E-R | BUR

n.212 del 13.07.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Strutture sanitarie per la NPIA "L'Arcobaleno Servizi", "Centro Lina Mazzaperlini" Reggio Emilia - Presa d'atto variazione di titolarità e conferma dell'accreditamento provvisoriamente concesso con determinazioni n. 13270/2013 e n. 13265/2013

 IL DIRETTORE

Visto l’art. 8 quater del D.Lgs. 502/1992 e successive modificazioni, ai sensi del quale l’accreditamento istituzionale è rilasciato dalla Regione alle strutture autorizzate, pubbliche o private e ai professionisti che ne facciano richiesta, subordinatamente alla loro rispondenza ai requisiti ulteriori di qualificazione, alla loro funzionalità rispetto agli indirizzi di programmazione regionale e alla verifica positiva dell’attività svolta e dei risultati raggiunti;

Richiamati:

la legge regionale n. 34/1998: “Norme in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private, in attuazione del DPR 14 gennaio 1997” e successive modificazioni, da ultima l.r. n. 4/2008;

il comma 3 dell'art. 2 della l.r. n. 29/04 e successive modifiche;

le deliberazioni di Giunta regionale:

  • n. 327/2004, e successive modificazioni e integrazioni, relativamente ai requisiti generali e specifici per l’accreditamento delle strutture sanitarie dell’Emilia-Romagna;
  • n. 911/2007 “Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (NPIA): requisiti specifici di accreditamento delle strutture e catalogo regionale dei processi clinico-assistenziali”;
  • n. 53/2013 “Indicazioni operative per la gestione dei rapporti con le strutture sanitarie in materia di accreditamento”;
  • n. 624/2013 “Indirizzi di programmazione regionale per il biennio 2013-2014 in attuazione della DGR 53/2013 in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”;
  • n. 865/2014 “Modifica deliberazioni n. 53/2013 e n. 624/2013 e ulteriori precisazioni in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”;
  • n. 1311/2014 “Indicazioni in materia di accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private”;
  • n. 1314/2015 “Indirizzi di programmazione regionale in attuazione della DGR 53/2013 in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”;
  • n. 1604/2015 “Recepimento intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra Governo, le Regioni e le Province Autonome in materia di adempimenti relativi all’accreditamento delle strutture sanitarie. Indicazioni operative alle strutture sanitarie accreditate;

Viste le proprie determinazioni

  • n. 13270/2013 con la quale è stato concesso l’accreditamento provvisorio alla struttura sanitaria “L’Arcobaleno Servizi”, ubicata a Reggio Emilia, Via Kennedy n.17, gestita dalla società cooperativa sociale “L’Arcobaleno Servizi” con sede legale a Reggio Emilia, per attività ambulatoriale di trattamento logopedico ed attività educative per la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza;
  • n. 13265/2013 con la quale è stato concesso l’accreditamento provvisorio alla struttura sanitaria “Centro Lina Mazzaperlini” ubicata a Reggio Emilia, Via Martiri della Bettola n. 51, gestito dalla società cooperativa sociale “Centro Lina Mazzaperlini” con sede legale a Reggio Emilia, per attività ambulatoriale di trattamento logopedico ed attività educative per la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza;

Visto che con le determinazioni sopracitate è stato conferito il mandato all’Agenzia sanitaria e sociale regionale di verificare i requisiti generali e specifici di accreditamento per l’attività delle strutture provvisoriamente accreditate, ai sensi dell’art.9 della l.r. n. 34/1998 e successive modifiche, ai fini della verifica del volume di attività svolto e della qualità dei risultati;

Vista la nota trasmessa a questa Amministrazione (PG/2015/
0812749 del 5 novembre 2015), conservata agli atti del Servizio Assistenza Territoriale, con la quale il Legale rappresentante di Progetto Crescere Cooperativa Sociale, con sede legale a Reggio Emilia, Via Kennedy n.17, chiede la variazione dell’accreditamento, per variazione del titolare, delle strutture sanitarie “L’Arcobaleno Servizi” e “Centro Lina Mazzaperlini”;

Preso atto che:

- la variazione del soggetto titolare deriva da fusione dei titolari precedenti: società cooperativa sociale “L’Arcobaleno Servizi” e società cooperativa sociale “Centro Lina Mazzaperlini”;

- la variazione di titolarità non comporta modifiche strutturali, né modifiche alle tipologie di trattamento erogate per le quali le strutture sono accreditate;

