E-R | BUR

n.116 del 27.05.2015 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico per il conferimento di n. 2 incarichi individuali annuali con contratto di lavoro autonomo rivolto a n. 2 professionisti in possesso di diploma di scuola secondaria di II grado, con esperienza didattica in corsi di formazione “sicurezza lavoratori” a favore di operatori dei servizi sanitari ed in possesso di almeno uno dei requisiti dettati dal Decreto Interministeriale 6/3/2013, finalizzato alla prosecuzione del progetto “Formazione sicurezza lavoratori” da assegnare all’U.O. Formazione e Comunicazione - Rimini ed U.O. SPPA - Rimini

In attuazione alla deliberazione del Direttore generale n. 394 del 13/5/2015 si procederà, ai sensi dell’art. 7 comma 6 del D.Lgs n. 165/2001 e successive modificazioni e integrazioni, al conferimento di n. 2 incarichi individuali annuali con contratto di lavoro autonomo finalizzato alla prosecuzione del progetto “Formazione sicurezza lavoratori” da assegnare all’U.O. Formazione e Comunicazione - Rimini ed SPPA - Rimini.

L’attività di ciascun professionista, da svolgersi presso l’U.O. Formazione e Comunicazione - Rimini, relativa al progetto “Formazione e sicurezza lavoratori”, nello specifico comprende:

- attività organizzative (prenotazione di aule interaziendali o comunque nelle disponibilità dell’Azienda, predisposizione del materiale didattico, procedure accreditamento ECM, iscrizione discenti e quant’altro dovesse risultare necessario);

- attività formative in aula (docenza diretta mediante lezioni frontali/esercitazioni, somministrazione e raccolta dei questionari di apprendimento e gradimento, raccolta delle firme di presenza);

- attività di rendicontazione di fine evento (trasmissione delle presenze agli uffici competenti, correzione questionario di apprendimento, relazione finale).

L’attività professionale dovrà essere commisurata alla complessità e alla continuità delle prestazioni oggetto del contratto; dovrà essere articolata in maniera flessibile, compatibilmente con il servizio erogato nell’ambito della struttura interessata e con modalità da concordare con il Responsabile dell’Unità Operativa interessata, in coerenza con le necessità di sviluppo del progetto nella sua dinamica temporale ed evolutiva. 

A fronte delle attività professionali rese, è previsto un compenso complessivo per ciascun professionista pari a €. 15.000,00 annui, oltre ad oneri ed IVA se ed in quanto dovuti, e comprensivo del costo per l’eventuale utilizzo del proprio automezzo per gli spostamenti che si renderanno necessari nell’espletamento delle attività, pagabili dall’Azienda USL della Romagna in rate mensili posticipate dietro attestazione del Responsabile della struttura interessata circa l’assolvimento degli obblighi prestazionali.

1 - Requisiti di ammissione

Possono partecipare al bando coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti:

- Diploma di scuola secondaria di secondo grado(se rilasciato all’estero, il titolo di studio deve essere riconosciuto equiparato all’analogo titolo di studio conseguito in Italia, secondo la normativa vigente)

unitamente a

- Esperienza didattica svolta in corsi di formazione sicurezza lavoratori a favore di operatori dei servizi sanitari (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

unitamente a

Requisito n. 1:Precedente esperienza come docente esterno, per almeno 90 ore negli ultimi 3 anni, nell’area tematica oggetto della docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

oppure

Requisito n. 2: Laurea (vecchio ordinamento, triennale, specialistica o magistrale) coerente con le materie oggetto della docenza, ovvero corsi post-laurea (dottorato di ricerca, perfezionamento, master, specializzazione) nel campo della salute e sicurezza sul lavoro, unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche:

 - percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

 - corso/i formativo/i in affrancamento a docente, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni in qualunque materia (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale); 

oppure

Requisito n. 3: Attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 64 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008) unitamente alla specifica della lettera a) e ad almeno una delle specifiche della lettera b).

a) Almeno dodici mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

b) percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore, o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

 - precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

- corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

oppure

Requisito n. 4: attestato di frequenza, con verifica dell’apprendimento, a corso/i di formazione della durata di almeno 40 ore in materia di salute e sicurezza sul lavoro (organizzato/i dai soggetti di cui all’articolo 32, comma 4, del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i.), unitamente alla specifica della lettera a) e ad almeno una delle specifiche della lettera b).

a) almeno diciotto mesi di esperienza lavorativa o professionale coerente con l’area tematica oggetto della docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

b) percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore, o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

 - precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia di docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

 in alternativa:

 - corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

 oppure

Requisito n. 5: esperienza lavorativa o professionale almeno triennale nel campo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, coerente con l’area tematica oggetto della docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale), unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche:

- percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione- formatori) o abilitazione all’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia di docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

- corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

oppure

Requisito n. 6: esperienza di almeno sei mesi nel ruolo di RSPP o di almeno dodici mesi nel ruolo di ASPP (tali figure possono effettuare docenze solo nell’ambito del macro-settore ATECO di riferimento) (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale), unitamente ad almeno una delle seguenti specifiche:

- percorso formativo in didattica, con esame finale, della durata minima di 24 ore (es. corso formazione-formatori), o abilitazione al l’insegnamento, o conseguimento (presso Università od Organismi accreditati) di un diploma triennale in Scienza della Comunicazione o di un Master in Comunicazione;

in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 32 ore negli ultimi 3 anni, in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

 in alternativa:

- precedente esperienza come docente, per almeno 40 ore negli ultimi 3 anni, in qualunque materia di docenza (da indicare dettagliatamente nel curriculum formativo-professionale);

in alternativa:

- corso/i formativo/i in affiancamento a docente, in qualunque materia di docenza, per almeno 48 ore, negli ultimi 3 anni.

Tutti i suddetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel bando di avviso pubblico per la presentazione delle domande di ammissione.

Non possono accedere all'impiego coloro che siano stati esclusi dall'elettorato attivo nonché coloro che siano stati dispensati dall'impiego presso una pubblica Amministrazione per aver conseguito l'impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, ovvero licenziati dalla data di entrata in vigore del primo contratto collettivo.

Si precisa che, non possono essere ammessi alla procedura:

- gli ex dipendenti dell’Azienda USL della Romagna (ovvero dell’ex Ausl di Ravenna; dell’ex Ausl di Forlì, dell’ex Ausl di Cesena; dell’ex Ausl di Rimini) cessati volontariamente dal servizio - come disposto dall’art. 25 L. 724/1994;

- gli ex dipendenti di pubbliche Amministrazioni collocati in quiescenza (pensione) che abbiano svolto nel corso dell’ultimo anno di servizio funzioni e attività corrispondenti a quelle oggetto del bando - come disposto dall’art. 5, co. 9, del DL 95/2012, convertito in L. 135/2012.

2 - Domanda di ammissione

La domanda di partecipazione al bando debitamente datata e firmata e redatta in carta semplice utilizzando lo schema di domanda e di curriculum allegati al presente bando, deve essere rivolta al Direttore generale dell'Azienda Unità Sanitaria Locale, e presentata nei modi e nei termini previsti dal successivo punto 3.

Nella domanda gli aspiranti dovranno dichiarare:

  1. cognome e nome, la data ed il luogo di nascita e la residenza;
  2. la cittadinanza posseduta;
  3. il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
  4. le eventuali condanne penali riportate, ovvero di non aver riportato condanne penali, nonché gli eventuali procedimenti penali pendenti in corso;
  5. il possesso dei requisiti di ammissione richiesti dal bando;
  6. i servizi prestati come dipendenti presso Pubbliche Amministrazioni (con l’indicazione della disciplina/qualifica di inquadramento) e le eventuali cause di cessazione di precedenti rapporti di pubblico impiego, ovvero di non avere mai prestato servizio presso Pubbliche Amministrazioni;
  7. il domicilio presso il quale deve essere fatta all'aspirante, ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione; in caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto l'indicazione della residenza di cui al punto 1.

La domanda deve essere firmata ai sensi dell'art. 39, comma 1, del DPR n. 445/2000, non è richiesta l'autentica di tale firma.

La mancanza della firma, la omessa dichiarazione nella domanda dei requisiti richiesti per l'ammissione determina l'esclusione dalla procedura.

3 - Modalità e termini di presentazione della domanda

La domanda dovrà pervenire all'Azienda Usl della Romagna-Rimini, a pena di esclusione, entro il termine perentorio del quindicesimo giorno non festivo successivo alla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna. Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato al giorno successivo non festivo.

La domanda di partecipazione alla procedura, debitamente datata e firmata e redatta in carta semplice utilizzando lo schema di domanda e di curriculum allegati al presente bando, deve essere rivolta al Direttore generale dell'Azienda Unità Sanitaria Locale, e presentata nei seguenti modi:

- presentata direttamente, entro il termine di scadenza del bando, presso l’Azienda USL della Romagna - U.O. Acquisizione e Sviluppo Risorse Umane - Rimini - Ufficio Concorsi - Via Coriano n. 38, 47924 Rimini (dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 ed inoltre il giovedì, escluso i giovedì prefestivi, dalle ore 15 alle ore 17). Si precisa che gli operatori dell’Azienda non sono abilitati né tenuti al controllo circa la regolarità della domanda e dei relativi allegati. Sarà rilasciata apposita ricevuta all’atto della presentazione della domanda;

- inoltrata a mezzo del Servizio postale (raccomandata con avviso di ricevimento) al seguente indirizzo: Azienda USL della Romagna - U.O. Acquisizione e Sviluppo Risorse Umane - Rimini - Ufficio Concorsi - Rimini - Via Coriano n. 38 - 47924 Rimini.

