E-R | BUR

n.358 del 30.11.2022 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Concorso pubblico, per titoli ed esami, a n.1 posto di Dirigente Medico di Urologia nell'interesse dell'Azienda USl di Ferrara

In attuazione alla determina del Direttore del Servizio Comune Gestione del Personale n. 1770 del 10/11/2022, esecutiva ai sensi di legge, è bandito pubblico concorso per titoli ed esami per la copertura di: n. 1 posto di Dirigente Medico Disciplina: Urologia nell’interesse dell’Azienda USL di Ferrara.

Le disposizioni per l’ammissione al concorso e le modalità di espletamento del medesimo sono stabilite dal D.P.R. 20/12/1979, n. 761 come modificato dalla Legge 20/5/1985, n. 207, dal Decreto Legislativo 502/92 e successive modificazioni e integrazioni, dalla Legge n. 127 del 15/5/1997, dal D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 483 e dal Decreto Legislativo 19 giugno 1999, n. 229.

Requisiti specifici di ammissione:

a) Laurea in Medicina e Chirurgia;

b) specializzazione nella disciplina di Urologia o in disciplina equipollente (D.M. 30/1/1998), o in disciplina affine (D.M. 31/1/1998) e s.m.i.

Ai sensi dell’art. 1, comma 547 e 548, della Legge 30 dicembre 2018, n. 145 come integrato dall’art. 5/bis comma 1, lett. a) del D.L. 162/2019 convertito in L. 8/2020, è previsto che:

547. A partire dal terzo anno del corso di formazione specialistica, i medici e i medici veterinari gli odontoiatri, i biologi, i chimici, i farmacisti, i fisici e gli psicologi regolarmente iscritti sono ammessi alle procedure concorsuali per l’accesso alla dirigenza del ruolo sanitario nella specifica disciplina bandita e collocati, all’esito positivo delle medesime procedure in graduatorie separate;

548. L’eventuale assunzione a tempo indeterminato dei medici e medici veterinari gli odontoiatri, i biologi, i chimici, i farmacisti, i fisici e gli psicologi di cui al comma 547, risultati idonei e utilmente nelle relative graduatorie, è subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione e all’esaurimento della graduatoria dei medici e medici veterinari già specialisti alla data di scadenza del bando

c) iscrizione all’ Albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi. L’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione Europea consente la partecipazione al bando, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio

Si evidenzia quanto riportato al successivo punto “8” in merito al possesso della patente di guida.

Prove d'esame:

- Prova scritta: relazione di un caso clinico simulato o su argomenti inerenti alla disciplina messa a concorso o soluzione di una serie di quesiti a risposta sintetica inerenti alla disciplina stessa;

- Prova pratica: su tecniche e manualità peculiari della disciplina messa a concorso; per le discipline dell’area chirurgica le prova, in relazione anche al numero dei candidati, si svolge su cadavere o materiale anatomico in sala autoptica ovvero con altra modalità a giudizio insindacabile della commissione. La prova pratica deve comunque essere anche illustrata schematicamente per iscritto;

- Prova orale: Sulle materie inerenti alla disciplina a concorso nonché sui compiti connessi alla funzione da conferire.

Il superamento di ciascuna delle previste prove scritta e pratica è subordinata al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30. Il superamento della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 14/20.

Punteggi

La Commissione, secondo quanto previsto dall’art. 27 del D.P.R. 10/12/1997, n. 483, dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti:

- 20 punti per i titoli

- 80 punti per le prove di esame.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

- titoli di carriera:10 punti

- titoli accademici e di studio 3 punti

- pubblicazioni e titoli scientifici: 3 punti

- curriculum formativo e professionale: 4 punti

I punti per le prove d’esame sono così ripartiti:

- 30 punti per la prova scritta

- 30 punti per la prova pratica

- 20 punti per la prova orale.

La valutazione dei titoli precede la correzione degli elaborati relativi alla prova scritta, limitatamente ai soli candidati presenti alla prova stessa.

Ai sensi dell’art. 45 del D. Lgs 368/99 il periodo di formazione specialistica è valutato fra i titoli di carriera come servizio prestato nel livello iniziale del profilo stesso nel limite massimo della durata del corso di studi. Ciò a decorrere dall’anno academico 2006/2007.

