E-R | BUR

n.314 del 02.12.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedimento di Valutazione d'impatto ambientale (VIA) relativa al progetto di “Derivazione idroelettrica dal torrente Rossendola in comune di Ligonchio (RE)”, denominato “Caprile", comprensivo della concessione di derivazione di acque superficiali dal torrente Rossendola con occupazione di demanio fluviale

L'Autorità Competente Provincia di Reggio Emilia avvisa che, ai sensi dell'art. 14 della L.R. 9/99, sono stati depositati per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati gli elaborati prescritti per l'effettuazione della procedura di Valutazione d'Impatto Ambientale ("VIA") relativi a:

  • progetto: impianto idroelettrico ad acqua fluente sul Torrente Rossendola, denominato "Caprile"
  • localizzato in Comune di: Ligonchio (RE)
  • richiedente: PEI Srl via della Rotonda, 2 00188 Roma CF/PI 01184710513 

Il progetto appartiene alla seguente categoria: L.R. 9/99 all. B.2 punto B.2.12, e sarà assoggettato a procedura di V.I.A. ai sensi della L.R. 9/99 art. 4 comma 1. 

L’intervento interessa il territorio della Provincia di Reggio Emilia nel Comune di Ligonchio. 

Congiuntamente alla domanda di VIA, è stata presentata per il medesimo impianto domanda di autorizzazione unica ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs n. 387/2003. 

Il presente avviso, ai sensi dell’art. 26 del Regolamento Regionale per la disciplina del procedimento di concessione di acqua pubblica n.41/2001, ha effetti anche ai fini della concessione di acqua pubblica, di cui al Regolamento Regionale n. 41/2001 stesso, del R.D. n. 1775/33, nonché della L.R. n. 7/2004 (pratica n. 620 - RE14A0049 del Servizio Tecnico dei Bacini degli Affluenti del Po della Regione Emilia-Romagna). 

Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo impianto con utilizzazione di componenti dell’impianto esistente PEI Ozola-Cinquecerri in esercizio; l’opera di presa del nuovo impianto è sul Torrente Rossendola, in corrispondenza di una briglia esistente (la seconda) a valle del ponte della SP18, e la restituzione della portata derivata è nel Torrente Ozola in prossimità della confluenza dei due Torrenti. Il progetto prevede di sfruttare le opere di connessione alla rete esistenti. 

Come specificato nella nota prot. n 797442 del 29/10/2015 del Servizio Tecnico dei Bacini degli Affluenti del Po della Regione Emilia-Romagna “L’utilizzazione del gruppo elettromeccanico della seconda turbina è asservito alternativamente ai due impianti PEI Ozola-Cinquecerri (già in esercizio) e PEI Rossendola-Caprile (citato in oggetto), mediante due valvole di intercettazione […].

Si ritiene pertanto che si tratti di due impianti, anche se per l'ottimizzazione dell'uso della risorsa si utilizzano componenti in comune”.

I principali dati di concessione ai sensi del RD 1775/33 e del RR 41/01, nonché della L.R. n. 7/2004, sono i seguenti:

  • derivazione da: Torrente Rossendola;
  • ubicazione: presa su briglia esistente in loc. Caprile del Comune di Ligonchio (RE) a valle del ponte di attraversamento della SP18 sul Torrente Rossendola (a fronte delle particelle catastali 76 del FG 13 e 246 del FG 17);
  • restituzione in loc. Caprile del Comune di Ligonchio (RE, sul T. Ozola in prossimità della confluenza con il T. Rossendola (a fronte della particella catastale 1 del FG 13);
  • portata massima richiesta: l/s 1.200;
  • portata media richiesta: l/s 200;
  • volume di prelievo: mc annui 6.295.000;
  • uso: idroelettrico (potenza nominale di kW 118,17);

L’occupazione del suoli del demanio idrico è pertinente l’impianto idroelettrico e le opere ad esso connesse. 

Il Servizio Tecnico di Bacino degli Affluenti del Po ha comunicato in data 29/10/2015 con nota n. prot. 797442 la compatibilità tecnica dell'impianto in progetto ai sensi delle disposizioni di cui alla DGR 1793/2008, in assenza di concorrenze con altre domande di concessione di derivazione di acqua pubblica. 

Lo stesso Servizio provvederà a svolgere l'istruttoria per la concessione idrica a norma del citato art. 26 del Regolamento regionale 41/2001, pertanto nella stessa nota viene indicato come responsabile del procedimento di concessione di derivazione d’acqua pubblica e di occupazione di suolo del demanio idrico il dott. Francesco Capuano, Responsabile del Servizio Tecnico dei Bacini degli Affluenti del Po. 

Ai sensi della L.R. 9/99 art. 17 commi 1 e 7, la VIA ricomprende e sostituisce tutte le autorizzazioni e gli atti di assenso in materia ambientale e paesaggistico-territoriale e pertanto, ai sensi dell’art. 15 della LR.9/99, le procedure di deposito, pubblicizzazione e partecipazione inerenti il presente procedimento di VIA sostituiscono ad ogni effetto le procedure di pubblicità e partecipazione previste dalle norme vigenti per gli atti di assenso e le autorizzazioni che saranno compresi e sostituiti nell’atto conclusivo del presente procedimento. 

Si dà atto che la procedura di VIA è contenuta nel procedimento per il rilascio dell’Autorizzazione Unica ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. 387/03 la cui conclusione positiva comporterà gli effetti di dichiarazione di pubblica utilità, nonché effetto di variante allo strumento urbanistico per il Comune di Ligonchio. 

Il responsabile del procedimento è il Dirigente del Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche Culturali della Provincia di Reggio Emilia arch. Anna Campeol. 

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati depositati presso:

  • la sede dell'autorità competente Provincia di Reggio Emilia - Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche Culturali - U.O. Valutazione d'Impatto Ambientale e Politiche Energetiche, sita a Reggio Emilia in P.za Gioberti n. 4;
  • la sede della Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, sita a Bologna in Viale della Fiera n. 8;
  • la sede del Comune di Ligonchio, sita a Ligonchio in Via Enzo Bagnoli, 16. 

Tali elaborati sono inoltre disponibili sul sito web dell'autorità competente: www.provincia.re.it

Gli elaborati prescritti per l'effettuazione della procedura in oggetto sono depositati per 60 (sessanta) giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna. Entro il medesimo termine di 60 giorni, ai sensi delle citate norme chiunque può presentare osservazioni all'autorità competente Provincia di Reggio Emilia - Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche Culturali - U.O. Valutazione d'Impatto ambientale e Politiche energetiche, indirizzo: Piazza Gioberti n. 4 - 42121 Reggio Emilia 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it