E-R | BUR

n.154 del 01.07.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Progetto Source a valere sul Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi - Azione 2/2013 - orientamento al lavoro e sostegno all'occupabilità adottato con decreto prot. n. 1517 del 04/03/2014, modifiche ed integrazioni alle deliberazioni n. 1727/2014 e n. 1991/2014. Assegnazione a ERVET SpA di Bologna. Assunzione impegno di spesa

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • l’Avviso pubblico per la presentazione di progetti a carattere territoriale finanziati a valere sul Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi - Azione 2/2013 - Orientamento al lavoro e sostegno all'occupabilità adottato con Decreto prot. n. 1517 del 04/03/2014 dell'Autorità Responsabile del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi - Direttore Centrale per le Politiche dell'Immigrazione e dell'Asilo, del Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione del Ministero dell'Interno, che attribuisce alla Regione Emilia-Romagna un finanziamento massimo di euro 1.100.000,00;
  • la propria deliberazione n. 631 del 12/05/2014 “Progetto Source Stranieri Occupabilità Risorse Competenze Emilia-Romagna a valere sul Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi terzi - Azione 2/2013 “Orientamento al lavoro e sostegno all'occupabilità" Candidatura Regione Emilia-Romagna e adempimenti conseguenti ” con la quale si provvede ad approvare la proposta progettuale “Source-Stranieri Occupabilità Risorse Competenze Emilia-Romagna” e si individua in Ervet S.p.A., la società partner del progetto;
  • la Convenzione di sovvenzione tra Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’Immigrazione e la Regione Emilia-Romagna – Servizio Lavoro, n. 2013/FEI/Prog-106636 sottoscritta in data 21/10/2014;
  • la deliberazione n. 1727 del 03/11/2014 avente ad oggetto “Approvazione dell'invito a presentare operazioni in attuazione del Progetto SOURCE - Stranieri Occupabilità Risorse Competenza Emilia-Romangna” a valere sul Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi – azione 2/2013 “Orientamento al lavoro e sostegno all'occupabilità” Deliberazione di Giunta n. 631/2014”;
  • anticipo pari al 30% dell’importo del finanziamento pubblico approvato ad avvio dell’attività, previo rilascio di garanzia fidejussoria a copertura del 30% del finanziamento concesso rilasciata secondo lo schema di cui al D.M. 22 aprile 1997 e di presentazione di regolare nota o fattura;
  • successivi rimborsi pari almeno al 15% del finanziamento pubblico fino alla concorrenza del 95% del totale, su presentazione della regolare nota o fattura di spesa, a fronte di domanda di pagamento relativa alle spese pagate;
  • il saldo ad approvazione del rendiconto e su presentazione della regolare nota o fattura di spesa;
  • in alternativa ai punti a) e b), senza il rilascio di garanzia fideiussoria, mediante richiesta di rimborsi pari almeno al 15% del finanziamento pubblico approvato fino a un massimo del 95% del totale, su presentazione della regolare nota o fattura di spesa, a fronte di domanda di pagamento relativa alle spese pagate;

Dato atto che nella Convenzione di Sovvenzione tra Ministero dell’Interno - Dipartimento per le libertà civili e l’Immigrazione e la Regione Emilia-Romagna - Servizio Lavoro, n. 2013/FEI/Prog-106636 firmata in data 21/10/2014, all'art. 10 “Definizione dei costi ammissibili” punto 10.1 lett. g) si stabilisce che, per essere ammissibili, le spese devono essere effettivamente sostenute a partire dalla data di avvio delle attività indicata nell'apposita comunicazione e fino alla data di conclusione del progetto, comunque entro e non oltre il 30 giugno 2015;

Valutata pertanto, sulla base di quanto sopra esposto al fine di adeguare le modalità di pagamento previste nella citata deliberazione n. 1991/2014 al dettato della convenzione, la necessità di modificare le citate modalità di pagamento prevedendo la richiesta di rimborsi e la relativa erogazione del finanziamento pubblico approvato fino a concorrenza del 100% anziché fino a un massimo del 95% del totale;

Richiamati inoltre i seguenti punti del dispositivo della sopra citata deliberazione n. 1991/2014:

  • punto 3, in cui si approva l’operazione Rif. PA 2014-3343/RER, presentata da “Enaip Fondazione S. Zavatta di Rimini” in qualità di capogruppo mandatario del Raggruppamento Temporaneo d'Impresa costituitosi in data 26/01/2015 tra la stessa e Oficina Impresa Sociale S.r.l, Fondazione Enaip Don Magnani di Reggio Emilia, Enaip Parma, Enaip Forlì-Cesena, Enaip della Provincia di Piacenza e IAL Emilia-Romagna, (in seguito denominato RTI) per un costo complessivo di Euro 1.003.000,00 e per un finanziamento pubblico di pari importo a valere sulle risorse di cui al FEI - Fondo Europeo per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi 2007-2013, così come specificato nell'allegato 1 alla delibera stessa;
  • punto 4, in cui si stabilisce, tra l'altro, che con atto del Dirigente regionale competente si procederà all’assunzione dell’impegno e al finanziamento dell'operazione di cui al punto che precede nei limiti dell’importo approvato;

Vista la determinazione del Responsabile del Servizio Programmazione, Valutazione e interventi regionali nell'ambito delle politiche della Formazione e del lavoro n. 4396 del 13/4/2015 con la quale si è proceduto all’assunzione dell’impegno e al finanziamento della suddetta operazione Rif. PA 2014/3343RER nei limiti dell’importo approvato pari ad Euro 1.003.000,00;

Viste le “Linee guida per la gestione dei progetti regionali finanziati nell'ambito dell'Azione 2 del Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 AP2013” del Ministero dell'Interno Autorità Responsabile del “Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi Terzi” 2007-2013 prot. n. 0006929 del 05/12/2014 al cui punto 4.1) “Riconoscimento dei Percorsi conclusi o idonei. Soglie minime del singolo percorso” in cui:

  • viene definito il concetto di percorso “CONCLUSO” nel caso in cui venga raggiunto l'erogazione minima di 36 ore di prestazione in presenza, di cui 16 ore da destinare a servizi obbligatori (Tutoraggio, Bilancio di competenze e Definizione del piano di intervento finalizzato) e 20 ore da destinare ai servizi facoltativi (coaching, toutoring e counselling orientativo, orientamento allo sviluppo di competenze e orientamento al lavoro);
  • viene introdotto il concetto di percorso “IDONEO (non concluso)” per erogazioni di almeno 30 ore di prestazione in presenza, di cui 16 ore da destinare a servizi obbligatori (Tutoraggio, Bilancio di competenze e Definizione del piano di intervento finalizzato) con un massimo di 10 ore erogate con modalità di gruppo;
  • l'Autorità Responsabile stabilisce, per il percorso idoneo (non concluso), l'importo massimo dei costi riconoscibili in sede di rendiconto pari al 70% dell'importo massimo riconoscibile (e quindi pari a 700 Euro) al raggiungimento della soglia minima di 30 ore;

Ritenuto quindi opportuno riconoscere al RTI soggetto attuatore del progetto:

  • per ogni percorso “concluso” l'importo di Euro 911,82, corrispondente al rapporto tra l'importo di Euro 1.003.000,00 ed i 1.100 percorsi individualizzati, di cui al punto 2) della Dgr. 1727/2014;
  • per ogni percorso “idoneo (non concluso)”:
  • € 611,82, corrispondente all'importo massimo riconoscibile nell'ambito del budget complessivo di progetto, tenuto conto dei “costi derivanti direttamente dalle disposizioni relative al cofinanziamento comunitario” e dei vincoli fissati dalle citate linee guida;
  • nessun importo nel caso di percorsi che non rispettino i parametri minimi del percorso idoneo, come sopra definito;

Vista altresì la comunicazione dell'Autorità Responsabile del 24/03/2015 nr. prot. 1810 "Modifica all'avviso azione 2/2013 Orientamento al lavoro e sostegno dell'occupabilità", con la quale si amplia il target dei destinatari dei percorsi individualizzati alle seguenti due categorie:

  • inoccupati;
  • minori stranieri non accompagnati;

Richiamate:

  • la domanda di ammissione al finanziamento in cui è indicato come partner unico della Regione Emilia-Romagna ERVET SPA Via G.B. Morgagni n. 6 Bologna P.I VA 00569890379;
  • l'“Autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e s.m.i. - Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi - Annualità 2013 - Azione 2 Reg - Avviso Pubblico prot. n. 1543 del 05/03/2014”, sottoscritta dal Presidente di ERVET SPA Elisa Valeriani pervenuta in data 09/05/2014 e registrata con Protocollo Regione Emilia-Romagna PG.2014.0199433;