Le domande si considerano prodotte in tempo utile se spedite entro il termine indicato. A tal fine fa fede il timbro e la data dell'Ufficio postale accettante. Non saranno comunque accettate domande pervenute a questa Amministrazione oltre 5 (cinque) giorni dalla scadenza, anche se inoltrate nei termini a mezzo servizio postale. La busta dovrà recare la seguente dicitura: “Contiene domanda di partecipazione LP Formatori cod. 20155301“. La busta deve contenere un'unica domanda di partecipazione. In caso contrario, l'Amministrazione non risponde di eventuali disguidi che ne potrebbero derivare.

- trasmessa tramite utilizzo della posta elettronica certificata, entro il termine di scadenza del bando, in un unico file in formato pdf o p7m se firmato digitalmente che comprenda la domanda di ammissione, il curriculum, eventuali allegati e copia di documento valido di identità personale del candidato, all’indirizzo PEC pec.auslrn@legalmail.it . L’oggetto dovrà recare la seguente dicitura: “Domanda di partecipazione LP Formatori cod.20155301”. Non saranno accettati files inviati in formato modificabile es. word, excel, ecc. Si precisa che la validità di tale invio, così come stabilito dalla normativa vigente, è subordinata all’utilizzo da parte del candidato di casella di posta elettronica certificata a sua volta. Non sarà, pertanto, ritenuto valido l’invio da casella di posta elettronica semplice/ordinaria anche se indirizzata alla PEC aziendale sopra indicata. La domanda dovrà comunque essere firmata dal candidato in maniera autografa, scannerizzata ed inviata con copia del documento di identità personale. In alternativa il candidato dovrà utilizzare una delle modalità previste dall’art. 65 del D.Lgs 7/3/2005, n. 82 e s.m.i., come valide per presentare istanze e dichiarazioni alle Pubbliche Amministrazioni e precisamente: a) sottoscrizione con firma digitale o firma elettronica qualificata; b) identificazione dell’autore tramite carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi; c) inoltro tramite la propria casella di posta elettronica certificata purché le relative credenziali di accesso siano rilasciate previa identificazione del titolare e ciò sia attestato dal sistema nel messaggio o in un suo allegato (cosiddetta PEC-ID).

Il mancato rispetto delle predette modalità di inoltro/sottoscrizione della domanda comporterà l’esclusione dall’avviso.

È esclusa ogni altra forma di presentazione o trasmissione.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio: la eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

L'Amministrazione non si assume responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né per mancata restituzione dell'avviso di ricevimento in caso di spedizione per raccomandata.

4 – Documentazione da allegare alla domanda

Alla domanda di partecipazione redatta in carta semplice il concorrente dovrà allegare un curriculum formativo e professionale redatto su carta semplice, datato e firmato, in forma di dichiarazione sostitutiva, con allegata fotocopia di documento di identità. Nel curriculum potranno essere evidenziati tutti gli elementi utili alla valutazione comparata. I contenuti potranno essere documentati oppure dichiarati sottoforma di autocertificazione nei limiti di cui alla vigente normativa.

Si precisa ai sensi della Legge n. 183/2011 le certificazioni rilasciate dalle P.A. in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Pertanto l’Azienda USL della Romagna in luogo dei certificati sopraddetti, potrà accettare solo dichiarazioni sostitutive di certificazione o dell’atto di notorietà di cui agli artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000. Resta salva la facoltà degli aspiranti di produrre in originale i certificati rilasciati da soggetti privati. I certificati devono essere rilasciati dal legale rappresentante dell'Ente/Azienda.

La domanda di partecipazione all’avviso pubblico e i relativi documenti allegati non sono soggetti all’imposta di bollo.

Le pubblicazioni devono essere edite a stampa e obbligatoriamente allegate. Devono essere presentate, ai fini della valutazione, in originale o in fotocopia autocertificata dal candidato, ai sensi del DPR n. 445/2000, come conforme all’originale con le modalità sotto specificate.

Alla domanda deve essere allegato in duplice copia, in carta semplice, un elenco dei documenti e dei titoli presentati a supporto del curriculum, debitamente numerato, datato e firmato. Tutti i documenti allegati devono avere la stessa numerazione sia nell’elenco che nel curriculum.

La documentazione presentata potrà essere ritirata personalmente (o da un incaricato, munito di delega) solo dopo 120 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria sul sito internet aziendale. Trascorsi cinque anni dalla pubblicazione della graduatoria sul sito internet aziendale, l’Amministrazione provvederà all’eliminazione della domanda e relativa documentazione presentata dal candidato. La restituzione dei documenti presentati potrà avvenire anche prima della scadenza del suddetto termine, per il candidato che dichiari espressamente di rinunciare alla partecipazione alla procedura. Tale restituzione potrà essere effettuata direttamente dall'interessato od a persona munita di delega, previo riconoscimento tramite documento di identità valido.

