E-R | BUR

n.281 del 21.09.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedure in materia di valutazione di impatto ambientale L.R. 18 maggio 1999, n. 9 - Procedura di autorizzazione unica D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387 - Procedura di variazione agli strumenti urbanistici L.R. 18 maggio 1999, n. 9 - Procedura espropriativa L.R. 19 dicembre 2002, n. 37 - Procedura di concessione di derivazione di acque pubbliche R.R. 20 novembre 2001, n. 41 - Procedura di autorizzazione alla costruzione ed esercizio di linee elettriche L.R. 22 febbraio 1993 n°10. L.R. 9/99 Titolo III – Procedura di VIA relativa al progetto Impianto idroelettrico sul Torrente Ceno in comune di Varsi, loc. Golaso proposto dal Sig. Bragazza Antonio

L'Autorità competente Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale avvisa che, ai sensi del Titolo III della Legge Regionale 18 maggio 1999, n. 9, nonché ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387, del R.R. 20 novembre 2001, n. 41, del R.D. n. 1775 dell’11 dicembre 1933, del D.P.R. n. 327 dell’8 giugno 2001, della L.R. 37/2002, della L.R. 22 febbraio 1993, n. 10, sono stati depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, gli elaborati progettuali per l’effettuazione della procedura di VIA, relativa al progetto di seguito indicato.

  • Denominazione del progetto: Impianto idroelettrico sul torrente Ceno in comune di Varsi, loc. Golaso
  • Proponente: Bragazza Antonio
  • Localizzato in Comune di Varsi, in Provincia di Parma

Il progetto appartiene alla seguente categoria di cui agli Allegati A e B alla L.R. 9/1999: B.2.12 ed è assoggettato a procedura di VIA ai sensi dell'art. 4, comma 1, lettera b) della L.R. 9/99.

Il progetto prevede la realizzazione di un impianto idroelettrico ad acqua fluente sul torrente Ceno in Comune di Varsi (PR), caratterizzato da una Portata Massima Derivata di 9.0 m3/s Portata Media Annua Derivata 5.34 m3/s, Potenza Nominale di Concessione 329,8 KW, salto di concessione 6,30 m. Le opere di progetto risultano ubicate in sponda destra al torrente Ceno e sono costituite da: opera di derivazione localizzata a quota altimetrica di 269,80 m.s.l.m, manufatto sghiaiatore, canale di derivazione in terra a cielo aperto a sezione trapezoidale (lunghezza 225 m circa), successivo canale chiuso in c.a. (lunghezza 253 m circa), manufatto dissabbiatore dotato di sgrigliatore e sfioratore laterale, edificio di centrale composto dal locale macchine e locali ENEL, canale di restituzione in terra a cielo aperto (lunghezza 140 m circa), linea di connessione alla rete elettrica in parte interrata (circa 35 m) e in parte aerea (elicord - circa 590 m).

Atteso che il comma 7 dell’art. 17 della L.R. 9/1999 e s.m.i., nell’ottica della semplificazione e razionalizzazione dei procedimenti, ha coordinato la procedura di V.I.A. con l’Autorizzazione Unica prevista dalla normativa statale in materia di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (D. Lgs. 387/2003; D.M. Sv. Ec. 10/9/2010) e dalla L.R. 26/2004 in materia di energia, la procedura di V.I.A. viene svolta all'interno del procedimento unico energetico.

Il SIA e il relativo progetto definitivo, prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA, sono depositati per 60 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel BURERT.

Tali elaborati sono inoltre disponibili nel Portale web Ambiente della Regione Emilia-Romagna (https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas).

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati depositati presso le seguenti sedi:

  • Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale - Viale della Fiera n.8 - Bologna;
  • Provincia di Parma - Piazza della Pace n.1 - Parma;
  • Comune di Varsi - Via Roma n.13 Varsi (PR).

Entro lo stesso termine di 60 giorni chiunque, ai sensi dell’art. 15, comma 1 della L.R. 9/1999, può presentare osservazioni all’Autorità competente Regione Emilia-Romagna al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it.

Le osservazioni devono essere presentate anche alla struttura preposta alle autorizzazioni e concessioni dell’ARPAE al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: aoopr@cert.arpa.emr.it.

Ai sensi della L.R. 9/1999, e secondo quanto richiesto dal proponente, l’eventuale conclusione positiva della presente procedura di VIA comprende e sostituisce le seguenti autorizzazioni e atti di assenso:

  • Permesso di costruire (l.r. 15/2013)
  • Procedura di variazione agli strumenti urbanistici (l.r. 18 maggio 1999, n. 9)
  • Procedura espropriativa (l.r. 19 dicembre 2002, n.37)
  • Procedura di concessione di derivazione di acque pubbliche (r.r. 20 novembre 2001, n. 41)
  • Nullaosta idraulico (tu 523/1904; l.r. 7/2004)
  • Procedura di autorizzazione alla costruzione ed esercizio di linee elettriche (l.r. 22 febbraio 1993, n° 10)
  • Procedura di concessione di demanio idrico (l.r.07/04)
  • Autorizzazione paesaggistica (d.lgs 42/2004)
  • Autorizzazioneall’esecuzione di lavori sottoposti a vincolo idrogeologico (rdl n.3267/1923, l3 3/99; dgr n.1117/2000)
  • Autorizzazione al taglio della vegetazione (art. 34, lr 21/2011, dgr 549/2012 e dgr 1287/2012)
  • Concessione all’utilizzo/attraversamento di aree pubbliche di competenza della Regione Emilia-Romagna
  • Autorizzazione in deroga per l’effettuazione di attività rumorose (l.447/1995)

Avvisa inoltre che il progetto ricade tra le opere pubbliche o di interesse pubblico

Ai sensi dell’articolo 17, comma 3 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, la Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.) positiva per le opere in argomento, potrà costituire variante allo strumento urbanistico dei Comune di Varsi (PR)

Ai sensi dell’art. 11 della L.R. 19 dicembre 2002, n. 37 può costituire apposizione del vincolo preordinato all’esproprio sulle aree interessate dai progetti e dichiarazione di pubblica utilità dell’opera derivante dall'approvazione del progetto definitivo, ai sensi degli artt. 15 e 16 della L.R.19 dicembre 2002, n. 37.

Si avvisa, infine, che la domanda di concessione di derivazione di acqua pubblica ad uso idroelettrico presentata da Bragazza Antonio di cui al presente avviso, è dichiarata in concorrenza, ai sensi dell’art. 7 del R.D. 1775/1933, con la seguente istanza:

Tedaldi Costruzioni srl, impianto idroelettrico ad acqua fluente denominato “Madonna dell’Aiuto” sul T. Ceno, Comune di Varsi (PR) (avviso pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 192 del 29/6/2016).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it