E-R | BUR

n.200 del 03.10.2012 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso per la formazione di una quarta graduatoria a validità annuale a livello aziendale per il conferimento di incarichi libero-professionali di medico addetto alle visite di controllo sui lavoratori dipendenti pubblici e privati, in stato di malattia o maternità

In esecuzione di atto del Direttore del Servizio Gestione Giuridica del personale ed in attuazione delle disposizioni di cui alla DGR 178/01, come integrata dalla DGR 1783/03, quali norme speciali disciplinanti il conferimento di incarichi libero- professionali di medico addetto alle visite di controllo sui lavoratori dipendenti pubblici e privati, in stato di malattia o maternità, nonché, quale disposizione generale integrativa delle norme speciali di cui sopra, del Regolamento che disciplina le modalità di conferimento degli incarichi ex art. 7, comma 6, del DLgs 30/3/2001, n. 165 e s.i.m di cui alla delibera Direttore generale n 139 del 26/6/2009, viene emesso il seguente avviso per la formazione di una graduatoria a livello aziendale - valevole per l’anno 2012 - per il conferimento di eventuali incarichi libero-professionali di medico addetto alle visite di controllo domiciliari di lavoratori dipendenti, pubblici e privati, assenti per malattia o maternità.

All’avviso potranno partecipare i medici che, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, siano iscritti all’Albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi della provincia di Reggio Emilia.

Il territorio di competenza per l’effettuazione dei controlli è suddiviso in sei ambiti territoriali (distretti di Reggio Emilia, Montecchio Emilia, Scandiano, Castelnovo ne’ Monti, Correggio e Guastalla). I candidati possono esprimere preferenza per uno o più ambiti territoriali di assegnazione. Nel rispetto della graduatoria generale saranno predisposti elenchi articolati per ciascun ambito territoriale (distretto), secondo le preferenze espresse (nel caso di mancata preferenza la domanda sarà considerata valida per tutti gli ambiti territoriali).

Le domande, redatte in carta libera e firmate in calce (senza necessità di alcuna autentica ai sensi dell’art. 39 del DPR 445/00), corredate da fotocopia non autenticata di documento di identità, dovranno pervenire, pena l’esclusione, al Servizio Gestione giuridica del personale dell’Azienda USL di Reggio Emilia entro il quindicesimo giorno non festivo successivo alla pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, al seguente indirizzo: Ufficio Concorsi - Azienda USL - Via Amendola n. 2 - 42122 Reggio Emilia.

Il termine per la presentazione della domanda e della documentazione è perentorio; l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetti. Non saranno accolte le domande pervenute oltre tale termine anche se recanti timbro postale di spedizione antecedente. Nel caso di invio a mezzo Servizio postale questa Azienda declina ogni responsabilità per eventuali ritardi o smarrimento delle domande spedite.

Le domande potranno essere inviate, nel rispetto dei termini di cui sopra, anche utilizzando una casella di posta elettronica certificata, all’indirizzo PEC dell’Ufficio Concorsi dell’Azienda USL di Reggio Emilia concorsi@pec.ausl.re.it.

Si precisa che la validità di tale invio, così come stabilito dalla normativa vigente, è subordinata all’utilizzo da parte del candidato di casella di posta elettronica certificata a sua volta.

Non sarà, pertanto, ritenuto valido l’invio da casella di posta elettronica semplice/ordinaria anche se indirizzata alla PEC Aziendale. 

Il termine per la presentazione della domanda e della documentazione è perentorio; l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetti. 

Nella domanda di ammissione gli aspiranti dovranno dichiarare sotto la propria responsabilità: 

  1. cognome, nome, luogo e data di nascita, residenza;
  2. iscrizione all’Albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi della provincia di Reggio Emilia;
  3. data di conseguimento del diploma di laurea in Medicina e Chirurgia e relativo voto di laurea;
  4. eventuali specializzazioni possedute;
  5. eventuali periodi svolti in qualità di medico addetto ai controlli;
  6. di non trovarsi in condizione di incompatibilità per specifiche norme di legge o contratto di lavoro;
  7. di non aver riportato condanne penali, ovvero le eventuali condanne riportate;
  8. di garantire la propria disponibilità ad eseguire le visite di controllo in tutte le fasce di reperibilità previste dalle disposizioni in vigore;
  9. di essere in possesso della patente di guida e di essere disponibile all’uso del proprio automezzo per lo svolgimento dell’attività;
  10. preferenza per uno o più ambiti territoriali (distretti) dell’Azienda USL di Reggio Emilia;
  11. recapito e numero telefonico presso il quale dovrà essere fatta ogni necessaria comunicazione. 

