, per consentire una tempestiva selezione e approvazione delle iniziative di promozione da tenersi presso gli spazi dell’Expo 2015 e garantire il rispetto degli impegni contrattuali assunti dalla Regione nei confronti di Expo 2015 Spa e Padiglione Italia, è urgente approvare l’invito a manifestare interesse di cui al presente atto;

Viste:

- la L.R. 26 novembre 2001 n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” ed in particolare l’art. 37, comma 4;

- la L.R. 6 settembre 1993, n. 32, “Norme per la disciplina del procedimento amministrativo e del diritto di accesso”, in particolare il comma 3 dell'art. 19 che prevede che le domande aventi oggetto benefici finanziari conservino validità per i ventiquattro mesi successivi alla presentazione delle stesse nel caso in cui il relativo procedimento non possa concludersi favorevolmente per l’indisponibilità dei mezzi finanziari;

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007”;

- n. 1950/2010 avente ad oggetto “Revisioni della struttura organizzativa della Direzione Generale Attività produttive, Commercio e Turismo e della Direzione generale Agricoltura”;

- n. 2060/2010 avente ad oggetto “Rinnovo incarichi ai Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera

1. di stabilire che tutte le considerazioni formulate in premessa costituiscano parte integrante del presente dispositivo;

2. di approvare, per quanto indicato in premessa e qui integralmente richiamato:

a) il testo del “INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO, CULTURALE, SCIENTIFICO E TURISTICO REGIONALE NELLO SPAZIO “PIAZZETTA” NELL'AMBITO DELL'ESPOSIZIONE UNIVERSALE MILANO 2015”, di cui all’Allegato 1, parte integrante della presente deliberazione in attuazione dell’attività 4.6 del Programma Regionale Attività Produttive 2012 - 2015, che definisce modalità e criteri di accesso ai benefici e la modulistica necessaria a presentare domanda;

b) il “Protocollo di partecipazione” di cui all’allegato 2 dell’invito sopraccitato, che riporta le condizioni di utilizzo della “Piazzetta”, gli obblighi e gli impegni delle parti, stabilisce le penali in caso di mancata osservanza di tali obblighi;

3. di dare atto che:

a) L’istruttoria delle proposte progettuali che pervengono nel periodo di apertura del presente bando sarà realizzata con le modalità indicate all’art. 7 e 9 dell’invito;

b) La Regione Emilia-Romagna è impegnata a sottoporre le proposte di azioni promozionali da realizzarsi nella Piazzetta a Padiglione Italia e si riserva pertanto di verificare la fattibilità della proposta progettuale con Padiglione Italia, sia dal punto di vista tecnico che contenutistico, di norma prima dell’approvazione delle medesime. Nel caso non sia possibile o non risulti conveniente per la Regione Emilia-Romagna validare le proposte progettuali con Padiglione Italia nei tempi previsti al precedente comma, si procederà successivamente alla validazione e si potranno pertanto comunque applicare le disposizioni previste dall’invito agli arrt. 10, comma 7, e 12, comma 4 o la decadenza dai benefici di cui all’art. 14;

c) Il promotore del progetto selezionato è beneficiario dei servizi messi a disposizione dalla Regione ed è responsabile della realizzazione del progetto e ne sostiene le spese;

d) Il promotore è tenuto a sottoscrivere entro un mese dall’approvazione del progetto, il “Protocollo di partecipazione” di cui all’allegato 2 dell’invito, che riporta le condizioni di utilizzo della Piazzetta, gli obblighi e gli impegni delle parti, stabilisce le penali in caso di mancata osservanza di tali obblighi. La mancata sottoscrizione del protocollo di partecipazione non consentirà in alcun modo la partecipazione del promotore ai benefici del suddetto invito;

e) la Regione agevolerà la realizzazione dei progetti, selezionati e approvati secondo quanto previsto dall’invito, mettendo a disposizione del soggetto promotore i seguenti servizi e agevolazioni:

- concessione gratuita dello spazio “Piazzetta” per massimo 7 giorni consecutivi;

- pre-allestimento del suddetto spazio;

- copertura spese per consumi ed utenze;

- copertura assicurativa generale;

- copertura di eventuali diritti SIAE;

- coordinamento generale con Padiglione Italia;

f) Ogni altro costo per la realizzazione del progetto, diverso da quelli relativi ai servizi ed agevolazioni del precedente alinea, sono interamente a carico del promotore;

g) il dirigente responsabile del Servizio Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese è delegato a provvedere con propri atti a:

- approvare i progetti la cui istruttoria si è conclusa con esito positivo;

- comunicare l’esito dell’istruttoria delle proposte progettuali;

- apportare al suddetto protocollo di partecipazione le ulteriori modifiche, finalizzate ad adeguarne il contenuto a quanto richiesto da Expo 2015 SpA e il Commissariato Generale di Sezione per il Padiglione Italia e dal Regolamento generale di Expo Milano 2015, in attuazione del contratto in essere con la Regione Emilia-Romagna;

- sottoscrivere il “protocollo di partecipazione” di cui al punto d) con i promotori i cui progetti sono stati approvati; 

- concordare con i promotori eventuali modifiche ai contenuti alle proposte progettuali ammesse o alle modalità di realizzazione o alla tempistica di realizzazione, in base alle esigenze derivanti dagli obblighi in essere con Expo 2015 SpA e il Commissariato Generale di Sezione per il Padiglione Italia e dal Regolamento generale di Expo Milano 2015 o per consentire una programmazione o realizzazione unitaria ed efficace delle azioni promozionali che si svolgeranno nella Piazzetta;

4. di pubblicare integralmente la presente deliberazione, comprensiva dell’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente delibera, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

5. di disporre che la stessa deliberazione sia inserita con il testo del bando, la modulistica e ulteriori informazioni di servizio sul sito http://imprese.regione.emilia-romagna.it/;

6. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento ai sensi del D. Lgs. n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e della propria deliberazione n. 1621/2013 avente ad oggetto “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it