Le categorie dei titoli valutabili ed i punteggi attribuibili sono quelli di cui ai commi 4 e 5 dell’articolo 27 del D.P.R. 483/1997. Per la valutazione delle pubblicazioni, dei titoli scientifici e del curriculum formativo e professionale si applicano i criteri previsti dall’articolo 11 dello stesso decreto.

Normativa generale del concorso

Lo stato giuridico ed economico inerente ai posti messi a concorso è regolato dalle norme legislative e contrattuali vigenti.

Ai sensi di quanto disposto dall’art. 7 del D.Lgs. 30/3/2001, n. 165, per l’accesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro, è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne.

Per tutto quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alla vigente normativa in materia e, in particolare, al D.P.R. 10/12/1997, n. 483 «Regolamento recante la disciplina concorsuale del personale dirigenziale del Servizio Sanitario Nazionale».

1 - Posti conferibili

L’Azienda USL di Ferrara, con determina del Direttore del Servizio Comune Gestione del Personale delle Aziende Sanitarie Provinciali Ferraresi, riconosciuta la regolarità degli atti del concorso, li approva contestualmente all’approvazione delle due distinte graduatorie di merito finali:

a) una graduatoria relativa ai candidati che alla data di scadenza del bando risultano in possesso del diploma di specializzazione richiesto alla data di scadenza del bando

b) una graduatoria relativa ai candidati che, alla data di scadenza del bando, non sono ancora in possesso del diploma di specializzazione, ma iscritti almeno al terzo anno del corso di formazione specialistica;

L’eventuale assunzione a tempo indeterminato di candidati di cui alla lettere b) risultati idonei e utilmente collocati nelle relative graduatorie, è subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione e all’esaurimento della graduatoria dei candidati già specialisti alla data di scadenza del bando

La graduatoria formulata a seguito del presente concorso potrà essere utilizzata dall’AUSL entro 24 mesi dall’approvazione per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito ovvero di posti dello stesso profilo professionale che successivamente ed entro tale termine dovessero rendersi disponibili, salvo successive modificazioni intervenute a noma di legge.

La graduatoria, entro il periodo di validità sarà altresì utilizzata per il conferimento, secondo l’ordine delle stesse, di incarichi per la copertura di posti disponibili per assenza o impedimento del titolare.

L’Azienda USL di Ferrara si riserva ogni facoltà di proroga o sospensione dei termini del bando, di revoca ed annullamento del bando stesso per ragioni di pubblico interesse concreto ed attuale, nonché di eventuale riduzione dei posti messi a concorso motivata da una modifica delle necessità dei servizi derivante da fattori non preventivabili oppure di una graduale immissione in servizio in tempi differiti dei vincitori dei posti messi a concorso con riguardo alle effettive disponibilità finanziarie.

2 - Requisiti generali di ammissione

Possono partecipare al concorso coloro che siano in possesso dei seguenti requisiti, oltre a quelli specifici già indicati:

a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea; o possesso di uno dei requisiti di cui all’art. 38, commi 1 e 3 del D. Lgs 165/2001 e s.m.i.

b) piena e incondizionata idoneità fisica specifica alle mansioni del profilo professionale a selezione. L’accertamento dell'idoneità fisica all’impiego è effettuato, a cura dell’Azienda Unità Sanitaria Locale, prima dell’immissione in servizio.

Ai sensi dell'art. 3, comma 6, della Legge n. 127 del 15/5/1997, la partecipazione a concorsi indetti da Pubbliche Amministrazioni non è soggetta a limiti di età.

Non possono comunque essere ammessi al concorso coloro che abbiano superato il limite di età previsto dalla vigente normativa per il collocamento a riposo d’ufficio.

Non potranno inoltre essere assunti in servizio coloro i quali raggiungeranno il suddetto limite di età al momento della stipulazione del contratto individuale di lavoro.

Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

Tutti i requisiti specifici e generali di ammissione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di partecipazione.