- le strutture in argomento sono in possesso di autorizzazione al funzionamento rilasciata dal Comune competente intestata al nuovo soggetto titolare;

Dato atto che le strutture “Arcobaleno Servizi” e “Centro Lina Mazzaperlini” rientrano nel fabbisogno regionale di strutture finalizzate all’assistenza sanitaria per la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza;

Tenuto conto delle risultanze delle verifiche effettuate dall’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale circa i requisiti generali e specifici di accreditamento per l’attività delle strutture provvisoriamente accreditate: esame della documentazione e visita di verifica effettuata in data 11 novembre 2015, nuovo esame della documentazione in data 9 febbraio e 13 aprile 2016;

Vista la relazione motivata in ordine all’accreditabilità delle strutture “Arcobaleno Servizi” e “Centro Lina Mazzaperlini”, formulata dall'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale, inviata con protocollo NP/2016/8295 del 28 aprile 2016, conservata agli atti del Servizio Assistenza Territoriale;

Dato atto che le strutture “Arcobaleno Servizi” e “Centro Lina Mazzaperlini” rientrano nella disposizione prevista dalla citata deliberazione n. 1604/2015, punto 5, e che pertanto l’accreditamento delle strutture è valido fino al 31 luglio 2018;

Richiamato:

  • quanto stabilito dal Titolo IV, Capo I della l.r. 4/08 in materia di autorizzazione all’esercizio di attività sanitarie;
  • il D.Lgs. n. 159/2011 ed in particolare il libro II recante “Nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia” s.m.i.;
  • il D.Lgs. n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;
  • la deliberazione di Giunta regionale n. 66/2016;
  • la determinazione dirigenziale n. 2211/2016 avente per oggetto “Deleghe del Responsabile del Servizio “Assistenza Territoriale” ai Dirigenti Professional SP000316 "Salute mentale e Dipendenze patologiche", SP000313 "Integrazione socio sanitaria dell’area della non autosufficienza e gestione del FRNA", SP000285 “Salute nelle carceri” e SP000240 "Farmaci e dispositivi medici” di cui alla determinazione del Direttore Generale n.18388 del 22.12.2015”

Dato atto che ai sensi dell’art. 8-quater, comma 2 la qualità di soggetto accreditato non costituisce vincolo per le aziende e gli enti del servizio sanitario nazionale a corrispondere la remunerazione delle prestazioni erogate al di fuori degli accordi contrattuali di cui all’articolo 8- quinquies;

Dato atto dell’istruttoria condotta dal Servizio Assistenza Territoriale che ha verificato il possesso da parte del richiedente di tutti i requisiti di legge e/o regolamentari;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta del Dirigente Professional “Salute mentale e dipendenze patologiche” dott.ssa Mila Ferri;

 determina:

  1. di prendere atto della variazione di titolarità delle strutture sanitarie “Arcobaleno Servizi”, ubicata a Reggio Emilia, Via Kennedy n.17 (determinazione n. 13270/2013) e “Centro Lina Mazzaperlini”, ubicata a Reggio Emilia, Via Martiri della Bettola n. 51 (determinazione 13265/2013), accreditate per attività ambulatoriale di trattamento logopedico ed attività educative per la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza,ora in capo a Progetto Crescere Cooperativa Sociale, con sede legale a Reggio Emilia, Via Kennedy n. 17;
  2. di prendere atto dell’esito positivo delle verifiche effettuate dall’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale circa i requisiti generali e specifici di accreditamento per l’attività delle strutture provvisoriamente accreditate;
  3. di dare atto che l’accreditamento concesso con le citate determinazioni n. 13270/2013 e n. 13265/2013 con la variazione di cui al punto 1) è valido fino al 31 luglio 2018 ai sensi della citata deliberazione n. 1604/2015;
  4. di mantenere inalterate le altre disposizioni contenute nelle citate determinazioni n. 13270/2013 e n. 13265/2013;
  5. di dare atto che ai sensi dell’art. 8 quater, comma 2, del D.Lgs 502/1992, e successive modificazioni, l’accreditamento di cui al presente provvedimento non costituisce vincolo per le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale a corrispondere la remunerazione delle prestazioni erogate, al di fuori degli accordi contrattuali di cui all’art. 8 quinquies del medesimo decreto legislativo relativamente alle attività e prestazioni effettivamente svolte e valutate positivamente in sede di verifica;
  6. di dare atto che, ai sensi del D.Lgs. n. 33/2013, si provvederà agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;
  7. di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it