La mancata sottoscrizione della domanda o la omessa indicazione dei requisiti richiesti determinano l’esclusione dalla graduatoria.

Alla domanda di partecipazione, i concorrenti devono allegare tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito ivi compreso un curriculum formativo e professionale datato e firmato.

Ai sensi dell’art. 15 comma 1 L. 183/11, ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi i certificati rilasciati dalla Pubblica Amministrazione e gli atti di notorietà non possono essere accettati e pertanto gli stessi devono essere sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli artt. 46 e 47 DPR 445/00.

Il candidato dovrà pertanto presentare in carta semplice e senza autentica della firma, unitamente a fotocopia semplice di un proprio documento di identità personale in corso di validità,

a) “dichiarazione sostitutiva di certificazione”: nei casi tassativamente indicati dall’art. 46 DPR 445/00 (ad esempio: stato di famiglia, iscrizione all’albo professionale, possesso del titolo di studio, di specializzazione, di abilitazione) oppure

b) “dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà”: per tutti gli stati, fatti e qualità personali non compresi nell’elenco di cui al citato art. 46 DPR 445/00 (ad esempio: borse di studio, attività di servizio, incarichi libero professionali, attività di docenza, frequenza di corsi di formazione, di aggiornamento, partecipazione a convegni e seminari, conformità all’originale di pubblicazioni, ecc.). La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà richiede una delle seguenti forme:

- deve essere sottoscritta personalmente dall’interessato dinnanzi al funzionario competente a ricevere la documentazione, oppure

- deve essere spedita per posta unitamente a fotocopia semplice di documento di identità personale del sottoscrittore. 

In ogni caso la dichiarazione resa dal candidato, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che il candidato intende produrre (in particolare per l’attività di medico fiscale: l’esatta denominazione dell’ente, la data di inizio e la data di conclusione di ogni rapporto). L’omissione anche di un solo elemento comporta la non valutazione del titolo autocertificato/autodichiarato. 

L’Amministrazione procederà alla formazione della graduatoria annuale a livello aziendale attribuendo a ciascun candidato il punteggio conseguito secondo i criteri previsti nella delibera di Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 178 del 20/2/2001 e di seguito elencati:

  1. voto di laurea: da 96 a 100 punti, punti 1; da 101 a 105, punti 2; da 106 a 110, punti 3; 110 e lode, punti 4
  2. specializzazione in Medicina Legale, in Medicina legale e delle assicurazioni, in Medicina Legale e Infortunistica (è valutata 1 sola specializzazione): punti 2
  3. specializzazione in Medicina del lavoro (in alternativa alla specializzazione di cui al punto b): punti 1
  4. per ogni altra specializzazione, oltre a quella considerata al punto b) o c): punti 0,5
  5. per ogni mese, o frazione superiore a 15 giorni, di attività di medico addetto ai controlli: punti 0,2
  6. per ogni mese, o frazione superiore a 15 giorni, di anzianità di laurea (fino ad un massimo di 12 mesi): punti 0,2. 

A parità di punteggio, sarà considerato quale criterio prevalente l’anzianità di laurea o in subordine la minore età anagrafica.

L’incarico sarà conferito secondo l’ordine della graduatoria, ai medici che non si trovino in una qualsiasi posizione di incompatibilità quale: 

1) avere un rapporto di lavoro subordinato o comunque di collaborazione coordinata e continuativa presso qualsiasi datore di lavoro pubblico o privato;

2) svolgere attività medico-generica o pediatrica (anche di sostituzione) nei comuni dei distretti prescelti;

3) svolgere attività di guardia medica (anche di sostituzione) nei comuni dei distretti prescelti;

4) svolgere attività come medico specialista ambulatoriale convenzionato (anche di sostituzione), nell’ambito dell’Azienda, o equiparato;

5) avere cointeressenze dirette o indirette o rapporti di interesse in case di cura private o in strutture sanitarie di cui all’art. 43 della Legge 833/78;

6) fruire di trattamento ordinario o per inabilità/invalidità permanente da parte del Fondo di Previdenza competente. 