Dato atto del versamento da parte dell'I.G.R.U.E. (presso il M.E.F.) dell'importo di Euro 660.000,00, avvenuto in data 11 marzo 2015, corrispondente all'anticipo del 60% rispetto all'importo complessivo del progetto Source, pari ad Euro 1.100.000,00, secondo quanto stabilito all'art. 11, punto 11.1 lettera a) della citata Convenzione;

Tenuto conto che nel budget del progetto SOURCE si prevede – tra l'altro – che al partner Ervet S.p.A. sia assegnata una quota di budget di Euro 77.000,00;

Visto l’art. 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;

Dato atto che il Codice Unico di Progetto (CUP) assegnato in data 03/11/2014 dalla competente struttura ministeriale per il progetto di investimento pubblico connesso ai servizi oggetto del presente atto è il n. E46D14000700007;

Ritenuto quindi opportuno col presente atto:

  • assegnare ad Ervet S.p.A., per l'attuazione del progetto Source, la citata quota di budget di progetto, pari ad Euro 77.000,00, e di assumere il relativo impegno di spesa a favore di Ervet S.p.A., per la somma complessiva di Euro 77.000,00, sul capitolo di spesa n. 75780 del bilancio regionale 2015;
  • stabilire che alla liquidazione ad Ervet S.p.A. del finanziamento FEI – anticipo e saldo – provvederà il Direttore Generale alla Cultura, Formazione e Lavoro secondo le seguenti modalità:
  • un anticipo pari al 60% dell'intero importo in ragione del ricevimento dell'acconto da parte del Ministero avvenuto in data 11/03/2015, ad approvazione della presente deliberazione;
  • il saldo, alla presentazione del rendiconto delle spese sostenute da Ervet S.p.A., da disporsi nei termini previsti dal progetto, ad approvazione del rendiconto da parte del Ministero, al ricevimento del saldo erogato dal Ministero ed in misura direttamente proporzionale a quanto il Ministero avrà quantificato come finanziamento riconoscibile, fino a concorrenza del restante 40%;

Visti:

  • il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” ed in particolare l’art. 26, comma 2;
  • le proprie deliberazioni n. 1621 dell’ 11/11/2013, “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33” e n. 57 del 26 gennaio 2014 “Programma per la trasparenza e l'integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

Dato atto che secondo quanto previsto dal sopra citato D.Lgs. n. 33/2013 e successive modifiche, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella sopra citata deliberazione n.1621/2013 e di quanto recato nella sopra indicata deliberazione n. 57/2015, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

Richiamati:

  • il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e successive modifiche ed integrazioni;
  • la L.R. n. 40 del 15 novembre 2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 Luglio 1977 n. 31 e 27 marzo 1972 n. 4” per quanto applicabile;
  • L.R. 30 aprile 2015, n. 3 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (Legge finanziaria 2015);
  • L.R. 30 aprile 2015, n. 4 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017;

Ritenuto che ricorrano le condizioni previste dal D.Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii. in relazione anche all’esigibilità della spesa nell’anno 2015 (scadenza dell’obbligazione) per provvedere all'impegno dell'importo complessivo di Euro 77.000,00, sul capitolo di spesa n. 75780 del bilancio regionale 2015;

Dato atto che, trattandosi di contributi a rendicontazione, a fronte dell’impegno di spesa assunto col presente atto si matura un credito nei confronti del Ministero dell'Economia e delle Finanze pari ad Euro 77.000,00;

Preso atto che la procedura del conseguente pagamento disposto in attuazione del presente atto è compatibile con le prescrizioni previste dall’art. 56, comma 6, del citato D.Lgs. n. 118/2011;

Richiamata infine la L.R. 26 Novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni;

Viste le proprie deliberazioni:

  • n. 1057/2006 "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";
  • n. 1663/2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";
  • n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;
  • n. 1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali” così come rettificata dalla deliberazione n. 1950/2010;
  • n. 2060/2010 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;
  • n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;
  • n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;
  • n. 335/2015 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti e prorogati nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto”;

Dato atto del pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni indicate in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di prendere atto che in data 21/10/2014 è stata siglata la Convenzione di sovvenzione tra Ministero dell’Interno - Dipartimento per le libertà civili e l’Immigrazione e la Regione Emilia-Romagna - Servizio Lavoro, n. 2013/FEI/Prog-106636, per l'attuazione del Progetto Source, e che la Convenzione contiene come allegato parte integrante l'Autodichiarazione, sottoscritta dal Presidente e legale rappresentante di Ervet S.p.A. che formalizza l'adesione di Ervet S.p.A. in qualità di Partner al progetto Source;