5 - Valutazione dei curricula ed eventuale prova selettiva

Ai fini del conferimento dell’incarico verrà effettuata una valutazione comparata dei curricula con particolare riferimento a tutte le attività professionali e di studio idonee ad evidenziare le competenze acquisite in merito all’oggetto dell’incarico.

Potrà essere effettuata anche un’eventuale prova selettiva scritta e/o pratica e/o orale finalizzata alla verifica delle conoscenze e competenze possedute dal candidato relativamente alle attività rientranti nel progetto.

L’elenco dei candidati ammessi alla procedura in oggetto, nonché in caso di eventuale prova selettiva, la data, l’ora e la sede dell’espletamento della stessa, verrà pubblicato sul sito internet aziendale www.auslromagna.it - Rimini - Trasparenza - Selezioni, Concorsi e Assunzioni - Selezioni in corso Rimini - con riferimento al presente avviso il giorno: 24 giugno 2015.

In caso di prova selettiva, tale convocazione ha valore di notifica a tutti gli effetti. Non seguirà alcuna ulteriore comunicazione individuale. La mancata presentazione del candidato alla prova sarà considerata come rinuncia all’avviso in oggetto, quale ne sia la causa. Pertanto i candidati ammessi, sono tenuti a presentarsi a sostenere la prova, muniti di valido documento di riconoscimento provvisto di fotografia, non scaduto. Ai soli candidati esclusi verrà inviata comunicazione contenente i motivi dell’esclusione.

6 – Conferimento dell’incarico

A seguito della valutazione comparata dei curricula e dell’eventuale prova selettiva sarà formulato un ordine di assegnazione. Gli incarichi verranno conferiti in base a tale ordine di assegnazione.

A seguito dell’assegnazione dell’incarico il professionista stipulerà specifico contratto nel quale saranno indicati l’oggetto, l’attività, la durata, luogo di lavoro e il compenso.

L’elenco degli idonei potrà essere ulteriormente utilizzato entro 1 anno dalla data di pubblicazione sul sito aziendale, al fine del conferimento di altri incarichi per nuove esigenze legate alla medesima professionalità.

Si precisa che qualora siano vigenti graduatorie relative a contratti di lavoro autonomo per la medesima professionalità richiesta nel presente bando presso le ex Ausl di: Rimini, Cesena Forlì e Ravenna (ora Ausl della Romagna), le stesse verranno esaurite prima dell’utilizzo dell'elenco degli idonei che scaturirà dal presente bando. 

La Direzione aziendale si riserva la possibilità di revocare in ogni momento la procedura comparata ovvero di non procedere alla stipula del contratto con il candidato risultato idoneo per mutate esigenze di carattere organizzativo.

In nessun caso il presente avviso o l’eventuale conferimento dell’incarico costituisce presupposto per la trasformazione in rapporto di lavoro subordinato.

La presentazione della domanda comporta l’accettazione incondizionata delle norme contenute nel presente bando.

Trattamento dati personali

Tutti i dati personali di cui l’Amministrazione sia venuta in possesso in occasione dell’espletamento dei procedimenti selettivi verranno trattati nel rispetto del DLgs 30/6/2003, n. 196; la presentazione della domanda da parte del candidato implica il consenso al trattamento dei propri dati personali, compreso i dati sensibili, a cura del personale assegnato all’ufficio preposto alla conservazione delle domande ed all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure concorsuali. Gli stessi potranno essere messi a disposizione di coloro che, dimostrando un concreto interesse nei confronti della suddetta procedura, ne facciano espressa richiesta ai sensi dell’art. 22 della Legge 241/90 e successive modificazioni ed integrazioni.

L’interessato gode dei diritti di cui all’art, 7 del DLgs 196/2003 e s.m.i., cioè di conoscere i dati che lo riguardano, di chiederne l’aggiornamento, la rettifica, il completamento, la cancellazione o il blocco in caso di violazione di legge, nonché il diritto di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi, nel rispetto tuttavia dei termini perentori previsti relativamente alla procedura di che trattasi.

Per eventuali informazioni e per acquisire copia del bando, del modello di domanda e di curriculum, gli aspiranti potranno rivolgersi all’Ufficio Concorsi dell’Azienda USL della Romagna - Via Coriano n. 38 - Rimini - (tel. 0541/707796) dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 ed inoltre il giovedì, escluso i giovedì prefestivi, dalle ore 15 alle ore 17.

Il bando è pubblicato nel sito Internet: www.auslromagna.it - Rimini - Trasparenza - Selezioni, Concorsi e Assunzioni - Selezioni in corso Rimini.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it