E-R | BUR

n.104 del 06.05.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decreto di esproprio e determinazione urgente dell’indennità di espropriazione ai sensi e per gli effetti dell’art. 22 del DPR 327/01 e s.m.i. relativamente all’intervento di consolidamento del versante in corrispondenza del viadotto La Costa – Rio Madoni in Comune di Berceto (PR). - Ditta: Laurenti Maria - Prot. n. U/1165/15 EP/DR/LV del 15/4/2015

Il Condirettore generale premesso:

- che con provvedimento del 23/06/2010, prot. CDG-0090625-P, emesso da ANAS Spa, la scrivente Società è stata delegata, a svolgere tutte le attività prodromiche e strumentali del procedimento espropriativo previste agli artt. 15 e 16 del DPR 327/2001 e s.m.i.;

- che con lettera prot. n. U/3015/10/CD/PE/LV del 29/06/2010, la Scrivente ha comunicato alla proprietà l’avviso di avvio al procedimento ai sensi del DPR 327/2001 e della L.R. 37 del 19-12-2002 e s.m.i.;

- che il medesimo avviso di avvio al procedimento ai sensi del DPR 327/2001 e della L.R. 37 del 19-12-2002 e s.m.i. è stato pubblicato nel BUR Regione Emilia-Romagna in data 21/07/2010, sul quotidiano “Gazzetta di Parma” in data 22/07/2010 e sull’Albo Pretorio del comune di Berceto (PR) dal 21/07/2010 al 10/08/2010;

- che con provvedimento del 22/12/2010, prot. n. CDG-0178821-P, emesso da ANAS Spa:

- è stato approvato il progetto definitivo ed è stata dichiarata la pubblica utilità dell’opera di cui all’oggetto;

- che la scrivente Società è stata delegata ad emanare tutti gli atti del procedimento espropriativo cosi come disciplinati dal DPR 327/2001 e s.m.i., compreso ogni provvedimento conclusivo del procedimento, nonché il decreto di cui all’Art. 22 bis del DPR medesimo;

- che la scrivente Società Concessionaria, quale beneficiaria e promotrice dell’espropriazione, è equiparata alla “autorità espropriante”, ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera b) e dell’art. 6, commi 1 e 8 del DPR 327/2001 e s.m.i.;

- che la scrivente Concessionaria potrà iniziare, condurre e terminare, ai sensi del DPR 327/2001, tutte le procedure sia per l’occupazione d’urgenza che per le espropriazioni, ivi comprese quelle sostitutive di acquisto dei terreni e degli immobili in genere e la relativa stipula dei conseguenti atti notori, compresa la stipula dei verbali di amichevole accordo e comunque gli accordi finalizzati a stabilire e quantificare i corrispettivi dei beni immobili e dei ristori dovuti nell’ambito della procedura espropriativa;

- che con lettera prot. U/498/15/EP/DR/LV del 17/02/2015, la Scrivente ha comunicato alla proprietà l’approvazione del Progetto Definitivo e della Pubblica Utilità dell’opera in argomento ai sensi dell’art. 17 del DPR 327/2001 e s.m.i. e dell’art. 18 della L.R. 37 del 19-12-2002 e s.m.i.;

vista l'urgenza di pervenire all'esproprio degli immobili, in quanto è necessario procedere al consolidamento del versante per stabilizzare il movimento franoso;

constatata che, al fine della determinazione dell'indennità provvisoria, le aree espropriande sono classificabili come non edificabili e che conseguentemente, ai fini della determinazione dell’indennità, sono applicabili i criteri di cui all’art. 40 del D.P.R. 327/2001 e s.m.i.;

visto il DPR 8/6/2001 n. 327 e s.m.i.;

decreta, a favore di Autocamionale della Cisa S.p.A. con sede in via Camboara n. 26/A, Fraz. Ponte Taro - 43015 Noceto (PR), C.F. e P.IVA 00155940349, l'espropriazione degli immobili qui di seguito descritti, necessari per il consolidamento del versante in corrispondenza del viadotto La Costa - Rio Madoni in Comune di Berceto (PR), di proprietà della ditta di seguito elencata:

- terreni distinti nel catasto terreni del Comune di Berceto (PR) al foglio n. 90 mappale n. 295 di mq. 9.010 e foglio n. 90 mappale n. 305 di mq. 600 intestati a Laurenti Maria proprietaria per 1000/1000.

Per l’espropriazione dei medesimi immobili, è stata determinata l’indennità provvisoria, senza particolari indagini e formalità, in applicazione dell’art. 22 del DPR 327/01 e s.m.i. ricorrendone i presupposti per i motivi come sopra considerati, nella misura complessiva pari ad euro 3.363,50 (euro tremilatrecentosessantatre/50 centesimi) ai sensi dell’art. 40 del DPR 327/2001 e s.m.i.

Si invita la S.V. a voler far sapere allo scrivente, entro trenta (30) giorni dal ricevimento della presente, se condi­vide la determinazione urgente dell'indennità nella misura sopra indicata.

In caso affermativo, vorrà far pervenire, alla Scrivente, la documentazione comprovante la piena e libera proprietà dei beni per il pagamento della somma su indicata entro sessanta (60) giorni.

In caso contrario codesta Ditta potrà designare un tecnico di propria fiducia ai fini della procedura ex art. 21 DPR 327/01 e s.m.i. per la determinazione definitiva dell'indennità.

In caso di silenzio, l'indennità definitiva sarà determinata dalla competente Commissione Provinciale prevista dall'art. 41 DPR 327/01 e s.m.i..

Il presente decreto dispone il passaggio della summenzionata proprietà a favore di Autocamionale della Cisa S.p.A. alla condizione sospensiva che lo stesso sia eseguito entro il temine perentorio di anni due previsto dall’art. 24 comma 1 del DPR 327/2001 e s.m.i. 

Della data di tale immissione in possesso la Scrivente ne farà menzione in calce al presente atto per il successivo inoltro alla competente Pubblicità Immobiliare presso l’Agenzia delle Entrate-Ufficio Territorio.

Il presente decreto sarà notificato al relativo proprietario nelle forme degli atti processuali civili unitamente all’avviso contenete l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora in cui è prevista la redazione del verbale di immissione nel possesso, da effettuarsi con le modalità di cui all’art. 24 del DPR 327/2001 e s.m.i.; l’avviso di esecuzione del presente decreto, ai fini dell’immissione in possesso deve pervenire ai proprietari espropriati almeno sette giorni prima della stessa.

Il presente decreto inoltre deve essere pubblicato nel B.U.R. dell’Emilia-Romagna, registrato presso la competente Agenzia delle Entrate e trascritto presso la Pubblicità Immobiliare competente per il territorio, nonché volturato ai termini di legge a cura e spese della Scrivente.

Adempiute le suddette formalità, tutti i diritti relativi a gli immobili espropriati potranno essere fatti valere esclusivamente sull'indennità.

Ai sensi della legge 6/12/1971 n. 1034 e dell’art. 53 del DPR 327/01 e s.m.i., avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al T.A.R. dell’Emilia-Romagna, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente entro il termine di 60 e 120 giorni dalla data di notifica.

Ai sensi dell’art. 24 del DPR 327/01 e s.m.i, l’immissione in possesso dei beni oggetto di esproprio elencati nel presente decreto, è effettuata in data 11/05/2015 ore 11.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it