2. di dare atto che il budget del progetto Source approvato dal Ministero dell'Interno prevede, tra l'altro, per il partner unico Ervet S.p.A. una quota massima pari ad Euro 77.000,00;

3. di assegnare ad Ervet S.p.A., per l'attuazione del progetto Source, la quota del budget di progetto ad esso spettante, pari ad Euro 77.000,00;

4. di impegnare in favore di Ervet S.p.A. di Bologna l'importo di Euro 77.000,00, di cui al punto 3. che precede, registrandolo al n. 1390 di impegno sul capitolo n. 75780 “Trasferimento al partner Ervet S.p.A. delle quote di competenza per l'attuazione del progetto “Source” - Stranieri Occupabilità Risorse Competenze Emilia-Romagna, nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 (FEI) -Azione 2/2013 “orientamento al lavoro e sostegno all'occupabilità” (L. 16 aprile 1987, n.183; Decisione del Consiglio n. 2007/435/CE del 25 giugno 2007) – Mezzi Statali“ del bilancio regionale per l'esercizio 2015, che presenta la necessaria disponibilità;

5. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, e la seguente:

  • Missione 15 - Programma 03 - Codice economico U.1.04.03.02.0011 - COFOG 04. Transazioni U.E. 8 - SIOPE 1624 - CUP E46D14000700007 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3 

6. di accertare, a fronte dell’impegno di spesa di cui al punto 4. che precede, la somma di Euro 77.000,00 registrata al n. 502 di accertamento sul Capitolo E 3103 “Assegnazione dello Stato per l'attuazione di Progetti nell'ambito del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi per il periodo 2007 – 2013 (FEI) nell'ambito del Programma generale“Solidarietà e gestione dei flussi migratori” (L. 16 aprile 1987, N.183; Decisione del Consiglio N. 2007/435/CE del 25 giugno 2007) “U.P.B. 2.3.1800, quale credito nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze;

7. di dare atto altresì che ad esecutività della presente deliberazione il Direttore Generale alla Cultura, Formazione e Lavoro provvederà con propri atti formali alla liquidazione e alla richiesta di emissione dei titoli di pagamento, con le modalità di seguito indicate:

  • un anticipo pari al 60% dell'intero importo in ragione del ricevimento dell'acconto da parte del Ministero avvenuto in data 11/03/2015 ad approvazione della presente deliberazione;
  • il saldo, alla presentazione del rendiconto delle spese sostenute da Ervet S.p.A. da disporsi nei termini previsti dal progetto, ad approvazione del rendiconto da parte del Ministero, al ricevimento del saldo erogato dal Ministero ed in misura direttamente proporzionale a quanto il Ministero avrà quantificato come finanziamento riconoscibile, fino a concorrenza del restante 40%;

8. di stabilire la modifica delle modalità di pagamento dell'operazione contraddistinta dal Rif. PA 2014-3343/RER di cui alla propria deliberazione n. 1991/2014, prevedendo la richiesta di rimborsi e la relativa erogazione del finanziamento pubblico approvato fino a concorrenza del 100%;

9. di riconoscere quali destinatari di percorsi “conclusi” e “idonei (non conclusi)” anche soggetti “inoccupati” e “minori stranieri non accompagnati”, come previsto dalla comunicazione dell'Autorità Responsabile del 24/03/2015 nr. prot. 1810 "Modifica all'avviso azione 2/2013 Orientamento al lavoro e sostegno dell'occupabilità";

10. di riconoscere inoltre al RTI soggetto attuatore del progetto:

  • per ogni percorso “concluso” l'importo di Euro 911,81, corrispondente al rapporto tra l'importo di Euro 1.003.000,00 ed i 1.100 percorsi individualizzati, di cui al punto 2) della Dgr. 1727/2014;
  • per ogni percorso “idoneo (non concluso)”:
  • € 611,82 corrispondente all'importo massimo riconoscibile nell'ambito del budget complessivo di progetto, tenuto conto dei “costi derivanti direttamente dalle disposizioni relative al cofinanziamento comunitario” e dei vincoli fissati dalle citate linee guida;
  • nessun importo, nel caso di percorsi che non rispettino i parametri minimi del percorso idoneo, come sopra definito;

11. di dare atto infine che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33 del 14/03/2013 e succ. mod., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella propria deliberazione n. 1621/2013 e di quanto recato nella propria deliberazione n. 57/2015, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

12. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it