L’insorgere di un motivo di incompatibilità determina la decadenza dall’incarico.

In caso di accertamento di dichiarazioni non rispondenti a verità, il dichiarante, fatta salva ogni conseguenza penale ai sensi dell’art. 76 del DPR 445/00, decade dai benefici eventualmente conseguiti in base al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere.

La mancata accettazione dell’incarico da parte di un medico utilmente collocato nella graduatoria non ne comporta la cancellazione dalla stessa, quindi potrà essere nuovamente interpellato una seconda volta per successivi conferimenti. Verrà considerato decaduto dal diritto in caso di ulteriore mancata accettazione.

Si precisa che la graduatoria oggetto del presente avviso potrà essere utilizzata, entro il termine massimo di dodici mesi dalla data di approvazione, anche per il conferimento di ulteriori incarichi libero-professionali alle medesime condizioni previste nel presente avviso di durata inferiore ad un anno nonché per il conferimento di incarichi aventi ad oggetto la mera attività di sostituzione di medici già addetti alle visite di controllo sui lavoratori dipendenti pubblici e privati, in stato di malattia o maternità. L’accettazione di tali incarichi in sostituzione non precluderà il conferimento di incarichi di maggior durata secondo il naturale scorrimento della graduatoria stessa.

In caso di conferimento dell’incarico il professionista si impegna a presentarsi quotidianamente, secondo le modalità indicate dall’Azienda, alla sede indicata per ricevere le indicazioni relative ai controlli da effettuarsi in giornata e, se richiesto, nei giorni prefestivi e festivi.

Qualora, dopo aver iniziato l’attività, non la prosegua regolarmente ed ininterrottamente per l’intera durata dell’incarico, senza alcun giustificato motivo, sarà dichiarato decaduto dall’ulteriore svolgimento dello stesso.

Il carico di lavoro è stabilito in linea di massima in ragione di 21 visite di controllo settimanali per ciascun medico, e comunque sulla base dei fabbisogni espressi dallo specifico bacino d’utenza.

I medici incaricati riceveranno i compensi previsti dalla delibera della Giunta della Regione Emilia-Romagna n. 1783 del 22/9/2003, stabiliti nella seguente misura:

  • Euro 17,50 omnicomprensivi per visita domiciliare di controllo lavoratore incrementati di un importo pari a 1/5 di un litro di benzina super a chilometro per il percorso effettuato;
  • Euro 11,00 per visite di controllo rese a livello ambulatoriale o in caso di mancata effettuazione della visita per assenza del lavoratore al domicilio, in quest’ultimo caso incrementati di un importo pari a 1/5 di un litro di benzina super a chilometro per il percorso effettuato. 

In merito alla copertura assicurativa contro gli infortuni, ai medici incaricati verrà chiesto di optare per uno dei seguenti trattamenti: 

  • il libero professionista, durante l’espletamento dell’attività oggetto del contratto, dovrà stipulare apposita polizza assicurativa contro gli infortuni. Si impegna a consegnare, entro 7 giorni dalla decorrenza del contratto, pena la risoluzione dello stesso ex tunc, copia della sopracitata polizza; 
  • il libero professionista, per l’attività oggetto del contratto, è coperto dalla polizza assicurativa contro gli infortuni stipulata dall’Azienda USL di Reggio Emilia, dietro pagamento di un premio a carico del professionista nella misura di Euro 0,06/visita, che sarà detratto alla fonte. 

Tutti i dati personali di cui l’Amministrazione sia venuta in possesso verranno trattati nel rispetto del DLgs n. 196 del 30/6/2003. 

L’Azienda si riserva ogni e più ampia facoltà in ordine alla proroga dei termini, la loro soppressione, la revoca o l’annullamento del presente avviso. 

Per informazioni, gli interessati potranno rivolgersi al Servizio Gestione giuridica del personale – Via Amendola n. 2 - Reggio Emilia - tel. n. 0522/335137, dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 16.30, oppure collegarsi all’indirizzo telematico dell’Azienda: www.ausl.re.it - link Bandi gare concorsi.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it