E-R | BUR

n.296 del 18.11.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Consulta regionale per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile - Modifica per mero errore materiale della D.G.R. n. 1024/2015

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

 delibera:

di modificare, per mero errore materiale e per le ragioni espresse in premessa e qui richiamate, la deliberazione n. 1024/2015 stabilendo la composizione della Consulta regionale per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile nel seguente modo:

1) Componenti istituzionali e non istituzionali:

  • Presidente o suo delegato; 
  • Assessore Cultura, Politiche Giovanili e Politiche per la Legalità o suo delegato; 
  • Presidente dell’Assemblea legislativa o suo delegato;
  • Tutti i capigruppo dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna o loro delegati;
  • Presidente ANCI Emilia-Romagna o suo delegato; Sindaco metropolitano della Città metropolitana di Bologna o suo delegato;
  • Presidenti delle Province dell'Emilia-Romagna o loro delegati;
  • Vincenza Rando, Avvocato e responsabile dell’Ufficio Legale di Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, in qualità di esperta di qualificata e comprovata esperienza negli ambiti oggetto dell’attività della Consulta;
  • Vincenzo Ciconte, Docente di storia della criminalità organizzata all'Università di Roma Tre e di storia delle mafie italiane all’Università di Pavia, già consulente presso la Commissione parlamentare antimafia, in qualità di esperto di qualificata e comprovata esperienza negli ambiti oggetto dell’attività della Consulta.

Invitati Permanenti:

  • Rappresentante dell'Unione regionale delle Camere di commercio dell'Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante di Confindustria Emilia-Romagna;
  • Rappresentante dell’ Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante dell’Unione Regionale Confcommercio dell’Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante della Confesercenti Regionale Emilia-Romagna; 
  • Rappresentanti della Confartigianto dell'Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante della Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della piccola e media impresa dell'Emilia-Romagna (CNA); 
  • Rappresentante di Sos Impresa Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante della direzione regionale Confederazione italiana agricoltori (Cia); 
  • Rappresentante della Federazione Regionale Coldiretti Emilia-Romagna;
  • Rappresentante della Confagricoltura dell'Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante di Confcooperative Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante di Legacoop Emilia-Romagna;
  • Rappresentante dell’Associazione Generale delle Cooperative Italiane (AGCI) Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante delle Confederazioni regionali Cgil - Cisl - Uil;
  • Rappresentante della FILT CGIL Emilia-Romagna - Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL; 
  • Rappresentante di FIT-CISL Emilia-Romagna - Federazione Italiana Trasporti; 
  • Rappresentante di UIL Trasporti Emilia-Romagna;
  • Rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante della Commissione regionale ABI dell'Emilia-Romagna; 
  • Rappresentante di Avviso Pubblico, Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie;
  • Rappresentante del Forum Italiano per la Sicurezza Urbana;
  • Rappresentante del Forum terzo Settore Emilia-Romagna;

2) di lasciare inalterate le altre disposizioni di cui alla deliberazione n.1021/2015;

3) di disporre la pubblicazione per estratto del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico (BURERT).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it