3 - Domanda di ammissione

Le domande di partecipazione al concorso dovranno essere presentate, a pena di esclusione dal concorso, entro le ore 12.00 del 30° giorno successivo alla data di pubblicazione dell’estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, esclusivamente in forma telematica connettendosi al seguente link:

https://concorsigru.progettosole.it/exec/htmls/static/whrpx/loginconcorsiweb/pxloginconc_grurer10901.html

(il link per la presentazione delle domande è raggiungibile anche dal sito www.ausl.fe.it – Bandi di concorso – “compila la domanda”)

e cercando: CONCORSO PUBBLICO A N. 1 POSTO DI DIRIGENTE MEDICO DISCIPLINA: UROLOGIA NELL’INTERESSE DELL’AZIENDA USL DI FERRARA

Qualora la scadenza coincida con giorno festivo o cada di sabato, il termine per la presentazione si intende prorogato al primo giorno successivo non festivo.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio; l'eventuale riserva di invio successivo dei documenti è priva di effetto.

La domanda si considererà presentata nel momento in cui il candidato, concludendo correttamente la procedura, riceverà dal sistema il messaggio di avvenuto inoltro della domanda. Il candidato riceverà altresì e-mail con il file riassuntivo del contenuto della domanda presentata.

E’ esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione. Pertanto eventuali domande pervenute con altre modalità, pur entro i termini di scadenza del bando, non verranno prese in considerazione.

I candidati attraverso la procedura on-line dovranno allegare alla domanda, tramite file formato pdf, la copia digitale di:

a) documento di riconoscimento legalmente valido;

b) un dettagliato curriculum formativo-professionale comprendente anche la eventuale casistica operatoria. La valutazione del curriculum formativo-professionale non riguarderà i titoli di carriera, accademici e di studio, in quanto questi ultimi dovranno essere documentati mediante compilazione delle pagine on-line secondo le istruzioni in esse contenute;

c) eventuali pubblicazioni edite a stampa;

d) eventuali attestati di partecipazione a corsi, convegni, ecc. (attinenti alla disciplina);

e) le dichiarazioni sostitutive di certificazioni, ovvero di atto di notorietà, sottoscritte dal candidato e formulate nei casi e con le modalità previste dagli artt. 46 e 47 del DPR 28/12/2000,
n. 445, relative ai titoli sopra elencati alle lettere c) e d).

Non sarà valutata ulteriore documentazione prodotto in forma cartacea.

La omessa indicazione anche di un solo requisito richiesto per l’ammissione comporta l’esclusione dalla selezione.

In conformità a quanto previsto dall’art. 15/1 lett. a) della L. 183/2011, che prevede la “decertificazione” nei rapporti tra Pubbliche Amministrazioni e privati, si precisa che il candidato, in luogo alle certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione, che non potranno essere accettate e/o ritenute utili ai fini della valutazione nel merito, deve presentare dichiarazioni sostitutive e, più precisamente:

a) dichiarazione sostitutiva di certificazione: art. 46, D.P.R. n. 445 del 28/12/2000 (stato di famiglia, iscrizione all’Albo Professionale, possesso del titolo di studio, di specializzazione, di abilitazione, di abilitazione);

b) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà: artt. 19 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 per tutti gli stati, fatti e qualità personali, non compresi nell’elenco di cui al citato art. 46 (attività di servizio, borse di studio, incarichi libero professionali, docenze).

La dichiarazione resa dal candidato, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che si intende produrre; l’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato.

Con particolare riferimento al servizio prestato, la dichiarazione sostitutiva allegata e contestuale alla domanda, resa con la modalità sopraindicata deve contenere l’esatta denominazione dell’ente presso il quale il servizio è stato prestato, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (tempo pieno/tempo definito/part-time), le date di inizio e di conclusione del servizio prestato, comprensive di giorno, mese, anno, nonché le eventuali interruzioni (aspettative senza assegni, sospensione cautelare ecc.) e quant’altro necessario per valutare il servizio stesso. Anche nel caso di autocertificazioni di periodi di attività svolta in qualità di borsista, di docente, di incarichi libero-professionali ecc. occorre indicare con precisione tutti gli elementi indispensabili alla valutazione (tipologia dell’attività, periodo e sede di svolgimento della stessa, ore settimanali svolte).

Saranno altresì ricompresi fra i titoli di carriera, con riferimento ai servizi valutabili ai sensi del D.P.R. 483/97, i periodi di effettivo servizio militare di leva, di richiamo alle armi, di ferma volontaria e di rafferma prestati presso le Forze Armate e nell’Arma dei Carabinieri: detto servizio dovrà essere documentato esclusivamente mediante copia del foglio matricolare o dello stato di servizio.

In caso di accertamento di indicazioni non rispondenti a veridicità, ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere.

L’Amministrazione non assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni derivante da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure di mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

4 - Commissione esaminatrice

La Commissione Esaminatrice del concorso sarà nominata, in conformità a quanto previsto dagli artt. 5 e 25 del D.P.R. 483/1997, con atto del Direttore del Servizio Comune Gestione del Personale delle Aziende Sanitarie Provinciali Ferraresi.

Al riguardo appare opportuno precisare che:

a) ai sensi e per gli effetti dell’art. 35 del D. Lgs 30 marzo 2001, n. 165, non possono essere nominati membri di Commissione di concorso:

1) i componenti dell’Organo di Direzione politica dell’Amministrazione interessata, ovvero tutti coloro che ricoprono cariche politiche;

2) i rappresentanti sindacali o coloro che vengono designati dalle confederazioni ed organizzazioni sindacali o dalle associazioni professionali. L’incompatibilità in parola vige in senso assoluto, a nulla valendo la circostanza per la quale i soggetti interessati possiedono talune professionalità.

b) almeno 1/3 dei posti di componenti delle Commissioni di concorso, salvo motivata impossibilità è riservato alle donne, in conformità all’art. 5/2 del D.P.R. 483/97

L’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara procederà alle operazioni di sorteggio dei componenti della Commissione Esaminatrice, ai sensi dell’art. 6 del D.P.R. 483/97, il 1° giovedì successivo dopo la scadenza del bando di concorso, il cui estratto verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.

I sorteggi che per motivi di forza maggiore non possano avere luogo nel giorno sopraindicato, ovvero che debbano essere ripetuti per la sostituzione di sorteggiati che abbiano rinunciato all’incarico, ovvero per i quali sussiste qualsiasi legittimo impedimento a far parte delle Commissioni Esaminatrici, saranno effettuati sempre presso i locali suddetti, ogni Giovedì successivo fino al completamento delle estrazioni di tutti i componenti.

Il sorteggio avrà luogo presso la Sala Riunioni del Servizio Comune Gestione del Personale – Azienda USL di Ferrara - Corso Giovecca n.203 Ferrara - Settore 15 – 1° piano -. con inizio alle ore 9.00.

5 - Convocazione dei candidati

Il diario delle prove d’esame sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – IV serie speciale “Concorsi ed Esami”, ovvero in caso di numero esiguo di candidati verrà comunicato agli stessi, in via prioritaria con PEC, ovvero con raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo indicato dai candidati (in caso di assenza di PEC personale), non meno di quindici giorni prima della data fissata per la prova.

Il calendario delle prove successive sarà comunicato nel rispetto dei termini previsti dall’art. 7 del DPR 483/2001.

La mancata presentazione alle prove d’esame nei giorni fissati sarà considerata a tutti gli effetti quale rinuncia al concorso.

L’Amministrazione si riserva la facoltà di effettuare la prova pratica nella stessa giornata individuata per l’espletamento della prova scritta.

Eventuali ed ulteriori comunicazioni rispetto all’organizzazione delle prove saranno pubblicate sul sito internet dell’Azienda USL di Ferrara: www.ausl.fe.it – sezione: concorsi pubblici.

6 - Graduatoria - Dichiarazione dei vincitori

Le graduatorie di merito, formulate dalla Commissione Esaminatrice, saranno approvate con atto del Direttore del Servizio comune Gestione del Personale delle Aziende Sanitarie Provinciali Ferraresi, previo riconoscimento della loro regolarità e sotto condizione dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione al concorso e per l’ammissione all’impiego.

È escluso dalla graduatoria il candidato che non abbia conseguito, in ciascuna delle prove di esame, la prevista valutazione di sufficienza

La dichiarazione dei vincitori sarà disposta, tenendo conto dell’ordine di graduatoria.

La graduatoria di merito dei candidati è formata secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del DPR 487/94, e successive modificazioni. Sono dichiarati vincitori, nei limiti dei posti messi a concorso, i candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito, tenuto conto di quanto disposto dalla Legge 12/3/1999, n. 68, o da altre disposizioni di legge in vigore che prevedono riserve di posti in favore di particolari categorie di cittadini.

Chi, pur inserito nella graduatoria dei vincitori, rifiuti un’eventuale nomina in ruolo, viene escluso dalla graduatoria stessa.

La graduatoria dei vincitori del concorso è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna così come previsto dall’art. 18 c. 6 del DPR n.483 del 10/12/1997.

Tale pubblicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti di legge relativamente alla collocazione nella graduatoria di merito dei candidati idonei.

L’Azienda si riserva la facoltà di non procedere o di procedere parzialmente alla copertura in ruolo dei posti a concorso a fronte di modificazioni nell’assetto organizzativo aziendale, non costituendo obbligo giuridico all’assunzione dei candidati l’adozione del provvedimento di approvazione della graduatoria.

7 - Adempimenti dei vincitori

L’Azienda prima di procedere all’assunzione, mediante il contratto individuale di lavoro del vigente C.C.N.L. invita il concorrente dichiarato vincitore a presentare la documentazione comprovante il possesso dei requisiti generali e specifici per l’ammissione all’impiego, assegnandogli un termine non inferiore a trenta giorni. Scaduto inutilmente tale termine, l'Azienda comunica di non dare luogo alla stipulazione del contratto.

Si rammenta che l’amministrazione è tenuta ad effettuare idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive, in esito ai quali, qualora dovesse emergere la non veridicità di quanto dichiarato, il candidato decadrà dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera, fatte salve le relative conseguenze penali.

Si precisa ed evidenzia che l’art. 35 comma 5/bis del D. Lgs 165/2001 e s.m.i. prevede che i vincitori di concorso pubblico permangano nell’Azienda di prima assunzione per un periodo non inferiore a cinque anni. L’Azienda USL di Ferrara pertanto, in applicazione di tale disposizione normativa, nei primi cinque anni successivi alla stipula del contratto Individuale di Lavoro non concederà assensi a mobilità volontaria o a comandi verso altre pubbliche amministrazioni.

8 - Stipula del contratto individuale e assunzione in servizio

A seguito dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti, l’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara procederà alla stipula del contratto individuale di lavoro, ai sensi del vigente C.C.N.L., con il concorrente dichiarato vincitore.

Il vincitore verrà invitato a sottoscrivere il contratto individuale nel quale verranno specificati tutti gli elementi inerenti il rapporto di lavoro compresa la sede prevalente.

Il vincitore potrà essere comunque utilizzato, per esigenze di servizio, in più sedi dell’Azienda USL FE.

Lo stato giuridico ed economico inerenti i posti messi a concorso è regolato e stabilito dalle norme legislative contrattuali vigenti.

La nomina decorre, agli effetti economici, dalla data di effettiva assunzione in servizio.

L’assunzione è subordinata ai vincoli previsti dalle leggi Finanziarie e dalle disposizioni Regionali in materia.

Questa Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara si riserva comunque la facoltà di non procedere, sospendere o ritardare l’assunzione in servizio in relazione alla presenza di norme che stabiliscano il blocco delle assunzioni al momento della dichiarazione del vincitore.

In relazione alla specificità delle mansioni e alla capillare distribuzione delle attività sul territorio, l’ASL si riserva la facoltà di stipulare il contratto individuale di lavoro subordinatamente al possesso da parte dell’aspirante della patente di categoria B.

9 - Trattamento economico

Al vincitore sarà attribuito il trattamento economico previsto dall’Accordo Nazionale di Lavoro per il Personale dell’Area delle Funzioni Locali.

10 - Norme finali

L’Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara si riserva la facoltà di prorogare o sospendere o annullare il bando in relazione all’esistenza di ragioni di pubblico interesse concreto ed attuale.

Per tutto quanto non previsto dal presente bando si fa riferimento alla vigente normativa in materia ed in particolare al D.P.R. 10/12/1997, n. 483.

Per le informazioni necessarie rivolgersi al Servizio comune Gestione del Personale - Ufficio Concorsi - Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara – Corso Giovecca n.203 - Settore 15 – 1° piano – 44121 FERRARA – (tel.0532/235673 – 0532/235744 – 0532/235725) – Tutti i giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00. o consultando il sito INTERNET: www.ausl.fe.it - bandi di concorso – concorsi pubblici.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it